Elenco degli Argomenti

Altri migliori Post

Il Nazionalismo e Dirigismo a Livello "MACRO" Funziona


Forum:  Politica e Società, Sim, Banche e Fondi, Software, Dati, Scienza… > Ritorniamo alla lira?

Iscrizione al Forum | Invia ad un Amico | Regole del Forum
  • Rispondi  Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post
  • 04 Luglio 2013  17:37
  • argomento: Economia Globale,  Fondamentali,  Globalizzazione
  • ...Zibordi,il nazionalismo tipo fronte nazionale porta alla radicalizzazione,alle
    frontiere,dazi improntati a criteri protezionistici.....



    Si vive in un mondo in cui l'Asia conquista tutti economicamente e i paesi asiatici diventano tutti ricchi uno dopo l'altro, persino la Malesia, Thailandia o Indonesia e lo fanno applicando un modello economico opposto al nostro, basato sul NAZIONALISMO e DIRIGISMO a livello "MACRO" (non a livello "micro" però!). Perchè non lo capisci ?

    Tutti fanno finta di non vederlo, è incredibile, a nessuno viene in mente di dire : "ehi... se tutti questi malesi, cinesi, taiwanesi, coreani vanno così bene, perchè non li imitiamo, perchè non vediamo che sistema usano ?"

    Noi in occidente siamo tutti invece più o meno in crisi, con l'unica eccezione della Germania e paesi a lei simili come Svizzera, Olanda, Svezia e Finlandia. Ma parte del relativo successo della Germania e Olanda o Austria deriva dallo sfruttare l'Euro per tenere il cambio sottovalutato (cioè è a spese nostre) in modo di avere un vantaggio di export artificiale. USA e UK o Australia non sono in crisi come noi in sud-europa, ma hanno il reddito reale della maggioranza della popolazione che cala da due decenni almeno, livelli di indebitamento che salgono sempre e solo una piccola minoranza che accumula ricchezza

    Il modello economico di successo, quello che fa salire il reddito della maggioranza della popolazione, lo usano in Asia (e in parte in Germania) ed è più "nazionalista" e dirigista a livello "macro", perchè il governo manipola il tasso di cambio, protegge il mercato interno e le industrie nazionali imponendo al sistema bancario di finanziarle e impone diverse forme di discriminazione verso le importazioni dall'estero. E oltre a questo però in Asia tassano molto di meno, quasi la metà che da noi

    Questo sistema che usano da alcune generazioni in Giappone, Corea, Taiwan, Singapore, Malesia, Hong Kong e Cina ha dato risultati semplicemente spettacolari, questi paesi partendo da situazioni "medievali" si sono tutti industrializzati nel giro di tre generazioni. E non è un fatto di superiorità genetica, perchè da Marco Polo in poi l'Asia è scivolata costantemente rispetto all'occidente dal punto di vista tecnico, scientifico ed economico e solo cento anni fa in corea, giappone o singapore erano tutti in miseria

    Da dove hanno imparato questo sistema i cinesi, coreani, giapponesi e malesi ? Dalla Germania, prima di Bismark e del Kaiser e poi di Hitler. Spiace ricordarlo, ma l'esperimento economico forse più di successo del secolo è stato quello della germania degli anni '30, che con Schacht sotto Hitler passò dalla depressione al boom quasi istantaneamente e il Giappone imperiale che la imitava (copiavano letteralmente le legislazioni tedesche). Dopo il 1945 il Giappone approfittando del fatto che gli americani non capivano bene cosa facevano perchè sono lontani e ci sono barriere linguistiche e culturali, hanno riapplicato questo sistema "tedesco", rivolgendolo non più all'economia di guerra ma alla conquista dei mercati export del mondo. E poi Corea, Taiwan, Singapore, Cina, Malesia vedendo i loro risultati eccezionali hanno imitato i giapponesi e i risultati si sono visti. Oggi in America ed Europa la maggioranza delle industrie sono sparite o delocalizzate e compriamo solo i loro prodotti

    E' un eccezione alla regola ? Mica tanto, storicamente gli Stati Uniti ad esempio sono stati protezionisti per tutto il XIX secolo, fino agli anni '20 e poi di nuovo negli anni '30. Nel dopoguerra no, ma hanno goduto di una situazione particolare favorevole: avevano eliminato i loro concorrenti o radendoli al suolo (giappone, germania, italia) o facendoli occupare da Stalin (europa dell'est e germania est) o indebitandoli fino alla bancarotta per pagare i debiti di guerra (Impero Brittannico). Quando i loro concorrenti si sono rimessi in sesto e in Asia sono sorti nuovi concorrenti che usavano il modello "germanico" l'America ha cominciato ad accumulare deficit cronici e indebitare la popolazione e per ora reggono grazie al dollaro, ma non sappiamo come andrà a finire

    Se ti guardi intorno nel mondo, se non ti limiti ai soliti discorsi provinciali del caxxo sulla corruzione-casta-sprechi o sul solito confronto con gli USa e basta, se apri gli occhi vedi che il "NAZIONALISMO" e "DIRIGISMO" a livello "MACRO" cioè di moneta, banche e sistema finanziario e politica di export e import FUNZIONA !!!

    (non funziona invece a livello "micro", cioè non funziona dirigere, ispezionare, controllare e multare ogni negozio, artigiano, falegname, professionista, ristorante, albergo, cantiere e piccola e media impresa come facciamo noi e come si faceva nel medioevo)

    Noi avremmo bisogno di leader nazionalisti, tipo DeGaulle, non di servitori che vanno in ginocchio a Bruxelles, Francoforte e New York a implorare di poter finanziare (con soldi nostri) la ricostruzione del terremoto. La Marine LePen fa un discorso nazionale o nazionalista o patriottico, chiamalo come ti pare, ed è quello di cui c'è bisogno invece di flagellarsi sempre.

Ultimi migliori post di GZ