DEFLAZIONE E DEBITO

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: traderosca on Martedì 15 Agosto 2017 00:15

"Giusta osservazione Morphy. I soldi per il salario di cittadinanza andrebbero presi proprio dalle pensioni che dovrebbero essere tutte portate a un livello pari al salario di cittadinanza.

In fondo il pensionato e' uin disoccupato (seppur causa forza maggiore) e prenderebbe la stessa cifra dei disoccupati."

 

Anti,hai ragione,però questo può essere valido per il passato,ma per il futuro uno versa per percepire 1000 euro al mese e non versa 300.000 euro......

 

" quando poi sta per saltare tutto per aria ecco che si chiama il Monti di turno (che i fessacchiotti credono sia stato mandato dai rettiliani) il quale, appena sistema un po' le cose,  lo fanno fuori."

 

però le cose si aggiustano mica come ha fatto Monti partendo dal basso e mandando in pensione gente che lavora in fabbrica a 70 anni,

doveva partire dall'alto a ridimensionare notevolmente,ma lì ci sono i diritti acquisiti.......


 Last edited by: traderosca on Martedì 15 Agosto 2017 00:16, edited 1 time in total.

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: Morphy on Martedì 15 Agosto 2017 00:13

Mah... non so...!!!

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: antitrader on Lunedì 14 Agosto 2017 23:36

Giusta osservazione Morphy. I soldi per il salario di cittadinanza andrebbero presi proprio dalle pensioni che dovrebbero essere tutte portate a un livello pari al salario di cittadinanza.

In fondo il pensionato e' uin disoccupato (seppur causa forza maggiore) e prenderebbe la stessa cifra dei disoccupati.

Un partito che proporrebbe una roba del genere non prenderebbe nemmeno un voto, per cui sei costretto a dire che prenderai i soldi dalle tasse sul gratta e vinci, la tassa su google e altre balle.

Del resto, nel paese chiamato Cialtronia, se osi dire che sei contro l'evasione fiscale, contro l'abusivismo edilizio etc.. le elezioni le perdi di sicuro. E allora che si fa? Si continua a rubare, quando poi sta per saltare tutto per aria ecco che si chiama il Monti di turno (che i fessacchiotti credono sia stato mandato dai rettiliani) il quale, appena sistema un po' le cose,  lo fanno fuori. Ecco che tornano i politici i quali, come prima cosa, apostrofano il precedente governo con lo sprezzante appellativo di "tecnico" e le ruberie ricominciano mentre si dice peste e corna di quello (il tecnico). Peccato che delle tante vituperate norme fatte dal tecnico non ne aboliscono nemmeno una mentre la coglioneria sottostante (gli elettori) resta convinta che le mazzate siano colpa di Monti.

W l'Italia!

 

 

 

 

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: Morphy on Lunedì 14 Agosto 2017 19:50

Anti, com'è che per avere 1000 euro di pensione al mese devi aver versato 300.000 euro e devi essere un vecchio rimbambito e per avere 1000 euro di assegno di cittadinanza è sufficiente dichiarare che non hai mai fatto un cazz e puoi avere anche 18 anni e non sapere manco che vivi sul pianeta Terra? Perchè qui non si sa più che santi pigliare e ogni politico ha la sua versione buona per prendere voti.

 

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: traderosca on Lunedì 14 Agosto 2017 19:16

bel pezzo Anti...

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: antitrader on Lunedì 14 Agosto 2017 14:06

I futuri pensionati son stati le vittime sacrificali del puttanaio post 2007. Parlando specificamente dell'Italia, il taglio delle pensioni andava fatto (e anche in misura feroce), ma andava fatto sulle pensioni in essere che sono spropositate in relazione all'economia del paese.

I "diritti acquisiti" sono una boiata pazzesca, quando non hai piu' il sottostante economico li puoi garantire solo facendo il fr... col cul degli altri come diceva il Sommo Filosofo Stefano Ricucci. I futuri pensionati sono le vittime sacrificali ideali, quando sei giovane la pensione ti sembra una cosa lontanissima (poi scoprirai che invece e' vicinissima) e quindi paghi un prezzo elettorale molto contenuto.

I governi italiani si sono andati a vendere a Bruxelles la stabilita' e la sostenibilita' del futuro sistema pensionistico nostrano e questo ha fatto tollerare l'attuale debito del 140%, ma a fine anno arriva un'altra botta (sempre a danno dei posteri) tra lo sconcerto di salvini che vuole abolire la legge Fornero (cosi' dice lui).

Per avere 1000 eur/mese di pensione, a legislazione corrente, devi versare oltre 300.000 eur di contrubuti e non sarebbe nemmeno tanto difficile arrivarci con una vita lavorativa regolare, ma se fai quello che consegna le pizza a domicilio e lavori a intemittenza non ci arriverai mai.

Siccome poi siamo il paese dei cialtroni ecco cosa si inventano gli assessori: facciamo il riscatto della laurea gratis! Ecco, continuiano a fare leggi a favore di quelli piu' ricchi tanto quelli piu' poveri sanno come arrangiarsi, e, qualora non lo sapessero, gli facciamo fare l'alternanza scuola/lavoro nei vicoli di Napoli, cosi' imparano.

 

 

 

 

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: gianlini on Lunedì 14 Agosto 2017 13:16

Stiamo parlando di pensionati, non di poveri, hobi.

 

Il problema è un capitale che non genera sufficienti ritorni (o i ritorni sperati). E nel caso dei pensionati, acquisti in itinere di asset a prezzi gonfiati (versamenti futuri)


 Last edited by: gianlini on Lunedì 14 Agosto 2017 13:37, edited 2 times in total.

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: hobi50 on Lunedì 14 Agosto 2017 13:05

Un corno ,Gianlini.

Io posso mangiarmi il capitale.

I poveri  solo le gambe dei tavoli.

 

Hobi

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: gianlini on Lunedì 14 Agosto 2017 12:42

I ricchi si trovano nelle stesse condizioni dei pensionati futuri, Hobi.

Hanno asset valutati molto oggi ma zero rendimenti nel futuro.

Non è che il BTP in mano al ricco renda di più di quello in mano al futuro pensionato (sotto forma di accantonamento)!

 

 

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: hobi50 on Lunedì 14 Agosto 2017 12:28

Gianlini ,forse conviene porre i i termini del problema in altro modo.

Dati gli attuali contributi e date le attuali promesse pensionistiche ,negli Usa sono necessari rendimenti reali del 3,2%

Se questi rendimenti sono irreali le strade sono ovvie.

O aumenti i contributi o diminuisci le promesse previdenziali.

Ma non è questo il problema.

Ciò che non appare chiaro al popolo munnezza è che, grazie ai banchieri centrali che hanno voluto salvare con il ribasso dei tassi il valore degli assets nel 2007/2008 e procurare poi  una ripresa farlocca negli anni successivi,si sono messe le pezze al culo delle future generazioni.

Ovviamente queste considerazioni non possono essere richiestye al popolo munnezza .

Ma ai soloni della finanza si.

Non ci sono pasti gratis nella finanza ma nemmeno nell'economia.

Manovre monetarie che favoriscono i ricchi non sono pasti gratis ma furti con destrezza.

 

Hobi

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: gianlini on Lunedì 14 Agosto 2017 11:39

Il punto critico sembra che sia il fatto che tutte le previsioni dei sistemi pensionistici contemplano robusti incrementi del valore dei versamenti effettuati, anno dopo anno. E' realistico attendersi rendimenti netti (dall'inflazione) del 3-4%?

 

 

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: traderosca on Lunedì 14 Agosto 2017 11:24

Già Tremonti,quello del governo Berlusconi che andava tutto bene,facevano parte :Bossi,Belsito,Scajola ed altri,tutti indagati o condannati......

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: gianlini on Lunedì 14 Agosto 2017 10:43

Also Sprach Tremonti

«Si va in vacanza con una serie di indicatori tutti positivi, in un’atmosfera assolutamente distesa. Ma ignorare l’elemento/criterio della precauzione, fondamentale principio della ragione, è un errore soprattutto quando non è solo questione di mesi o ricorrenze, ma siamo davanti a un ottimismo acritico.

Rispetto ad allora ci sono due differenze. Quantitativamente: i numeri del 2007 erano eccessivi, adesso sono esplosivi. Qualitativamente: tra i soggetti della finanza è in atto un’incredibile, accelerata, mutazione della specie».

Non c’è più differenza tra la moneta che le banche centrali hanno inventato oltre misura, e le cripto-monete dell’economia digitale. È così che i banchieri centrali oggi mi ricordano i generali francesi che guardavano, al sicuro e soddisfattissimi la Linea Maginot, ignorando la forza politica del motore a scoppio. Dalla crisi dei Tulipani a quella della Louisiana, la storia insegna che le bolle e i disordini emergono quando si perde di vista o si inventa la realtà».

http://www.corriere.it/economia/17_agosto_14/tremonti-dieci-anni-crisi-cause-problemi-sono-ancora-li-ddab09ae-8055-11e7-a3cb-7ec6cdeeea93.shtml

 


 Last edited by: gianlini on Lunedì 14 Agosto 2017 10:43, edited 1 time in total.

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: Gano di Maganza on Lunedì 14 Agosto 2017 09:57

Hobi> "E quelli ancora più fessi pensano che l'economia dipenda dallo stampaggio.."

 

Gianlini> "Tutti al mare e montagna coi soldi di Draghi!"

 

Diciamo che se non proprio l'economia in molti pensano che ci dipenda almeno il benessere della gente, che alla fine è come dire la stessa cosa.

 

 

 

 


 Last edited by: Gano di Maganza on Lunedì 14 Agosto 2017 09:57, edited 1 time in total.

Re: DEFLAZIONE E DEBITO  

  By: hobi50 on Lunedì 14 Agosto 2017 09:36

Già,già ...solo i fessi lo capiscono ora,

E quelli ancora più fessi pensano che l'economia dipenda dallo stampaggio..

Anche se viviamo in un ' economia monetaria la moneta non puo forzare le vecchie leggi dell'economia.

Domanda ed offerta,costo del denaro ,produttività.

 

Hobi