Trame, Connessioni, Network e Intrighi

 

  By: uomoscarpi on Venerdì 19 Agosto 2011 03:58

Io per dire ho letto il libro del giornalista spagnolo, che sembra svelare chissachè...pareva di leggere un giallo...arrivi alla fine e ti chiedi embehh? per fortuna l'ho preso in biblioteca e non ho comprato una simile scemenza

 

  By: Paolo_B on Venerdì 19 Agosto 2011 03:17

> Difficile crederci (se è segreta, come trapelano certe cose?) ma è verosimile Quell'articolo sta dicendo che il gruppetto di personaggi famosi citati, incluso tremonti, elkan, il fondatore di facebook e di amazon, controlla il mondo e sta appositamente prolungando la crisi, ed è oltre l'inverosimile, già pesantemente nel risibile. Piuttosto leggete Taleb e fooled by randomness. I bilderberg o come si chiamano non controllano niente. Le attuali vicende rispondono a dinamiche che sono al di là di ogni possibile controllo da parte di questi paperoni e celebrità.

 

  By: defilstrok on Venerdì 19 Agosto 2011 03:04

Mah... ho appena finito di leggere questo resoconto sull'ultima riunione ^Bilderberg#http://www.wallstreetitalia.com/article/1192028/top-secret/il-club-dei-potenti-di-bilderberg-vuole-liquidare-l-europa.aspx^. Difficile crederci (se è segreta, come trapelano certe cose?) ma è verosimile? Quel che mi spaventa è la lista dei partecipanti. Considerando che il Parlamento europeo considera il gruppo una sorta di massoneria trasversale riguardo alla quale ha ufficialmente espresso opinione di "tolleranza ma di non gradimento", vien da chiedersi come mai ne facciano parte certi soggetti: Belgio Coene, Luc, Governor, National Bank of Belgium Davignon, Etienne, Minister of State Leysen, Thomas, Chairman, Umicore Cina Fu, Ying, Vice Minister of Foreign Affairs Huang, Yiping, Professor of Economics, China Center for Economic Research, Peking University Danimarca Eldrup, Anders, CEO, DONG Energy Federspiel, Ulrik, Vice President, Global Affairs, Haldor Topsøe A/S Schütze, Peter, Member of the Executive Management, Nordea Bank AB Germania Ackermann, Josef, Chairman of the Management Board and the Group Executive Committee, Deutsche Bank Enders, Thomas, CEO, Airbus SAS Löscher, Peter, President and CEO, Siemens AG Nass, Matthias, Chief International Correspondent, Die Zeit Steinbrück, Peer, Member of the Bundestag; Former Minister of Finance Finlandia Apunen, Matti, Director, Finnish Business and Policy Forum EVA Johansson, Ole, Chairman, Confederation of the Finnish Industries EK Ollila, Jorma, Chairman, Royal Dutch Shell Pentikäinen, Mikael, Publisher and Senior Editor-in-Chief, Helsingin Sanomat Francia Baverez, Nicolas, Partner, Gibson, Dunn & Crutcher LLP Bazire, Nicolas, Managing Director, Groupe Arnault /LVMH Castries, Henri de, Chairman and CEO, AXA Lévy, Maurice, Chairman and CEO, Publicis Groupe S.A. Montbrial, Thierry de, President, French Institute for International Relations Roy, Olivier, Professor of Social and Political Theory, European University Institute Gran Bretagna Agius, Marcus, Chairman, Barclays PLC Flint, Douglas J., Group Chairman, HSBC Holdings Kerr, John, Member, House of Lords; Deputy Chairman, Royal Dutch Shell Lambert, Richard, Independent Non-Executive Director, Ernst & Young Mandelson, Peter, Member, House of Lords; Chairman, Global Counsel Micklethwait, John, Editor-in-Chief, The Economist Osborne, George, Chancellor of the Exchequer Stewart, Rory, Member of Parliament Taylor, J. Martin, Chairman, Syngenta International AG Grecia David, George A., Chairman, Coca-Cola H.B.C. S.A. Hardouvelis, Gikas A., Chief Economist and Head of Research, Eurobank EFG Papaconstantinou, George, Minister of Finance Tsoukalis, Loukas, President, ELIAMEP Grisons Organizzazioni Internazionali Almunia, Joaquín, Vice President, European Commission Daele, Frans van, Chief of Staff to the President of the European Council Kroes, Neelie, Vice President, European Commission; Commissioner for Digital Agenda Lamy, Pascal, Director General, World Trade Organization Rompuy, Herman van, President, European Council Sheeran, Josette, Executive Director, United Nations World Food Programme Solana Madariaga, Javier, President, ESADEgeo Center for Global Economy and Geopolitics Trichet, Jean-Claude, President, European Central Bank Zoellick, Robert B., President, The World Bank Group Irlanda Gallagher, Paul, Senior Counsel; Former Attorney General McDowell, Michael, Senior Counsel, Law Library; Former Deputy Prime Minister Sutherland, Peter D., Chairman, Goldman Sachs International Italia Bernabè, Franco, CEO, Telecom Italia Elkann, John, Chairman, Fiat Monti, Mario, Presidente dell'Universita' Luigi Bocconi Scaroni, Paolo, CEO, Eni Tremonti, Giulio, Ministro dell'Economia Canada Carney, Mark J., Governor, Bank of Canada Clark, Edmund, President and CEO, TD Bank Financial Group McKenna, Frank, Deputy Chair, TD Bank Financial Group Orbinksi, James, Professor of Medicine and Political Science, University of Toronto Prichard, J. Robert S., Chair, Torys LLP Reisman, Heather, Chair and CEO, Indigo Books & Music Inc. Center, Brookings Institution Olanda Bolland, Marc J., Chief Executive, Marks and Spencer Group plc Chavannes, Marc E., Political Columnist, NRC Handelsblad; Professor of Journalism Halberstadt, Victor, Professor of Economics, Leiden University; Former Honorary Secretary General of Bilderberg Meetings H.M. the Queen of the Netherlands Rosenthal, Uri, Minister of Foreign Affairs Winter, Jaap W., Partner, De Brauw Blackstone Westbroek Norvegia Myklebust, Egil, Former Chairman of the Board of Directors SAS, sk Hydro ASA H.R.H. Crown Prince Haakon of Norway Ottersen, Ole Petter, Rector, University of Oslo Solberg, Erna, Leader of the Conservative Party Austria Bronner, Oscar, CEO and Publisher, Standard Medien AG Faymann, Werner, Federal Chancellor Rothensteiner, Walter, Chairman of the Board, Raiffeisen Zentralbank Österreich AG Scholten, Rudolf, Member of the Board of Executive Directors, Oesterreichische Kontrollbank AG Portogallo Balsemão, Francisco Pinto, Chairman and CEO, IMPRESA, S.G.P.S.; Former Prime Minister Ferreira Alves, Clara, CEO, Claref LDA; writer Nogueira Leite, António, Member of the Board, José de Mello Investimentos, SGPS, SA Svezia Mordashov, Alexey A., CEO, Severstal Schweden Bildt, Carl, Minister of Foreign Affairs Björling, Ewa, Minister for Trade Wallenberg, Jacob, Chairman, Investor AB Svizzera Brabeck-Letmathe, Peter, Chairman, Nestlé S.A. Groth, Hans, Senior Director, Healthcare Policy & Market Access, Oncology Business Unit, Pfizer Europe Janom Steiner, Barbara, Head of the Department of Justice, Security and Health, Canton Kudelski, André, Chairman and CEO, Kudelski Group SA Leuthard, Doris, Federal Councillor Schmid, Martin, President, Government of the Canton Grisons Schweiger, Rolf, Ständerat Soiron, Rolf, Chairman of the Board, Holcim Ltd., Lonza Ltd. Vasella, Daniel L., Chairman, Novartis AG Witmer, Jürg, Chairman, Givaudan SA and Clariant AG Spagna Cebrián, Juan Luis, CEO, PRISA Cospedal, María Dolores de, Secretary General, Partido Popular León Gross, Bernardino, Secretary General of the Spanish Presidency Nin Génova, Juan María, President and CEO, La Caixa H.M. Queen Sofia of Spain Turchia Ciliv, Süreyya, CEO, Turkcell Iletisim Hizmetleri A.S. Gülek Domac, Tayyibe, Former Minister of State Koç, Mustafa V., Chairman, Koç Holding A.S. Pekin, Sefika, Founding Partner, Pekin & Bayar Law Firm USA Alexander, Keith B., Commander, USCYBERCOM; Director, National Security Agency Altman, Roger C., Chairman, Evercore Partners Inc. Bezos, Jeff, Founder and CEO, Amazon.com Collins, Timothy C., CEO, Ripplewood Holdings, LLC Feldstein, Martin S., George F. Baker Professor of Economics, Harvard University Hoffman, Reid, Co-founder and Executive Chairman, LinkedIn Hughes, Chris R., Co-founder, Facebook Jacobs, Kenneth M., Chairman & CEO, Lazard Johnson, James A., Vice Chairman, Perseus, LLC Jordan, Jr., Vernon E., Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC Keane, John M., Senior Partner, SCP Partners; General, US Army, Retired Kissinger, Henry A., Chairman, Kissinger Associates, Inc. Kleinfeld, Klaus, Chairman and CEO, Alcoa Kravis, Henry R., Co-Chairman and co-CEO, Kohlberg Kravis, Roberts & Co. Kravis, Marie-Josée, Senior Fellow, Hudson Institute, Inc. Li, Cheng, Senior Fellow and Director of Research, John L. Thornton China Center, Brookings Institution Mundie, Craig J., Chief Research and Strategy Officer, Microsoft Corporation Orszag, Peter R., Vice Chairman, Citigroup Global Markets, Inc. Perle, Richard N., Resident Fellow, American Enterprise Institute for Public Policy Research Rockefeller, David, Former Chairman, Chase Manhattan Bank Rose, Charlie, Executive Editor and Anchor, Charlie Rose Rubin, Robert E., Co-Chairman, Council on Foreign Relations; Former Secretary of the Treasury Schmidt, Eric, Executive Chairman, Google Inc. Steinberg, James B., Deputy Secretary of State Thiel, Peter A., President, Clarium Capital Management, LLC Varney, Christine A., Assistant Attorney General for Antitrust Vaupel, James W., Founding Director, Max Planck Institute for Demographic Research Warsh, Kevin, Former Governor, Federal Reserve Board Wolfensohn, James D., Chairman, Wolfensohn & Company, LLC

 

  By: pana on Martedì 16 Agosto 2011 12:56

eheh..i pakistani hanno preso dei pezzi dell elicottero invisibile usa e li hanno dati agli ingegneri cinesi per fare il reverse engineering..(parti dal prodotto finale e studi come costruirtelo da te..) anche questo me lo sogno io ? http://edition.cnn.com/2011/WORLD/asiapcf/08/15/pakistan.china/

 

  By: Andrea on Sabato 13 Agosto 2011 02:03

Prima del Redstone che porto' Alan Shepard nello spazio (volo suborbitale balistico ma pur sempre nello spazio) vatti a vedere quanti altri ne erano esplosi miseramente entro pochi secondi dal lancio (quando non direttamente sulla rampa). Alla volte mi chiedo se la complessita' di certe opere ingegneristiche sfugga cosi' facilmente. Solo perche' era il secondo tentativo di una cosa mai fatta prima doveva necessariamente andare bene?

 

  By: pana on Sabato 13 Agosto 2011 01:42

avevo letto fosse la seconda prova , dopo la prima in aprile.. ma i 320 milioni$ sono per ogni aereo perso ? o per tutto il progetto.. cmq al pentagono i libri contabili li tengono solo dal 1991... te che stai in america..mi potresti tradurre che cosa significa "unable to account for 10 TRILLIONS $ "??? credo che me lo leggero il libro di sto tizio.. http://finance.yahoo.com/blogs/daily-ticker/budget-buster-pentagon-unable-account-trillions-glain-says-160838112.html

 

  By: Andrea on Venerdì 12 Agosto 2011 16:50

Pana, quando provi una macchina estremamente innovativa per la primissima volta, succede frequentemente che le cose non vadano per il verso giusto. Ai fratelli Wright chi glieli sabotava i primi tentativi, i messicani? Ti dedico (e anche a Zibordi) un'immagine che ho reperito tempo addietro e che mi è cara. Mi pare ideale in questo thread.

 

  By: pana on Venerdì 12 Agosto 2011 11:30

laìereo superveloce superavanzato supertecnologico e affondato nel pacifico.. 320 miliondi $ persi, saranno mica stati i cinesi per rubare i segreti militari ? Air & Space DARPA Loses Hypersonic Vehicle, Goes From $320M to Zero in 2,700 Seconds Falcon HTV-2 Hypersonic Plane Deploys DARPA About $320 million in U.S. taxpayer dollars has gone into two hypersonic aircraft designed and built by a defense research agency -- which launched each experimental vehicle in separate tests and then promptly lost contact with them, as they barreled into the Pacific Ocean.

 

  By: defilstrok on Giovedì 11 Agosto 2011 16:27

Stavo riguardandomi i grafici da cui si evince una chiara strategia messa in atto almeno da metà aprile, quanto meno sui cambi e certi indici. Stavo ripensando alla scelta strategica (mica di trading) di Deutsche Bank di liquidare l’Italia. Stavo riflettendo sulla violenza senza paragoni di questo ribasso pianificato. E mi son detto: vuoi vedere che ai piani alti hanno preso atto che l’impianto della moneta unica va smontato? E qual è il modo per farlo? Non certo indicendo una conferenza stampa dichiarando di punto in bianco: “Da domani ognun per sé!”. Ingestibile. Il modo migliore sarebbe questo. Smantellare tutto senza andare per il sottile e far franare i mercati fino al punto che chiunque si convince che, se le cose vanno di questo passo, la situazione è irrisolvibile e conviene a tutti ritornare alle vecchie divise pre UEM. Diversamente, stiamo semplicemente vivendo un nuovo ’29 ma non ce ne rendiamo (ancora) conto

 

  By: pana on Lunedì 08 Agosto 2011 10:41

vero, ho sentita anche io, il Kennedy Junior voleva entrare in politica e temevano che una volta eletto presidente istituissa una commissione di inchiesta sulla morte del padre, in un documentario alcuni testimoni parlarono di un lampo in cielo quella notte..

 

  By: GZ on Lunedì 08 Agosto 2011 03:10

“There is no doubt that ^Jackie wanted the truth to come out, but feared that she and her children, Caroline and John Jr, might also be marked for death by the ­conspirators.”#http://jjb.yuku.com/topic/684297/Jacqueline-Kennedy-Onassis-tapes-to-be-aired-on-ABC^ La moglie di Kennedy aveva paura di finire in un "incidente" e aveva paura per i propri figli se avesse detto chi era il mandante (ma non è servito che tenesse segreta la registrazione perchè il figlio John è morto in un incidente lo stesso...)

Risolto il mistero dei mandanti dell'omicidio di Kennedy - GZ  

  By: GZ on Lunedì 08 Agosto 2011 02:28

Tempo fa ho parlato di un importante ^libro che risolve in buona parte il mistero del complotto per uccidere Kennedy#http://www.amazon.com/Blood-Money-Power-L-B-J-Killed/dp/0963784625^, scritto da uno degli avvocati del Vice-Presidente Lyndon Johnson dell'epoca. Questo ex-avvocato di Johnson, Barr McClellan, una volta scaduto il vincolo del segreto professionale, ha pubblicato un libro ricostruendo il ruolo del suo capo, il potente avvocato Ed Clark che era il braccio destro, socio d'affari e amico intimo di Johnson, nell'organizzare il complotto per conto di Johnson. E' un libro diverso dagli altri perchè McLellan lavorava per Johnson, era parte dello studio del socio e amico di Johnson ed è stato testimone di quello che è successo dall'interno Oggi viene fuori con i soliti 50 anni di ritardo una cassetta registrata dalla defunta moglie di John Kennedy, ^Jacqueline poi Onassis, che dice che il Vice-Presidente Lyndon Johnson era dietro l'uccisione di suo marito#http://www.dailymail.co.uk/news/article-2023418/Jackie-O-tapes-reveal-JFKs-affairs-believed-death.html^. Il fatto che ci sia la sua voce autentica che lo dice allo storico ufficiale della famiglia Kennedy (!) nel 1964 e che però non abbia voluto renderlo pubblico e così la famiglia Kennedy imponendo che rimanesse segreto per 50 anni ed uscisse dopo la sua morte la dice lunga sulla situazione... I due Kennedy che erano Presidente e possibile prossimo Presidente sono morti ammazzati, un altro è quasi morto annegato in un incidente che ha anche stroncato le sue chance politiche e l'ultimo Kennedy (figlio di John e della madre Jacqueline) è pure morto in un incidente in cui l'aereo si è schiantato anche se non c'era nebbia (e mentre stava indagando sull'omicidio del padre John come giornalista). Quattro su quattro fatti fuori NON PUO' ESSERE UNA SFORTUNATA COINCIDENZA. La madre dell'ultimo Kennedy nel 1964 era convinta che Johnson fosse il mandante e lo ha registrato un cassetta con Schlesinger, lo storico ufficiale della famiglia, quindi ha creato un documento ufficiale e però ha imposto che rimanesse nell'archivio e biblioteca Kennedy, ma secretato per 50 anni, per proteggere se stessa e il figlio John junior. Il quale però, facendo il giornalista come copertura, non ha avuto pazienza e stava in realtà indagando sull'omicidio del padre quando dieci anni fa il suo aereo è caduto Come ho raccontato c'è un altro ingrediente nell'omicidio, che puoi capire se segui il filo che si dipana da ^Jacob Rubinstein#http://www.encyclomedia.com/jack_ruby.html^, che dopo sole 24 ore dall'omicidio a sua volte uccise Oswald, il presunto responsabile secondo i libri di storia, all'uscita della prigione per farlo tacere. Ma non c'è dubbio per chi si sia dilettato a risolvere il thriller ora che a distanza di 60 anni nessuno più presta attenzione veramente, che il mandante principale era Johnson (che agiva tramite il suo avvocato, socio ed amico Clark). Johnson odiava i Kennedy e da loro era odiato, avevano dovuto metterlo come candidato perchè avevano bisogno dei voti del sud democratico, ma i Kennedy volevano scaricarlo nell'elezione del 1964 e Johnson era così coinvolto in scandali che se fosse stato rimosso dalla vice-presidenza sarebbe finito in prigione per corruzione. Per cui eliminare Kennedy e diventare così Presidente era questione di vita o di morte Il libro tra le tante cose fa notare questa incredibile foto dove Johnson alcune ore dopo l'omicidio è talmente contento che non si trattiene e strizza l'occhio e sorride ad un complice con di fianco la vedova di Kennedy in lacrime !

il mondo è diverso da quello che sembra in superficie - GZ  

  By: GZ on Martedì 19 Luglio 2011 01:37

Notizie di oggi che mostrano che il mondo è diverso da quello che sembra in superficie i) Qualche giorno fa il principe ereditario Alberto di Monaco ha sposato in pompa magna una modella sudafricana sua fidanzata, ma il pubblico e la stampa hanno notato che la donna sembrava in trance e come sedata e diversi media francesi e molti siti web che ^aveva tentato la fuga#http://oggisposi-oggisposi.blogspot.com/2011/06/matrimonio-alberto-di-monaco-charlene.html^ e l'avevano bloccata e tolto il passaporto. La stampa francese, non scandalistica tipo l'Express, ha indicato che aveva cercato di scappare in Sudafrica ma è stata rapita e riportata indietro, drogata e fatta sfilare al matriomonio in stato ipnotico. Taki Torakopulos è un milionario greco di 73 anni che ha passato tutta la vita nel jet set internazionale frequentando Agnelli, Gunther Sachs, attori, registi, altri miliardari, i Rothschild, i reali di mezza europa, ma è anche un noto e serio scrittore e giornalista ed è indipendente in quello scrivere per il semplice motivo che è ricco e poi ormai alla sua età non ha niente da perdere. Ieri ha scritto che conosce bene l'ambiente di Monaco e che hanno ^minacciato il padre, rapito la figlia dall'aereoporto, l'hanno drogata e poi hanno promesso molti soldi e un rapido divorzio#http://takimag.com/article/inappropriate_touching_among_the_untouchables^ pur di salvare la faccia. Il motivo per cui la ragazza voleva scappare dal principe ? Aveva scoperto delle sue orgie sadomaso con uomini e donne... Ma pagando somme enormi a destra e sinistra sono riusciti a tenere buoni i media con un paio di eccezioni in Francia (anche se trapela che questo Alberto di Monaco ha sparso 4 figli illegittimi in giro...). ii) Il giornalista di News of the World che ha rivelato per primo che intercettavano illegalmente i cellulari e telefoni di centinaia di persone da anni, Sean Hoare, che aveva accusato il direttore del giornale, un tizio che era passato a stratega di David Cameron ^è stato trovato morto a casa sua per "cause non identificate"#http://www.telegraph.co.uk/news/uknews/phone-hacking/8646415/Phone-hacking-Sean-Hoare-the-News-of-the-World-whistleblower-found-dead.html^. Questo giornalista avrebbe forse avuto motivo di suicidarsi quando lo avevano licenziato dal giornale di Murdoch e nessuno gli dava retta, non certo ora che finalmente dopo due anni è stato provato che aveva ragione. Notare che la persona che accusava, Andy Coulson, il direttore di News of the World, quando si era dimesso nel 2008 perchè due suoi giornalisti avevano intercettato i cellulari della famiglia reale ed erano finiti in prigione, era passato dal giornale di Murdoch a stratega media della campagna elettorale dell'attuale Primo Ministro inglese David Cameron (pagato 450mila sterline l'anno, sui 700mila euro...), presumibilmente perchè, come si è imparato ora con lo scoppio dello scandalo, grazie a questo Sean Hoare morto ieri che Coulson aveva licenziato, questo tizio intercettando mezza Inghilterra sapevaa i segreti di tanta gente e li ha usati per far salire al potere David Cameron (un politico sbiadito ed insipido, oltre che molto giovane (quanto Obama) che è difficile capire come abbia fatto di colpo a diventare leader conservatore. O meglio adesso cominci a capirlo, aveva l'appoggio dei media di Murdoch e aveva come stratega elettorale l'ex-capo del News of the World di Murdoch che aveva intercettato illegalmente tutti per anni. Ora con il cadavere del giornalista che lo accusava stanno mettendoci una pezza.. iii) Sempre oggi Il più noto e rispettato corrispondente estero in inglese ^Robert Frisk#http://www.independent.co.uk/opinion/commentators/fisk/^, uno che ha un peso in Inghilterra quando scrive (prima sul Times e oggi sull'Independent) e nel mondo di lingua inglese è molto letto ovunque, che per 30 anni è stato basato in Medio Oriente, ha scritto che non crede più alla versione ufficiale dell'11 settembre ^"Persino io dubito della verità dell'11 settembre"#http://www.independent.co.uk/opinion/commentators/fisk/robert-fisk-even-i-question-the-truth-about-911-462904.html^. Cita alcuni dei fatti inspiegabili che avevo riportato qui più volte (ma solo pochi) e poi riporta un fatto di cui non da prova ma che da come rumor fondato e cioè che il corpo di una delle attendenti di volo dell'aereo che aveva colpito la Torre Gemella numero uno era stato trovato con le mani legate dietro la schiena a Manhattan La settimana prima sempre Robert Frisk aveva raccontato ^come mai aveva abbandonato il Times dopo che Murdoch lo aveva comprato#http://www.independent.co.uk/news/media/press/robert-fisk-why-i-had-to-leave-the-times-2311569.html^, se leggi capisci meglio il filo Mi sono chiesto come mai in 25 anni che leggo giornali e riviste italiane non mi è mai capitato una volta di vedere tradotto su Espresso, Repubblica o Corriere, anche solo una volta, un pezzo di Robert Frisk, quando traducono dozzine di americani ed inglesi di livello dubbio... Naomi Wolf, Luttwak, Paul Krugman, Thomas Friedman ecc... Robert Frisk invece pur essendo il massimo esperto di medio oriente nel mondo inglese, pur essendo di sinistra, il corrispondente dei giornali più prestigiosi sul Medio Oriente da 30 anni in Italia non lo ha mai sentito nessuno

 

  By: alberta on Venerdì 15 Luglio 2011 15:35

C'è qualcosa di strano nel fatto che questo Congressista Repubblicano si sia affrettato a chiedere subito una indagine federale su una roba che tecnicamente non ha senso. Quindi confermerei che le telefonate che News Corp potrebbe aver intercettato, riguardano non le "vittime", ma comunicazioni fra cellulari a terra oppura la massimo all' interno delle Torri prima del crollo e dopo l' impatto. Lo scenario che mi satvo facendo è che Murdoch abbia potuto ricattare sinora qualcuno in GB ed USA in questi anni, dicendo di essere in possesso di materiale "scottante" sull' 11.9 ed adesso che è scoppiato il caso della ragazzina morta, finalmente possono togliersi di mezzo questa minaccia incombente, che sicuramente avrà permesso alla FOX e C. la crescita vertiginosa dell' ultimo decennio, mentre il resto dell'editoria andava in crisi per internet...... E' una ipotesi, chiaro, ma si basa su numeri e sull' improvviso accanimento contro Murdoch, da sempre ritenuto uno squalo senza scrupoli, ma contro il quale sinora nessuno si era mosso in nessun Paese del Mondo. Come mai propio adesso, che con la storia della ragazzina morta, l' opinione pubblica è rimasta scandalizzata, sono venute fuori intercettazioni ilegali di ogni genere ai quattro angoli del mondo, che vanno avanti da altre dieci anni e su cui nessuno finora aveva mai avuto l' idea di indagare ?????

 

  By: GZ on Venerdì 15 Luglio 2011 01:59

Sembra una falsa pista, ^nel 2001 era quasi impossibile per dei cellulari normali riuscire a collegarsi da un altezza di 10mila metri dall'interno di un aereo#http://www.rense.com/general56/cellpp.htm^ di linea che vola a 2mila km l'ora di velocità con finestrini sigillati Le telefonate che sarebbero state fatte da diversi passeggeri l'11 settembre dai propri cell (non da quelli dell'aereo) sono sospette, gli esperti del settore intervistati hanno detto tutti che era sorprendente che ci fossero state diverse chiamate dagli aerei che erano riuscite a collegarsi ed erano durate dei minuti. Alla velocità di un aereo del genere ad alta quota il segnale di un cellulare, se anche prendeva, doveva durare pochi secondi e in ogni caso le torri wireless inviavano un segnale terrestre, che poteva arrivare così in alto solo per caso Quella delle famose telefonate dei passeggeri è un altra delle anomalie dell'11 settembre, una giornata dove quasi tutto quello che è successo aveva una probabilità di 1 su 100 di accadere, ma misteriosamente una ventina di eventi quasi impossibili presi ad uno ad uno, si sono verificati tutti insieme lo stesso giorno ^vedi qui ad esempio dove spiegano che la tecnologia per fare chiamate da cell ad alta quota è arrivata dopo il 2004#http://www.globalresearch.ca/articles/CHO408B.html^ -------------- "Wireless communications networks weren't designed for ground-to-air communication. Cellular experts privately admit that they're surprised the calls were able to be placed from the hijacked planes, and that they lasted as long as they did. They speculate that the only reason that the calls went through in the first place is that the aircraft were flying so close to the ground ( http://www.elliott.org/technology/2001/cellpermit.htm Expert opinion within the wireless telecom industry casts serious doubt on "the findings" of the 9/11 Commission. According to Alexa Graf, a spokesman of AT&T, commenting in the immediate wake of the 9/11 attacks: "it was almost a fluke that the [9/11] calls reached their destinations... From high altitudes, the call quality is not very good, and most callers will experience drops. Although calls are not reliable, callers can pick up and hold calls for a little while below a certain altitude" ( http://wirelessreview.com/ar/wireless_final_contact/ )