S&P Dax Mib.. trading

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: traderosca on Domenica 04 Giugno 2017 16:20

Bull,prova ad avere problemi seri con l'azienda e la banca ti chiude il fido e chiede il rientro e poi vedrai che fine fai,altro che cassazione,

ma in che mondo vivi..........

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: antitrader on Domenica 04 Giugno 2017 16:03

In ogni caso l'europa chiede solo che i privati si accollini l'ultima perdita di 1,1 miliardi prima di acconsentire a buttarci dentro i soldi di pantalone.

La chiamano ricapitalizzazione precauzionale (6,5 miliardi), precauzionale sta ming.... visto che han gia' polverizzato i 5 miliardi del fondo Atlante (quello che aveva promesso ai sottoscrittori un rendimento del 8%/anno).

Tra le altre cose, tutta questi soldi statali che vanno nel debito pubblico senza passare attraverso il deficit portano a una conseguenza molto bizzarra: l'Italia ha, attualmente, uno dei deficit piu' bassi in Europa, pero' il debito galoppa piu' di prima, ultimo dato 2260 miliardi (con diminuzione anche delle disponibilita' di cassa), praticamente Padoan e' fallito.

 

 

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: antitrader on Domenica 04 Giugno 2017 15:41

Stock: 3.875 CS 17 EMTN - CREDIT

Viola faceva riferimento alle conseguenze della liquidazione coatta mentre si parlava di bail in per un motivo molto semplice: nel caso delle due banche gia' pesantemente decotte la belinatura dei malcapitati porta come conseguenza inevitabile anche la liquidazione delle banche.

Quando poi scendono in campo commissari, liquidatori, curatori fallimentari etc.. la stella polare diventa la "protezione" dei creditori, in realta' inizia lo spolpaggio definitivo dell'azienda a furia di parcelle, perizie, pareri, contenziosi eterni e altre amenita'.

Per chi e' indebitato in qualsiasi forma con le due banche (escluso i mutui probabilmente) si prospetta una via crucis per quelli che non hanno un merito creditizio tale da poter trasferire agevolmente le posizioni debitorie presso altre banche.

Qualora ti ritrovi a doverti muovere in punto di diritto sei gia' bel che fritto, da quel punto di vista i commissari sono iperprotetti e, anche qualora riesci a spuntarla, sei gia' saltato per aria e ottenere risarcimenti da una societa' di fatto fallita e' come vincere al casino'.

 

 

 

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 15:19

Si caro, una liquidazione coatta dura due giorni vero? Sul bail in ho riportato i passi piu' significativi, gli articoli della normativa. Parlano di CESSIONE A TERZI DEGLI ATTIVI (solitamente questa cessione avviene con accordi e trattative che durano qualche minuto vero?...si parla di mantenere la GESTIONE ESSENZIALE DELL'ISTITUTO...

Viola ha sparato quelle parole per mettere paura, dai.

 

 


 Last edited by: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 15:24, edited 2 times in total.

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: gianlini on Domenica 04 Giugno 2017 15:10

Bull, però bisogna dire una cosa. Qui non stiamo parlando di una operatività normale di una banca.

Stiamo parlando del liquidatore degli asset in presenza di bail-in.

Il soggetto che poi dovrebbe risarcire chi è?

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 13:34

ANCORA, TESTE VUOTE. LEGGETE CON ATTENZIONE...SI PARLA DI REGOLARITA' NELLO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA'.....PRIMA DI PARLARE MEDITATE...

 

3. Dato certo rimane, al di là di tale prospettazione, che il diritto di recesso della banca, pur nella manifestazione della più ampia autonomia contrattuale delle parti, non possa essere abusivamente esercitato, dovendo sempre «rispettarsi il fondamentale e inderogabile principio secondo il quale il contratto deve essere eseguito secondo buona fede (art. 1375 c.c.). Alla stregua di tale principio non può escludersi che, anche se pattiziamente consentito in difetto di giusta causa, il recesso di una banca dal rapporto di apertura di credito sia da considerare illegittimo, ove in concreto esso assuma connotati del tutti imprevisti ed arbitrari; connotati tali, cioè, da contrastare con la ragionevole aspettativa di chi, in base ai comportamenti usualmente tenuti dalla banca ed all’assoluta normalità commerciale dei rapporti in atto, abbia fatto conto di poter disporre della provvista creditizia per il tempo previsto e non potrebbe perciò pretendersi sia pronto in qualsiasi momento alla restituzione delle somme utilizzate, se non a patto di svuotare le ragioni stesse per le quali un’apertura di credito viene normalmente convenuta»7.

La questione è, per i rapporti a tempo indeterminato, piuttosto elementare: se l’intermediario decide di recedere, deve fornire al cliente un idoneo preavviso, salvo qualora sussista una giusta causa.

 

 

http://www.dirittobancario.it/spunti-dall-abf/contratti-bancari/recesso-abusivo-contratto-apertura-di-credito

L’idoneità del preavviso – da intendersi non come termine finale per la restituzione delle somme, ma come periodo interinale di svolgimento del contratto8 – si sostanzia, innanzitutto, nella chiara indicazione della volontà di recedere, non implicitamente desumibile da comunicazioni indicanti la necessità di un «contatto»; ai fini della tutela del cliente è necessaria, in conformità alla disciplina inderogabile delle norme di trasparenza, la forma scritta di tale dichiarazione (contrariamente a quanto previsto dalla clausola «fido fino a revoca»). Ad assumere particolare rilievo è, inoltre, la durata del preavviso: lungi dal poter essere individuata in maniera standard, il preavviso è da considerarsi idoneo – e quindi legittimo – qualora la banca consenta al cliente «di continuare a operare sul conto corrente (nonostante l’avvenuta comunicazione del preavviso) per un lasso temporale sufficiente a consentirgli di ricercare un’altra controparte contrattuale e a evitare eccessive difficoltà nello svolgimento dell’attività imprenditoriale dello stesso»9, nonché «con una tempistica idonea a consentire al cliente stesso il reperimento della provvista per il saldo del conto»10. Del tutto arbitrario è, quindi, da considerarsi il recesso effettuato con modalità tali da rendere il cliente edotto della chiusura del conto corrente in data successiva a quella in cui gli effetti dello stesso si sono prodotti11. Nel rispetto delle suindicate condizioni (espressa e tempestiva comunicazione) la banca non avrà, evidentemente, alcun obbligo di motivazione nei confronti del cliente: il recesso può rappresentare la naturale conseguenza di una complessiva valutazione del merito creditizio che gli intermediari sono tenuti a effettuare12.

 

 


 Last edited by: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 14:25, edited 4 times in total.

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 13:21

NOTARE, PARI PARI QUELLO CHE VI AVEVO DETTO...e si che sono anni che scrivo...vi dico che lo borse vanno su e vanno su...vi dico che le borse vanno giu' e vanno giu', vi dico che la norma, il principio giuridico questo e quell'altro e voi me lo contestate e poi vi incollo estratti di normative, sentenze, etc...

Francamente oramai dovreste darmi del VOI  e ringraziare della beneficienza che faccio ad elargire la mia sapienza sulle votre povere teste vuote

 

 

E CON QUESTO CHIUDIAMO DEFINITIVAMENTE IL DISCORSO CON QUESTI SOMARI DI DIRITTO BANCARI...SANTA BIBBIA INCLUSA.  

  By: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 13:19

Nella specie tuttavia il rapporto controverso era stato stipulato senza l’apposizione di una
scadenza (il relativo campo nel modulo contrattuale risulta infatti lasciato in bianco), il che
induce inevitabilmente a qualificare il rapporto siccome stipulato a tempo indeterminato,
con che la facoltà di recesso deve comunque ritenersi lecitamente pattuita, posto che in tal
Decisione N. 1468 del 13 luglio 2011
Pag. 5/5
caso il 3° comma della norma citata rimette alla libera negoziazione delle parti la
pattuizione del termine di preavviso.
Del resto, come già affermato da questo Collegio (pronuncia 421/2010) il recesso di una
banca da un affidamento precedentemente accordato costituisce l’effetto di una
valutazione costante del merito del credito che gli intermediari debbono effettuare. Sicché
la banca che decida di porre termine al rapporto agisce nell’ambito di un proprio dirittodovere.
L’esercizio di tale diritto, avvenuto nel rispetto delle formalità (lettera raccomandata)
prescritte dal contratto, non esaurisce tuttavia l’oggetto del contendere. E’ infatti principio
ricevuto in giurisprudenza, vuoi in via generale vuoi con specifico riferimento alla materia
oggetto di lite, che il recesso dal rapporto non possa avvenire in termini arbitrari, imprevisti
o repentini, con ciò esprimendo una condotta esecutiva del contratto improntata a mala
fede e in spregio alle norme poste a presidio della correttezza comportamentale dei
contraenti (art. 1175 e 1375 c.c.)

 

 


 Last edited by: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 14:24, edited 1 time in total.

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 13:05

ahhhhhhh dio, guarda che quel pezzo era tratto da un sito di una societa' esperta di banche? certo che te lo revocano quando vogliono...ma il comportamento se non segue (come spesso succede) la legge ti da diritto al risarcimento testolina vuota!.

 

 

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: traderosca on Domenica 04 Giugno 2017 12:58

Bullfin (asnò)

la banca può revocare in modo unilaterale in qualsiasi momento il fido concesso(i motivi vedrai che li trova) previo preavviso di un giorno

se il contratto di fido ha scadenza indeterminata e 15 giorni di preavviso con scadenza.

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 12:35

I giudici della Cassazione hanno infatti deciso che se la revoca del fido è fatta in modo unilaterale, in modo arbitrario e senza che ci siano state precedentemente avvisi o comunicazioni al cliente la revoca è illegittima.

 

Da cio' se ne deduce che una procedura che ovviamente non dura un giorno ma settimane e mesi non possono lasciarti con le braghe di tela...Santa Bibbia (oltre a vergognarsi ad usare un termine così perchè non ne è degno visto che alberga in lei un infimo atteggiamento verso gli altri) impari che non è mai tardi e se vuole le do anche qualche lezione a pagamento su come si muovono i mercati visto che Lei è un INCOMPETENTE CRONICO!!!...

 

 


 Last edited by: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 12:37, edited 1 time in total.

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 12:20

Gianlini a meno che tu non sia con le pezze al culo, ma a quel punto poco cambia, tranquillo che un'impresa che è solvibile le banche nuove se la contendono

 

 

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: traderosca on Domenica 04 Giugno 2017 12:12

"Oscar, fra 2/3 generazioni gli italiani saranno tutti abbronzati"

 

Tuco,che ci puoi fare,è la trasformazione della specie,anche se nel passato qualcuno ha tentato di consevare la pura razza indigena,ma

con scarsi risultati.Nel frattempo godi lo stato soave tra dipendenti dello stato,ricchi pensionati,manager,ricchi politici,ladri,nani e ballerine........

Però,nel doman non c'è certezza,ai posteri l'ardua sentenza.

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: gianlini on Domenica 04 Giugno 2017 12:11

Bull, mi sembra che il termine indicato per legge sia di 15 gg. Non è il giorno dopo, ma 15 gg sono pochissimi.

Dubito che in 15 gg tu riesca a sostituire un fido. soprattutto,se non sei un caso isolato, ma di improvviso tutti i clienti di una banca si trovano nella stessa situazione

 

 

Re: S&P Dax Mib.. trading  

  By: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 12:09

ahhhhhhh vai da un'avvocato chiedili le sentenze in merito...ne avevo letto due tre anni fa piu' di una...

Poi quello che mi da fastidio è la tracottanza di quello che schifosamente crea un nickname fondendo il nome di Holy Bible che lui è talmente marcio dentro che è una bestemmia che usi tali nomi per fare il suo nickname, che cerca di farti passare per coglione, quando chiaramente sull'articolo si parla di BAIL IN e fa una miscela tra bail in e liquidazione coatta amministrativa che semmai è stato Anti ad ingenerare tale confusione.

Ovunque si parla di Bail IN.

Lo sa anche mio nonno che i fidi sono A REVOCA ma la giurisprudenza e l'arbitrato DICONO che non puoi di punto in bianco segarli i soldi perchè serarebbe contro la correttezza contrattuale.

 

 

 


 Last edited by: Bullfin on Domenica 04 Giugno 2017 12:14, edited 1 time in total.