Next is Italy, La Prossima è l'Italia

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Bullfin on Martedì 02 Ottobre 2018 14:30

SI SI pirla, con il cuore non si fa niente...con la testa si...con il cuore rischi solo di far pagare piu' tasse a tutti per dover pagare gli interessi sul debito in piu' che sono cresciuti dal giorno in cui avete fatto sto maledetto governo....se le paghi tutte te le tasse in piu' viva questo governo...come no...

 

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: traderosca on Martedì 02 Ottobre 2018 14:24

Resistere!! Resistere!! non siamo nè berlusconi nè la grecia....,.

in alto i cuori

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Martedì 02 Ottobre 2018 14:19

Piano piano. 

 

Questo governo farà tutto, ma in 5 anni: flat tax, reddito di cittadinanza, dissolvimento dell'Euro, e forse pure una nuova Europa più politica e meno economica, un'Europa più giusta.

 

Ma non ti accorgi che le cose stanno cambiando con una velocità impressionante? 

 

Il PD di fatto non esiste più, la stampa non è più in grado di indirizzare l'opinione pubblica (*), Macron e la nuova sinistra europea (Moscovici) sono diventati Zombie, AfD è dato come secondo partito in Germania, davanti ai socialisti, e poi c'è il nuvolone delle elezioni europee, che avrà un effetto dirompente.

 

(*)  è per quello che a La Repubblica stanno licenziando ("ristrutturando") non per ragioni economiche ma perché è inutile pagare -i giornali sono un costo- quando non servi più per il compito per il quale eri stato pensato.


 Last edited by: Gano di Maganza on Martedì 02 Ottobre 2018 15:54, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Tuco on Martedì 02 Ottobre 2018 14:09

A parer mio, si deve uscire immediatamente, e un bel vaff a tutti.

Rimanere da castrati non ha senso, dato che quest’unione monetaria non cambierà mai, perché non può cambiare,

pena il suo crollo.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Martedì 02 Ottobre 2018 14:01

Assolutamente no, non un esito alla Tsipras, ma un esito "all'italiana". Tsipras ha ceduto su tutto. L'Italia ha la massa critica per non avere bisogno di cedere su tutto. Poi voi dimenticate una cosa, un dettaglio che è però una variabile importantissima: a maggio ci sono le elezioni europee, e se quello che dicono i sondaggi è vero, i populisti rovesceranno gli equilibri delle maggioranze nel Parlamento Europeo.

 

A quel punto "cosa vuole l'Europa" sarà molto diverso da quello che vuole oggi l'Europa. 

 

C'è quindi ora una battaglia in corso, fra fare dimettere (dimettere, non cadere) il governo italiano prima delle elezioni europee (Moscovici, Juncker, PD/Berlusconi media principali...) e restare in sella ALMENO fino alle elezioni europee (poi se sei ancora in sella allora, ci resti di default fino a fine legislatura).

 

Il problema di chi vuole far dimettere il governo italiano è che deve stare attento a non farlo invece saltare. L'ideale sarebbe che il Presidente Conte prendesse atto della difficoltà della situazione e si dimettese come fece Berlusconi, passando in modo concordato il timone a Cottarelli, che fossero cioè dimissioni frutto di una moral suasion.

Questo non succederà mai.  

 

Per fare dimettere il governo devi farlo saltare, con lo spread al 6%, junk rating del debito e borsa italiana sospesa per ribasso per almeno due settimane di seguito. Ma un'opzione del genere forse farebbe saltare il governo, ma metterebbe anche in serio pericolo tutta l'Eurozona, radicalizzerebbe ancora di più gli italiani e aprirebbe a scenari veramente incogniti per il futuro, fino alla possibile uscita dall'Euro e dissolvimento della moneta unica. Oltre al fatto che Cottarelli non avrebbe mai una maggioranza. Senza governo, sotto attacco speculativo e le borse a capofitto è l'occasione per uscire dall'Euro. Questo governo è molto conscio dell'opzione Sansone e i Filistei

 

L'uscita di oggi di Borghi (il piromane) "si starebbe molto meglio fuori dall'Euro" e quella di Conte (il pompiere) "l'Italia non uscirà mai dall'Euro", sono sicuramente state concordate.

 

È un avvertimento...

 

Vedrai che almeno fino alle elezioni europee durano, poi c'è il giro di boa e questo Moscovici, Juncker, Macron... lo sanno benissimo.  È per quello che strillano come maiali sgozzati: sanno che il tempo a disposizione sta per terminare.

 

 

 


 Last edited by: Gano di Maganza on Martedì 02 Ottobre 2018 14:07, edited 2 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: hobi50 on Martedì 02 Ottobre 2018 13:57

L'italia non uscirà mai  dall'Euro solo perchè Bruxelles non approva il nostro operato.

I due giovanotti a chiacchiere non scherzano.

Saranno i mercati che non compreranno più i nostri titoli se rimanessimo orfani di UE e BCE.

 

Hobi

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Tuco on Martedì 02 Ottobre 2018 13:37

Tu scommetti su un esito Tsipras... ma è un film che si è già visto...

Non è solo una questione di deficit ( che volendo si aggiusta ), è che il reddito di cittadinanza,

il rimborso integrale ai beffati dalle banche, il no all’immigrazione, vanno contro al piano stabilito a Bruxelles.

Quindi questo governo, se non collabora, se non si vende ( come ha fatto Tsipras ), deve andarsene,

 e venire sostituito da un Cottarelli.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Martedì 02 Ottobre 2018 13:30

Gano> "Ergo il governo non cade"

 

Tuco> "Quindi Casca il Governo."

 

 

È normale avere opinioni differenti. Vediamo cosa succede.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Tuco on Martedì 02 Ottobre 2018 13:14

Allora, facciamo un po' di chiarezza con la logica dei fatti:

 

Se il governo ( populista ) crede di poter contrattare con l'Europa su cose come deficit, reddito cittadinanza o uscita volontaria,

ha preso un grosso abbaglio. Primo perché l'unione monetaria esige una disciplina dei conti concertata,

secondo perché dall'Euro non si esce, terzo perché bisogna cedere sovranità all'Europa e fare entrare i negri.

 

Quindi:

O uscita violenta dall'Euro se le cose diventano insostenibili ( ma allora Conte, che non ha le palle ma solo un incarico a T Det. e tiene pure famiglia, si tira indietro. ),

oppure si abbassa la cresta ( ma pure questa la vedo parecchio dura ).

 

Quindi Casca il Governo.

 

Tuco

Stop.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Martedì 02 Ottobre 2018 12:49

da quando Di Maio e Salvini sono andati al governo a maggio è aumentato di più dell’1% e implica già 5 o 6 miliardi in più di interessi nei prossimi dodici mesi


Che sta a di' questo? (Becchi).

Quando la finanza finisce in mano ai filosofi si finisce sempre per dare i numeri?

ogni mese vengono collocati 30 miliardi abbondanti di titoli, in 3 mesi fanno circa 100 miliardi.

Con i tassi saliti di un punto la spesa aggiuntiva e' di 1 miliardo nell'arco di un anno.

Bisognerebbe tornare a fare le operazioni aritmetiche a mano per irprendere coscienza del significato de numeri.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Martedì 02 Ottobre 2018 12:37

Tuco, io sono ottimista, perché so che se cade il governo la situazione in Italia si radicalizza ancora di più, rischiando allora davvero di scappare di mano e di far saltare con lei anche tutta la santabarbara.. 

 

Ergo il governo non cade e le mie Unicredit salgono.

 

Né il governo vuole far saltare (ora) l' Europa. Gli ha solo voluto infilare un ditro nell'occhio. Se volevano far saltare l'ambaradan facevano il deficit al 3,1%.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Martedì 02 Ottobre 2018 12:33

Conte comincia a farsela addosso, lui che sicuramente non ha l'esperienza per padroneggiare la materia finanziaria

si era bevuto le boiate di B&B&S, adesso gli tocca prendere coscienza che la realta' e' un po' diversa.

Tra le altre cose, non si capisce perche' un investitore debba comprare quei ciofegoni di BTP invece dei T-bond USA

che rendono uguale nonostante lo spread a 300, e c'e' pure il dollaro che sale.

In ogni caso gli eventi di questi giorni a una cosa son serviti, a far prendere coscienza a mandrie di somarelli i quali

credevano che cambiare moneta e' come cambiare le mutande.


Ue: Conte, euro è nostra moneta ed è irrinunciabile

ROMA (MF-DJ)--"L'Italia è un Paese fondatore dell'Unione Europea e dell'Unione Monetaria e ci tengo a ribadirlo: l'euro è la nostra moneta ed è per noi irrinunciabile".

Lo scrive su Facebook il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, aggiungendo che "qualsiasi altra dichiarazione che prospetti una diversa valutazione è da considerarsi come una libera e arbitraria opinione che non ha nulla a che vedere con la politica del Governo che presiedo, perché non contemplata nel contratto posto a fondamento di questa esperienza di Governo".

rov

(END) Dow Jones Newswires

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Martedì 02 Ottobre 2018 12:07

se avessimo anche noi Macron, direi che ci aspetterebbe la dittatura del Cula-tello...;)))

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Tuco on Martedì 02 Ottobre 2018 11:57

Eppoi una dittatura, non so... In questi casi, quando il popolo non fa spontaneamente quel che si vuole, c'è la dittatura...

Fantapolitica...


 Last edited by: Tuco on Martedì 02 Ottobre 2018 12:01, edited 2 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Martedì 02 Ottobre 2018 11:55

Cade il governo? E poi che succede?