Next is Italy, La Prossima è l'Italia

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Sabato 15 Settembre 2018 08:51

Ma chi ti cerca te e le tue spiegazioni da cinque pagine? Morphy ed io abbiamo espresso solo delle considerazioni personali su dei fatti. 

 

Te non sei d'accordo e pensi che i femminicidi siano più importanti dei suicidi minorili e quindi dovrebbero avere più risalto? Bene, bravo. E chi cazzo se ne frega? ;-)

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Sabato 15 Settembre 2018 08:26

Ma c'è una differenza enorme fra le due cose.

Fanno benissimo i media a tacere sui suicidi giovanili perché si rischia solo un effetto imitazione estremamente facile fra i ragazzi, ma l'attenzione nelle famiglie o a scuola è molto alta. Fin troppo forse. Tra l'altro la scuola italiana è ormai talmente poco selettiva e tanto inclusiva che tutto si può dire tranne che sia un potenziale motivo di suicidio.

Viceversa, nel caso degli omicidi in ambito famigliare, cosiddetti femminicidi, il parlarne sui media può aiutare le potenziali vittime a elevare il grado di attenzione, a non trascurare comportamenti apparentemente normali e gli organi giudiziari e di polizia a prendere prima determinate contromisure.

Nel primo caso a parlarne rischi di vedere aumentati i numeri, nel secondo puoi diminuirli.

 


 Last edited by: gianlini on Sabato 15 Settembre 2018 08:37, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Sabato 15 Settembre 2018 08:16

Nessuno compara nulla e non importa che ci scrivi sopra un trattato per difendere o refutare tesi che nemmeno esistono.

 

Morphy ha semplicemente detto che lo preoccupano molto di più i suicidi minorili che i femminicidi, che per lui altro non sono che normali omicidi fra adulti, ma che i media danno molto più risalto ai femminicidi. Io gli ho semplicemente risposto che anch'io la sento allo stesso modo. Fine.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Sabato 15 Settembre 2018 08:00

Prima regola che si impara credo in seconda elementare.  Non si sommano mele con pere.

Mettere in relazione i due fenomeni o anche solo accostarli è una emerita idiozia.

Il femminicidio può senz'altro nascere da una alterazione psichica individuale ma sembra anche il prodotto di una certa cultura ed educazione. Questo suo secondo aspetto è quello su cui si può e deve lavorare.

A parte la depressione, che é una malattia, spesso molto difficile da vincere, l'adolescente è un essere ancora in via di definizione e il suicidio dipende in parte anche da questo. Si trova a doversi confrontare con un mondo che gli appare crudele, doloroso, troppo difficile fa affrontare, impervio. Personalmente ho trovato proprio qualche tempo fa dei miei appunti di sedicenne in cui scrivevo che la vita mi faceva schifo e emergeva la suggestione del suicidio,  che mi hanno davvero stupito, tanto incredibili ai miei occhi attuali sembravano essere. Ero davvero io che scrivevo quelle cose?

Conosco più persone con la depressione conclamata che persone con una BMW. Vi sembra forse che il fenomeno sia trascurato o sottovalutato? A me sembra proprio di no. Se ne parla e anche tanto.

Non capisco Morphy quando dice che è sottovalutato. Forse perché ho due casi in famiglia, ma mi sembra che sia ormai presente in tutte le scuole anche primarie lo psicologo e semmai si rischia l'effetto invenzione-suggestione  più che sottovalutazione. Si può fare ancora di più? Senz' altro...ma si fa già fortunatamente tanto.


 Last edited by: gianlini on Sabato 15 Settembre 2018 08:18, edited 2 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Sabato 15 Settembre 2018 07:27

Gianlini> "Uno che si suicida, uccide sè stesso, quindi non costituisce un pericolo per nessun altro"

 

Le cose non sono mai così banali come le metti tu. Se i suicidi fra i ragazzi sono alti, significa che esiste un malessere grave, che probabilmente colpisce tutti, solo alcuni dei quali arriva però a conseguenze estreme. Questo malessere ha ucciso 400 ragazzi.

 

400 ragazzi che si suicidano sono tanti o sono pochi? Sicuramente sono più di 150 femminicidi. E anche se fossero 100 mi preoccupano molto di più quelli che gli omicidi tra adulti. Anche perché uno di questi ragazzini potrebbere essere nostro figlio.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Morphy on Sabato 15 Settembre 2018 00:47

Scusa io sto solo dicendo che ci sono 150 coglione di donne uccise (che rientrano benissimo nella media degli omicidi) che fanno almeno mille volte più notizia di 400 ragazzini che si tolgono la vita difronte, tra l'altro, ad una società gestita e inventato da adulti. Ma secondo te è più importante un adulto ammazzato seppur a badilate e gettato in un fosso (che sia donna chi se ne fotte) piuttosto di un bambino con problemi che si toglie la vita?

 

Poi, se tu prendi le combinazioni: uomo/donna, cioè uomo uomo, uomo donna, donna uomo etc. ti accorgi che i femminicidi sono perfettamente coerenti con gli omicidi in generale. Ma di cosa stiamo parlando? Siamo una società che da sempre ammazza e schiavizza i bambini (leggiti come si usavano i bambini nel 700 nelle industrie). Ora siamo un po' più accorti ma rimane sempre difficile riuscire a non scaricare le nostre pazie mentali sui bambini che oggettivamente centrano come Pilato nel credo...

 

Che la nostra sia una società che si occupa di problemi effimeri (tipo i delfini azzurri delle Ande) è notorio. Ma ci sono problemi gravissimi che vengono taciuti e che riguardano spesso ed esclusivamente minori. Sostanzialmente siamo una civiltà tendente alla pedofilia. Omosessuali pedofili...

 


 Last edited by: Morphy on Sabato 15 Settembre 2018 00:47, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Sabato 15 Settembre 2018 00:25

Morphy, non capisco bene cosa intendi.

Uno che si suicida, uccide sè stesso, quindi non costituisce un pericolo per nessun altro

Chi uccide un'altra persona, invece è un pericolo sostanzialmente per tutti. Se i femminicidi uccidessero sè stessi, chissenefregherebbe? Ma uccidono una persona che vorrebbe invece continuare a vivere.


 Last edited by: gianlini on Sabato 15 Settembre 2018 00:26, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Morphy on Sabato 15 Settembre 2018 00:20

Si in effetti, un ragazzino che si suicida vale più o meno venti donne ammazzate...

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Sabato 15 Settembre 2018 00:17

Sicuro che siano 400?

dalle fonti che ho trovato sembra siano intorno ai 100 l'anno, forse meno (5 % di 3900 ma includendo anche la fascia 20-24)

(ma cè un po' di differenza fra chi ammazza sè stesso e chi ammazza un altro, non credi?)


 Last edited by: gianlini on Sabato 15 Settembre 2018 00:23, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Morphy on Sabato 15 Settembre 2018 00:15

Allora non capisco perchè da noi si fa tanto casino per 150 femminicidi in un anno? Questo come lo spieghi, dicendo che le donne pesano di più che i nostri figli?

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Sabato 15 Settembre 2018 00:03

nb

 

 


 Last edited by: gianlini on Sabato 15 Settembre 2018 00:15, edited 2 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Morphy on Venerdì 14 Settembre 2018 23:37

A proposito di problemi, qualcuno sa che in Italia si suicidano 400 studenti all'anno? O il fatto che ve lo tengono nascosto significa che non è vero? Ma la verità e sempre e solo quella che vi scodellano i media?

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Morphy on Venerdì 14 Settembre 2018 23:06

Si concordo con Anti,  Will torna...

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: traderosca on Venerdì 14 Settembre 2018 23:06

il ministro lussemburghese: "occupatevi dei vostri soldi per aiutare a dare da mangiare ai vostri figli"

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Venerdì 14 Settembre 2018 23:05

Anti a proposito di tornar qui, mandami un messaggio sul cellulare, che ho perso il tuo numero!