Trame, Connessioni, Network e Intrighi

 

  By: pana on Martedì 27 Settembre 2011 13:41

forse si capisce da questo, vogliono invadere l Europa di oppio !!! (copiato e incollato dal pezzo sotto del moderatore ) --------- Sotto il controllo del fratello minore del presidente Hamid Karzai, l'Afghanistan è diventato il più grande produttore mondiale di papaveri da oppio. Il succo viene trasformato sul posto in eroina e trasportato dall'US Air Force a Camp Bondsteed (Kosovo). C'è il farmaco viene assunto dagli uomini di Haçim Thaçi che lo distribuisce principalmente in Europa e anche negli Stati Uniti. I profitti sono utilizzati secondo diverse fonti anche per finanziare operazioni illegali della CIA. Karzai e Thaçi sono amici personali di lunga data di Bernard Kouchner, che non menziona mai ovviamente delle loro attività criminali, malgrado i rapporti internazionali che sono stati fatti sul tem

 

  By: muschio on Martedì 27 Settembre 2011 11:36

Approfondimento interessante, ma da dove si capirebbe che fine fa l'europa?

"The French Connection" (la creazione di Nicolas Sarkozy) - Moderatore  

  By: Moderatore on Martedì 27 Settembre 2011 02:12

Per capire cosa succederà ora in Europa, se si "salverà" la situazione (le banche sostanzialmente) e il mercato con 1000 o 2000 miliardi freschi e il resto occorre ogni tanto capire il contesto di quello che succede nel mondo. Cioè chi sono gli attori principali come Sarkozy, Strauss-Khan, Cristine Lagarde, da dove vengono... a chi sono connessi... insomma un poco di quello che di solito NON APPARE MAI ----------------- ^The French Connection ovvero la creazione di Nicolas Sarkozy#http://www.dejanlucic.net/Operation%20Sarkozy.html^ --------- .... Nicolas Sarkozy... nato nel 1955, era il figlio di un nobile ungherese, Pal Sarkozy de Nagy-Bocsa, fuggito in Francia dopo la fuga dall'Armata Rossa, e di Andrée Mallah, erede di una importante famiglia ebrea da Salonnico. Dopo aver avuto tre figli (Guillaume, Nicolas e François), la coppia divorziò. Pal Sarkozy de Nagy-Bocsa si risposa con un'aristocratica, Christine de Ganay, dalla quale ebbe due figli (Pierre-Olivier e Caroline). Nicolas non è stato educato dai suoi genitori da soli, ma passa avanti e indietro in questa famiglia ricomposta. Sua madre diventa il braccio destro di Achille Peretti. Dopo aver co-fondato il SAC, questa guardia del corpo di De Gaulle aveva perseguito una brillante carriera politica. È stato eletto deputato e sindaco di Neuilly-sur-Seine, la più ricca periferia della capitale, poi presidente dell'Assemblea nazionale. Purtroppo, nel 1972, Achille Peretti è stato oggetto di gravi accuse. Negli Stati Uniti, la rivista Time rivela l'esistenza di una organizzazione criminale segreta corsa della "Unione corse" che è stato detto controlli una larga fetta del traffico di stupefacenti tra Europa e America, la famosa "connessione francese" che ha portato a Hollywood poi al celebre film con Gene Hackman. Sulla base delle audizioni parlamentari e proprie indagini, Time ha citato il nome di un boss mafioso, Jean Venturi, arrestato qualche anno prima in Canada, che non era altri che il rappresentante commerciale di Charles Pasqua per la società Ricard bevande. I nomi di diverse famiglie sono state menzionate compreso il Peretti. Achille nega, ma deve dimettersi dalla presidenza dell'Assemblea nazionale e anche scampa anche ad un episodio oscuro in cui sembra tentare un "suicidio". Nel 1977, Pal Sarkozy si separa dalla sua seconda moglie, Christine de Ganay, che poi si sposa con il numero due del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e mette su casa con lui in America. Il mondo è piccolo, come è noto, il marito non era altri che Frank Wisner Jr., figlio del precedente Frank Wisner il braccio destro del Ministro degli Esteri Cyrus Vance che proviene da una carriera nella CIA. Le funzioni di Wisner Junior alla CIA non sono note, ma era chiaro che aveva un ruolo importante. Nicolas, che è rimasto vicino alla sua matrigna, al fratellastro e alla sorellastra, comincia a gravitare verso gli Stati Uniti dove "beneficia" di programmi di formazione presso il Dipartimento di Stato. Allo stesso tempo, Nicolas Sarkozy ha aderito al partito gollista e vi ha incontrato e ha avuto contatti con Charles Pasqua. Nel 1982, Nicolas Sarkozy, dopo aver completato la sua formazione giuridica, sposò la nipote di Achille Peretti. Al matrimonio c'era Charles Pasqual. Come sindaco e politico, Sarkozy curava gli interessi degli amici corsi del suo mentore Pasqua e ha comprato un immobile in Corsica L'anno successivo, Sarkozyfu eletto sindaco di Neuilly-sicuro-Senna al posto di suo zio, Achille Peretti, colpito da un attacco di cuore dopo lo scandalo della mafia corsa Tuttavia, Nicolas subito esser eletto tradisce la moglie e, dal 1984 in poi, aveva una relazione nascosta con Cécilia, moglie del personaggio più famoso della televisione francese dell'epoca, Jacques Martin, che aveva conosciuto quando celebrava il loro matrimonio come sindaco di Neuilly. Questa doppia vita dura cinque anni, prima che gli amanti lasciato i loro rispettivi coniugi per impostare una nuova famiglia. Nicolas è stato un testimone al matrimonio, nel 1992, della figlia di Jacques Chirac, Claude, con un editorialista di Le *** ro e seduce Claude e ha una breve relazione con lei, mentre vive ufficialmente con Cécilia. Il marito tradito si suicida assumendo farmaci. La rottura tra l'Chirac e Nicolas Sarkozy su questi fatti diventa brutale e permanente. Nel 1993, la sinistra perse le elezioni parlamentari. Il presidente François Mitterrand si rifiutò di dimettersi ed entrò in una coabitazione con un Primo ministro di destra, Jacques Chirac. La sua ambizione era di diventare presidente e poi aveva pensato di formare un tandem con Eduard Balladur paragonabile a quello di De Gaulle e Pompidou, e ha rifiutato di essere di nuovo primo ministro e ha lasciato il posto al suo "amico da oltre trent'anni", Eduard Balladur. Nonostante il suo passato discutibile, Charles Pasqual è diventato ministro degli Interni. Continuava tramite una sua ditta ad avere a che fare con la marijuana marocchina, ha approfittato della sua posizione per legalizzare le altre sue attività, prendendo il controllo del, giochi casinò e corse in Africa francofona. Ha anche stabilito legami in Arabia Saudita e in Israele un diventa ufficiale d'onore del Mossad. Per quanto riguarda Nicolas Sarkozy, è stato ministro del Bilancio e portavoce del governo. A Washington, Frank Wisner Jr., marito della madre di Sarkozy, è succeduto a Paul Wolfowitz come responsabile della pianificazione politica al Dipartimento della Difesa. La tensione in seno al partito gollista torna come trent'anni prima tra i gollisti storici e la destra finanziaria, nella persona di Balladur. La novità è che Charles Pasqua e con lui il giovane Nicolas Sarkozy ha tradito Jacques Chirac per avvicinarsi alla tendenza Rothschild. Tutto è andato però loro storto. Il conflitto ha raggiunto il suo picco nel 1995 quando Édouard Balladur si è messo contro il suo ex amico Jacques Chirac alle elezioni presidenziali, ed è stato battuto. Seguendo l'influenza di Londra e Washington, il governo Balladur apre i negoziati per l'adesione all'Unione europea e alla NATO degli Stati dell'Europa centrale e orientale, liberati dal controllo sovietico. Ma per finanziare la sua campagna elettorale, Edouard Balladur ha cercato di entrare in possesso dei fondi neri del partito gollista, nascosto all'interno del sistema di doppia contabilità della società petrolifera Elf. Il vecchio CEO Étienne Léandri è morto quando i giudici hanno perquisito l'azienda e i suoi capi sono stati incarcerati. Ma Balladur, Pasqua e Sarkozy non sono riusciti a recuperare il bottino. In tutto il suo primo mandato, Jacques Chirac, ha tenuto a distanza Nicolas Sarkozy il quale è diventato discreto durante questo lungo periodo di "abbandono nel deserto". Discretamente, ha continuato a creare collegamenti in ambienti finanziari. Nel 1996, Nicolas Sarkozy, che finalmente è riuscito a terminare una procedura di divorzio senza fine ha sposato Cécilia. Come testimoni erano i due miliardari Martin Bouygues e Bernard Arnaud (l'uomo più ricco del paese). Ben prima della crisi irachena, Frank Wisner Jr. ei suoi colleghi della CIA stavano progettando la distruzione della linea gollista e l'ascesa al potere di Nicolas Sarkozy. Hanno agito in tre fasi: in primo luogo l'eliminazione del leader del partito gollista e la presa del potere nel partito, l'eliminazione del principale rivale di destra, l'investitura del partito gollista all'elezione presidenziale e, infine, l'eliminazione di qualsiasi serio sfidante a sinistra, in modo da essere sicuri di portare via le elezioni presidenziali. Per anni, i media in Francia sono stati tenuti eccitati dalle rivelazioni postume di uno speculatore immobiliare. Prima di morire di una grave malattia, aveva registrato per motivi mai chiarito una confessione video. Per ragioni ancora più oscure, la "cassetta" cadde nelle mani di un membro di alto rango del Partito socialista, Dominique Strauss-Khan, che la trasmette indirettamente alla stampa. Anche se le confessioni dei speculatore non hanno portato ad alcuna sanzione giudiziaria, hanno aperto un vaso di Pandora. La vittima principale degli affari successive sarebbe stato il primo ministro Alain Juppé. Per proteggere Chirac, egli solo ha assunto tutti i reati. Juppé mettendosi di mezzo viene così eliminato e Nicolas Sarkozy si avvia a prendere la direzione del partito gollista. Sarkozy ha poi fatto uso della sua posizione per costringere Jacques Chirac a riprenderlo nel governo malgrado il loro odio reciproco. E 'stato nominato Ministro degli Interni, un errore da parte di Chirac perchè ha controllato i prefetti e la rete di intelligence interna che ha usato per mettere i suoi incaricati tra i rami più importanti dell'amministrazione. Come ministro dell'Interno ha anche affrontato le questioni della Corsica. Il prefetto Claude Erignac era stato assassinato. Anche se nessuno l'aveva rivendicato, l'omicidio viene immediatamente interpretato come una sfida lanciata dagli indipendentisti alla Repubblica. Dopo una lunga caccia, la polizia riuscì ad arrestare un sospetto in fuga, Yvan Colonna, figlio di un deputato socialista. Senza riguardo per la presunzione d'innocenza, Nicolas Sarkozy annuncia questo arresto accusando il sospetto di essere l'assassino. Sebbene Yvan Colonna è stato successivamente riconosciuto colpevole, egli ha sempre proclamato la sua innocenza e nessuna prova materiale è stato trovato contro di lui. Stranamente, l'uomo si rifiutò di parlare, preferendo essere condannato piuttosto che rivelare ciò che sa. Il prefetto Erignac non è stato ucciso dai nazionalisti, ma da un sicario, Igor Pecatte, immediatamente spedito in Angola dove è stato assunto dal gruppo Elf. Il movente del crimine era strettamente legato alle funzioni precedenti di Erignac, responsabile delle reti africane di Charles Pasqua al ministero della Cooperazione. Quanto a Yvan Colonna, è stato un amico personale di Nicolas Sarkozy per molti anni ei loro figli sono in contatto amichevole con un altro. Un nuovo caso viene poi alla luce: circolano falsi elenchi sono stati falsamente accusati, alcune personalità di nascondere dei conti bancari in Lussemburgo, presso Clearstream. Tra le personalità diffamate vi è Nicolas Sarkozy. Porta allora il caso in tribunale e lasciare capire che sembra che il suo rivale di destra alle elezioni presidenziali, il Primo Ministro, Dominique de Villepin, abbia organizzato questa macchinazione. Sarkozy non ha nascosto la sua intenzione di volerlo mandato in prigione. In realtà, i falsi elenchi sono stati messi in circolazione dai membri della Fondazione franco-americana, di cui John Negroponte è stato presidente e Frank Wisner Jr. direttore. Ciò che i giudici non sapevano e noi qui riveliamo, è che le liste sono state fatte a Londra da un laboratorio comune della CIA e del MI6, Hakluyt & Co, di cui Frank Wisner Jr. è anche Direttore. Villepin combatte contro le accuse, ma perde, e gli viene fatto divieto di lasciare la sua casa e, di fatto, temporaneamente viene rimosso dalla vita politica. La via è aperta a destra per Nicolas Sarkozy. Rimane necessario neutralizzare i candidati dell'opposizione. La quota sociale per iscriversi al partito socialista è scesa ad un livello simbolico per attirare nuovi membri. Improvvisamente migliaia di giovani chiedono l'iscrizione. Tra loro ci sono almeno diecimila nuovi aderenti che sono in realtà membri del partito trotzkista "lambertista" (così chiamato dal nome del suo fondatore Pierre Lambert). Questa piccola formazione di estrema sinistra ha una storia di lavorare per la CIA contro i comunisti stalinisti durante la Guerra Fredda (era l'equivalente dello SD / USA di Max Shatchman, che ha formato i neoconservatori negli USA). Questa non era la prima volta che il "lambertisti" si erano infiltrati il Partito Socialista. In particolare, hanno piantato due celebri sospettati di avere connesioni CIA nel partito socialista: Lionel Jospin (divenuto Primo ministro) e Jean-Christophe Cambadélis, il principale consigliere di Dominique Strauss-Kahn. Le primarie sono organizzate nel partito socialista per nominare il suo candidato per le elezioni presidenziali. Due personalità sono in concorrenza: Laurent Fabius e Ségolène Royal. Solo il primo rappresenta un pericolo per Sarkozy. Dominique Strauss-Kahn allora diventa candidato solo con la missione di eliminare Fabius all'ultimo momento. Questo viene reso possibile grazie anche ai voti degli infiltrati "lambertista" militanti che non hanno votato per lui, ma tutti per Segolene Royal. L'operazione è stata possibile perché Strauss-Kahn, ebreo di origine marocchina, ha da sempre connessioni importanti negli Stati Uniti. Tiene lezioni a Stanford, dove era stato assunto dal rettore dell'Università, Condoleezza Rice che diventa poi Ministro degli Esteri di Bush. Appena entrato in carica, Nicolas Sarkozy e Condoleezza Rice hanno ringraziato Strauss-Kahn facendolo nominare a capo del Fondo Monetario Internazionale. La sera del secondo turno delle elezioni presidenziali, quando i sondaggi ha annunciato la sua probabile vittoria, Nicolas Sarkozy ha fatto un breve discorso alla nazione dal suo quartier generale della campagna. Poi, contrariamente alla consuetudine, non è andato a festeggiare con i militanti del suo partito, ma è andato a Fouquet. Il famoso ristorante sugli Champs-Élysées, che una volta era stata il luogo d'incontro per il "Unione Corsa" e appartiene ormai al gestore di casinò Dominique Desseigne. E 'stato messo a disposizione del presidente eletto per ricevervi i suoi amici e principali finanziatori della sua campagna. Un centinaio di ospiti affollati, gli uomini più ricchi di Francia erano lì con i padroni del casinò. Poi il presidente eletto si concede qualche giorno di meritato riposo, portato in Falcon-900 privato a Malta, si è riposato lì sul Paloma, lo yacht di 65 metri di un suo amico Vincent Bolloré, un miliardario formato alla Banca Rothschild. Infine, Nicolas Sarkozy è investito presidente della Repubblica francese. Il primo decreto che ha firmato non era per proclamare un'amnistia, ma per autorizzare i casinò ad essere gestiti da suoi amici Desseigne et Partouche e aumentare il numero di macchine di gioco. Sarkozy forma la sua squadra di lavoro e il suo governo. Con sorpresa, si trova lì un proprietario di casinò molto preoccupante (Ministro della Gioventù e Sport) e lobbista per i casinò dell'amico Desseigne suo (che si è fatto portavoce del partito "gollista"). Nicolas Sarkozy fa affidamento soprattutto su quattro uomini: Claude Guéant, segretario generale del palazzo dell'Eliseo. Era il braccio destro dell'ex di Charles Pasqua. François Pérol, Assistente Segretario Generale dell'Eliseo. Era un managing partner della Banque Rothschild. Jean-David Levitte, consigliere diplomatico. Figlio dell'ex direttore dell'Agenzia Ebraica. Ambasciatore di Francia all'ONU, fu rimosso dal suo incarico da Chirac che lo consideravano troppo vicino a George Bush. Alain Bauer, l'uomo nell'ombra. Il suo nome non compare in qualsiasi directory. E 'responsabile dei servizi segreti. Nipote del gran rabbino di Lione, l'ex Gran Maestro del Grande Oriente di Francia (la principale obbedienza massonica francese) ed ex numero 2 della Nazionale USA Security Agency in Europa. Frank Wisner Jr., (marito della madre di Sarkozy) che nel frattempo era stato nominato inviato speciale del presidente Bush per l'indipendenza del Kosovo, insiste perché Bernard Kouchner sia nominato ministro degli Esteri con una doppia missione prioritaria: l'indipendenza del Kosovo e la fine della politica araba della Francia . Kouchner, di origine baltica ebraica, ha iniziato la sua carriera partecipando alla creazione di una ONG umanitaria. Grazie al denaro del National Endowment for Democracy, ha partecipato a operazioni di Zbigniew Brzezinski in Afghanistan, a fianco di Osama Bin Laden e dei fratelli Karzai contro i sovietici. Egli è stato trovato negli anni '90 a fianco Alija Izetbegovic in Bosnia-Erzegovina. Dal 1999 al 2001 è stato l'alto rappresentante dell'ONU in Kosovo. Sotto il controllo del fratello minore del presidente Hamid Karzai, l'Afghanistan è diventato il più grande produttore mondiale di papaveri da oppio. Il succo viene trasformato sul posto in eroina e trasportato dall'US Air Force a Camp Bondsteed (Kosovo). C'è il farmaco viene assunto dagli uomini di Haçim Thaçi che lo distribuisce principalmente in Europa e anche negli Stati Uniti. I profitti sono utilizzati secondo diverse fonti anche per finanziare operazioni illegali della CIA. Karzai e Thaçi sono amici personali di lunga data di Bernard Kouchner, che non menziona mai ovviamente delle loro attività criminali, malgrado i rapporti internazionali che sono stati fatti sul tema. Per completare il suo governo, Nicolas Sarkozy nomina Christine Lagarde, Ministro dell'Economia e delle Finanze. Aveva fatto tutta la sua carriera negli Stati Uniti dove ha diretto il prestigioso studio legge di Baker & McKenzie. All'interno del Centro per gli Studi Internazionali e Strategici di Dick Cheney, ha co-presieduto con Zbigniew Brzezinski un gruppo di lavoro supervisionato le privatizzazioni in Polonia. Aveva organizzato un'intensa attività di lobby per la Lockheed Martin contro la francese Dassault costruttore di aeromobili. Durante l'estate Nicolas, Cécilia, la loro amante comune e i loro figli hanno offerta vacanze negli Stati Uniti a Wolfenboro, non lontano dalla proprietà del presidente Bush, questa volta è stata pagata da Robert F. Agostinelli, un italo-New York merchant banker, sionista e un leader neo-conservatore, che dà le sue opinioni su Commentary, la rivista dell'American Jewish Committee. Il successo di Nicolas si diffonde al suo fratellastro Pierre-Olivier. Sotto il nome americanizzato di "Oliver", è stato nominato da Frank Carlucci (che era il numero 2 della CIA dopo essere stato reclutato da Frank Wisner Sr.), direttore di un nuovo fondo d'investimento del Carlyle Group (la società di gestione congiunta di i portafogli dei Bush e Ben Laden). Dopo essere diventato uno dei maggiori banchieri di affari del mondo, riesce a gestire anche asset dei fondi sovrani del Kuwait e di Singapore. La popolarità del presidente Sarkozy è però in caduta libera nei sondaggi. Uno dei suoi consiglieri per la comunicazione, Jacques Seguela, progetta per distrarre l'attenzione del pubblico delle nuove "storie di celebrità". L'annuncio del divorzio da Cécilia è pubblicato da Libération, il giornale del suo amico Edouard de Rothschild, per coprire gli slogan dei manifestanti 'durante una giornata di sciopero generale. Andando ancora oltre, il comunicatore organizza un incontro con la cantante ed ex modella Carla Bruni. Alcuni giorni dopo, la sua relazione con il presidente è diventata ufficiale e il frastuono dei media ancora una volta copre le critiche politiche. Poche settimane più tardi ancora e si ha un terzo matrimonio di Nicolas . Questa volta i testimoni da lui scelti sono Mathilde Agostinelli (moglie di Robert) e Nicolas Bazire, ex segretario privato di Édouard Balladur divenuto un partner di gestione presso la Banca Rothschild. (CONTINUA)

 

  By: prg80t on Martedì 30 Agosto 2011 00:38

http://www.ecplanet.com/node/2652

 

  By: pana on Giovedì 25 Agosto 2011 00:58

al tg2 han detto come se nulla fosse ( a momento mi ribaltavo sul divano) che il golpe del 1969 era stato deciso ad Abano Terme e tutti i ministri erano gia decisi a tavolino, con l'aiuto dei servizi segreti esteri, presumo pure il nostro.. poi negli anni 70 gli inglesi volevano rovesciarlo ma il nostro governo di nuovo lo aiuto'.. poi craxi con Reagan, insomma non dobbiamo criticar il bruscoloni per il baciamano al colonello ,ilgheddafio potrebbe scrivere un libro degno di John LeCarre se mettesse per isccritto tutte le cose che sa..

 

  By: GZ on Mercoledì 24 Agosto 2011 00:23

E' incredibile comunque che ora dopo averlo tirato fuori da un aereo che partiva per portarlo in giro in manette per Manhattan per tre settimane, negargli la cauzione e tenerlo dentro in modo da fotografarlo prigioniero avanti e indietro, farlo dimettere dal Fondo Monetario. accusarlo di sei capi d'accusa ... ecc... ora nessuno dica ehi... ma se era tutto falso, se era una prostituta, se questa ha mentito dall'inizio, se non c'era nessun segno di violenza e l'africana trentenne era più robusta del 65enne panzone StraussKhan che se lei voleva gli dava due sberle e a Strauss ci voleva una pistola per stuprarla se non voleva... se Sarkozy è stato informato in tempo reale prima ancora che lo arrestassero, se il procuratore Cyrus Vance II era figlio di un amico di Sarkozy e di una famiglia di tente tutta nella CIA....se Strauss al Fondo Monetario era contro il salvataggio delle banche per la Grecia.... ...non sarà stato un caso classico, palese ed evidente di ...complotto... intrigo... per eliminare dal Fondo Monetario questo Strauss ?

 

  By: GZ on Mercoledì 24 Agosto 2011 00:23

.

 

  By: gianlini on Martedì 23 Agosto 2011 20:34

grandissimo Zibordi per gli interventi su DSK davvero un plauso meritato!

 

  By: duca on Venerdì 19 Agosto 2011 15:23

Quelli del Bildemberg.... intanto sono in troppi...... e quindi la segretezza viene completamente a mancare..... Questi ciarlano......e hanno un unico vantaggio hanno informazioni riservate di prima mano. Punto!

 

  By: uomoscarpi on Venerdì 19 Agosto 2011 04:03

il piano ambizioso si propone non solo di minare la credibilita' dell'euro... talmente distrutto che eur/dlr è ancora a 1.43....

 

  By: uomoscarpi on Venerdì 19 Agosto 2011 03:58

Io per dire ho letto il libro del giornalista spagnolo, che sembra svelare chissachè...pareva di leggere un giallo...arrivi alla fine e ti chiedi embehh? per fortuna l'ho preso in biblioteca e non ho comprato una simile scemenza

 

  By: Paolo_B on Venerdì 19 Agosto 2011 03:17

> Difficile crederci (se è segreta, come trapelano certe cose?) ma è verosimile Quell'articolo sta dicendo che il gruppetto di personaggi famosi citati, incluso tremonti, elkan, il fondatore di facebook e di amazon, controlla il mondo e sta appositamente prolungando la crisi, ed è oltre l'inverosimile, già pesantemente nel risibile. Piuttosto leggete Taleb e fooled by randomness. I bilderberg o come si chiamano non controllano niente. Le attuali vicende rispondono a dinamiche che sono al di là di ogni possibile controllo da parte di questi paperoni e celebrità.

 

  By: defilstrok on Venerdì 19 Agosto 2011 03:04

Mah... ho appena finito di leggere questo resoconto sull'ultima riunione ^Bilderberg#http://www.wallstreetitalia.com/article/1192028/top-secret/il-club-dei-potenti-di-bilderberg-vuole-liquidare-l-europa.aspx^. Difficile crederci (se è segreta, come trapelano certe cose?) ma è verosimile? Quel che mi spaventa è la lista dei partecipanti. Considerando che il Parlamento europeo considera il gruppo una sorta di massoneria trasversale riguardo alla quale ha ufficialmente espresso opinione di "tolleranza ma di non gradimento", vien da chiedersi come mai ne facciano parte certi soggetti: Belgio Coene, Luc, Governor, National Bank of Belgium Davignon, Etienne, Minister of State Leysen, Thomas, Chairman, Umicore Cina Fu, Ying, Vice Minister of Foreign Affairs Huang, Yiping, Professor of Economics, China Center for Economic Research, Peking University Danimarca Eldrup, Anders, CEO, DONG Energy Federspiel, Ulrik, Vice President, Global Affairs, Haldor Topsøe A/S Schütze, Peter, Member of the Executive Management, Nordea Bank AB Germania Ackermann, Josef, Chairman of the Management Board and the Group Executive Committee, Deutsche Bank Enders, Thomas, CEO, Airbus SAS Löscher, Peter, President and CEO, Siemens AG Nass, Matthias, Chief International Correspondent, Die Zeit Steinbrück, Peer, Member of the Bundestag; Former Minister of Finance Finlandia Apunen, Matti, Director, Finnish Business and Policy Forum EVA Johansson, Ole, Chairman, Confederation of the Finnish Industries EK Ollila, Jorma, Chairman, Royal Dutch Shell Pentikäinen, Mikael, Publisher and Senior Editor-in-Chief, Helsingin Sanomat Francia Baverez, Nicolas, Partner, Gibson, Dunn & Crutcher LLP Bazire, Nicolas, Managing Director, Groupe Arnault /LVMH Castries, Henri de, Chairman and CEO, AXA Lévy, Maurice, Chairman and CEO, Publicis Groupe S.A. Montbrial, Thierry de, President, French Institute for International Relations Roy, Olivier, Professor of Social and Political Theory, European University Institute Gran Bretagna Agius, Marcus, Chairman, Barclays PLC Flint, Douglas J., Group Chairman, HSBC Holdings Kerr, John, Member, House of Lords; Deputy Chairman, Royal Dutch Shell Lambert, Richard, Independent Non-Executive Director, Ernst & Young Mandelson, Peter, Member, House of Lords; Chairman, Global Counsel Micklethwait, John, Editor-in-Chief, The Economist Osborne, George, Chancellor of the Exchequer Stewart, Rory, Member of Parliament Taylor, J. Martin, Chairman, Syngenta International AG Grecia David, George A., Chairman, Coca-Cola H.B.C. S.A. Hardouvelis, Gikas A., Chief Economist and Head of Research, Eurobank EFG Papaconstantinou, George, Minister of Finance Tsoukalis, Loukas, President, ELIAMEP Grisons Organizzazioni Internazionali Almunia, Joaquín, Vice President, European Commission Daele, Frans van, Chief of Staff to the President of the European Council Kroes, Neelie, Vice President, European Commission; Commissioner for Digital Agenda Lamy, Pascal, Director General, World Trade Organization Rompuy, Herman van, President, European Council Sheeran, Josette, Executive Director, United Nations World Food Programme Solana Madariaga, Javier, President, ESADEgeo Center for Global Economy and Geopolitics Trichet, Jean-Claude, President, European Central Bank Zoellick, Robert B., President, The World Bank Group Irlanda Gallagher, Paul, Senior Counsel; Former Attorney General McDowell, Michael, Senior Counsel, Law Library; Former Deputy Prime Minister Sutherland, Peter D., Chairman, Goldman Sachs International Italia Bernabè, Franco, CEO, Telecom Italia Elkann, John, Chairman, Fiat Monti, Mario, Presidente dell'Universita' Luigi Bocconi Scaroni, Paolo, CEO, Eni Tremonti, Giulio, Ministro dell'Economia Canada Carney, Mark J., Governor, Bank of Canada Clark, Edmund, President and CEO, TD Bank Financial Group McKenna, Frank, Deputy Chair, TD Bank Financial Group Orbinksi, James, Professor of Medicine and Political Science, University of Toronto Prichard, J. Robert S., Chair, Torys LLP Reisman, Heather, Chair and CEO, Indigo Books & Music Inc. Center, Brookings Institution Olanda Bolland, Marc J., Chief Executive, Marks and Spencer Group plc Chavannes, Marc E., Political Columnist, NRC Handelsblad; Professor of Journalism Halberstadt, Victor, Professor of Economics, Leiden University; Former Honorary Secretary General of Bilderberg Meetings H.M. the Queen of the Netherlands Rosenthal, Uri, Minister of Foreign Affairs Winter, Jaap W., Partner, De Brauw Blackstone Westbroek Norvegia Myklebust, Egil, Former Chairman of the Board of Directors SAS, sk Hydro ASA H.R.H. Crown Prince Haakon of Norway Ottersen, Ole Petter, Rector, University of Oslo Solberg, Erna, Leader of the Conservative Party Austria Bronner, Oscar, CEO and Publisher, Standard Medien AG Faymann, Werner, Federal Chancellor Rothensteiner, Walter, Chairman of the Board, Raiffeisen Zentralbank Österreich AG Scholten, Rudolf, Member of the Board of Executive Directors, Oesterreichische Kontrollbank AG Portogallo Balsemão, Francisco Pinto, Chairman and CEO, IMPRESA, S.G.P.S.; Former Prime Minister Ferreira Alves, Clara, CEO, Claref LDA; writer Nogueira Leite, António, Member of the Board, José de Mello Investimentos, SGPS, SA Svezia Mordashov, Alexey A., CEO, Severstal Schweden Bildt, Carl, Minister of Foreign Affairs Björling, Ewa, Minister for Trade Wallenberg, Jacob, Chairman, Investor AB Svizzera Brabeck-Letmathe, Peter, Chairman, Nestlé S.A. Groth, Hans, Senior Director, Healthcare Policy & Market Access, Oncology Business Unit, Pfizer Europe Janom Steiner, Barbara, Head of the Department of Justice, Security and Health, Canton Kudelski, André, Chairman and CEO, Kudelski Group SA Leuthard, Doris, Federal Councillor Schmid, Martin, President, Government of the Canton Grisons Schweiger, Rolf, Ständerat Soiron, Rolf, Chairman of the Board, Holcim Ltd., Lonza Ltd. Vasella, Daniel L., Chairman, Novartis AG Witmer, Jürg, Chairman, Givaudan SA and Clariant AG Spagna Cebrián, Juan Luis, CEO, PRISA Cospedal, María Dolores de, Secretary General, Partido Popular León Gross, Bernardino, Secretary General of the Spanish Presidency Nin Génova, Juan María, President and CEO, La Caixa H.M. Queen Sofia of Spain Turchia Ciliv, Süreyya, CEO, Turkcell Iletisim Hizmetleri A.S. Gülek Domac, Tayyibe, Former Minister of State Koç, Mustafa V., Chairman, Koç Holding A.S. Pekin, Sefika, Founding Partner, Pekin & Bayar Law Firm USA Alexander, Keith B., Commander, USCYBERCOM; Director, National Security Agency Altman, Roger C., Chairman, Evercore Partners Inc. Bezos, Jeff, Founder and CEO, Amazon.com Collins, Timothy C., CEO, Ripplewood Holdings, LLC Feldstein, Martin S., George F. Baker Professor of Economics, Harvard University Hoffman, Reid, Co-founder and Executive Chairman, LinkedIn Hughes, Chris R., Co-founder, Facebook Jacobs, Kenneth M., Chairman & CEO, Lazard Johnson, James A., Vice Chairman, Perseus, LLC Jordan, Jr., Vernon E., Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC Keane, John M., Senior Partner, SCP Partners; General, US Army, Retired Kissinger, Henry A., Chairman, Kissinger Associates, Inc. Kleinfeld, Klaus, Chairman and CEO, Alcoa Kravis, Henry R., Co-Chairman and co-CEO, Kohlberg Kravis, Roberts & Co. Kravis, Marie-Josée, Senior Fellow, Hudson Institute, Inc. Li, Cheng, Senior Fellow and Director of Research, John L. Thornton China Center, Brookings Institution Mundie, Craig J., Chief Research and Strategy Officer, Microsoft Corporation Orszag, Peter R., Vice Chairman, Citigroup Global Markets, Inc. Perle, Richard N., Resident Fellow, American Enterprise Institute for Public Policy Research Rockefeller, David, Former Chairman, Chase Manhattan Bank Rose, Charlie, Executive Editor and Anchor, Charlie Rose Rubin, Robert E., Co-Chairman, Council on Foreign Relations; Former Secretary of the Treasury Schmidt, Eric, Executive Chairman, Google Inc. Steinberg, James B., Deputy Secretary of State Thiel, Peter A., President, Clarium Capital Management, LLC Varney, Christine A., Assistant Attorney General for Antitrust Vaupel, James W., Founding Director, Max Planck Institute for Demographic Research Warsh, Kevin, Former Governor, Federal Reserve Board Wolfensohn, James D., Chairman, Wolfensohn & Company, LLC

 

  By: pana on Martedì 16 Agosto 2011 12:56

eheh..i pakistani hanno preso dei pezzi dell elicottero invisibile usa e li hanno dati agli ingegneri cinesi per fare il reverse engineering..(parti dal prodotto finale e studi come costruirtelo da te..) anche questo me lo sogno io ? http://edition.cnn.com/2011/WORLD/asiapcf/08/15/pakistan.china/

 

  By: Andrea on Sabato 13 Agosto 2011 02:03

Prima del Redstone che porto' Alan Shepard nello spazio (volo suborbitale balistico ma pur sempre nello spazio) vatti a vedere quanti altri ne erano esplosi miseramente entro pochi secondi dal lancio (quando non direttamente sulla rampa). Alla volte mi chiedo se la complessita' di certe opere ingegneristiche sfugga cosi' facilmente. Solo perche' era il secondo tentativo di una cosa mai fatta prima doveva necessariamente andare bene?