Se l'epidemia di SARS viene fermata ....

 

  By: Paolo Gavelli on Giovedì 24 Aprile 2003 19:58

Grande Allucinato, ;-) devo avere anch'io le allucinazioni, ma se questa non è aria di tempesta, non so cosa sia 2ali

 

  By: michelino di notredame on Martedì 22 Aprile 2003 22:37

era un'intervista a van Langenberg, infettivologo del Canossa Hospital di Hong Kong (Repubblica di domenica scorsa). copio 2 battute... - Professore, si dice che il virus della Sars potrebbe seguire lo stesso percorso dei ricorrenti virus influenzali i quali, periodicamente, nascono in queste regioni, si "spengono" durante la stagione calda per poi riapparire in Europa l'inverno successivo. Crede che esista questo rischio? - "Purtroppo sì. Il rischio di ritrovare la Sars in Italia e in Europa nel prossimo inverno resta purtroppo, una probabilita' reale. Bisognera' che in Europa stiano molto, molto attenti quando arrivera' la prossima stagione influenzale." dopodiche', caro leonardo, che io ne capisca poco di mercati, quello e' sicuro. e che di malattie infettive capisca ancor meno, ancor piu' sicuro. ma che importa? si spera che lo stesso Van Langerberg, quando parla di Sars, non sappia quello che dice.

 

  By: leonardo70 on Martedì 22 Aprile 2003 20:16

Stock: China Fund

" ... per cui dovrebbe funzionare come le influenze: esplosione asiatica, silenzio estivo e ondata invernale in europa. mutante perche' i vaccini servono a poco, tu fai il vaccino e dopo un po' non serve piu'. in fin dei conti e' la storia della peste medievale..." ------------------------------------------------------------------- Grande michelino! Dopo le tue allucinate analisi dei mercati, è bello scoprire che sei esperto anche di epidemie... Speriamo solo che ne capisca come di borsa...

 

  By: Paolo Gavelli on Martedì 22 Aprile 2003 19:49

Per il momento non c'è vaccino nè cure specifiche, quindi inutile guardare ai titoli farmaceutici. Direi di cercare titoli che facciano trattamenti igienizzanti e sepolture. Allego il grafico di chn (fondo cinese) che oggi fa -4.5 2ali

 

  By: michelino di notredame on Martedì 22 Aprile 2003 19:40

ho appena scritto peste, vado su cnn e trovo questa storia di Tacoma Washington, botulino e plague. e sempre di piu' la modernita' mi sembra una marcia (trionfante) all'indietro...

 

  By: michelino di notredame on Martedì 22 Aprile 2003 19:35

"...qui si parla di un virus che potrebbe fare il giro del mondo in 3 mesi..." ----------------------------------------------- io leggo che gli esperti la descrivono un po' come un'influenza mutante. per cui dovrebbe funzionare come le influenze: esplosione asiatica, silenzio estivo e ondata invernale in europa. mutante perche' i vaccini servono a poco, tu fai il vaccino e dopo un po' non serve piu'. in fin dei conti e' la storia della peste medievale, che arrivo' in europa nascosta nelle sentine delle navi genovesi e veneziane che trafficavano col levante. poi esplodeva, spariva e ricompariva, e alla fine dovevi conviverci, diventava un male endemico eccetera.

 

  By: Paolo Gavelli on Martedì 22 Aprile 2003 14:54

tanto per fare un po' di scaramanzia: come si fa a trovare i titoli che offrono servizi mortuari? tanti post or sono, qcn ne aveva parlato; potrebbero tornare di moda 2ali

 

  By: Moderatore on Mercoledì 09 Aprile 2003 19:49

FMI: VIRUS SARS METTE A RISCHIO ECONOMIA IN DIVERSI PAESI - ROMA, 9 APR - Il virus Sars ''mette a rischio l'attivita' in diversi paesi''. L'allarme arriva dal Fondo monetario internazionale con riferimento particolare alle economie di Indonesia, Malesia, Filippine e Thailandia. la domanda interna e' generalmente forte, ricorda il Fmi, ma in molti paesi non e' cosi' robusta da reggere da sola una ripresa dell'economia anche perche' la regione del Sudest asiatico continua a mantenere con il resto del mondo un levato surplus commerciale. Tuttavia, secondo gli esperti economici di Washington, le aspettative di crescita in Cina restano solide anche nel 2003 nonostante il recente calo dell'industria legata all'information technology.

 

  By: Paolo Gavelli on Mercoledì 09 Aprile 2003 19:30

Sarò inutilmente catastrofista, ma una malattia estremamente contagiosa che assicura un 4% di decessi e che a tuttoggi è del tutto misteriosa, sia per quanto riguarda i veicoli del contagio, sia gli agenti patogeni, mi pare che abbia forti possibilità di scombussolare non poco il nostro futuro. La parola chiave è: "altamente contagiosa". Qui non si parla di aids (bassa possibilità di contagio), qui si parla di un virus che potrebbe fare il giro del mondo in tre mesi. brrrrr 2ali

 

  By: michelino di notredame on Martedì 08 Aprile 2003 15:46

Stock: STM

ci metterei anche STM. titolo asiatico legato alle tristi vicende anche lui. gran ribassamento di stime sui semis. in + ha buttato fuori un warning personalizzato 2 giorni fa. ecco, qui c'e' da comprare il warning. poi si noti che da 11 a 26 circa fa 15 euro. e ne ha ritracciati giusti giusti il 63%. mi sembra perfetto.

 

  By: GZ on Martedì 08 Aprile 2003 15:21

??!!! Per quanto riguarda il SARS sono morte un centinaio di persone nel mondo non per colpa mia, ma soprattutto perchè il governo cinese lo ha tenuto nascosto per mesi. Posso scrivere anche io qualche cosa per esprimere i miei sentimenti riguardo alle vittime oppure alle responsabilità delle autorità, ma è una vicenda molto ovvia e non aggiungerei niente. Abbiamo copiato un pezzo di breakingviews invece che diceva che l'epidemia è probabilmente al massimo ora e quindi dal punto di vista dei mercati non è più un sell e mi sembra interessante visto che bene o male qui dovrei parlare di borsa. Su questa linea possono ogni tanto dire qualcosa di leggero. Ma anche se scherzavo credo che ci sia un fondo di vero in quello che ho scritto e cioè che la corea del nord è stato solo un bluff e che le autorità cinesi stiano manipolando questa vicenda. Sulla guerra in iraq a occhio e croce metà dei commenti che ho letto anche su questo forum erano del genere pettegolezzi, battute, frecciate, lazzi e simili e io ho scritto una dozzina di cose di tono serio (forse anche troppe) Che le vicende come guerre e epidemie abbiano un riflesso sui mercati e siano spesso occasioni di acquisto è un fatto noto e non c'è bisogno ogni volta che lo si fa notare di scusarsi.

 

  By: Luigi Luccarini on Martedì 08 Aprile 2003 14:34

Ma a lei il fatto che la gente muoia scatena sempre questo irresistibile impeto di ilarità?

 

  By: GZ on Martedì 08 Aprile 2003 13:45

lo fanno per comprare più in basso combinando il Sars con l'Iraq con la Corea si è data una bella compressione quando hanno finito di fare il pieno poi annunciano l'antidoto del Sars e la Corea dice che ha solo scherzato

 

  By: DOTT JOSE on Martedì 08 Aprile 2003 12:51

CMQ questi comunisti continuano a fare dannia nche dopo la caduta delmuro...in Cina hanno taciuto sull epidemia.in nord corea tirano missili versoil giappone... e in russia lasciano scorie nucleari incustodite e che vengono rubate..

Se l'epidemia di SARS viene fermata .... - gz  

  By: GZ on Lunedì 07 Aprile 2003 21:27

qualìè il settore più colpito in assoluto dal a) terrorismo-guerra in iraq e i suoi effetti sul trasporto, b) più il rialzo del prezzo del petrolio c) più l'epidemia di SARS in Asia ? LE LINEE AREE ASIATICHE che sono state massacrate su tutti e tre questi fronti Se tutta la paura della guerra e del terrorismo che avrebbe dovuto essere alimentato da quest'ultima si rivela eccessiva, il petrolio scende a 22-24 dollari e l'epidemia di SARS viene fermata questi sì che sono titoli con un potenziale ------------------------------ Author: Christopher Wood ---------------------------- Don't be afraid of Sars Greed: By Christopher Wood The scourge of severe acute respiratory syndrome (Sars) has been making more headlines over the past week, regionally and globally. Hong Kong's propensity for panic, the natural consequence of its splendid tradition of rampant individualism is being put to the test, while representatives of Asian stock broking firms are apparently increasingly unwelcome on US roadshows. The mask-wearing panic is as understandable as the empty planes are welcome from the passenger perspective. GREED & fear remains of the view that the evidence suggests the virus is passed primarily by physical contact. The vast majority of those infected in Hong Kong are healthcare workers or the residents of one particular residential block in Amoy Gardens in Kowloon, where there appears to be a sewerage problem. Out of the 734 infected persons in Hong Kong, as of 3 April, 242 live in Amoy Gardens and another 177 are healthcare workers and medical students. Moreover, about two-thirds of the new cases admitted in the past week, excluding healthcare workers, were from Amoy Gardens. If the virus was easily transmittable by air it would surely have spread like wildfire in Hong Kong given the incredibly crowded conditions in which people live, work and travel. Indeed GREED & fear cannot imagine a worse possible place for an epidemic than Hong Kong, with the possible exception of Manhattan. The biggest risk for Hong Kong is the continuing spread of the virus from southern China, since at the end of the day Hong Kong cannot really control this without the mainland's cooperation. This returns attention to the subject of the original cause of the whole problem, namely China's failure to react more proactively to the spreading illness and, worse, the resulting cover-up. On that point there is now clear evidence that the ruling cadres have finally woken up to the reality that Sars has been a public-relations disaster for the mainland. It was reported yesterday from Shanghai that China has at last decided to cooperate with the World Health Organisation by allowing a WHO team into Guangdong. This must be bullish for the more effective containment of the spreading virus, as well as a greater understanding of the virus itself. Meanwhile, GREED & fear has heard an interesting theory about the tendency for southern China to have been the epicentre for most pandemic influenza viruses in recent history. So called "aquatic birds", such as ducks, are apparently the initial hosts of the flu virus but they cannot transmit the illness directly to humans. Pigs, however, can pick up the flu from birds and then serve as a "genetic mixing bowl" for the virus, producing a form of the bug that is communicable to humans. China is the world's largest hog producer but it is a homespun business with an estimated 80% raised by farmers who have no more than four pigs each. Sars is therefore a reminder that there is another reality of "modern" China aside from the neon and glitz of Shanghai. There is also another point. The traditional defensive response of the PRC is simply incompatible with the party's ambition to promote China's growing role in the global economy, as reflected in its WTO membership. It will be interesting to see how these tensions are reconciled in coming years, though GREED & fear's believes the reactionary forces in Beijing will continue to be increasingly on the defensive. Meanwhile, those who believe the above on Sars should buy the obvious high-beta stocks in Asia, which have been hardest hit by the virus in terms of its undoubted severe impact on tourism and the like. And for Asian airlines there would be a double whammy if good news on Iraq brings the price of oil down sharply. But Asian stocks in general, being low beta, will continue to underperform in Wall Street's present bear-market rally.