S&P Dax Mib.. trading

 

  By: traderosca on Venerdì 10 Aprile 2015 23:37

Evgeny Kissin grande talento....

 

  By: traderosca on Venerdì 10 Aprile 2015 23:29

"Spettacolo Oscar!!! la musica è per sempre !!! e forse ci salverà!!" Ciaooo carissimo Alfa,dove sei sparito? non penso che ci salveranno l'arte e la musica,sono diventate peggio dei mercati finanziari....si vive di ricordi e di storia......

 

  By: Roger on Venerdì 10 Aprile 2015 23:13

^Evgeny Kissin - Rachmaninov Piano Concerto No. 2 #https://www.youtube.com/watch?v=leXt4ilaPdA^

 

  By: ALFABETO on Venerdì 10 Aprile 2015 22:23

spettacolo Oscar!!! la musica è per sempre !!! e forse ci salverà!!

 

  By: traderosca on Venerdì 10 Aprile 2015 22:11

Shabib,ti sei dimenticato del grande Igor Stravinsky storico https://www.youtube.com/watch?v=mUwdyN27TWI

 

  By: traderosca on Venerdì 10 Aprile 2015 21:03

Ciao Defil,cresta de la ola!!!

 

  By: defilstrok on Venerdì 10 Aprile 2015 19:46

Gian, a volte sono un po' sconcertato. Stai ribattendomi come se fossi short da una vita, quando invece bene o male ho seguito questo rialzo fin qui. Se devo essere sincero, invece, mi preoccupa vederti difendere a spada tratta l'operato di Draghi ora che siamo quassù. Per le stesse argomentazioni avresti dovuto comprare Nikkei a palla, dopo che c'eri stato dentro non so quanto tempo. Okkio a fidarsi troppo: a parte il fatto che ora si stanno tirando fuori tutti (e non più i soliti Robertson o Faber, ci sono anche rialzisti storici), Draghi c'ha una faccia da volpe.... Io comunque il grafico del Cac40 l'ho postato ieri e oggi ho cominciato a prendere posizioni short: lì e sul Nasdaq. Poca roba. Per il resto flat. Perchè se si decidono a scendere lo faranno con un bel gappone in modo che non li segua nessuno. Poi, chi vivrà vedrà ¡Que tengais un buen fin de semana!

 

  By: gianlini on Venerdì 10 Aprile 2015 19:34

Defil Draghi ha fatto quello che fanno gli staffettisti campioni del mondo...ritardare fino all'ultimo il passaggio del testimone per sfruttare fino in fondo la corsa del precedente ed essere già in piena velocità al momento di afferrarlo Farlo 3 mesi o 6 mesi prima avrebbe voluto dire buttar via 3 o 6 mesi...così invece ha fatto una cosa perfetta Io sono ammirato per la bravura dimostrata

 

  By: defilstrok on Venerdì 10 Aprile 2015 19:30

Gian, che ci sia una staffetta USA-Giappone-UE non c'è dubbio, ma i tempi? Perché Draghi ha aspettato 6 (sei) anni per il QE, e l'ha annunciato a gennaio (il giorno prima delle elezioni in Grecia) per farlo partire a marzo (quando iniziavano le scadenze dei debiti greci)? Questo, quantomeno, è u po' sospetto. Eppoi non ho urlato: andate short! Ho detto soltanto che i pensieri scritti sotto stanno alimentando da qualche giorno dei sospetti su cui trovo giusto si debba riflettere per non trovarsi del tutto impreparati ad un'eventualità che, giorno per giorno, mi pare sempre meno peregrina

 

  By: Roger on Venerdì 10 Aprile 2015 19:29

Pensare che il QE sia sufficiente a contenere la discesa è, a mio avviso, miope. Se non altro perché da quassù in alto, tutti, ma proprio tutti, e ancor più i critici all'euro (UK in testa, ma anche gli USA) comincerebbero a tirare delle palate sui listini da -5% al giorno, quel tanto che basta per riportare quelli europei dove si trovavano ad inizio anno. ------------------------------------------------------------------------------------------ #F_START# size=3 color=blue face=TimesNewRoman #F_MID#Non è affatto miope, è la pura realtà. Senza QE l'uscita della Grecia avrebbe causato un crollo epocale degli indici e la probabile distruzione dell'Euro Ora no, gli acquisti sui titoli di stato da parte della BCE metteranno al riparo dalla speculazione al ribasso, le banche dei paesi periferici Se dovesse accadere realmente che la Grecia viene sbattuta fuori dall'Euro ora, forse le tempistiche di realizzazione del QE Europeo non sono state casuali... I critici dell'Euro non contano un kazzo, e ora men che meno Ripeto, le implicazioni potrebbero essere solo di politica internazionale Ciò non toglie che una bella correzione fisiologica del 10% è quello che mi attendo entro i prossimi due mesi Il crollo del -30/-40% avverrà a mio avviso solo nel caso di una doppia recessione in USA e resto del mondo, cosa del tutto possibile e anzi probabile ma nel 2017#F_END#

 

  By: gianlini on Venerdì 10 Aprile 2015 19:19

Defil, fai considerazioni sempre acute e apprezzabili ma secondo me sei tinto un po' troppo dal tifo primo: a fallire sarebbe la Grecia (dopo 6 anni di tentativi, ecc.ecc.) e non la UEM, che anzi perderebbe forse il pezzo più eterogeneo nel suo panorama e ne uscirebbe rafforzata; in più avrebbero ragione e scusa per rafforzare l'omogeneizzazione fra le varie entità europee residue, per evitare una seconda Grecia più avanti secondo: il QE non è stato pensato in funzione pro-euro ma è partito dall'America passando poi al Giappone per finire con l'Europa...sono stati molto intelligenti, agendo di concerto e facendo emergere un nuovo staffettista ogni volta che il precedente sarebbe stato troppo logoro per riproporre la stessa strategia; al momento il gioco sembra aver prodotto più vantaggi che svantaggi, (non parlo ovviamente di noi stolti trader che siamo andati short), e si inizia a vedere dell'autosostentamento dell'economia in US e altrove nel mondo, per cui forse è davvero possibile che si esca poi gradualmente facendo ripartire l'inflazione gradualmente e senza più QE significativi

 

  By: defilstrok on Venerdì 10 Aprile 2015 18:55

@ Roger: alle considerazioni fatte prima ne aggiungo un'altra: l'abbandono dell'UEM da parte della Grecia sarebbe lo stigma di un fallimento politico (sei anni di austerity inflitta inutilmente) e geo-politico (il fallimento dell'aggregato €uropeo attorno alla mon€ta unica senza aver aggregato il resto). Pensare che il QE sia sufficiente a contenere la discesa è, a mio avviso, miope. Se non altro perché da quassù in alto, tutti, ma proprio tutti, e ancor più i critici all'euro (UK in testa, ma anche gli USA) comincerebbero a tirare delle palate sui listini da -5% al giorno, quel tanto che basta per riportare quelli europei dove si trovavano ad inizio anno.

 

  By: NINU on Venerdì 10 Aprile 2015 18:49

GIANLINI SI LAMENTA CHE AI VECCHI TEMPI, BLA BLA… CHISSA’ SE AI VECCHI TEMPI QUALCUNO AVEVA SCRITTO DI SPERIMENTAZIONI CIRCA LA POSSIBILITA’ DI TROVARE LA LEGGE SEGRETA DEI VASI COMUNICANTI NEL FOREX. IO LO STO FACENDO E SEMBRA CHE CI SIA. GB X LA CLASSICA CONCORDO MA NON CON OSCARAO X WARREN QUELLA GIUSTA È L’ORO DEL RENO. GB

 

  By: Roger on Venerdì 10 Aprile 2015 18:42

#F_START# size=3 color=black face=SansSerif #F_MID#Considerazioni interessanti, peccato che non ci sarebbe momento migliore per fare uscire la Grecia.... Con il quantitative easing a tutto spiano, non ci dovrebbero essere particolari ripercussioni Piuttosto ci sono implicazioni politiche qualora la Russia si facesse avanti per il salvataggio e avere in cambio uno sbocco sul mediterraneo.... Gli USA non starebbero a guardare In ogni caso il Dax è salito come al solito sulla debolezza dell'Euro che ha perso 4 figure in 3 giorni#F_END#

 

  By: defilstrok on Venerdì 10 Aprile 2015 18:29

Questa sovraperformance del Dax (oltreché del Bund) puzza di bruciato. Mai visto in 30 anni il Dax fare +2% mentre - contemporaneamente - altri indici scendono. Passano i giorni e mi convinco sempre più che Draghi ha lanciato il QE solo per preparare il terreno all'uscita della Grecia dall'UEM e al contestuale collasso dei mercati. Adesso ha le mani libere per intervenire pesantemente quando i mercati collasseranno. Le stesse salite degli indici, fatte in tutta fretta, velocissime, puzzano di reversal cash&carry. I continui breaks delle piattaforme e dei mercati di mezzo mondo, avrebbero senso in un mercato che piomba del 5% al giorno; non con gli indici che continuano a salire. Oggi il Times parlava di un piano già pronto per favorire l'uscita della Grecia entro il 24 aprile. Io penso che potrebbe invece succedere in qualsiasi momento, anche questo week-end. Altro che UEM! Il fatto che la Grecia si sia rivolta a chiedere aiuto a un paese non appartenete all'UEM dichiaratosi disponibile ad aiutarla, e che questo paese sia la Russia, cioé lo stesso paese contro cui è stato votato l'embargo, a cui è stato stracciato l'accordo Southstream, e peraltro penalizzato dai numerosi e corposi conti tenuti nelle banche cipriote, se non un ammutinamento è comunque un atto di unilaterale distacco dalla politica estera dell'UE. Per me l'euro è morto questa settimana. L'uscita della Grecia non farà altro che stigmatizzarne la morte. E se nel frattempo Tsipras e Varoufakis hanno pagato per prendersi il tempo di stampare dracme nottetempo, be' chapeau!