La fine dell' Inghilterra

 

  By: GZ on Venerdì 12 Agosto 2011 19:36

quando il bimbo qui aveva 4 anni e stava andando in California con la mamma d'estate la signora filippina che viene qui e che gli è molto affezionata, scherzando gli ha detto in inglese : "allora Leo... vengo anche io con te in California.." e lui senza esitazioni ha risposto ".. you can't because you are black..." lasciando un poco senza fiato tutti (come parenti attenti all'educazione senza pregiudizi ci siamo preoccupati di correggerlo subito "Leo !.. Chari is not black, she is light brown...") Gli abbiano instillato noi prima dei 4 anni che in America non vivono dei neri ? Dubito, semmai avrebbe notato il contrario, che si menziona che i neri in America ci abitano, ma dato che quando va a Los Angeles non ne aveva incontrati nel ristretto cerchio dei parenti e vicini ha tratto delle sue conclusioni, a 4 anni, in base al colore. Incontrando qui gente di un colore più scuro in casa e all'asilo e non avendone notati forse a Los Angeles (dove i neri sono effettivamente solo un 12%, ma concentrati in alcune zone) ha dedotto che non ci vivano Per qualche motivo che i sociologhi spiegheranno il bimbo insiste ora che ha 6 anni e va in prima elementare che la sua "fidanzata" è una bambina della sua classe che non sembra essersene accorta (lui le da dei pizzicotti quando non le da retta e questa strilla) e alla domanda del perchè gli piace come findanzata la risposta è :"..perchè è così bionda.." (è l'unica biondissima della classe). Gli è stato instillato che i biondi scandinavi sono belli ? Io non lo sono e mia moglie è sul castano....lui per ora è biondo....Con questo sembra amico di Mery la bambina africana, racconta che hanno combattuto diverse volte. Quando gli dico che non vale combattere con le bambine dice che questa è la più forte e con lei si combatte A parte gli anedotti c'è un intera letteratura sul fatto che a cinque anni si reagisce spontaneamente all'aspetto esteriore fisico molto di più che a 35 anni, cosa logica perchè un bambino si basa sull'esperienza immediata ed istintiva più di un adulto che tiene conto anche di idee apprese

 

  By: antitrader on Venerdì 12 Agosto 2011 19:24

C'era una volta un ragazzino che parlava sempre alla mamma di un suo amico di classe. Allora la mamma gli fa: e portalo una volta a casa nostra no? Il ragazzino lo porta, la mamma lo guarda ed esclama: ah! Ma e' nero! Il figlio si rivolge al suo amico e gli fa: Oh! Ma sei nero???

 

  By: Giovanni-bg on Venerdì 12 Agosto 2011 19:10

Anti Se in una scuola elementare metti un bambino italiano allo stesso banco con uno di colore quello (il bambino italiano) non se ne accorge nemmeno delle diversita' ---------------- Da quello che ho visto nelle scuole succede esattamente il contrario. I bambini specie quelli più piccoli tendo "naturalmente" a rifiutare il diverso. E parlo di bambini che sono molto lontani dall'aver assorbito qualcosa di idelogico sia in un senso che nell'altro dai genitori per via dell'età. Il diverso viene accettato solo in seguito all'intervento di adulti. Guardi che la favoletta che i bambini sono tutti innocenti e quindi buoni è appunto una favoletta. Ho visto fare cattiverie terribili tra bambini che forse un adulto non avrebbe mai il coraggio di fare.

 

  By: antitrader on Venerdì 12 Agosto 2011 14:00

I giovanissimi hanno ancora la purezza di percepire le indecenti ingiustizie che assillano sempre di piu' la societa' moderna ed ecco che ti ritrovi la figlia del miliardario (in quei rari casi in cui i genitori non siano ancora riusciti a rincoglionirla del tutto) in mezzo alla rivoluzione. Se in una scuola elementare metti un bambino italiano allo stesso banco con uno di colore quello (il bambino italiano) non se ne accorge nemmeno delle diversita'. I danni pero' ci pensano i genitori ricoglioniti a farli, prima vanno dal preside a protestare e poi magari ritirano il figlio e lo mandano a rincoglionirsi al cepu o similari. Per quanto mi riguarda io sono contrario al mescolamento di razze diverse, pero' visto che, a quanto pare e' inevitabile, allora meglio evitare la caccia al diverso.

 

  By: Giovanni-bg on Venerdì 12 Agosto 2011 13:47

Veramente dai nomi che stanno uscendo ci sono un bel po' di figli della londra bene che volevano provare l'ebrezza della rapina tra cui la figlia di un milardario (in sterline) tale Laura Johnsson che è stata beccata mentre rubava 5000 sterilne da un supermercato. La dinamica di ste cose è molto complessa anche se mi pare chiaro che sul fondo c'è sempre l'occasione per regolare i conti tra gruppi etnici.

 

  By: pana on Venerdì 12 Agosto 2011 11:19

ma a livello pratico per giocarsi il crack del Inghilterra che possiamo fare? indebitarci in sterline e fare un carry trade con altre valute ?sperando che poi la sterlina scenda di brutto ?? http://www.telegraph.co.uk/finance/economics/8118467/UKs-total-debt-forecast-to-hit-10-trillion-by-2015.html

 

  By: Moderatore on Giovedì 11 Agosto 2011 22:54

No, non ce ne erano. I teppisti bianchi sono tutti figli di ragazze madri, tossici e sballinati che vivono di welfare... sono la prima generazion di figli di quel 10-20% della "under-class" che vive di sussidi del Welfare di tutti i generi senza lavorare dedita a droghe, alcool, furti nei supermercati, risse del venerdì sera, porno online, che bighellonano tutto il giorno nei centri sociali, pisciano per strada, vanno alle manifestazioni dei centri sociali "antifa" con le bandana, sentono l'hip-hop, prendono gli usi e costumi di giamaicani e pakistani... e alla cui base c'è la ragazza che fa figli con tre tizi diversi e per sapere chi siano esattamente deve fargli fare test del DNA e poi chiede sussidi e altri tizi la cercano perchè ha i sussidi per i figli senza padre... l'80% della gente che risponde al sondaggio del Daily Mail sono ancora gli inglesi che in qualche modo lavorano ed hanno una famiglia Gli immigrati dal terzo mondo sono meno del 10% in Inghilterra, c'è anche un 1-2% di immigrati dall'est europa polacchi ad esempio che sono diversi Sembrano molti a Londra, ma in campagna e nei paesi non ce ne sono. E ovviamente anche tra pakistani, arabi, indiani, ecuadoregni, giamaicani e neri ce ne sono per la legge ed ordine

 

  By: gianlini on Giovedì 11 Agosto 2011 11:01

a quelli dle sondaggio gliel'hanno spiegato che fra i ragazzi c'erano anche dei loro figli o dei nipoti o amici dei figli e che quindi se poi l'esercito fa un po' malino......? se in inghilterra gli immigrati sono il 20 % e l'87 % della gente pensa che siano troppi, questo avvalora l'idea che i primi a pensare che ci sianom troppi immigrati sono gli immigrati stessi io invece continuo a pensare che soprattutto in Italia ma in buona parte dell'Europa (escluse Parigi e Londra) non si arriverà mai alla formazione di enclavi ; la natura dei borghi e la struttura urbanistica non lo permette per la formazione di enclavi è necessaria una urbanistica recente, moderna, costruita su grandi spazi (infatti le uniche reali enclavi in italia sono a napoli, bari o Palermo, dove l'edilizia popolare ha sfruttato zone ampie ed aperte e creato mostri sociali); non è un caso che la città più spaziosa dle nord, Torino, con grandi arterie e spazi non troppo affollati, ospiti situazioni di rischio

 

  By: lmwillys on Giovedì 11 Agosto 2011 10:58

qual'era il campione del sondaggio ? immagino gli indigenti fossero in maggioranza ... per i disordini, se cerchi di far diventare 40000 dei senzatetto .... http://www.lettera43.it/attualita/20266/manovra-governo-cameron-40-mila-persone-rischiano-di-perdere-la-casa_breve.htm su qualcosa devono pur risparmiare, o vanno sotto i ponti e pagano i negozianti o dormono al riparo e ....

 

  By: Gano* on Giovedì 11 Agosto 2011 10:52

Questi casini in Inghilterra e in Europa ci saranno sempre di piu'. Dovete abituarvici. Per quello dico che investire in enclavi sicure potrebbe essere una buona idea. Perche' piu' nelle grandi citta' europee aumenteranno questi disordini, piu' le zone d'elite saranno ambite ed i loro prezzi alti (*). Proprio ieri ho visto degli amici londinesi che mi dicevano che per comprare una casa sono importanti tre cose: location, location and location. (*) E i prezzi delle zone popolari scenderanno.

 

  By: GZ on Giovedì 11 Agosto 2011 07:30

Cosa pensa il popolo inglese ? (sondaggio del Daily Mail oggi) che dimostra che non si vive più in democrazia Occorre impiegare l'esercito ? Yes 84% No 16% Occorre la pena di morte ? Yes 68% No 32% Ci sono troppi immigrati ? Yes 87% No 13% ------------- Nessuno dei quattro partiti inglese, laburista, conservatore, liberale e UK indipendence è per ridurre l'immigrazione, introdurre la pena di morte e impiegare l'esercito (nemmeno la polizia, che non ha tirato un solo candelotto lacrimogeno in cinque giorni di anarchia, incendi e distruzione). Gli inglesi sarebbero con maggioranze schiaccianti invece a favore. Nessuno rappresenta la volontà del popolo inglese su tutte le questioni importanti

 

  By: lmwillys on Mercoledì 10 Agosto 2011 23:17

Giovanni-bg, le presento il mio panettiere ... non è quello di spalle :-)

 

  By: Paolo_B on Mercoledì 10 Agosto 2011 22:29

in genere chi non vive vendendo mele, banane e salsicce è facile che sia più comprensivo. E siamo ancora più comprensivi da quando i piccoli negozianti di zona sono stati sostituiti dalle grandi catene, che non sono simpatiche a nessuno. Comunque, de iure condendo, io la vedrei bene così: - stretto controllo immigrazione in modo che tutti i residenti acquisiti abbiano un lavoro; - istituzione di mense pubbliche (nonché di dignitosi dormitori) per tutti coloro che ne hanno bisogno; - divieto assoluto di accattonaggio e divieto di vivere senza dimora. - assoluta priorità, ben prima delle spese per la difesa e le infrastrutture pubbliche, a dare dimora e lavoro a chi non lo ha. Vedere un barbone alla fame e al freddo per strada è motivo di vergogna assoluta PER LA SOCIETA' CIVILE.

 

  By: lmwillys on Mercoledì 10 Agosto 2011 22:19

immagino quanti pericolosi criminali (magari colorati) ladri di mele banane e salsicce senza fissa dimora affollano le patrie galere in attesa di giudizio ...

 

  By: Paolo_B on Mercoledì 10 Agosto 2011 22:14

molti tacchinatori nei supermercati non sono affamati, ma ci sono anche quelli. Ovviamente l'esimente vale solo in fase di giudizio. La polizia ferma e identifica tutti e li manda a processo. E' lì che viene stabilito lo stato di necessità. P.S. ho conosciuto purtroppo persino un medico, niente affatto disoccupato, che addirittura si vantava delle sue varie ruberie. Mostrava orgoglioso i prelevamenti fatti in hotel (asciugamani, etc.) e raccontava di come agiva nei supermarket. Gli dava il brivido. Un emotion seeker. E un chirurgo. Non mi fare tagliare neanche le unghie da lui. E' gente che poi nella vita se la cava anche abbastanza bene. Caratteri molto adattivi all'ambiente e prosperanti.