Egregio Gz ho letto attentamente l'articolo relativo ai cicli apprezzandone il contenuto (ovviamente) ma le pongo alcuni spunti di ulteriore analisi. Prima di tutto le allego il Suo grafico di fine 2003 in cui ipotizzava l'andamento del Wilshire nel 2004 che guarda caso (complimenti) è stato perfettamente rispecchiato. Rispecchiato dicevo: si tratta di capire se il minimo che sta facendo ora (o che ha fatto recentemente) sia il minimo conclusivo cui Lei si riferiva a dic. 2003. E qui si inserisce il discorso relativo ai cicli: ho provato a verificare quanto da Lei individuato su gran parte degli indici e trovo la stessa indicazione: per semplicità sul grafico weekly con cadenza 77 settimane per avere lo stesso risultato. Osservando la ciclicità sembrerebbe quasi che questa sia una settimana di svolta simile alle precedenti con tra l'altro gli indicatori (stocastico per es.) nella stessa posizione. Certamente il rischio attentati pesa. Ma se questo non avvenisse come non è avvenuto per le Olimpiadi perchè essere cosi' negativo? non è possibile anche l'ipotesi che questa possa essere l'ultima settimana di debolezza (bassi volumi, convention che potrebbe concludersi senza attentati, petrolio in ribasso, consolidamento del primo rimbalzo sugli indici principali, tc) e che poi dalla settimana prox ci possa essere quell'inversione che la ciclicità ci fa apparire possibile? Grazie