Next is Italy, La Prossima è l'Italia

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: alberta on Giovedì 14 Giugno 2018 15:28

Hobi, ma appena lo si dice in pubblico, succedono terremoti.... come se si dicessero delle bestialità...mah.... per chi ne mastica appena è evidente, ma il contribuente /cittadino medio deve riuscire a comprenderne gli effetti.

Se alla parte che si trova in pancia a BCE/Bankitalia, aggingiamo le quote del 30% in pancia a Banche ed assicurazioni, qui si arriva ad un mercato veramente molto più sottile di quanto si vaneggia....

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Giovedì 14 Giugno 2018 15:23

Poche regole semplici: compra nelle città, in belle zone, e ovviamente begli appartamenti: attici, oppure piani alti, con belle terrazze. Non il bilocale al pian terreno. Perfetti sono i Parioli, Via Condotti, Piazza di Spagna.

 

Milano è una città che non conosco.  

 

ma vedo subito che ci capisci poco

 

Gianlini> ""nelle zone "invivibili", cioè piene di immigrati, negozi e negozietti aperti fino a tarda notte, movida giovanile fino alle luci dell'alba, i prezzi hanno tenuto anche bene"

 

Là dove i prezzi hanno "tenuto anche bene", la gran massa degli immigranti, quelli che vengono coi barconi tanto per intenderci, e che saranno sempre di più perché in Africa c'è una bomba demografica, non hanno i soldi per comprare/affittare. Quel tipo di immigrati, che vengono coi barconi e sono senza né arte né parte, per sopravvivere dovranno rivolgersi allo spaccio o alla microcriminalità, e comprano/affittano/squattano dove costa poco (o nulla). Le grandi periferirie, dove prima abitavano i lavoratori italiani e i cui prezzi stanno precipitando. Non le zone "che tengono bene", ovviamente. Ho visto questa stessa dinamica a Parigi. In fondo è una logica abbastanza semplice. Quelle che descrivi sono zone trendy, anche se non sono sicuro quanto tempo dureranno. 

 

Forse ti confondi anche con l'immigrato regolare che è un altra cosa, specialmente in Italia, dove immigrare regolarmente è piuttosto difficile. A Boston accanto a me in Back Bay abitava una famiglia di "immigrati" indiani. Ma erano ovviamente un'altra cosa rispetto a quelli cui mi riferisco io. Lui era avvocato e avevano anche la donna di servizio. Anche nell'Upper East a Manhattan hai tanti negozietti e tanti immigrati. ma sono immigrati che devono potersi permettere 4.000 $ il mese di affitto... Non so se ho reso l'idea.  

 


 Last edited by: Gano di Maganza on Giovedì 14 Giugno 2018 15:34, edited 7 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Giovedì 14 Giugno 2018 15:09

Fra una quindicina d'anni, tre di quelli che eredita avranno un'alta probabilità di trovarsi in zone invivibili,

---------------------

Milano probabilmente fa caso a sè, ma i valori sono crollati proprio nell'hinterland più vivibile: cioè quello con quasi tutti italiani, molto verde, tante villette, ma pochissimi collegamenti efficienti con la città; viceversa, nelle zone "invivibili", cioè piene di immigrati, negozi e negozietti aperti fino a tarda notte, movida giovanile fino alle luci dell'alba, ma con metro, tram e autobus attivi 20 ore al giorno, i prezzi hanno tenuto anche bene; se poi è arrivato il progetto di qualche nuova linea di tram o metropolitana, il prezzo è anche salito

I miei amici hanno tutti immobili nella bella Brianza, una volta, negli anni '70 e '80 rifugio e meta ambìta dei milanesi in fuga dalla città sporca e piena di problemi, anche di criminalità; ora invidiosamente guardante alla ricca milano, dove i valori del mattone sono 4-5 volte più alti.....

Quindi si trovano con immobili in zone tranquillissime e paesaggisticamente molto belle, dove però non vuole andare più a stare nessuno....

Questa villa la porti via se non a 750k, a 800k, non ti bastano nemmeno per un bilocale al primo piano del Bosco Verticale....eppure sei a 20 km da milano in un comune con il 7,3 % di stranieri (in confronto con il 20 o 25 % di Milano) - http://www.comuni-italiani.it/108/015/statistiche/stranieri.html

https://www.immobiliare.it/66630803-Vendita-Villa-via-Cusani-44-Carate-Brianza.html


 Last edited by: gianlini on Giovedì 14 Giugno 2018 15:16, edited 5 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: hobi50 on Giovedì 14 Giugno 2018 14:58

Alberto dov'è il coraggio nel dire che fintanto che non si inizia il cosidetto tapering ,questi titoli ,COME FLUSSI FINANZIARI,sono sterilizzati ?

Allora sono un coraggioso .

 

Hobi

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Giovedì 14 Giugno 2018 14:54

Shera> "Gano verissimo lo dico da una vita che il loro obiettivo è rendere l'occidente simile al terzo mondo"

 

È più di 15 anni che mi è chiaro che la bomba migratoria accoppiata alla denatalità italiana (ed europea) porta alla formazioni di enclavi sempre più care ed esclusive, dove i prezzi degli immobili aumentano esponenzialmente e di quartieri popolari sempre più svenduti e quindi sempre più invivibili.

 

Ve l'ho scritto un sacco di volte e ho operato di conseguenza, non solo in Italia. per 200 mq ai Parioli non ti bastano un milione e mezzo di euro. A Boston, che sono avanti rispetto a noi perché le enclavi ce le hanno da sempre, in Back Bay o in Beacon Hill per la stessa superficie non te ne bastano tre di milioni, mentre a Roxbury (quartiere soprattutto nero/latino) con 500.000 dollari ci compri una casa di tre piani con giardino.

 

 

Antitrader> "ogni coppia (froceria compresa) ne ereditera' almeno 4?"

 

Non è proprio così. Fra una quindicina d'anni, tre di quelli che eredita avranno un'alta probabilità di trovarsi in zone invivibili, e se li può tranquillamente battere sui coglioni. O forse metterci polli e conigli. Se ha fortuna uno lo trova in zona decente. Ma deve aver avuto fortuna. Se ha avuto fortuna probabilmente si ritrova con un capitale.


 Last edited by: Gano di Maganza on Giovedì 14 Giugno 2018 15:11, edited 4 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: alberta on Giovedì 14 Giugno 2018 14:53

Cosa accade ai Btp dopo la fine del Qe?
Bce/Banca d'Italia attraverso il Qe avranno acquistato tra il marzo 2015 e il dicembre 2018 titoli di Stato italiani per 356 miliardi, stando ai calcoli di IntesaSanPaolo. Questi titoli sono entrati nel bilancio della Banca centrale europea/Banca d'Italia e ci resteranno a lungo, anche se la Bce non ha ancora detto per quanto. Nelle decisioni di politica monetaria della Bce si legge: L'Eurosistema reinvestirà il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del programma di acquisto di attività per un prolungato periodo di tempo dopo la conclusione degli acquisti netti di attività e in ogni caso finché sarà necessario.

__________________________________

Ma qualcuno riuscirà ad avere il coraggio di dire pubblicamente che circa il 20% del debito italiano è oramai sterilizzato ????

Finito il QE, i denari provenienti dai titoli in scadenza, verranno reinvestiti per un prolungato periodo di tempo: tradotto significa PER SEMPRE, salvo che non ci sia una crescita economica galoppante.....

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Giovedì 14 Giugno 2018 14:22

in classe eravamo in 30 se ricordo bene, pana

ma avevamo già fatto il conto anche su Cobraf, la media veniva più o meno quella lì, 1 per coppia, 0,5 per individuo

 

Per far tornare la media stabilmente sopra quota 2 ci vuole o per meglio dire, ci vorrebbe, una vera e propria rivoluzione culturale....in ogni caso, migrazioni escluse, direi che il destino è di una progressiva costante diminuzione della popolazione occidentale

 


 Last edited by: gianlini on Giovedì 14 Giugno 2018 14:43, edited 2 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: pana on Giovedì 14 Giugno 2018 13:28

solo 9 inclasse?

18 italiani che fanno 9 figli

un dimezzamento..

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Giovedì 14 Giugno 2018 13:17

Ieri sera ho fatto cena con compagni delle medie.

Eravamo in 9 (tutti maschi, eravamo una classe mono-sessuale)...

Ho fatto il conto stamattina: in 9 contiamo 9 figli, una media perfetta di 1 a coppia....(anche se per metà la coppia è scoppiata, ma nessuno si è riprodotto ulteriormente, nemmeno le ex)

Infatti il tema della serata è stato come liberarsi di tutti gli immobili che ormai tutti abbiamo ereditato...

 

Sulle enclavi di cui parla Gano,più che una divisione territoriale di quartieri, dalla mia esperienza si incomincia a vedere la differenza fra condominio buono e condominio cattivo, ..anche in periferie estreme un condominio in cui i proprietari sono tutti italiani continua a valere molto....ho diversi casi visti di persona, ad esempio a Corvetto, a Quarto Oggiaro o alla Barona in cui ci sono situazioni così; io stesso abito in un condominio di via Padova dove i proprietari sono tutti italiani, e il valore degli appartamenti è il doppio delle case vicine collocandosi vicino ai 3500 euro al mq.

Le spese condominiali sono un grosso problema, perchè sono cresciute moltissimo, molto di più dei salari. Molti condomini hanno situazioni difficili, anche in zone centrali.

 

 

 


 Last edited by: gianlini on Giovedì 14 Giugno 2018 13:20, edited 2 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Giovedì 14 Giugno 2018 12:22

Giusto Hobi,

queste mie esternazioni derivano dal fatto che mi fido piu' dei tanto vituperati banchieri che della cialtrneria politica.

A Roma gli assessori son riusciti a turlupinanre anche la Raggi, insomma, ruberia continua.

Quanto al parlamento europeo e' diventato un centro di "ricondizionamento" di politici trombati in patria (l'usato sicuro).

 

 

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: hobi50 on Giovedì 14 Giugno 2018 12:11

Anti ,questa volta  Di Maio ha qualche ragione da spendere sulla governace BCE/ Parlamento europeo .

Non puo essere la Bce a comandare surrettiziamente in Europa con la SCUSA della politica monetaria.

Però il "nostro" giovanotto non speri troppo nel Parlamento Europeo inevitabile vittima degli egoismi nazionali.

Ben sapendolo la governance pensata è stata quella di una specie di direttorio tecnocratico ( la Commissione Europea con la BCE come contraltare ).

Di fatto un dialogo tecnocratico in alternativa ad un Parlamento portatore di tutti gli egoismi nazionali.

Nessuna soluzione mi pare il massimo.

Hobi

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: shera on Giovedì 14 Giugno 2018 11:52

Gano verissimo lo dico da una vita che il loro obiettivo è rendere l'occidente simile al terzo mondo, ci stanno riuscendo molto bene e proprio per questo bisogna prendere il controllo della moneta, gli africani arrivati in europa un giorno torneranno a casa per spaccare il culo ai colonialisti franco-tedeschi... per capire l'euro e la confusione del target2 bisogna tornare alla guerra in Libia per punire Gheddafi che volevaaffrancare i popoli africani dal dominio francese con una moneta sovrana.

Per questo è importante portare la pace in libia e rendere liberi gli africani con monete sovrane anche da loro, ci sono 14 stati in Africa che di fatto usano una moneta emessa dalla francia, da sempre a cambio fisso con l'euro.

Tuttora in africa ci sono i 14 stati che usano il Franco Coloniale, a cambio fisso con l'euro: se vogliamo aiutarli a casa loro e impedire alla mafia bancaria di avanzare anche in Europa bisogna liberare gli africani dal giogo francese. I debiti verso l'area Euro di quei paesi devono essere condonati e devono avere la loro moneta indipendente. Altrimenti siamo fermi al nazismo.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Giovedì 14 Giugno 2018 11:50

"I bamboccioni precari non si possono comprare il bilocale perche' non gli danno il mutuo" si sente ripetere con frequenza martellante.

Ma cosa minghia si debbono compare se ogni coppia (froceria compresa) ne ereditera' almeno 4?

Ma rob de matt!

 

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: traderosca on Giovedì 14 Giugno 2018 11:47

Migranti: tregua Italia-Francia. Conte domani a Parigi. Macron: 'Mai voluto offendere'

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Giovedì 14 Giugno 2018 11:10

Gianlini> "Saldo negativo naturale -200.000. In pratica, in assenza di migranti, dovremmo abbattere circa 80.000 case l'anno..."

 

C'è anche un altro effetto, che si sta già cominciando a vedere chiaramente: nell'immobiliare sta aumentando esponenzialmente la forbice di prezzi tra le enclavi "bene" e i quartieri "popolari".