Chi crea oggi il denaro ?

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: Bullfin on Lunedì 18 Marzo 2019 21:19

Quindi Xtol te sei ancora legato al gold standard, le banche non possono fare credito senza che non vi sia un 100% di sottostante???

Ritiro tutti gli elogi detti a te fino ad ora.

Fatevi curare...il credito bancario è quello che ha garantito un'espansione di 200 anni a questa parte, un benessere. Capisco siete nostalgici della carrozza, andateci voi trogloditi!.

 

 

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: XTOL on Lunedì 18 Marzo 2019 17:31

infatti ho scritto che il denaro bancario "esacerba", non "crea"

c'è un qualche vantaggio nell' "esacerbare"?

NO, c'è solo il grave svantaggio della conseguente genesi di una pressione fortissima a salvare le banche con soldi pubblici.

mi pare che questa abbia già fatto danni così evidenti che si dovrebbe solo discutere su come evitarla.

 

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: hobi50 on Lunedì 18 Marzo 2019 17:18

XToll ,il ciclo bancario lo fa l'uomo ... e siccome gli uomini sono i protagonisti di TUTTO,non sono eliminabili.

Ne loro, ne i loro errori.

Sa cos'è il "braccino del tennista " ?

E' il braccino del banchiere che deve concedere prestiti quando il ciclo economico volge al peggio.

Ma è lo stesso braccino che al top del ciclo economico fa cagate contrarie

 

Hobi


 Last edited by: hobi50 on Lunedì 18 Marzo 2019 17:21, edited 1 time in total.

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: XTOL on Lunedì 18 Marzo 2019 17:15

senza lo stato, chi costruirebbe le strade????

 


Salvini, ritratto di Emilio Mola
“Quando i cittadini italiani hanno iniziato a mantenere con i loro soldi Matteo Salvini, in Italia non era ancora stato inventato il primo sito internet, i Nirvana erano la band del momento, Berlusconi doveva ancora entrare in politica, e i 25enni di oggi ancora non erano nati.
Mentre gli italiani lavoravano in fabbrica o in ufficio per guadagnarsi lo stipendio a fine mese producendo qualcosa, lui scopre che per avere soldi e prestigio non deve far altro che parlare, fare sceneggiate e incitare gli italiani a odiare altri italiani. E così nel 1993 arriva la prima poltrona di consigliere comunale a Milano, poltrona che manterrà ininterrottamente fino al 2018 e, a partire dal 2004, sempre in sovrapposizione ad altre poltrone.
Non sopporta il Sud perché lì, con la scusa del "tengo famiglia", campano tutti con i soldi dello Stato senza fare un cazzo. Dice lui.
Così per coerenza si sposa, tiene famiglia e sua moglie Fabrizia Ieluzzi viene chiamata più volte a lavorare dal Comune di Milano amministrato dalla Lega Nord: prima dal sindaco Albertini, poi dal sindaco Moratti, tre ore al giorno, con compensi tra i 20 e i 36 mila euro annui.
Soldi dei cittadini.
Divorzia, trova un'altra compagna, Giulia Martinelli, e pure lei finisce per lavorare su chiamata alla Regione Lombardia a guida Lega Nord (Roberto Maroni).
Soldi dei cittadini.
Diventa direttore di "Radio Padania" beneficiaria di finanziamenti pubblici pagati dai cittadini. Fa il giornalista per la "Padania", anch'essa pagata con altri milioni di euro pubblici.
Soldi dei cittadini.
Nel 2004 entra per la prima volta nel Parlamento europeo. Seduto su quella poltrona ci resterà parecchi anni, facendosi eleggere pure al Parlamento italiano (due volte), salvo poi mollarlo dopo un giorno per tornare in Europa. Che gli fa schifo, l'Europa. Ma paga meglio: circa 15mila euro al mese (6.200 euro netti, più 304 euro a presenza e 4.300 euro di rimborsi).
Ogni mese.
Soldi dei cittadini.
E visto che si trova si porta in Europa il fratello di Bossi come assistente. Che da esperto di idraulica, ovviamente, è lì per meritocrazia.
Tutto ciò, sempre protestando contro Roma Ladrona.
Nel frattempo però si scopre che un po' Ladrona è pure la Lega Nord, che incassa 49 milioni per sostenere le spese elettorali e politiche, ma invece usa i soldi dei cittadini per comprare lingotti d'oro, diamanti, lauree ai figli, ecc.
Soldi dei cittadini.
Così nel 2014 la Lega crolla al 4%. Salvini rischia di rimanere senza soldi e poltrona. Allora dice di essersi sbagliato per 20 anni con la storia della Padania e del Sud parassita. Ma anziché nascondersi e restituire ai padani 20 anni di stipendi, si improvvisa da un giorno all'altro il più grande dei patrioti italiani: questa volta il nemico di turno non sono i meridionali, ma gli immigrati e l Europa, con lui a vestire come al solito il ruolo di difensore dal nemico che lui stesso crea. E gli italiani, ovviamente, gli credono. Lo eleggono, dandogli altri 14mila euro al mese, e lo acclamano.
E a nessuno viene da ridere al pensiero che questo straordinario attore, scambiato per politico, per giovane, per esordiente, per patriota, che manteniamo da un quarto di secolo con i nostri soldi, ora vada in giro per l'Italia a dare lezioni di patriottismo a tutti, contro quei parassiti dei richiedenti asilo che avendo per qualche mese un letto, in attesa che la loro richiesta sia vagliata, fanno la pacchia.
E a nessuno viene da ridere. A nessuno.”

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: traderosca on Lunedì 18 Marzo 2019 16:55

"quanto all'uso che ne fa la politica, mi fa schifo anche parlarne"

 

ovviamente tranno quando ti costruisce ,la strada o il ponte per andare a scuola o lavorare oppure al mare,la scuola,l'asilo,l'ospedale,la sicurezza,ecc.ecc

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: XTOL on Lunedì 18 Marzo 2019 16:33

potrei essere d'accordo, non fosse che gli investimenti a cazzo sono figli naturali del ciclo economico, esacerbato proprio dal denaro bancario.

quindi sarà anche un'invenzione geniale, ma deleteria

quanto all'uso che ne fa la politica, mi fa schifo anche parlarne

 

Nel 1844, il Parlamento Inglese approvò il Bank Charter Act (La legge di Peel) per eliminare l’espansione artificiale del credito delle banche. Tuttavia, il Bank Charter Act non riuscì a realizzare che le cause dei cicli in realtà erano sia il rilascio di certificati dei depositi a vista sia la stampa di banconote. Il risultato fu che il Bank Charter Act richiedeva una riserva del 100% solo per la stampa di banconote, ma non per i certificati dei depositi a vista. Di conseguenza, le banche smisero di emettere banconote ed si buttarono a capofitto invece nei certificati dei depositi a vista, i quali non dovevano essere coperti da una riserva del 100%. Ciò continua ancora oggi. Pertanto, i cicli di boom-bust sono sopravvissuti e sono ancora con noi.

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: hobi50 on Lunedì 18 Marzo 2019 16:13

Il denaro fiat è un'invenzione geniale se è gestito da una banca per fare prestiti che TORNANO INDIETRO e ,se non tornano,la banca ci PERDE.

Invece se è creato dalla politica ,con il legittimo sospetto che voglia soddisfare interessi di bottega ...beh allora potrebbe rivelarsi un grosso problema.

Il problema dell'inflazione è gestibile quando si presenta ed io tenderei a trascurarlo .

Invece non sono gestibili gli investimenti alla cazzo e le prebende a questa o quella classe sociale  in misura massiccia.

 

Hobi


 Last edited by: hobi50 on Lunedì 18 Marzo 2019 16:14, edited 1 time in total.

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: XTOL on Lunedì 18 Marzo 2019 14:32

la mmt è come il socialismo, se lo prendi sul serio sei fottuto

 

la mmt è come un gelato, puoi leccarlo un po' alla volta, ma se ne mangi in quantità stai male

 

il denaro fiat è come spampana: se gli credi sei gretino

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: Bullfin on Lunedì 18 Marzo 2019 13:35

Mai visto un concentrato di ignoranza economica così grande.

 

 

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: pana on Lunedì 18 Marzo 2019 13:28

se si riuscisse a mettere incontatto mosler con la AOC potrebbero organizzare un giro di conferenze mmt per gli usa

e poi la popolarita della AOC salirebbe ALLE STELLLLEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

godo

godissimooo


 Last edited by: pana on Lunedì 18 Marzo 2019 13:29, edited 1 time in total.

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: lmwillys1 on Lunedì 18 Marzo 2019 12:49

perché trump fa solo 900 miliardi di deficit l'anno unito al più enorme taglio delle tasse della storia statunitense ? ne fa 900.000.000.000.000 l'anno e azzera totalmente le tasse così elimina tutti quelli in difficoltà, se il denaro non è legato alla ricchezza o al lavoro e puoi crearne senza limiti ne crei quanto basta per fare tutti ricchi, se non basta 900.000.000.000.000.000.000.000.000.000 l'anno dopo e così via .... lo stato deve o no dare benessere a tutti i cittadini e non solo a una parte ?

anche noi ciao ciao Europa 2000 miliardi di miliardi di denaro sparso con gli elicotteri ed i problemi sono risolti

io voto a favore

 

 

 

 

In America tutti parlano della MMT (Modern Monetary Theory) di Mosler  

  By: G.Zibordi on Lunedì 18 Marzo 2019 10:17

In America, dove l’economia va bene (crescita del PIL 2,7% e disoccupazione ai minimi storici) con Trump ci sarà quest’anno un deficit pubblico di 900 miliardi di dollari, dove per confronto in Italia invece avremo un deficit intorno a 40 miliardi (espresso in dollari).

Ma nessuno tra i repubblicani e i democratici sembra preoccupato e parla di ridurlo, come si farebbe qui da noi nella UE. Anzi, come leggi su Bloomberg (13 marzo) si sta discutendo molto “Una Visione Alternativa al Dilemma di Indebitarsi o Aumentare le Tasse Per I Governi in Deficit,”

I nuovi leader e candidati Democratici più in vista per l’elezione alla presidenza dell’anno prossimo sponsorizzano infatti le idee della “MMT” (“Modern Monetary Theory”o “teoria monetaria moderna”) lanciata venti anni fa da Warren Mosler (“Alexandria Ocasio-Cortez, il nuovo volto dei progressisti al Congresso, sostiene la MMT e propone maggiori deficit per investimenti ecologici e altri pezzi grossi del Partito Democratico propongono l’altra idea della MMT, l’idea che il governo garantisca un lavoro a tutti quelli disposti a lavorare. Quattro senatori che si sono candidati per la nomina all’elezione presidenziale dell’anno prossimo, Cory Booker, Kirsten Gillibrand, Elizabeth Warren e Bernie Sanders, hanno sottoscritto entrambe le iniziative (da finanziare in deficit)”).

La MMT spiega che il deficit pubblico non è un problema per uno Stato che abbia la propria moneta  la propria banca centrale perchè può sempre ripagare il debito pubblico creando moneta e solamente quando si verifica una situazione di alta inflazione il deficit va contenuto. Come tutti sanno però nel mondo industrializzato da 30 anni l’inflazione e i tassi di interessi sono molto bassi, per cui la MMT sostiene che l’evidenza empirica mostra che oggi si possono tenere deficit pubblici ampi per finanziare programmi sociali, riduzioni di tasse o infrastrutture

La “MMT”, o teoria monetaria moderna di Warren Mosler (e altri come Galbraith junior, Stephanie Kelton, Bill Mitchell, Randall Wray...) è stata portata anche qui in Italia quando Moser tra il 2014 e il 2017 ha tenuto decine di conferenze in giro per l’Italia grazie a Paolo Barnard, che poi ne aveva anche parlato nelle sue apparizioni TV nella trasmissione di Paragone. I professori di economia invece l’avevano largamente snobbata, forse perchè veniva predicata da un giornalista alternativo. Quest’anno però se si scorrono il Wall Street Journal, Washington Post, New York Times, Forbes, Bloomberg, i blog di economia come quello di Paul Krugman, si scopre che tutti gli economisti americani la stanno discutendo e l’interesse è esploso (come mostra l’aumento di oltre 100 volte su Google della ricerca del termine “Modern Monetary Theory”).

Il fatto macroscopico e difficile da ignorare è che sotto Bush, Obama e poi ora con Trump gli USa hanno aumentato il debito pubblico da 8 mila a 22 mila miliardi di dollari negli ultimi dieci anni. Con Trump, che sarebbe un “conservative”, si è aumentato ancora il deficit per tagliare le tasse e stimolare l’economia e quest’anno il deficit arriverà a 900 miliardi di dollari portando il debito pubblico a 22mila miliardi (nonostante l’economia cresca quasi al 3%).

Questo non ha provocato nessuna inflazione o svalutazione del dollaro, a dispetto delle previsioni della maggioranza degli economisti. Gli USA mostrano un deficit intorno a 900 mld di dollari l’anno, la UE invece ha un deficit complessivo sui 150 mld l’anno e il Dollaro sale e l’Euro scende perchè il mercato dei cambi premia la maggiore crescita del PIL americana.

Con l’elezione presidenziale del 2020 che si avvicina i candidati e leader democratici invece di attaccare Trump sul deficit “irresponsabile” rincarano la dose e propongono piani di investimenti pubblici e sostegno all’occupazione che implicano deficit sempre elevati (oltre il 4% del PIL), che farebbero inorridire i nostri soci finlandesi, tedeschi e olandesi. Sia da destra che da sinistra quindi in America si vuole stimolare l’economia con deficit che in UE verrebbero “sanzionati” dalla Commissione UE nella UE “germanica”.

La MMT era la teoria economica che invece aveva previsto in modo chiaro e netto che questi deficit non avrebbero portato inflazione e svalutazione (e lo stesso per il Giappone, tra parentesi) e ora importanti leader politici fanno proprie le sue proposte. Più che una teoria Mosler la definisce come una descrizione del reale modo di funzionare del sistema monetario moderno, che poca gente comprende. Anche se non ce ne rendiamo conto, il 97% del denaro che circola è debito, perchè i soldi in banca sono creati dalle banche quando erogano un prestito (e per le banche sono contabilmente debito). In realtà non c’è nel sistema monetario moderno una vera differenza tra i conti in banca e i titoli di stato. Entrambi funzionano come denaro perchè si ha fiducia nello Stato, che in caso di bisogno grazie alle tasse che incassa può ripagare i titoli emessi e sovvenzionare e garantire i conti in banca dei cittadini.

Nel sistema monetario moderno avere 100mila in conto corrente in banca o 100mila in Bot o altri titoli di stato è funzionalmente la stessa cosa, sono entrambi liquidità e, se ci pensi bene, ti fidi dei soldi che hai in banca perchè sono garantiti dallo Stato che sostiene e salva sempre le banche. Gli italiani hanno 4,300 miliardi di ricchezza finanziaria, di cui circa 1,500 miliardi sono conti di liquidità. Lo Stato italiano ha un poco più di 2mila miliardi in titoli. Il valore degli uni e degli altri si basa sulla fiducia nello Stato perchè tecnicamente sono solo numeri nei computers delle banche, entrate contabili e tutti sanno che non è possibile chiedere in banconote i soldi depositati in banca perchè sono stati prestati a qualcun altro per il 90%. Ci si fida delle banche perchè dietro c’è lo Stato e non a caso tutti gli Stati hanno raddoppiato il debito pubblico dopo la crisi del 2008 per garantire in vari modi le banche ed evitare che crollassero.

Logicamente dovresti forse fidarti di più di avere 1 milione di euro in Bot e Btp che 1 milione di euro in un conto bancario. Senza contare che quando “presti soldi allo Stato” comprando 100mila di Btp non rinunci alla liquidità perchè se hai bisogno di soldi cash la banca ti presta quasi la stessa cifra dando in garanzia i Btp.

Se parliamo di istituzioni finanziarie poi con miliardi da gestire, usano i titoli di stato come moneta di scambio tra loro, per cui quando un fondo compra 1 miliardo di Btp poi lo gira una banca per avere liquidità e questa a sua volta ad un altra o un altro fondo e vengono “ipotecati” anche tre volte.

Mosler spiega che quando lo Stato emette titoli fornisce un servizio al pubblico e agli investitori che vogliono un rendimento sicuro, ma non ha bisogno di farlo perchè potrebbe emettere biglietti di 100 euro invece che 100 euro di BTP.  La prova è che esistono paesi come Singapore che non ha quasi mai deficit, ma ha un debito pubblico del 100% del PIL lo stesso perchè emette titoli di stato per appunto fornire ai risparmiatori qualcosa in cui investire. Anche l’Australia aveva eliminato il debito pubblico e il mondo finanziario se ne lamentava per cui ha ricominciato a fare deficit per emettere titoli richiesti dal mercato finanziario.

La MMT spiega che l’idea che lo Stato abbia bisogno di indebitarsi per poter spendere è falsa, perchè lo Stato può farsi dare soldi dalla sua banca centrale o farsi comprare i titoli che emette dalla Banca Centrale senza costo di interessi creando moneta. Per lo Stato a differenza di una famiglia indebitarsi è opzionale, ma sfortunatamente il mondo della finanza (con cui lo Stato si indebita) è riuscito a spargere una cortina fumogena per nascondere questa verità.

Ovviamente si parla di paesi industriali che siano in grado di finanziare i deficit esteri attirando capitali come gli USA o lo UK oppure non abbiano deficit esteri come il Giappone (ma anche l’Italia rientra nella categoria). Paesi come l’Argentina o la Grecia in deficit estero cronico e che non attirano capitali esteri per finanziarlo, hanno problemi perchè poi si indebitano con l’estero per importare.

Ma la stragrande maggioranza dei paesi asiatici e occidentali esportano e attirano investimenti, per cui possono fare deficit del 3% o 5% o 7% del PIL a seconda delle esigenze della produzione e dell’occupazione o per tenere a galla le proprie banche ed evitare che taglino il credito.  

Abbiamo detto: “se hanno la propria Banca Centrale e moneta” e purtroppo l’Italia aderendo al sistema della BCE e dell’Euro vi ha rinunciato, per cui non ha potuto come in USA, UK e Giappone aumentare i deficit per ridurre le tasse e ripulire i bilanci delle banche pieni di crediti incagliati.

Morale. In America in effetti, per alcune cose, sono più avanti di noi. Hanno stimolato l’economia e tenuto a galla a tutti i costi il sistema bancario facendo ampi deficit per dieci anni e ora invece di smettere continuano

In Italia la discussione di economia sembra spenta, ci siamo rassegnati al famoso 2% di deficit pubblico e alla crescita più o meno zero e ringraziamo iddio se non siamo già in recessione.

 

 


 Last edited by: G.Zibordi on Mercoledì 20 Marzo 2019 11:19, edited 1 time in total.

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: gianlini on Venerdì 15 Marzo 2019 12:10

in pratica, un calciatore

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: Tuco on Venerdì 15 Marzo 2019 11:53

Di fatto inconsciamente lei lo fa ( influencer su instagram ) per attrarre un maschio\i ricchissimo, intelligentissimo e bellissimo.


 Last edited by: Tuco on Venerdì 15 Marzo 2019 11:54, edited 1 time in total.

Re: Chi crea oggi il denaro ?  

  By: gianlini on Venerdì 15 Marzo 2019 11:37

Però secondo me anche il lei batte forte la passione per i pistoni....;))