Sudamerica

 

  By: Tuco on Martedì 22 Gennaio 2013 09:56

Roberto, ... scusami: Questo cosa c'entra? Io non appartengo agli ultimi gradini sociali, ma nemmeno ai primi, ma anche se fosse, non cambierebbe la sostanza delle mie affermazioni. Questo invece denota un tuo atteggiamento da "italiano", se un'idea avvantaggia la mia categoria, la promuovo, la spingo, se invece fa del bene al paese in senso generico, me ne frego altamente.

 

  By: lmwillys on Martedì 22 Gennaio 2013 09:53

nell'interminabile diatriba mmt sarebbe il caso che prima del 2060 qualche sostenitore della mmt ci rendesse edotti di come nel concreto applicherebbe l'ideona ... cioè alla maniera argentina fankulando i creditori esteri o .... come ? che ce famo cor debito esistente ? ci vogliamo isolare dal resto del pianeta ?

 

  By: lutrom on Martedì 22 Gennaio 2013 09:53

[Tuco] ...Tornando all'intervento di Moderatore: Vorrei dire che se metti in mano la MMT ad un popolo serio, disciplinato, e di conseguenza con degli amministratori del medesimo livello, è probabile che ne salti fuori qualcosa di buono, almeno fino a quando i principi etici e morali di questo popolo non saltano per aria. Ma se metti in mano la MMT ad un popolo di banditi, ladri, menefreghisti, può succedere solo un disastro ( a discapito dei più deboli ovviamente...). Inutile dire che la MMT in mano ai tedeschi, ai giapponesi, ci potrebbe pure stare, in mano agli italiani ( soprattutto a quelli descritti da Giorgio...) no! ------------------- Infatti, Tuco, giapponesi e tedeschi (questi ultimi con l'euro) si sono fatti la loro bella MMT!!! Il problema è che è vero che il popolo italiano è meno serio del tedesco, e quindi l'Italia vive periodi di crisi dovuti a questo (Mussolini, oggi l'euro, ecc. ecc.): però se una volta la soluzione era eliminare Mussolini, un'altra volta eliminare un'altra cosa, oggi la soluzione è eliminare l'euro: naturalmente, e lo so perfettamente, eliminato l'euro, tra qualche anno, avremo altri problemi causati da questa eliminazione (inflazione molto alta, ecc. ecc.), ma allora si troverà qualche altra soluzione (provvisoria) per continuare a campare; è come se una persona non riesce assolutamente a smettere di fumare: piuttosto che farla crepare subito proveremo a darle qualche medicina, a curare l'alimentazione, a fargli fumare sigarette col filtro anticatrame, ecc. Purtroppo Tuco, il sottoscritto per molte cose (tranne il piacere per la buona tavola e, spero, la simpatia ed il calore umano) è più simile ad un tedesco che ad un italiano medio, e questa per me è una sciagura (faccio la fine del fesso, apprezzato per l'onestà ma che spesso finisce a pane e acqua...), però se voglio continuare a sopravvivere io e la mia famiglia qui in Italia (purtroppo, per una serie di motivi, non posso emigrare...), cercare una soluzione provvisoria (MMT, uscita dall'euro, Beppe Grillo, ecc.) è, PURTROPPO, l'unica... Chiaro??...

 

  By: Roberto964 on Martedì 22 Gennaio 2013 09:48

tuco scrive: <<Ma se metti in mano la MMT ad un popolo di banditi, ladri, menefreghisti, può succedere solo un disastro ( a discapito dei più deboli ovviamente...).>> Immagino che tu sua un appartenente alle classi più deboli, da quello che scrivi. O mi sbaglio?

 

  By: Tuco on Martedì 22 Gennaio 2013 09:37

...Tornando all'intervento di Moderatore: Vorrei dire che se metti in mano la MMT ad un popolo serio, disciplinato, e di conseguenza con degli amministratori del medesimo livello, è probabile che ne salti fuori qualcosa di buono, almeno fino a quando i principi etici e morali di questo popolo non saltano per aria. Ma se metti in mano la MMT ad un popolo di banditi, ladri, menefreghisti, può succedere solo un disastro ( a discapito dei più deboli ovviamente...). Inutile dire che la MMT in mano ai tedeschi, ai giapponesi, ci potrebbe pure stare, in mano agli italiani ( soprattutto a quelli descritti da Giorgio...) no!

 

  By: VincenzoS on Martedì 22 Gennaio 2013 08:23

x Fr@ncesco La JOB GUARANTEE è la stessa cosa, anzi forse andava fatta prima di avere la sanità pubblica e la scuola pubblica, la JOB GUARANTEE era la prima cosa da fare... ----------------------------------- Guarda che la Job Guarantee in Italia di fatto esisteva negli anni '60. A parte che c'erano 300-400 mila ragazzi, i militari di leva, cui lo Stato dava vitto, alloggio e vestiario, portava pure un po' in giro e dava anche un piccolo stipendio, farsi assumere dall Stato per impieghi di basso livello, usciere o bidello e cose simili, era cosa facilissima. Era cosa fatta all'italiana, cioè con la raccomandazione, ma bastava che conoscessi un segretario contabile di terzo livello, mica un dirigente, che la cosa era fatta. Venivano pagati poco, dovevavo lavorare sul serio, i bidelli pensa un po' pulivano le classi al termine delle lezioni, gli uscieri portavano le carte da un ufficio all'altro quando non c'erano e-mail, fax e diavolerie del genere, ma intanto imparavano a lavorare e appena potevano se ne andavano a lavorare nel privato, ben contento di assumere persone che non fossero più solo dei cocchi di mammà. Peccato che poi politici e sindacalisti abbiano pensato di trasformare questi lavori da JG in posti a stipendio pieno trasformando piano piano questa gente in burocrati, sia pur di basso livello, con mansioni inventate lì per lì e che finiscono per bloccare tutto. Non mi sto inventando niente, questo processo l'ho vissuto in prima persona dato che mio padre era un alto dirigente della pubblica amministrazione.

 

  By: TotoTruffa on Martedì 22 Gennaio 2013 00:32

è proprio perchè lasci fare che "la Russia è una grande Napoli". e Napoli, la Calabria la Sicilia si ritrovano con economie SPANATE ed il NORD viene RAPINATO per sostenerle. Quando leggo queste cose ritorno NORDISTA convinto ! e ANARCHICO ... della serie al SUD si FOTTANO se loro sono "una grande Napoli" ... o smuovono il C U L O o Cazzzz Loro. ------------------------------- MA CHI VERSA PIU’ TASSE? - Secondo il consigliere della Regione veneto, Giuseppe Bortolussi non è affatto vero che il Sud affama il Nord. Il suo discorso è stato riportato anche da Maghdi Abo Abia sul portale Giornalettismo.it. Il consigliere Regionale che è stato anche Assessore al Commercio nella giunta Cacciari a Venezia ha dichiarato che “a livello areale la media del Nord è di 10,790 euro, quella del Centro è 9,454 e quella del Sud 5,470 euro”. Detto questo Bortolussi passa a specificare la quantità delle tasse versate: risulta che anche se il Sud produce meno, versa circa tre punti percentuali in più di tasse allo Stato centrale. Il Nord versa in media l’80,2% mentre il Sud versa l’83,2%. L’EVASIONE AL SUD? - I dati riportati dal Presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, indicano che anche se al Sud ci sono tanti evasori, molti più che al Nord, è proprio nelle regioni settentrionali che c’è una quantità di evasione maggiore. Segno che la ricchezza maggiore si trova a Settentrione e che al Sud ci sono solo tanti piccoli poveri evasori. Insomma ci sono tutti i presupposti per dire che non è affatto vero che il Sud affama il nord anzi, per certi versi si potrebbe dire il contrario. IL NORD TRATTIENE I FONDI DESTINATI AL SUD - La Lega pone una domanda giusta. Come mai se un cittadino di milano costa allo Stato 100 euro di spesa pro-capite un cittadino di Scampia ne costa 600 la situazione al Sud non accenna a migliorare? Semplice: i fondi per il Sud sono del Sud solo sulla carta, salvo poi essere dirottati al Nord. Come disse l’On. S. Piccolo nel 2010, dal 2008 il Governo ha “sottratto” al Sud circa 75 miliardi dirottandoli al Nord in quello che fu chiamato “Piano per il Sud” e che doveva prevedere ben 100 miliardi per il Mezzogiorno. Ifondi cominciarono a volare in alto, molto in Aldo e finirono nelle casse delle regioni settentrionali. Si trattava di alcuni residui dei fondi FAS destinati al Sud del Governo 2001-2006 e dei fondi del 2007-2008. Più precisamente quei 75 miliardi corrispondevano a: - Fas Regionali 2007-20013 per un totale di 19,4 miliardi. - 15 miliardi dei residui dei fondi FAS del governo 2001-2006; - 40 miliardi di fondi strutturali stanziati per il Sud durante il Governo 2007-2013. Il tutto ammonta a ben 75 miliardi. E chi c’era al Governo in quegli anni? Proprio il centro-destra. Si, erano loro i “dirottatori”: Lega Nord, Forza Italia, AN e PDL.

 

  By: Fr@ncesco on Martedì 22 Gennaio 2013 00:32

L'introduzione in Italia della JOB GUARANTEE, oltre a essere ben fondata dal punto di vista economico, E' UNA BATTAGLIA DI CIVILTA'. Voi fate lo stesso ragionamento che si farebbe per la sanità pubblica, o per la scuola pubblica... le quali avranno ambedue tantissimi difetti però ci sono e sono state ambedue conquiste sociali... La JOB GUARANTEE è la stessa cosa, anzi forse andava fatta prima di avere la sanità pubblica e la scuola pubblica, la JOB GUARANTEE era la prima cosa da fare... è indecente pensare che nel ventunesimo secolo basterebbe tra l'1,5% e il 3% del PIL per eliminare il fenomeno della disoccupazione e si continua a fare i micragnosi dicendo che l'Italia non è preparata... in realtà, finché la JOB GUARANTEE non diverrà una misura permanente e irreversibile, qualunque conquista sociale sarà sempre in pericolo e non potrà mai considerarsi come definitivamente acquisita.

 

  By: mb on Martedì 22 Gennaio 2013 00:09

Complimenti al moderatore. è proprio quello che speravo di sentire ed è in larga parte ciò che penso anch'io(a parte i compliments a giannino... uno che si veste da paperon de paperoni nel 2013 non può essere una brava persona)

 

  By: lutrom on Lunedì 21 Gennaio 2013 23:46

In Italia non è auspicabile una misura del genere per ragioni storiche e culturali è molto meglio invece concentrarsi sulla riduzione delle tasse finanziandole con la stampa di moneta visto che siamo uno dei paesi con la più alta tassazione. -------------- E' vero, l'italiano non è lo svedese o il danese: l'italiano è individualista e tende spesso ad approfittare del bene pubblico; la strada giusta è quella della riduzione drastica, fortissima di tasse e burocrazia, così l'italiano utilizza al meglio il suo individualismo (ma deve lavorare appunto in proprio) e, poi, si spera, ne verrà un po' anche di bene per collettività...

 

  By: TotoTruffa on Lunedì 21 Gennaio 2013 23:39

Detto in altri termini, non è vero che la JOB GUARANTEE sia uno spreco di risorse, anzi con essa si risparmiano un casino di soldi. ------------------------- In Italia non è auspicabile una misura del genere per ragioni storiche e culturali è molto meglio invece concentrarsi sulla riduzione delle tasse finanziandole con la stampa di moneta visto che siamo uno dei paesi con la più alta tassazione.

 

  By: blackswan on Lunedì 21 Gennaio 2013 23:32

Lutrom, concordo in pieno! (serio) Né bianco né nero, ma bianconero ;-)

 

  By: lutrom on Lunedì 21 Gennaio 2013 23:24

[Gano] O'icché si parla, ancora di Berlusconi? ---------- Sinceramente il mio intento non era assolutamente questo, però poi, appena scritta la cosa, mi sono subito reso conto che uno pensava a quello...

 

  By: Fr@ncesco on Lunedì 21 Gennaio 2013 23:22

[Moderatore] volendo semplificare al massimo l'Argentina con la Kirchner ha applicato la MMT se vuoi al modo in cui Barnard -------- In Argentina hanno fatto come c'è scritto nel programma di Beppe Grillo: REDDITO DI CITTADINANZA. Ma si capisce qual'è la differenza tra REDDITO DI CITTADINANZA e JOB GUARANTEE (=GARANZIA DI ASSUNZIONE, presente invece nel PROGRAMMA ME-MMT)? Il REDDITO DI CITTADINANZA è una misura intrinsecamente inflativa, la JOB GUARANTEE non lo è. Trucco e Zibordi persistono nel ritenere che la JOB GUARANTEE sia una specie di sistema per creare un megacarrozzone pubblico degno dell'Unione Sovietica, in realtà è semplicemente un sistema di stabilizzazione automatico dell'economia che ti costa un decimo rispetto al pompare moneta nel settore privato sino a raggiungere la massima occupazione. Detto in altri termini, non è vero che la JOB GUARANTEE sia uno spreco di risorse, anzi con essa si risparmiano un casino di soldi.

 

  By: Gano* on Lunedì 21 Gennaio 2013 23:15

[Lutrom] quello è il demonio, il male assoluto... ------------------------------------------------------------------------------------- O'icché si parla, ancora di Berlusconi?