Next is Italy, La Prossima è l'Italia

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: traderosca on Venerdì 27 Luglio 2018 16:42

di Luigi Di Maio

Oggi in Consiglio dei ministri abbiamo nominato i vertici della RAI. Diamo il via alla rivoluzione culturale in Rai. Marcello Foa è il nuovo presidente e l'amministratore delegato sarà Fabrizio Salini. Due nomi che su proposta del ministro Tria, il Presidente del Consiglio e il consiglio dei ministri hanno ritenuto all'altezza di questa grande sfida. Due professionalità di estrema competenza per la più grande industria culturale del nostro Paese. Ora ci libereremo finalmente dei raccomandati e dei parassiti che ci sono nella RAI.

 

qui i rosiconi crepano!!!!!!!

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: hobi50 on Venerdì 27 Luglio 2018 16:23

Sulla monetizzazione c'è una cosa curiosa che varrebbe una riflessione.

In Cina,paese in cui il potere politico fa notoriamente il "cazzo che vuole ",si sarebbe  potuto  monetizzare alla grande anche perchè più o meno il 50% del Pil è rappresentato dagli investimenti.

Niente di meglio della moneta sovrana per infrastrutturare un paese ,

Ed invece no : hanno deciso che le decisioni di investimento fossero delegate al sistema bancario ( ovviamente collaterale alla politica )ed in continua mediazione con la stessa.

Perchè ?

Forse per un freno alla cupidigia dell'assessore  con un pò ( solo un pò ) di competenza tecnocratica.

Ciononostante la corruzione è a livelli abnormi.

 

Hobi


 Last edited by: hobi50 on Venerdì 27 Luglio 2018 17:01, edited 2 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Venerdì 27 Luglio 2018 15:56

Va be’ Bullfin, allora sarà di Borghi l’ipotesi irreale, ma la sostanza -che è la cosa importante- non cambia.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Venerdì 27 Luglio 2018 15:56

" si può monetizzare "

Ecco,

questa e' l'arma letale degli idioti. Monetizzi sta minghia!

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: shera on Venerdì 27 Luglio 2018 15:44

Antitrader ti dimentichi metà della storia: la DC ha assunto bidelli e dato babypensioni vero, ma perchè c'era un gruppo di intellettuali estremamente intelligenti che volevano il comunismo e la gloriosa classe gli stava andando dietro.

 

Nel 1989 lo abbiamo scoperto: i comunisti erano solo dei grandissimi cretini che ci avrebbero portato alla rovina. Ma il debito è rimasto.

Le mazzette pagate al popolino in un contesto storico particolare, non sono un debito economico ma un debito politico e si può monetizzare (sarebbe giusto che lo pagassero tutti quei furbetti che hanno votato partito comunista e ora a cuba vanno solo per le puttane, usando il marco della germania ovest.... grandissimi intellettuali, si assumessero le loro responsabilità...)

 

Purtroppo non è possibile e serve una soluzione per il debito fatto dai 68ini, si può socializzare e così sarà fatto, nonostante i comunisti parassiti nel dna che ora detengono i BTP e continuano nella loro "fattoria degli animali" a fare i maiali.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Venerdì 27 Luglio 2018 15:35

Bull,

non c'e' piu' niente da fare, si sono accumulati trppi squilibri a cui i mercati non han potuto reagire perche' imbrigliati da Draghi (per rendere comoda la sua poltrna).

Come pensi di uscirne? Dopo 8 anni di espansione il ciclo volge al termine, immagina cosa sucederebbe col pil solo a -1%.

Il percorso obbligato e' un'inflazione al 15/20% che falcidia il debito, stampa di lire per evitare la sollevazione popolare, mense della caritas in ogni dove e qualche decennio con le pezze al cul (che farebbe molto bene alla fauna indigena che ne uscirebbe ritemprata nel fisico e nella crapa).

I fenomeni economici sono lenti, ma poi sempre li' approdano, dove li portano i numeri.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Bullfin on Venerdì 27 Luglio 2018 15:05

Gano non farmi perdere tempo ho scritto CIT!!!!!!! BORGHI!!!...

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Venerdì 27 Luglio 2018 14:50

Bullfin, la tua ipotesi è irreale. Non esiste infatti la possibilità di uscita unilaterale dell'Italia dall'Euro e che tutto il resto resti coma prima.

 

Se l'Italia esce dall'Euro il giorno dopo escono Grecia, Spagna e Portogallo e dopo tre giorni anche la Francia e il Belgio.

 

Quindi il problma della valuta in cui paghi il debito non esite. Sarà in lire per l'Italia, in franchi per la francia, in dracme per la Grecia e così via...

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Bullfin on Venerdì 27 Luglio 2018 14:37

BEH secondo qualcuno .... se usciamo dall'euro paghiamo i debiti in lire il capitale mentre gli interessi all'euribor (cit. Borghi)....rob de mat!.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Venerdì 27 Luglio 2018 14:30

Cottura a fuoco lento. Spread fermo tra 220 e 230.

Ogni mese si fanno 30 miliardi di aste e, con un punto in piu' di tasso,  butti nel ces 300 milioni/anno per i successivi 7 anni.

Quando si dce. "e' tutta colpa degli interessi" (che noi non vogliamo pagare).

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Venerdì 27 Luglio 2018 13:55

Son buono anche io a fare l'ebit in queste condizioni:

un panino 5.2 euro, una bottiglietta d'acqua 2 euro, una di aranciata 3 euro (e i baristi pagati un cazzzzz).


Autogrill: stima ricavi 2018 a 4,7 mld ed Ebitda underlying tra 410/420 mln

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Venerdì 27 Luglio 2018 13:45

" ma questo lo farebbe una persona normale "


Ahahhaha, giusto,

ogni tanto perdo la consapevolezza di far parte di un paese di cialtroni.

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: hobi50 on Venerdì 27 Luglio 2018 13:39

....Se hai qualche soldo da spendere aggredisci il cuneo fiscale....

Certo ,ma questo lo farebbe una persona normale .

 

Hobi

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Venerdì 27 Luglio 2018 13:29

Hobi, Salvini e Di Maio sono ostaggi delle loro boiate elettorali, Tria invece e' anche peggio di suo.

Se hai qualche soldo da spendere aggredisci il cuneo fiscale, in quel modo dai ossigeno a tutti, alle imprese e ai lavoratori.

Restano in parte fuori i pensionati, ma quelli, a parte una minoranza, stan meglio di tutti in quest'epoce balorda.

Anche i 50 miliardi di investimenti di Savona, investimenti de che? La politica non e' in gradi di investire

nell'epoca dell'economia immateriale, la politica e' buona solo a fare colate di cemento di cui non sentiamo nessun bisogno.

A conti fatti la genialata di Savona serve solo a fare un po' di spesa extradeficit che comunque aumenta il debito.

Vero che questi politici, seppur molto meglio dei precedenti, tenderebbero a far disastri con la moneta sovrana,

ma senza lo scudo dell'euro hai una feroce controreazione dei mercati che li riconducono a piu' miti pretese.

Negli anni 70, a furia di babypensioni e assunzioni in massa di postini e bidelli, i tassi arrivarono al 21% e i politici

furono costretti a togliere le mani da bankitalia.

 

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: hobi50 on Venerdì 27 Luglio 2018 12:55

Anti,stavo scrivendo le stesse cose ....

Le protezioni che possono provenire da una moneta forte e stabile ,hanno ,come premessa ,una virtuosità di comportamenti.

Non sarà mai possibile che venga consentito ad un paese di spendere soldi (magari pure male ) e poi pretendere di essere salvati automaticamente dalla BCE .

Soldi ...uguale ...Troika .

Io capisco che possa non piacere  questa impostazione.

Ma la soluzione non è chiedere ne gli eurobonds ne i salvataggi automatici.

Basta uscire dall'euro ,spendere c  quello che si vuole ,e quindi convivere con una moneta debole e ballerina.

Ha i suoi vantaggi specialmente se hai una classe politica che fa buon uso della moneta sovrana .

Ma la classe politica italiana che vuole mettere insieme flat tax ,reddito di cittadinanza e riforma Fornero è adatta alla moneta sovrana ?

 

Hobi