Il blog

Nervosismo in Attesa del CRAC - Gzibordi  

  By: GZ on Venerdì 05 Ottobre 2001 23:45

Funes, durante il crollo il sito aveva dei problemi tecnici. Giusto per dovere di cronaca e precisione! :-) -------------------- quindi lei viene qua a dire che io simulo di avere problemi tecnici per mascherare il fatto che non so cosa dire ecc... non so se legga o meno quanto scrivo.. ma ho avuto problemi tecnici ad es ieri l'altra mattina che tutto andava bene e potevo segnalare qualche titolo del Neuer Markt ma mi sembra più che altro che non abbia molto da fare e suggerisco allora di applicare il proprio ingegno a comprare e vendere future in attesa del crac finale, perchè detto Crac potrebbe essere in ritardo di qualche giorno e sembra che questa attesa renda un poco insofferenti e anche sospettosi dei motivi altrui e se per ingannare l'attesa oggi mi seguiva, comprava il FIB al mattino, rimaneva corto con put al pomeriggio e per finire comprava l'S&P alla sera un tre su tre, che non è così facile visto che il mercato ha fatto tre movimenti oggi così in attesa della fine e del crac di tutto il sistema finanziario e economico, in cui le borse verranno certamente spazzate via e con loro abby cohen, l'america e il sottoscritto intanto metteva da parte qualche soldo Modificato da - gzibordi on 10/5/2001 21:48:55

E dai con questo tasso di risparmio - Gzibordi  

  By: GZ on Venerdì 05 Ottobre 2001 12:04

continua erosione del tasso di risparmio e del livello debitorio degli ultimi anni.... ---------------------------------- c'è qualche dato, qualche numero che supporta l'affermazione o è solo uno slogan ? la cosa curiosa è che se ci sono due paesi in cui il livello di risparmio è letteralmente crollato negli ultimi anni questi sono l'Italia in cui viviamo e il famoso Giappone Se c'è un paese in cui le famiglie hanno migliorato sostanzialmente la propria posizione finanziaria sono gli Stati Uniti Ho portato i dati tante volte, ma faccio l'esempio delle donne di servizio che venivano da me sia a Los Angeles, una messicana ancora mezza illegale che a New York, una giamaicana da poco legale, possedevano entrambe SIA LA CASA CHE L'AUTO Le filippine (labioriosissime, anzi direi che lavorano e fanno molte più ore in confronto) qui a Modena vanno in bici e affitano un appartamento dividendolo tra due sorelle entrambe sposate Ora: è ovvio che sia a Los Angeles la messicana che a New York la giamaicana avevano comprato sia la casa che la macchina con dei mutui e nel caso della casa ventennali (" 10% down" cioè dove il pagamento iniziale è il 10%) e quindi nelle statistiche è gente indebitata. Ma hanno una casa che si apprezza di valore e che possono rivendere. Idem per l'auto. E non gliela ha comprata la famiglia o con l'aiuto della famiglia come spesso da noi anche per gente che è impiegata di banca, l'hanno comprata pulendo i pavimenti. Le statistiche sul tasso di risparmio negativo in america che i giornali mettono nei titoli sono NON SIGNIFICANO NIENTE. Non tengono conto dei capital gain accumulati, della proprietà immobiliare, del denaro parcheggiato in money markets funds. NELLE STATISTICHE LA FILIPPINA A MODENA ALZA IL TASSO DI RISPARMIO E LA MESSICANA A LOS ANGELES LO ABBASSA COMPRANDO LA CASA. MA HA LA CASA ! Modificato da - gzibordi on 10/5/2001 10:10:29

Ma se sei al terminale è difficile - Gzibordi  

  By: GZ on Martedì 02 Ottobre 2001 01:26

riccardo sai una cosa ? sull'S&P 500 non ha portato via il minimo di venerdì per cui il segnale non è ancora scattato no ? (come anche tu scrivi) quindi ok è neutra la cosa ma sul MIB30 oggi se applico non il VIX che purtroppo non esiste per Milano (a causa dei CW mannaggia), ma il TRIN, A/D, Up/Dn Volume, insomma qualunque oscillatore che iddio comanda oggi avevamo il classico Sell perchè poi abbiamo portato via il minimo di venerdì bene in chiusura però eravamo a 28.641 e il minimo di venerdì era 28.506 (cash) per cui ho detto: "mah... il modello meccanico si va bene, da un sell, ok, ma sto chiudendo appena sopra... e il "tono" mi sembra buono...hmmm.. sai che invece rovescio al rialzo " quindi niente segnale meccanico, anzi ho fatto il contrario. E' dura seguire il segnale meccanico se sei lì che guardi, anzi quasi impossibile se devo dire la verità, bisogna non guardare il mercato tutto il giorno altrimenti è quasi impossibile non scavalcarlo, la carne è debole e forse anche fortunata stasera

Un Buon sondaggio - Gzibordi  

  By: GZ on Lunedì 01 Ottobre 2001 19:45

sul corriere economia inserto di oggi il sondaggio Bocconi-Bridge dei gestori europei tra l'altro sembra fatto molto bene (sono sempre alla ricerca di sondaggi completi di gestori e analisti e putrtoppo in Europa ce ne sono pochi e non indicano mai i valori precedenti) è pessimista, specie sull'america, su tutti i mercati i tori sono sotto il 47% e sul Nasdaq il 40% quindi incoraggiante visto che questi signori le cose che menziona Luke le sanno per primi e quindi le hanno già scontate

più che la consulenza è il trading - Gzibordi  

  By: GZ on Giovedì 27 Settembre 2001 15:16

Questa non è un attività commerciale o professionale dove fai un lavoro con una competenza più o meno accertata e ti aspetti che se lo fai onestamente hai diritto a essere rispettato. Le raccomandazioni di borsa date ad altri quando sono sbagliate sono come degli interventi medici sbagliati e fanno danni senza rimedio, quindi è giusto dare spazio alla critica. Poi c'è chi esagera o proprio non capisce, ma il contesto è quello di un gioco pericoloso per tutti e direi che il minimo che si possa fare è prendersi tutte le critiche (e non puoi metterti a scegliere quelle buone e quelle cattive). --------------------- ------------- Ma visto che accenni alla "tolleranza" e visto che invece so bene anche io che è controproducente mettere in vista delle mail ostili (che altri invece ricevono e cestinano) ti aggiungo un piccolo quadretto del contesto in cui vedo le cose. Il giorno dell'attacco alle torri del WTC a New York ero andato prima corto e poi dopo che il primo aereo ha colpito la prima torre, visto il futures che era caduto abbastanza ho pensato che un rimbalzino tecnico rapido lo potevo prendere, buy veloce allora. Passano 10 minuti a boom! vedo arrivare il secondo aereo. Non è un dirottamento andato a male è qualcosa di diverso e CNN dice che c'è un terzo aereo sul Pentagono. Panico, future giù dappertutto. Premo il Sell Sell. Il software del broker americano non risponde. #%$&£?*@#!. Tiro su il telefono e vedo che da tut tut tut. Strano, in America rispondono sempre dopo due squilli massimo. Intanto i futures vanno a picco. Provo tutti i numeri del broker freneticamente, anche quelli dall'amministrazione e del commerciale, niente di niente tutti bloccati. Provo a telefonare a New York a mia moglie dicendo di chiamare lei il broker e il numero di ufficio non prende. I future affondano e dall'Italia non si comunica con gli USA. Dopo un ora circa mi chiama il broker per chiedere se non voglio mettere delle stop. Urlo di vendere. Persi un sacco di soldi. Colpa mia che mi metto a fare uno scalping veloce nei momenti di panico, colpa della sfortuna mah... tiriamo una riga e ricominciamo. I futures sono (in tempo di pace e senza soffrire fisicamente) come la guerra e ora per uno scherzo del genere dovrei vendere due anni di report per compensare. (E vale anche il contrario ovviamente in circostanze più favorevoli per cui non mi lamento). Ho la fortuna per ora (a meno di altri incidenti come quello del WTC) di non dover campare con il report, ma lo stesso mi spiacerebbe smettere di scrivere perchè aiuta a vedere meglio le cose. Ho scritto oggi un pezzo tecnico su un sistema meccanico a cui lavoro da un anno e ho l'impressione che a 8 persone 10 non interessi o lo travisino perchè non è presentato nel formato standard, ma a qualcuno magarì sì e a me è servito scriverlo nero su bianco per chiarirmi le idee e anzi più guardo i risultati ora e più sono contento di averlo finito. Intanto vedo sullo schermo a sinistra lo Yen e lo Swiss che continuano a cedere e ritornano dei soldi. Modificato da - gzibordi on 9/27/2001 13:22:10

il 91% di Bush questa settimana - Gzibordi  

  By: GZ on Mercoledì 26 Settembre 2001 02:50

per una volta copio anche io dall'inglese perchè è troppo lungo e perchè è Caroline Baum che scrive in modo magnfico inoltre cita Jim Bianco che è uno che ci prende parecchio In sostanza: La fiducia nel presidente e la fiducia dei consumatori sono sempre andate di pari passo in America nei momenti di crisi E la prima determina l'altra. ----------- History suggests that how consumers feel about the president and how they feel about the economic outlook are closely allied, according to a study by Jim Bianco, president of Bianco Research in Barrington, Illinois. Bianco examined all the major crises in the last 40 years, including the assassination of JFK in November 1963, the Iran hostage crisis in November 1979, Tiananmen Square in June 1989 and Desert Shield/Desert Storm in August 1990/January 1991. ``The relationship between the president's approval rating and consumer confidence not only holds during these crises, but in most cases actually strengthens,'' Bianco says. ``Often a crisis that gives the president's approval rating a jump -- rally 'round the flag -- does the same for consumer confidence.'' If you think about it, the president's approval rating and consumer confidence are really the same question to most people, Bianco says. ``When you ask people to rate the job the president is doing, they aren't nitpicking about the job he is doing as a CEO,'' Bianco says. ``They're ranking him on the state of the economy.'' The state of the economy isn't so good, yet the president's approval rating is on the moon. If historical precedent holds, ``the massive jump in Bush's approval rating bodes well for consumer confidence next month,'' Bianco says, countering the Conference Board's assessment that confidence is going the way of the employment situation.

E i 16 milioni di miliardi dove sono ? - Gzibordi  

  By: GZ on Mercoledì 26 Settembre 2001 01:38

"polio", un -50% in 18 mesi del Comit mentre il PIL continua a crescere del 2% bene o male e mentre l'inflazione resta sotto il 3% non ti basta ? dici che ci vuole un altro -10% ? Questo è solo il piatto forte, ma manca il dessert ? Il crollo attuale è sintomo di una recessione grave come minimo, una borsa non perde il 50% in poco più di un anno solo perchè è cara se la recessione (grave però) non compare resta il problema dei 500 mila miliardi di capitalizzazione italiana e i 7 (sette) trilioni di dollari (cioè 16 milioni di miliardi di lire...) di capitalizzazione americana che sono vaporizzati dove sono ? cosa faranno questi soldi ? una parte sono veramente scomparsi, questo è vero, ma il resto ? Modificato da - gzibordi on 9/25/2001 23:38:45

Il Sondaggio del Sentiment - Gzibordi  

  By: GZ on Lunedì 24 Settembre 2001 23:38

Scusi Zibordi, La stimo molto e sono tra quelli (quanti??) che Le sono vicino in questo momento particolarmente teso (critiche...). Pero': sostenere che il sentiment non e' ancora abbastanza negativo!! ------------- spiace di non aver risposto prima allora: un indicatore tecnico può essere interpretato alla luce della propria esperienza o intuizione oppure può essere preso in quanto tale ho semplicemente usato i numeri di questo sondaggio (che abbiamo cercato di preparare nel modo più esatto possibile (come campionamento e come formulazione della domanda) per vedere che segnale dava in quanto tale in base alla mia intuizione eravamo troppo pessimisti anche a fine agosto ad es. ma quando il sondaggio è uscito la prima volta a fine agosto e ha dato un 14% di pessimisti (se ricordo bene) ho detto; " mah... questi sondaggi e però l'interpretazione era che era un SELL ed era un ottimo segnale già adesso la % di orsi è raddoppiata quasi rispetto a agosto io mi sono sovrapposto altre volte agli oscillatori che mi sono costruito che peggioravano e non davano divergenze, perchè mi sembrava da tempo che fosse troppo pessimista ecc... in questo caso ho voluto evitare di sovrappormi e ho usato i numeri in quanto tali (pur tenendo presente che non abbiamo mesi e mesi di storia del sentiment) può darsi che per come è costruito il sondaggio troveremo con il tempo che la soglia di acquisto è quando tocca un 25% di orsi va tenuto conto che si chiede se tra 6 mesi la borsa sarà più bassa del 10% almeno Modificato da - gzibordi on 9/24/2001 21:43:37

La scritta che gira la lascio - Gzibordi  

  By: GZ on Martedì 04 Settembre 2001 20:39

--------- vollix - Uno pga per un servizio quale è il suo quello di perdere soldi e levi quella scritta he gira sul suo sito facciamo i conti ora e vediamo i suoi portafogli quanto perdono..........ecc.. ---------------- ora che la giornata è finita mi rilasso leggendo gli ultimi sviluppo del simpatico Topic "zibordi chiuda..." e i post in particolare di vollix per sentire un poco di calore umano la scritta che gira poverina non posso toglierla intanto perchè altererebbe l'estetica della home page e in secondo luogo perchè l'aritmetica ha le sue ragioni se avessi consigliato 10 portafogli diversi di tutti i generi e ne avessi scelto solo uno e se avessi scelto un periodo a caso da pubblicizzare allora lei avrebbe ragione. Quasi tutti fanno così, lo fanno i fondi comuni che hanno 11 fondi e scelgono il fondo XY nel periodo ZW per la pubblicità oppure blueinvest che pubblicizza sempre su borsa e finanza mi sembra il portafoglio "tecnico" che è quello che va bene NEL MIO CASO PUBBLICIZZO TUTTI I PORTAFOGLI SUGGERITI E DALL'INIZIO DI QUANDO HO COMINCIATO A TENERE IL CONTO cioè da agosto 1999. Tutte le posizioni e tutto il periodo ok ?? Niente viene celato. E non posso pubblicizzare solo il periodo ultimo per fare piacere a lei. E confronto i portafogli con l'indice per cui non si può dire che se l'indice è salito del 30% bella forza che anche tu hai fatto il 32%... Quello che non riesco a comunicare a chi mi scrive sotto "Vollix" è che un portafoglio diversificato con 15 titoli ha degli alti e bassi e se quando il mercato è toro fai tre volte quello che fa l'indice e quando il mercato è negativo perdi quanto l'indice alla fine sei in positivo. Sicuramente ho una distorsione "rialzista" come impostazione nel senso che tendo a andare al massimo di investimento e comprare sui cedimenti e non a seguire il trend del grafico. E sicuramente ero dalla parte sbagliata del mercato da febbraio in media. Ma anche in questo periodo negativo, sia a gennaio che ad aprile ho indicato di comprare titoli e di VENDERLI (ebbene sì anche di venderli) bene su dei rimbalzi. E alla fine di un periodo di 2 anni ad esempio se quando il mercato è toro e fa il 30% tu fai molto meglio (yes è stato così)e quando è orso perdi in proporzione alla fine i numeri sono quelli che indico e da agosto 1999. Più o meno ogni settimana è stato inviata la tabella completa di tutte le posizioni e ogni volta che qualcuno ha fatto notare una discrepanza di prezzo l'abbiamo corretta. Inviamo anche la tabella in excel per fare vedere come sono fatti i conti. Non so cosa altro fare. Quindi la striscia dice che da agosto 1999 a agosto 2001 i portafogli indicati, al lordo delle commissioni o eventuale cattiva esecuzione (da sottrarre), ma anche al lordo di eventuali dividendi (da addizionare), avrebbero "virtualmente" reso le % indicate. E nei limiti di un portafoglio virtuale non vedo perchè vada criticato. Se le cose vanno male ora va tenuto presente che nel 1999 pochi dicevano di mettere il 100% in azioni e settembre non a novembre quando il mercato era partito e le facevano tenere quando il titolo oscillava paurosamente. Chi applicava stoploss del 10% non riusciva a tenere titoli che oscillavano molto, ma esplodevano poi al rialzo. E nella primavera del 2000 non ero molto toro, anzi meno della media se vede come i titoli tecnologici siano stati venduti in larga parte. Sono andato più toro della media a inizio 2001 e ho sbagliato, ma ho anche colto dei titoli su dei rimbalzi e sulla base dell'esperienza precedente del mercato americano in particolare penso che l'atteggiamento di essere pienamente investito sia corretto Modificato da - gzibordi on 9/4/2001 18:43:31

il P/E ? Sarebbe ben più alto - Gzibordi  

  By: GZ on Giovedì 23 Agosto 2001 18:32

uff... come sei difficile se cominciano a spaccare i capelli in quattro allora il WSJ ha fatto un pezzo ieri mostrando che se si calcolano gli utili secondo GAAP (cioè la contabilità ufficiale e regolare) il P/E sarebbe di 36 per l'S/P 500 Invece da 2 o 3 anni sempre di più si usa il calcolo degli utili "pro forma" per escludere cose come i miliardi di dollari di ammortamento di costi di acquisizioni come quelli di JDS Uniphase. Se uno ci pensa la cosa risulta piuttosto pericolosa perchè in questo modo vengono esclusi dal calcolo degli utili "operativi" un mucchio di cose Gli utili che tutti leggono su Yahoo o First Call NON sono quelli secondo il GAAP che si studia a scuola e che usano le società di revisione per compilare i bilanci. Sono utili "operativi" e spesso sono arbitrari nella tecnologia dove ci sono accordi di licenza che vengono contabilizzati come ricavi prima di ricevere una lira e senza sapere se si riceverà una lira comunque i ricavi dei semiconduttorri sicuramente non migliorano con i prezzi che vengono tagliati ogni mese dei chips spero semplicemente che la gente dia retta a Jon Joseph e Tom Kurlak e Craig Barrett il Ceo di Intel e Morris il Ceo Di Taiwan Semiconductors Modificato da - gzibordi on 8/23/2001 16:36:19

Synopsis a -10% nel dopomercato - Gzibordi  

  By: GZ on Giovedì 23 Agosto 2001 05:39

Ha fatto un minimo a 26$ in agosto 2000 e un massimo a 63$ questo giugno. E perdendo oggi nel dopomercato 7 dollari per l'annuncio di è a 44$ cioè ai minimi recenti di luglio. Dato che assieme a Mentor Graphics sono i due fornitori di software e strumentazione per i produttori di semiconduttori e i semis sono il settore bene o male migliore della tecnologia da un mese in qua mi sembra che abbia potenziale. la sostanza della cosa (vedi sotto) è che per il 2002 gli analisti prevedevano che facesse 2.29$ di utile per azione. La società oggi ha detto che farà 2.10$ per azione. Il titolo era a 50 dollari e rotti e ora è a 44 dollari. A 50 dollari, dividendo per 2.10$ costa sui 23-24 volte gli utili e l'S&P 400 costa 22 volte gli utili quest'anno e nel 2002 forse un poco di meno, ma circa 21-22. Ma SNPS cresce da 678 mil del 2001 a 900 mil di $ i ricavi nel 2002 e resta quindi un titolo a alta crescita in mezzo a dei tecnologici che hanno crescita zero o appena positiva ora Secondo me se la revisione è tutta qua con un Nasdaq che rimbalza torna su. Con un Nasdaq che scende è un altro discorso ----------------------------------------- For the full year 2001, the company sees revenue between $678 million and $683 million, with earnings per share of $1.05 to $1.10, vs. analyst expectations of $1.12. For 2002, the company is forecasting revenue in the range of $890 million to $910 million, with earnings per share of $2.10 to $2.40. Analysts have currently pegged the company to earn $2.29 per share for fiscal 2002. Modificato da - gzibordi on 8/23/2001 3:43:43

I Buy e Sell Di Goldman e Merril Lynch - Gzibordi  

  By: GZ on Lunedì 13 Agosto 2001 21:00

se si guarda nei bilanci delle banche italiane di utili da "trading" cioè da operazioni speculative su capitali propri della banca ne trova ZERO anzi, come nel caso di Bipop trova spesso perdite rilevanti una delle poche che fa trading in proprio è B Roma, conosco alcuni che fanno trading con i soldi della banca là, ma in genere lo fanno solo coi soldi dei clienti nelle gestioni al massimo affidano soldi a qualche hedge funda in USA nei bilanci dei grandi brokers invece a fianco degli utili da intermediazione, commissioni, gestione ci sono sempre enormi utili da trading sul proprio capitale, usato con una leva molto grande

La borsa Italiana protetta dai politici - Gzibordi  

  By: GZ on Venerdì 10 Agosto 2001 15:01

Ribadisco: ero più sollevato dal sapere che D'Alema, quando era capo del Governo, aveva in carico Olivetti, Tim, ecc. come tutti noi e perdeva come tutti noi. Mi sembra molto più trasparente. -------------------------------- il caldo fa brutti scherzi Luke auguri a lei e alla borsa italiana protetta dal fatto che D'Alema ha fatto comprare la Olivetti-Telecom a un gruppo di sua fiducia, gli amici della Bell-Hopa-Gnutti-Colannino, - i quali hanno tutti contribuito alla campagna elettorale dell'Ulivo, - hanno nominato uomini di fiducia di D'Alema e Visco (nella Bell ad es.) - hanno comprato Telemontecarlo per ricambiare il favore e dargli una TV sicura erano stati presentati da D'Alema e tutto il governo come un gruppo ITALIANO (guai agli stranieri !) e con obiettivi di INVESTIMENTO industriale (niente speculazioni a breve!) Hanno fatto comprare la Seat ai massimi della bolla danneggiando gli azionisti in parte per incompetenza e in parte per calcolo, ma incassando tutti stock options (vedi Pelliccioli) e hanno incassato da 1,000 a 1,500 miliardi rivendendo il tutto al volo, mentre il prezzo di borsa è sceso da quello della loro OPA e si sono arricchiti tutti dal primo all'ultimo, mentre gli azionisti Seat erano massacrati e quelli Olivetti e Telecom perdevano su tutti i fronti e i contribuenti hanno perso centinaia di miliardi di sconti fiscali ad hoc che Visco ha inventato per TIM Una bella manovra In America nessuno chiede al governo il permesso di comprare le aziene (con tutta la catena di favori, sussidi e clientele che ne segue) lei sembra uno per cui se D'Alema viene filmato a derubare una vecchietta ti scrive un saggio di due pagine sul forum per spiegare che in realtà è colpa di Greenspan e Bush Modificato da - gzibordi on 8/10/2001 13:6:12 Modificato da - gzibordi on 8/10/2001 13:13:24

Quali Settori hanno Acquisti di Insiders - Gzibordi  

  By: GZ on Giovedì 09 Agosto 2001 22:19

ok, oggi c'erano centinaia di post di tutti i generi nel sito e nessun commento sullo scampolo di questo report (che tra l'altro è uno dei più costosi in assoluto) sull Liquidità che diceva che oggi il mercato rimbalzava (notare che TrimTabs da maggio è stato quasi sempre negativo e solo oggi andava cautamente positivo a causa dei buy backs di ieri) ed è quello che mi ha fatto decidere per delle call (non che sia finita stasera, ma insomma...) pazienza aggiungo allora un altro pezzo di informazione molto importante tratto dall' INSIDERS CHRONICLE Quali sono o settori con acquisti di insiders ? Advertising and media, containers and packaging, tobacco and auto and parts -----------------------------INSIDERS CHRONICLE -------------------- As you might suspect, insiders in very few industries stand out as bullish by historic comparisons. Advertising and media, containers and packaging, tobacco and auto and parts are among the select few. Insurance, specialty finance, retail and oil and natural gas are all among the much larger group of industries for which the ratio of sellers to buyers has increased over the past two quarters. For real estate, travel and gas utilities, the ratios recently approached or surpassed 10-year highs. And then there are the airlines ----------------------------------------- Modificato da - gzibordi on 8/9/2001 20:23:6

Buy INTEL - Gzibordi  

  By: GZ on Martedì 07 Agosto 2001 22:33

ho detto ieri al mio tecnico che era qua per sistema computers e rete che i pentium di Intel da fine agosto probabilmente costeranno la metà pensando di impressionarlo con la notizia non si è squassato e ha detto: " ogni 3 o 4 anni lo fanno sempre per spingerli nei pc meno cari ..." e ho pensato se hanno ragione gli analisti di eccitarsi tanto poi è arrivato il pezzo di Tom Kurlak (ex top analista di semiconduttori per anni e anni, ora in proprio, l'uomo che determinava le svolte dei titoli del settore quando era a Merril...) e vedo che concorda con il mio tecnico --------------------------------------- A 50% price cut is a good guess, but it shouldn't be a surprise and it isn't new news. The new price points, along with the new 845 chip set for low-cost DRAM, will drive the Pentium IV into $800 PCs. But on cue, leading analysts are slashing earnings estimates and their outlook for the stock. What does Intel see that the analysts don't? For starters, Intel also told us on that second-quarter call that processor unit sales rose 6% sequentially. That's more than a 24% annual growth rate, if it continues. This important statistic reveals that chip inventories have been used up and that PC sales aren't dead but are instead picking up. Intel also continues to project more sequential growth in the third and fourth quarters. A price cut now will accelerate this fledgling recovery as dealers see new Pentium IV technology available at mass-market prices in time for the fall-winter sales season. By early 2002, the PC market may be the tech surprise of the year. My advice? Don't get too caught up in handicapping Intel's product and pricing decisions. The company knows a thing or two about how to sell microprocessors and how to grow its business. And don't worry so much about margins because, by the end of next year, I would guess that well over 50% of Intel's Pentium IVs will be smaller, 0.13 micron line width versions, which cost a lot less to make. A Closer Look at Valuation Having said that, I want to address the subject of valuation, which is getting a lot of play right now and looks wrong to me. I keep hearing that after a 75% drop in share price, Intel is now too expensive to buy. Why? Because, based on new Street forecasts (where were they last year?), Intel's price-to-earnings ratio is now too high. If you read many analysts' reports, you might think Intel has nowhere to go but down. Are the Chips Really Down? Intel's not as expensive as some analysts would have you believe. Let's be realistic. There is no way this stock, which was $75 and is now $30, is too expensive because it already discounts the next cycle. Who correctly saw down-earnings in 2001 back in 2000? The estimates for 2002 and beyond are just too low. It's hard to forecast change -- especially big change. But look at the history of the semiconductor industry: Big change is the norm. Some chip companies will double their earnings next year and add 50% more in 2003. Intel could do that with some good fortune, getting per-share earnings to $1.80 or so in 2003 which, if discounted in 2002 at 25 times, produces a 50% return in the stock over 12 to 18 months. And that won't be peak earnings. My estimate of peak earnings for the next cycle is two times normalized earnings, or $2.70, by 2005. Using a cycle-top P/E of 20 yields a 98% upside from today's $30 price. I want to be there for that. Edited by - gzibordi on 8/7/2001 20:37:53

profezia per il 7 agosto - Gzibordi  

  By: GZ on Lunedì 06 Agosto 2001 22:49

e c'è una logica economica dopo il crash di domani la gente andrà a mangiare in ristoranti da pochi soldi come quelli di Darden riccardo, qui vedo che dappertutto parlano di questa profezia per il 7 agosto e sto leggendo il report di Fred Hickey "high tech strategist", Hickey è bravissimo ed il grande nemico del Nasdaq da 3 anni "Tutti a bordo" è il titolo, inteso come a bordo sul treno che porta al macello, una lettura che fa venire i brividi da come è scritta bene ---------------------- Reuters) - U.S. productivity data due out on Tuesday could shatter the belief in a ``new paradigm'' economy of high growth and low inflation, triggering a stock market crash, a leading investment bank has predicted. Dresdner Kleinwort Wasserstein said in a note to clients that revisions included with second quarter productivity numbers will revise away the ``productivity miracle'' of recent years, cited has a major factor in the bull market of the 1990's. ``Investing in the U.S. miracle will in retrospect be seen as a sick joke. The markets will be forced to confront this harsh reality on August 7,'' DrKW Global Equity Strategist Albert Edwards wrote. ---------------------

Poco Investimento, Molto Trading - Gzibordi  

  By: GZ on Martedì 31 Luglio 2001 23:45

il grosso degli scambi a N.Y. è ora di tipo "trading" ad es i QQQ sul Nasdaq scambiano ora 7-8 volte quello che scambiavano due anni e fa e non sono usati per investimento, ma solo per il trading al rialzo e allo scoperto Il mercato ha volume di 2 miliardi di azioni al giorno quando 10 anni fa 100 milioni erano molte Ma è sempre più trading a breve e la % di scoperto è crescente La massa del trading a breve (che è quella che domina) si muove molto i) sull'analisi tecnica e ii) molto sulla liquidità Modificato da - gzibordi on 7/31/2001 21:45:56

ADR-Gemina Capitalismo Italiano al Megli - Gzibordi  

  By: GZ on Sabato 28 Luglio 2001 23:44

Adr S.p.A. : copio e incollo una bellissima analisi del solito socquot@socquot.com (the best in Italia) ----------------------------------- La delibera dell'assemblea del 25 u.s. costituisce un altro episodio eclatante ( ns archivio " Seat Pagine Gialle S.p.A. : punto e … basta ! " ) di quel tipo di capitalismo che molti affermano superato, ma che, invece, è largamente praticato anche da Società del cosiddetto " salotto buono ". Con l'assistenza di Mediobanca fu costituita la cordata ( Gemina 42%; Impregilo - controllata da Gemina -11%; Falck 31%; Sensi 16% ) che si aggiudicò la maggioranza di Adr nella " privatizzazione " attuata dall'IRI. Successivamente, la Leonardo S.p.A. controllata dalla Holding Leonardo SA ( stesso azionariato ed ovviamente Società di diritto lussemburghese ) lanciò una Opa sull'Adr; ne acquisì oltre il 95% e la incorporò assumendone la Ragione Sociale. Per finanziare queste operazioni, Gemina ed altri partners ricorsero all'indebitamento. Per Gemina l'investimento complessivo è stato di Euro 387 mil. Nella " pancia " di Adr è contabilizzata una " Riserva da sovrapprezzo azioni " pari ad Euro 2.251.631.452. Ecco allora che Holding Leonardo SA propone, vota, ed approva nell'assemblea del 25 u.s. la distribuzione di parte della " Riserva Straordinaria " per l'importo di Euro 1.584.241.957 a titolo di dividendo straordinario ( tanto per capirci c.ca di Lire miliardi 3.067 ); Holding Leonardo ne incasserà oltre il 96,6% ( quota di capitale dell'Adr posseduta ). L'importo di questi soldi " prelevati " dalla Società acquistata, servirà a " coprire " l'indebitamento con cui la Holding Leonardo SA ha " coperto " l'OPA; a rimborsare, verosimilmente, anche, i soci finanziatori. Questi ultimi, così, potranno a loro volta pagare le banche per le anticipazioni ricevute. In buona sostanza Gemina, Falck ( oggi Montedison ) e Sensi sono diventati padroni - tramite la Holding Leonardo SA - di una importante Società al costo di " zero lire " ( o Euro che dir si voglia ) o quasi. E' da precisare che la " Riserva sovrapprezzo azioni " è una " appostazione " del " Conto Patrimoniale " alla quale, come è ovvio, non corrispondono " soldi in banca ". Ne consegue che per pagare il dividendo straordinario il Consiglio di Amministrazione ha comunicato che : " ha avviato trattative con primari Istituti finanziari per l'erogazione di un finanziamento a lungo termine e ritiene, quindi, di essere in condizione di dare esecuzione, con tempestività, entro la fine del mese di agosto 2001, alla delibera di distribuzione riserve ". Gemina e C. hanno comperato Adr, facendo debiti. Gemina e C. prelevano da Adr soldi che Adr non ha, ma che si procura indebitandosi. Gemina e C. hanno travasato su Adr i propri debiti. ---------------------------------------- Edited by - gzibordi on 7/28/2001 21:45:50

Clausola "Strana" su Olivetti - Gzibordi  

  By: GZ on Giovedì 26 Luglio 2001 13:17

Questo ragionamento (che mi ha segnalato un amico) circola e sembra giusto a prima vista (qua sotto è preso da un commento di WebSim. Tuttavvia non si riflette ancora sul prezzo di Olivetti. Per cui può essere o "prematuro" oppure non essere quello giusto. al momento non ho un idea chiara, e quindi mi limito a guardare il grafico che tiene e gli indici e giudicare Oliva di riflesso, ma magari qualcuno ha un interpretazione --------------------------------------------- E' prevista una clausola (permetteteci di usare almeno il termine "strana") di cui non è possibile avere ulteriori informazioni (strano visto che è già stato annunciato anche il rendimento che verrà riconosciuto agli obbligazionisti ed è di tutto rispetto). A questo punto gli scenari possibili che si possono aprire sono principalmente due: Scalata ostile su Olivetti con conseguente opa a cascata (imposta per legge) sulle azioni di minoranza Telecom Italia. Assumendo un premio del 36% sulle quotazioni attuali, il prezzo d'opa per Olivetti sarebbe di 3 Eu. Assumiamo inoltre come prezzo dell'opa a cascata sulle minoranze di Telecom la media dei prezzi di borsa degli ultimi 12 mesi (12,3 Eu). Il totale dell'operazione costerebbe al probabile, anzi improbabile, acquirente circa 45 mld Eu a cui si aggiungerebbero circa 44 mld Eu di debiti tra Olivetti e Telecom Italia. Il tutto tradotto in lire significa 175 mila mld, e sinceramente al momento non vediamo nessuno in grado di spendere una tale cifra. Accordo con gli attuali azionisti di controllo di Hopa/Bell per rilevare il loro pacchetto, offrendo un elevato premio implicito sul Nav di Olivetti (in parole povere una rilevante buonuscita per Colaninno & C.). Il compratore in tal modo controllerebbe Olivetti con il 22,5%, ben al di sotto della soglia del 30% al di là del quale scatta l'obbligo dell'opa. In questo scenario il potenziale compratore non sarebbe tenuto a lanciare un'opa né su Olivetti né su Telecom Italia. D'altro canto anche gli azionisti di minoranza Olivetti non ne trarrebbero alcun beneficio. Se 1+1+1 fa zeroS Non accade nulla ed è tutta una serie di coincidenze per cui il valore di Olivetti si adeguerà al suo valore di Nav, determinato in base al valore di Telecom Italia. Anche in questa ipotesi ovviamente non riteniamo vi sia spazio per un ulteriore upside del titolo. Conclusioni. Accada o non accada qualcosa nell'azionariato Hopa/Bell di sicuro non c'è spazio per far guadagnare gli azionisti di minoranza ----------------------------------- Edited by - gzibordi on 7/26/2001 11:19:46

Buzzi: Le faccio il financial planning - Gzibordi  

  By: GZ on Mercoledì 27 Giugno 2001 14:28

Per Zibordi: la decisione di acquistare Buzzi l'ho presa leggendo Borsa&Finanza Tempo speso in ricerca: 20 minuti al massimo. Come sempre l'orizzonte termporale doveva essere di pochi giorni (o poche ore)e invece diventa un investimento di medio termine... La % sul totale del mio portafoglio è del 10% (al massimo apro 10 posizioni). ------------------------------------ Le faccio il financial planning se il portafoglio ha al massimo 10 posizioni l'allocazione che lei vuole è del 100% ? Non mi sembra che per le sue caratteristiche personali sia indicata, direi 75% visto che lei conta sulla rendita finanziaria per vivere. Quindi assumendo che lei sia toro e voglia allocazione massima 75 diviso 10 = 7.5% per posizione. Ma 7.5% è troppo a meno di non essere ultraconvinti oppure a meno che sia Olivetti o ENI o Imi S. Paolo che si possono forse giustificare per il peso sull'indice. Il 5-6% per posizione è l'ideale lo ripeto fare il 7.5% solo su Olivetti o Telecom In secondo luogo dato che era un operazione per lei a breve doveva usare una stoploss e ho indicato 10.0 Se invece fosse un operazione che dura 3 mesi allora è diverso, ma deve essere un 5-6% del totale

No, ma l'effetto non è immediato - Gzibordi  

  By: GZ on Venerdì 22 Giugno 2001 23:45

aggiungo che la relazione in altri momenti in effetti dava dei punti di inversione quasi simultanei dei due mercati e io spesso l'ho usata in questo modo. Anzi sono un fanatico di questa relazione che mi è sempre servita molto, direi anzi che mi sembra la cosa più importante per la borsa. Quest'anno però i punti di inversione, come tu hai notato, sono esattamente a contrario e se devo essere franco "mi ha fatto sbagliare" (si cercano sempre delle giustificazioni) perchè ero abituato a usare il segnale dei tassi a lunga traslato sulla borsa. In febbraio e marzo la relazione era a contrario lo so bene perchè è stata la cosa che mi ha fatto ostinare al rialzo più del dovuto. Ma sono andato a riguardarla negli ultimi 20 anni per cui ho dati e ho visto che in certi periodi la causalità non è simultanea. Tuttavvia sostengo che esiste perchè non esistono mai periodi di sei mesi o più in cui l'inversione si presenta. La mia interpreazione è che c'è un "lag" (ritardo insomma) nella causalità di un massimo di 4-5 mesi e solo in casi eccezionali.

I Tassi a Lunga Scendono - Gzibordi  

  By: GZ on Venerdì 22 Giugno 2001 23:37

premium o no questa relazione è molto nota e discussa e così il fatto che l'anno scorso, quando la bolla di borsa era al massimo, i tassi a breve erano SOPRA i tassi a lungo termine, mentre negli ultimi 5-6 mesi la relazione è tornata bruscamente quella "normale" in cui i tassi a breve sono SOTTO i tassi a lungo termine. Bene, questo è un modo di dire che il ribasso dei tassi di Greenspan FINORA è fallito NON PERCHE' i TASSI NON HANNO PIU' EFFTTO SULLA BORSA, ma perchè i tassi che contano sono come sempre quelli a lungo e quelli a LUNGO TERMINE sono saliti. Bene, il ritardo con cui la borsa risponde ai movimenti dei tassi non è evidente o stabilito, c'è chi dice che dovrebbe essere simultaneo e chi come me pensa che sia con qualche ritardo. Ma il punto è che questa relazione ha sempre funzionato dai tempi dei tempi. Nel 1929 fu il rialzo dei tassi che fece scoppiare la bolla e nel 1989 in Giappone accadde lo stesso. Il modo esatto in cui sta dando un segnale ORA l'ho mostrato e se guarda oggi c'è stato una rottura della linea che ho segnato (siamo a 5.58% sul Treasury e abbiamo rotto credo definitivamente il 5.60% che lo teneva)

Nah.. Sopravviveremo anche a questi - Gzibordi  

  By: GZ on Giovedì 21 Giugno 2001 00:31

Ora che gli S&P chiudono (per oggi) a +11 punti grazie a Greenspan che ha rimproverato le banche per non prestare abbastanza in giro i quattrini che la FED gli mette a disposizione, vedo questi post culturali ottimi per rilassarsi quando non hai perso. A meno che non ti abbiano gambizzato o distrutto il negozio (o che ti trovassi sull'Eurostar qua a Modena 2 giorni fa, quando uno di questi amici dei poveri del Terzo Mondo ha tirato una molotov in uno scompartimento del treno) speri di evitarli come speri di non trovarti in una zona dove la camorra chiede il pizzo a tutti o dove rubano in tutte le case le bande albanesi. Se questo fosse un segno negativo per la borsa allora in base all'atmosfera in cui eravamo immersi ancora 10 anni fa fino al crac del muro di Berlino avremmo dovuto solo stare in bot. A 16-18 anni ho frequentato estremisti di sinistra e ho presente come funzionano quelli del "no-alla- globalizzazione". Sono 20 o 30 anni che cambiano un poco i temi e le mascherate, ma è sempre lo stesso, in certi periodi più violento in altri meno, ma la radice è nell'avversione per il sistema occidentale-industriale che è come un elemento fisso del paesaggio culturale italiano. Quando il Corriere della Sera che ho comprato sabato dedica 4 pagine, dalla 2 alla 5 alle ragioni degli estremisti (e così le tv e il resto della stampa) viste con benevolenza, con nessun commento critico, è chiaro che la cosa è parte della nostra cultura mediatica e non ci abbandonerà mai, quando avrò (spero) 80 anni vedrò in TV l'ennesima versione dei giovani amici del terzo mondo e nemici dell'America che spaccano il centro di Milano mentre i giornali si interrogano sulle ragioni profonde del loro malessere invece di chiedersi come mai nessuno mai venga condannato. In termini generali questo è parte di una mentalità per cui la destra italiana, che a logica dovrebbe essere nemica dello stato sociale e thatcheriana, promette lavori pubblici a valanga vincendo tutti i collegi della Sicilia (mia nonna è di Siracusa non è per leghismo che nomino la sicilia...) e se va bene ridurrà la burocrazia per le imprese

Prova - Gzibordi  

  By: GZ on Venerdì 01 Giugno 2001 02:26

a proposito "polipo" (ma dove l'hai trovato questi nickname...) hai tempo di commentare Olivetti ? sto avendo dei dubbi perchè qui da marzo il titolo solo due volte è stato sopra la soglia dei 12 euro necessaria per la conversione delle risparmio e sembra che Colannino sia nell'angolo. Non ti sembra corretto pensare a un aggressione a Olivetti entro settembre ?

Ridurre Un Poco Le Azioni - Gzibordi  

  By: GZ on Lunedì 14 Maggio 2001 14:35

scusa Riccardo, ma se dopo esser saliti si ha una fase laterale di oscillazione io mi aspetto che il volume diminuisca e mi sembra un buon segno o perlomeno neutro. Se in una fascia di congestione dopo un nuovo massimo il volume aumenta invece mi viene da pensare che sia chi si sta scaricando titoli o si vende scoperto che fa aumentare i volumi. Ad es Gary B Smith usa sempre questo schema su thestreet Modificato da - gzibordi on 5/14/2001 12:37:36

L'attacco speculativo è un'occasione - Gzibordi  

  By: GZ on Lunedì 14 Maggio 2001 13:09

la politica è noiosa e anche deprimente, ma se non altro con i mercati finanziari globali e online ora chi ha un opinione può verificarla (in una certa misura) scommettendo soldi sull'effetto delle elezioni. Se la tua analisi politica è giusta lo vedi sul mercato. Discutere di politica come al bar non è quello che si vuole, ma l'effetto della politica sulla borsa italiana è molto rilevante e ora non solo sui singoli titoli, ma anche un poco sul listino. Ad es. oggi ci sono stati due movimenti del FIB30, l'apertura in basso di 400 punti in linea con gli altri indici esteri e il rimbalzo di 400 punti alle 10:00. L'analisi che ho fatto mi ha fatto anticipare sia l'uno che l'altro. Il cedimento perchè le borse devono scontare dati negativi e il rimbalzo perchè ci si è resi conti che Berlusconi può governare. E' ora ? Ora tocca all'attacco speculativo sull'Italia, ad es. in linea di quello che dice "Michelino", perchè appunto c'è chi pensa che occorra mostrare che il paese è diviso e il governo non è affidabile. La cosa interessante è questa però: se la "linea" di Luke e Michelino è corretta l'occasione per fare soldi è attacco speculativo sull'Italia. se quello che penso io o anche Massimo è corretto invece l'occasione (Nasdaq permettendo) è l'acquisto sull'attacco speculativo Ecco che di colpo anche l'analisi politica diventa interessante no ?