FED, BCE e Banche Centrali

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: hobi50 on Lunedì 04 Giugno 2018 16:23

Questa volta W.Munchau del F.T è supelativo


 

 It is unfortunate that so many Europeans treat European integration as an act of faith. The Brexit debate pits Europhile true believers against sceptical atheists, which is why we are talking about the two equally absurd propositions: a second referendum and a hard Brexit.Italians treat the question of their euro membership in a similar way. You either belong to this camp, or that. If you are, like me, somewhere in the middle, people feel confused. I believe it is reasonable for a struggling country such as Italy to remain in the eurozone for as long as there is the faintest hope that the relationship is sustainable. It was the unconditional pro-Europeanism of Italy’s past leaders that gave rise to the current nationalist backlash. Previous governments accepted European legislation that was profoundly against Italian interests. There was the rule to count Italy’s contributions to the European Stability Mechanism, the bloc’s rescue umbrella, as relevant in the calculation of the maximum-allowed deficit. Then the acceptance of a bank resolution law that would leave thousands of Italian savers unprotected. And worst of all, the agreement in 2012 to accept the fiscal compact, which effectively requires Italy to run balanced budgets. If former prime ministers had been more ruthless, the anti-European backlash would be milder.I find it equally silly for the Five Star Movement and the League to have raised the issue of an all-out confrontation with the EU in the way they did. The idea of asking the European Central Bank to write off Italian debt purchased as part of the quantitative easing programme was mad. The notion appeared in a first draft of the coalition agreement and was later dropped. It is absurd on many levels. For starters, most of the Italian debt is held by the Bank of Italy, not the ECB. If they want to take on the eurozone, they have to smarten up. My first piece of advice to them is to drop the unilateralism and take a transactional view — setting out conditions that would allow Italy to remain and prosper in the eurozone.As a first priority, Giuseppe Conte, Italy’s prime minister, should stake a strong position at this month’s European Council in the debate on eurozone governance. Angela Merkel has rejected virtually every substantive part of the reforms proposed by Emmanuel Macron. Mr Conte should consider supporting the French president to impress on the German chancellor the exorbitant costs of a German “no”. Pedro Sánchez, the Socialist party leader who was sworn in on Saturday as Spain’s prime minister, might help strengthen such an alliance. Italy: a timeline of turmoil  Mr Conte should make the point that an unreformed eurozone has little chance of survival. Until now, the best argument for Italy to remain in the euro is to hope that the eurozone will eventually be reformed. If we know for certain that is not going to happen, the argument shifts. It is not Italian politics that kills the euro, but a lack of reforms in the eurozone and Germany’s massive current account surplus.The best way to confront the eurozone policy is from within. Italy could use its weight in the upcoming appointments of the EU’s most important jobs: the presidents of the European Commission, the European Council and the ECB. There are deals and trade-offs to be made. Do not talk about a unilateral exit until all else has failed.Secondly, the Keynesian fiscal boost outlined by Italy’s coalition government is well intended but too large. They should tone it down and accompany a mildly expansionary fiscal policy with some targeted structural reforms, to the banking sector, the judicial system and public administration. Thirdly, there is nothing wrong with a genuine plan B, a list of measures to roll out if a crisis makes continued eurozone membership unsustainable. I would be surprised if the previous government did not have such a plan deep in a drawer. But plan A should be resisted: creating a situation that would inexorably lead to eurozone exit. It was suspicions of such a plan that persuaded Sergio Mattarella, the Italian president, to veto Paolo Savona as finance minister.And finally, do not even think about asking the electorate to cast a vote on Italy’s euro membership. This would be self-defeating for any politician who dares ask the questions. Eurozone exit is an accident to be prepared for, not an outcome to seek. I doubt an Italian government would survive it. As for the rest of us, we should stop treating this new government as some unexpected shock. The populist government is the logical consequence of 20 years of economic mismanagement by Italy’s centre-left and centre-right parties. That is what caused the mess.If you are really pro-euro, my advice is to stop treating the euro as an article of faith but fight for its sustainability. That fight cannot be won in Italy alone. It requires big policy shifts in Brussels too.munchau@eurointelligence.com

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: pana on Lunedì 04 Giugno 2018 12:34

si si prima l italia, prima gli italiani, poi quando si tratta din imboscare i soldini

preferiscono lussemburgo, lugano.etc..etc..

dovremmo aspettarci altri casi belsito?

altre cartelle "the family" come ai tempi di bossi^???

qui non e' il signor pana chelo chiede, ma il popolo italiano che vuole esercitara la sua SOVRANITA INFORMATIVA

vogliono sapere,

strano che le iene sono andati a rompere per la colf della findazata di fico e invece per i conti offhsore tutti muti tutti insilnezio

shhshhshsh

Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore

Da Bergamo al Lussemburgo, via Lugano. Lungo questa direttrice si dipanano gli affari dei cassieri del partito scelti dal segretario neo ministro degli Interni. L'inchiesta su L'Espresso in edicola domenica 3

ci dica ci dica

aspettiamo risposte e non ASSORDANTI SILENZI

http://espresso.repubblica.it/inchieste/2018/05/31/news/alla-lega-sovranista-di-matteo-salvini-piace-offshore-1.323128


 Last edited by: pana on Lunedì 04 Giugno 2018 12:35, edited 1 time in total.

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: hobi50 on Giovedì 31 Maggio 2018 09:36

Anche sul FT ogni tanto si leggono castronerie sulla politica monetaria.

 

 "One tool for the ECB would be its ability to buy bonds in unlimited quantities under what is known as its Outright Monetary Transactions programme, to stem a run on deposits".

 

Una fuga dai depositi non viene combattuta con l'OMT.

In questo caso l'effetto è la perdita di  base monetaria( e per inciso l'aumento dei saldi debitori Target2 ).

Per combattere la situazione di scarsa base monetaria e banche non attive sull 'interbancario ,la soluzione sono le operazioni di rifinanziamento tipo LTRO 1 e LTRO 2.

Ma quelle sono state operazioni Europee non ripetibili ora in quanto ci sarebbe un surplus di base monetaria dappertutto e non in Italia.

A parte ciò fa specie che ,ad altissimo livello,ci siano questi errori concettuali.

Hobi

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: muschio on Mercoledì 21 Marzo 2018 22:36

Lo vedi, Anti?

Hai votato PDS! Poi ti sei parzialmente ravveduto...e così è con la questione monetaria....all'inizio tu non ci capisci mau un casso!

Adesso, però, posso capire che la moneta è una materia ostica........ma votare PDS figliolo benedetto! Ma eri proprio rincitrullito all'epoca!

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: antitrader on Mercoledì 21 Marzo 2018 13:50

Compagno,

ma quale PD? Digerii a mala pena la bolognina, poi basta, dopo il PDS solo Di Pietro e poi Grillo.

Pero' se rifanno il PCI lo voto ancora, sempre Comunista sono! (e la cialtroneria proprio non la sopporto).

 

 

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: shera on Mercoledì 21 Marzo 2018 11:35

Infatti il debito pubblico non rende i politici corrotti onesti, sai cosa gliene frega???

sono i pasti gratis di chi ha capitali enormi e non sa come investirli

strana contraddizione... perchè per fare soldi avresti dovuto creare valore....

ovvero una persona onesta che si è arricchita sa sempre come investire

infatti non parliamo di individui ma di istituzioni, direi che il cerchio è chiuso

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: muschio on Mercoledì 21 Marzo 2018 11:24

Anti, tu di sinistra hai poco e niente, e quel che è peggio è che hai lo stesso atteggiamento antipatriottico di coloro che tu sberleffi (sarà mica l'uva cui non sei arrivato?).

Sei piddino dentro.

e adesso goditi i tedeschi.

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: Gano di Maganza on Mercoledì 21 Marzo 2018 10:52

Non sono molto d'accordo. Lo ha provato Anti quando ha dimostrato che il debito italiano è oramai di fatto all'interno dell'Italia.

 

Certo, non esattamente, noi abbiamo sbavature di debito altrui ma è vero anche il viceversa. Non sono 200 milioni di interessi l'anno che cambiano le cose. La mossa di Draghi è stata geniale nella sua semplicità. a) Ha fatto abbassare i tassi a tal punto che al privato investitore i titoli di debito pubblico non interessano più. b) ha riportato il debito negli stati di pertinenza.

 

Compreresti un titolo con interessi negativi? O il debito di uno stato prossimo al fallimento che ti dà un interesse del 3 o del 4%? Io no. 

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: hobi50 on Mercoledì 21 Marzo 2018 10:43

Quando Tsipras vinse il referendum in Grecia,seguirono immediatamente ( 1 giorno dopo ) le dimissioni di Varoufakis.

Evidentemente si erano già discusse le due alternative.

Tsipras ...trattare con l'Europa

Varoufakis ...fare una propria moneta ed implicitamente default.

Penso che prima o poi ci troveremo a decidere noi la stessa cosa.

 

Hobi

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: antitrader on Mercoledì 21 Marzo 2018 10:24

Hobi,

credo che con la prox recessione l'euro si sfalda per davvero, i tedeschi non son di certo disposti a pagare per tutti per salvare il baraccone.

Ci rimarra' sul groppone un "debito di guerra" che ci ridurra' a un protettorato della Germania (cosa che non mi dispiace).

E cosi', dopo aver persa la sovranita' politica con la batosta del 45 perderemo anche la sovranita' economica.

Quando si dice "i sovranisti", sovranisti sta miiingh...!

 

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: hobi50 on Mercoledì 21 Marzo 2018 10:10

Gianlini ,i tedeschi sono creditori ...si devono preoccupare.

Noi siamo debitori e per cifre enormi e quindi ,più grande è il debito, maggiore è la nostra forza.

E poi le clausole del Target2 non prevedono l'uscita.

Quindi occhio alla negoziazione ( che per fortuna deve concludersi con accordo di tutti ).

La fortuna dei i tedeschi  è che ,uscire dall'Euro significa fare default e questo atto lo puo prendere non un governicchio ma un manipolo di gente in gamba con l'appoggio della popolazione.

Il che è ancora da venire.

 

Hobi

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: gianlini on Martedì 20 Marzo 2018 17:58

Questi tedeschi sono davvero strani. Immaginano un problema e ancor prima che si manifesti ne immaginano una soluzione. Gente strana...

Vuoi mettere con l'arte dell'improvvisazione?


 Last edited by: gianlini on Martedì 20 Marzo 2018 18:05, edited 1 time in total.

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: Gano di Maganza on Martedì 20 Marzo 2018 17:17

Clausola di uscita dall'Euro pur restando nella UE. Come già anticipato in un altro post in Germania ne stanno parlando.

 

L’economista tedesco Fuest: clausola di uscita dall’euro, dopo il vostro voto è opportuna

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: XTOL on Domenica 18 Marzo 2018 18:37

le sinistre europee s'illudono realmente di essere state il miglior sistema possibile

 

come dice spesso un saggio: "nelle stanze del potere non ci sono specchi", i fallimenti sono sempre colpa di altri (di solito individuati con disprezzo nel popolo)

Re: FED, BCE e Banche Centrali  

  By: gianlini on Domenica 18 Marzo 2018 13:00

Quindi secondo te le baby gang leggono Repubblica e votano PD?