DEFLAZIONE E DEBITO

 

  By: Bullfin on Giovedì 22 Maggio 2014 10:00

Gianlini, qui mi hai deluso, dire che facciamo bulloni la prendo come un insulto. Non puoi sputtanare così il lavoro altrui. Per esaudire le esigenze di Bmw non basta fare solo i bulloni. Ma abbiamo anche altre imprese leader con prodotti richiestissimi. La Permastelisa è una di queste ed è ad un tiro di schioppo da dove abito...Poi era venuto all'universita' a Trento anni fa un certo D'Imporzano Ad di una grande impresa leader mondiale sulla costruzione di navi (non mi ricordo bene son passati anni..). E ti ripeto Bagnai, produttivita'...EURO. Quel azzo di euro che tanto vuoi...ps. per la cronaca a me sembra che i mass media abbiano tartassato Putin e non come dici te....basti pensare la campagna Usa contro di lui....e i poverini ukraini che vogliono l'Europa....ti incoscienti....

 

 

 

  By: gianlini on Giovedì 22 Maggio 2014 09:44

bullfin, qui hai un mercato da 22 milioni di auto l'anno, inesistente fino a 15 anni fa, in cui i tedeschi vendono il 27 % delle auto e gli italiani forse l' 1% può anche darsi che a fare i bulloni a testa eptagonale gli italiani siano dei geni, e magari anche a costruire qualche freno a disco che va su tutte le auto del mondo, o qualche guarnizione indispensabile ma economicamente sono posizioni marginali, come testimoniano i numeri macro

 

  By: Bullfin on Giovedì 22 Maggio 2014 06:52

Gianlini, è molto bello che tu apporti queste perle di realta'. Ma è una realta' parziale al solito. Beh un esempio di gestione penosa (e non perchè siamo copioni o somari) è il common rail del disel. Inventato dagli italiani usato ovunque gestito da cani. Ma abbiamo nella padania un sacco di ditte che fanno innovazione. LA mia è al top in Europa per certe lavorazioni, nessun brevetto, ma Audi, Bmw, Fiat, Luxottica, Safilo, etc. vengono da noi...come mai in Germania le nostre lavorazioni non ci sono???? ...ci sono ma molto scarse...qui è genio italico....il tecnico che abbiamo è un genio...bon ora debbo produrre ciao. ps. io invece osservo i miei zebedei ;))))...

 

 

 

  By: gianlini on Giovedì 22 Maggio 2014 06:36

bulfin io mi limito ad osservare la realtà ed i numeri per mia fortuna, avviene il contrario di quello che dici tu, Bullfin, e cioè gli italiani copiano i tedeschi; infatti ci troviamo a tradurre molto spesso documenti per cause di contraffazione di brevetti tedeschi da parte di italiani...mentre il contrario è molto raro... Il Deutsches Patentamt (oltre a darmi abbastanza lavoro) è un'Istituzione importante e rispettata nella Repubblica Federale di Germania L'ufficio brevetti italiano (volutamente in minuscolo) è un posto da imbucati e credo che nessuno di voi abbia nemmeno la più pallida idea di dove sia.... poi continuate pure a credere alle favole.... però magari se mi diceste che macchina italiana dovrebbero comprare i cinesi al posto di Audi A4 o A6, BMW serie 3 o 5, MErcedes serie 200 o 250 o 300, VW Passat, ecc.ecc. forse aiutereste la discussione

 

  By: Bullfin on Giovedì 22 Maggio 2014 06:01

Acmen, i tedeschi depositano circa 10 volte i brevetti che depositano le ditte italiane Vorrei richiamarti sul fatto che da quando abbiamo linkato il cambio la produttivita' è crollata e non metto in dubbio anche il numero di brevetti. Bagnai (digita produttivita') ti spiega anche il perchè. Sul fatto poi di considerare piu' bravi i tedeschi è un errore madornale. Lo sa anche un fesso che gli italiani sono genio e gli altri copiano. Tu Gianlini hai un orgasmo quando sminuisci gli italiani.

 

 

 

  By: gianlini on Giovedì 22 Maggio 2014 05:41

acmen, i tedeschi depositano circa 10 volte i brevetti che depositano le ditte italiane può darsi che tutti i brevetti di queste ultime riguardino la famosa componentistica per auto che citi ad ogni passo, ....ma la realtà dei numeri è ineluttabile guarda qui! il 26 % delle auto vendute in Cina sono tedesche!

 

  By: Acmen on Giovedì 22 Maggio 2014 05:34

l'anno scorso in Cina hanno venduto 22 milioni di auto...cosa pensano Acmen & C...che davvero gli avremmo potuto vendere le Panda e le Punto?? ............................ Perchè no...! cosa credi che in Cina tuti comprino le Rolls le Cadillac o le Mercedes ? a parte questo gli stabilimenti di costruzione le infrastrutture in Cina la componentistica di Auto anche delle Audi Bmw Mercedes Volkswagwen chi credi che li faccia ? la metà dei componenti delle auto Tedesche sono Italiani come brevetti e costruzione poi dovi li assemblano è altro discorso. La sovranità monetaria è importante non solo per la svalutazione competiiva che è forse un' aspetto marginale ma lo è per il Debt. futuro e quello cumulato e la sua monetizazzione oltre che per la politica monetaria nazionale.

 

  By: Bullfin on Giovedì 22 Maggio 2014 05:27

, la questione della sovranità monetaria (sempre per esempio) è una bufala gigantesca. si si vaglielo a dire a chi ha una BC e tiene i tassi bassi e non viene attaccata dai mercati come noi....

 

 

 

  By: gianlini on Giovedì 22 Maggio 2014 05:15

morphy, non ho capito perchè pensi che la pensiamo diversamente nel 2000 sono successe due cose: l'euro e l'esplosione della Cina e del prezzo delle materie prime qui danno tutti la colpa solo all'euro, ma è un'illusione ottica, secondo me l'anno scorso in Cina hanno venduto 22 milioni di auto...cosa pensano Acmen & C...che davvero gli avremmo potuto vendere le Panda e le Punto??

 

  By: Morphy on Giovedì 22 Maggio 2014 05:05

Ecco vedi Gian dove cadiamo. Sul fatto che i Cinesi hanno un progetto di conquista attraverso i matrimoni. Siamo sempre al complottismo. Sempre riguardo alle posizioni geografiche. L'Italia ha una posizione strategica di primordine nel mediterraneo. Allora spiegami come possono succedere queste cose: ^La Stampa#http://www.lastampa.it/2014/05/06/blogs/caffe-mondo/adriatico-cinese-Te8oOx86VDKdBQm2NgsAQM/pagina.html^ Non è che parlare della psicologia cinese sia tempo perso ma ogni tanto bisognerebbe sparare anche i numeri e pensare al concreto. Gian in un modo come si sta delineando, un mondo in cui il mercato al consumo comincia a mostrare le sue crepe (per esempio), la questione della sovranità monetaria (sempre per esempio) è una bufala gigantesca. Non penserai davvero che usando la leva dell'inflazione la famigerata mano invisibile del mercato farà si che cominceremo ad invadere i supermercati del mondo con i nostri bambolotti di plastica? Dimmi che non la pensi così, ti prego... morphy

 

  By: gianlini on Giovedì 22 Maggio 2014 04:31

Morphy guarda che queste cose le ho scritte anche io, anche negli ultimi giorni gli USA dopo la fine del comunismo in Russia, e dei blocchi EST-OVEST, CI HANNO ABBANDONATO al nostro destino, non gliene frega più niente di noi, ora tocca arrangiarci da soli la Cina però è un partner molto più pericoloso degli USA per la Russia, secondo me tieni conto che la parte est del paese, da Irkutsk in poi per intenderci, rischia di cadere presto in mani cinesi, poichè c'è una forte immigrazione cinese, e le russe sposano i cinesi (l'ha scritto Zibordi anni fa).. i cinesi sono abili nell'apparire innocui e mansueti,...ma al momento buono sanno piazzare colpi fenomenali.... PS a me sembra che tutta questa fretta nel concludere con i cinesi, nasconda in realtà una debolezza di Putin, e cioè che avesse fretta di trovare uno sbocco per il suo gas (che poi non è nemmeno suo perchè gran parte lo compra da Turkmenistan e Kazakhstan), pensando che ad ovest avrebbe avuto sempre più difficoltà a venderlo....il gasdotto passerà paralllelo al confine con la Cina e praticamente a pochi passi dalla stessa.. se potessi scegliere fra vendere il tuo gas ad uno stato di 60 milioni di persone per lo più pensionati e pacifisti e uno di 1,4 miliardi di persone assetate di ricchezza, benessere, potenza anche bellica, a chi ti sentiresti più sicuro di imporre la tua volontà?

 

  By: Morphy on Giovedì 22 Maggio 2014 04:03

"ma qui stiamo parlando cmq di 400 mld di dollari in 30 anni, 13 mld di dollari l'anno, un sesto o settimo della bolletta energetica italiana (vado a memoria), non proprio cifre e quantità epocali" Gianlini, la cosa importante sono gli accordi. Se facciamo affari su una cosa ne possiamo fare altri su altre cose. Se prendi una mappa del nostro mondo vedi dove sta l'Europa, dove sta la Russia, dove sta la Cina e dove sta l'India. E' facile immaginare come si svilupperanno le transazioni commerciali. Che contano sono le collaborazioni commerciali, che conta è "essere nel giro". Che conta è partecipare ai progetti. Qualcuno qui ha idea di quali sono e di come si sono sviluppati i progetti importanti negli ultimi 10 anni che riguardano in genere le reti sul territorio euro asiatico??? Mi riferisco ai progetti sulle reti dati, sulle reti ferroviarie, sulle reti navali, sulle reti energetiche (gas in primis e non i ventilatori sulle coste o lo scaldabagno di Rossi). Qui nessuno sa nulla. Silenzio assoluto. Non un dato che conta. In Italia siamo solo capaci di sparare numerini a vanvera. Poco pragmatismo e molta filosofia. E in pratica, alla fine, siamo fuori da tutto e l'unico giro in cui siamo dentro è l'Europa anche se mi sa che duriamo poco. Se non ce ne andiamo di nostra volontà ci cacciano a pedate. Noi viviamo in una società commerciale dove le amicizie e le interrelazioni umane vengono sviluppate in conseguenza agli scambi commerciali. Se io vado dal mio barista tutti i giorni a prendere un cappuccino divento suo amico e se ne prendo dieci tutte le mattine divento sicuramente il suo migliore amico. Se poi ad un certo punto non glieli pago diventerò sicuramente il suo peggior nemico. Si chiama società moderna, società commerciale o altro. Che conta sono gli accordi commerciali. Sono gli accordi commerciali che creano le amicizie per cui i popoli. E non il contrario. Qui invece c'è qualcuno che sostiene, in sostanza, che prima si fa il popolo e poi il mercato. Cioè un'idea completamente strampalata. Alla fine rimarremo isolati come sempre mentre Putin vende un palloncino di gas alla Cina. morphy

 

  By: Morphy on Giovedì 22 Maggio 2014 03:11

"Ragionateci un po' su e poi fatevi meno se.ghe mentali su banche, moneta, sovranità e quant'altro" Vincenzo io mi sono stancato di dire le solite due cose in croce. Purtroppo pare che non si capisca che il divario tra ricchi e poveri è lo specchio del divario culturale. Se tu non elevi in modo "forzoso" la cultura di un popolo allora sei destinato a soccombere. Oggi non esistono disoccupati ma inoccupabili. Il bello è che la cultura è "un'industria leggera" che ci costerebbe un cazzen e si formerebbe in poco tempo. Comunque, così va il mondo... morphy

 

  By: lmwillys on Mercoledì 21 Maggio 2014 19:05

Gianlini, prendo dall'articolo che ho messo 'Last year, China consumed about 170 billion cubic meters of natural gas and is expected to consume 420 billion cubic meters per year by 2020.' e 'The price China will pay for Russian gas remains a "commercial secret" according to Gazprom CEO Aleksey Miller.' significa NON usano dollari notoriamente in Cina il gas copre una piccola fetta del consumo energetico interno globale, quello siglato è solo il primo passo, un passetto da 38 miliardi di metri cubi annui per 30 anni, noi lo scorso anno abbiamo consumato in totale meno di 70 miliardi di metri cubi devi valutare la faccenda non limitandoti al gas secondo me ...

 

  By: Bullfin on Mercoledì 21 Maggio 2014 18:09

ahaha Gianlini sei un grande...no l'erezione l'ho solo davanti alla patata :))...si il tubero :))))... Dai interessante i dati che mi dai... Ma scusa perchè questo tipo di battute non le fai anche ad Anti con il suo Olli REhn???? notte...