Le cause del collasso dell’economia USA

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: Bullfin on Sabato 04 Gennaio 2020 18:33

ecco lo sapevo che prima o poi davi ragione a Willis!!! :).

FULTRA 10 MARZO 2020: Qui sotto la fotocopia dal vero "cialtrone medio italico" : Antitrader. Fatene una copia del pensiero per i posteri e quando tra 50 anni vorranno capire perchè l' talia sia finita miseramente

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: XTOL on Sabato 04 Gennaio 2020 18:08

grazie tuco, ottimo, non avevo voglia di far da me  :)

questo forum è prezioso 

 

purtroppo però quel soldato non è tanto lontano nel tempo... 10 anni?  :))

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: Bullfin on Sabato 04 Gennaio 2020 18:02

maddai ...ci sono cascato....

FULTRA 10 MARZO 2020: Qui sotto la fotocopia dal vero "cialtrone medio italico" : Antitrader. Fatene una copia del pensiero per i posteri e quando tra 50 anni vorranno capire perchè l' talia sia finita miseramente

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: Tuco on Sabato 04 Gennaio 2020 18:00

XTOL, il video è carino, per qualche secondo ci ho creduto pure, poi qualcosa non quadrava...

Ed in effetti è un Fake, un video parodia della Corridor Digital, realizzato con la computer grafica ( di un certo livello ).

 

 

 


 Last edited by: Tuco on Sabato 04 Gennaio 2020 18:13, edited 2 times in total.

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: XTOL on Sabato 04 Gennaio 2020 17:39

azz

https://youtu.be/y3RIHnK0_NE

 

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: XTOL on Sabato 04 Gennaio 2020 17:27

tra libia e cipro c'è in gioco tanto (nuovo) metano da rifornire l'europa

 

Enipedia. Libia: nuovi pozzi nel più grande giacimento gas nell’offshore

 

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: gianlini on Sabato 04 Gennaio 2020 14:45

Ma la Libia è proprio a ridosso dell'Europa, differentemente dall'Arabia Saudita. Una petroliera in un paio di giorni va dalla Libia alla Sicilia e in 3 arriva a Genova. E differentemente dall'Arabia SAudita, non produce GIA' 10 milioni di barili al giorno.

Oltre al fatto che,  a quanto ricordo il greggio libico è di ottima qualità, con poco zolfo. Uno dei migliori al mondo.

 

 

 

 


 Last edited by: gianlini on Sabato 04 Gennaio 2020 14:50, edited 4 times in total.

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: Gano di Maganza on Sabato 04 Gennaio 2020 14:42

"Quale è lo stato africano (e medio orientale) con le più grandi riserve accertate di petrolio ? La Libia"

 

L'Arabia Saudita.

 

 

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: gianlini on Sabato 04 Gennaio 2020 14:21

La Tunisia l'ho tirata in ballo solo perchè geograficamente più vicina della Libia, ma non sembrano arrivare troppi immigrati da lì, pur non avendo noi il controllo del suo governo. E lo stesso vale per l'Algeria da cui importiamo un bel po' di gas. Quindi la tua tesi che un diretto controllo italiano in Libia per evitare la catastrofe sia assolutamente necessario è del tutto priva di pregio. Punto! Il riferimento alla Tunisia finisce qui. Questo ovviamente non vuol dire che non dobbiamo avere un rapporto privilegiato ed amichevole con li governo libico, se possibile.

 

Io faccio invece un altro tipo di considerazione.

Quale è la nazione al mondo con le più grandi riserve accertate di petrolio ? Il Venezuela

Quale è lo stato africano con le più grandi riserve accertate di petrolio ? La Libia

Quali sono gli stati più mal messi attualmente al mondo? Guarda caso, proprio Venezuela e Libia, oltre ad Iraq ed Iran (altre belle riserve di petrolio)!

E chi si vede impegnato nel contendersi li regime in Venezuela? USA e Russia. E chi in Libia ? Arabia e Russia

Ma non sarà che i grandi produttori di petrolio (USA, Russia e Arabia Saudita) abbiano tutto l'interesse a far sì che la situazione in Venezuela e Libia rimanga sine die conflittuale e precaria, per impedire che arrivino sul mercato i due più temibili competitor? Sai dove va il prezzo del petrolio se solo raddoppia la produzione libica e venezuelana?

Non ti sembra strano che proprio quando l'offensiva di Haftar (sostenuto dalla Russia, inter alia) si sia fatta più pericolosa, la Turchia (che con la Russia non è certo in pessimi rapporti), invii le sue truppe,... come a ristabilire l'equlibrio precario in campo, ed evitare che Sarraj soccomba?

 


 Last edited by: gianlini on Sabato 04 Gennaio 2020 14:36, edited 9 times in total.

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: Gano di Maganza on Sabato 04 Gennaio 2020 14:17

Inutile continuare la conversazione se mi tiri in ballo la Tunisia. In Tunisia, tanto per dire, ci va mia cognata in vacanza.

 

Evidentemente parliamo lingue diverse, oppure fai finta di non capire. In tutti e due i casi se continuassi perderei solo tempo.

 

Se vuoi, rileggiti i messaggi e tira le tue conclusioni.

 

 

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: gianlini on Sabato 04 Gennaio 2020 14:16

Io faccio invece un altro tipo di considerazione.

Quale è la nazione al mondo con le più grandi riserve accertate di petrolio ? Il Venezuela

Quale è lo stato africano con le più grandi riserve accertate di petrolio ? La Libia

Quali sono gli stati più mal messi attualmente al mondo? Guarda caso, proprio Venezuela e Libia!

E chi si vede impegnato nel contendersi li regime in Venezuela? USA e Russia. E chi in Libia ? Arabia e Russia

Ma non sarà che i grandi produttori di petrolio (USA, Russia e Arabia Saudita) abbiano tutto l'interesse a far sì che la situazione in Venezuela e Libia rimanga sine die conflittuale e precaria, per impedire che arrivino sul mercato i due più temibili competitor?

 

 


 Last edited by: gianlini on Sabato 04 Gennaio 2020 14:17, edited 1 time in total.

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: gianlini on Sabato 04 Gennaio 2020 13:54

Ti ho chiesto di spiegare quale sarebbe la tua soluzione

Non lo fai, e continui semplicemente a ripetere, stupidamente, che il governo italiano è fatto da inetti.

 

Intanto, però.....

Roma. Eni non ha abbandonato la Libia. Nonostante l’aggravarsi della situazione a Tripoli un portavoce della società spiega al Foglio che “la situazione nei campi è sotto controllo e stiamo monitorando l’evolversi della situazione con molta attenzione”. Per la società italiana, presente nel Paese dal 1959, le attività vanno avanti condotte principalmente nell’offshore mediterraneo di fronte a Tripoli e nel deserto libico per una superficie complessiva di oltre 24mila chilometri quadrati. 

Non è un mistero che l’economia libica dipenda principalmente dal petrolio, che rappresenta oltre l’85 per cento del suo prodotto interno lordo, così come la quasi totalità delle sue esportazioni. Non solo: è in Libia che si trovano le più vaste riserve petrolifere del continente africano. E “questo scatolone di sabbia” come lo definì l’economista Gaetano Salvemini, pesa sui conti dell’Eni. Su una produzione annua di 2 milioni di barili, oltre 300 mila provengono proprio da quest’area che pesa per oltre il 15 per cento nella produzione totale del colosso energetico. Attività che sono regolate da contratti di Exploration and Production Sharing (Epsa) che hanno durata fino al 2042 per le produzioni a olio e al 2047 per quelle a gas. Tutti i campi off-shore – protetti dalla Marina Militare – sono attivi, e anche quelli sul territorio, ad esempio sul campo Elephant, dapprima chiuso e poi riaperto, vanno avanti. 

Gli impianti sono gestiti e protetti da personale locale in coordinamento con quello italiano......

https://www.ilfoglio.it/economia/2019/04/14/news/eni-oltre-la-libia-cosi-droni-e-controllo-remoto-dei-pozzi-cambiano-lindustria-petrolifera-249383/

 

PS più che guerra, c'è uno scontro fra due fazioni. Un po' diverso da una guerra

 


 Last edited by: gianlini on Sabato 04 Gennaio 2020 14:08, edited 3 times in total.

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: Gano di Maganza on Sabato 04 Gennaio 2020 13:52

Cazzo dici? In Tunisia e in Algeria non c'è mica una guerra in corso.

 

Ma che minchia hai capito?

 

 

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: gianlini on Sabato 04 Gennaio 2020 13:41

L'Algeria e la Tunisia sono più vicine della Libia.

Ti risulta che abbiamo truppe colà?

Cmq il fatto che il governo italiano non stia occupandosene, lo vedi solo tu......

Ad esempio, 18 settembre 2019

Il presidente del Consiglio presidenziale della Libia e premier del governo di Tripoli, Fayez al-Sarraj, si è recato a Roma per incontrare, il 18 settembre, il primo ministro italiano, Giuseppe Conte. Al centro del meeting, la questione Libia ed il tema migranti.

L’incontro, svoltosi a Palazzo Chigi, alla presenza di diversi funzionari sia italiani sia libici, è stato organizzato nel quadro delle relazioni di cooperazione Italia- Libia e del processo di consultazione tra le due parti. Durante il meeting, Conte e al-Sarraj hanno discusso del coordinamento congiunto in materia di contrasto all’immigrazione irregolare e del sostegno italiano alla Libia nel settore dei servizi e delle infrastrutture. Non da ultimo, è stato altresì evidenziato il continuo sostegno alla Guardia Costiera e la necessità di offrire programmi di formazione che forniscano le competenze tecniche e professionali necessarie.

Da parte sua, il premier italiano, nel corso dell’incontro, ha evidenziato che non esiste una soluzione militare alla crisi libica e, pertanto, l’Italia desidera perseguire una soluzione politica, l’unica davvero sostenibile, in grado di portare stabilità e crescita in Libia, oltre ad instaurare legami di cooperazione con Tripoli.

18 dicembre 2019

Massima attenzione del governo italiano al dossier libico
Libia, Di Maio vede Al Sarraj e il generale Haftar: "Soluzione della crisi non può essere militare" Al centro dei colloqui il conflitto in corso nel paese, la conferenza di Berlino, il memorandum sull'immigrazione. Raid aerei di Haftar a Sud di Tripoli -
 
La missione in Libia del ministro degli Esteri è cominciata questa mattina quando il titolare della Farnesina è atterrato a Tripoli. Dopo gli incontri nella capitale Di Maio si è diretto a Bengasi per incontrare il generale Khalifa Haftar. E infine l'incontro a Tobruk con il presidente della Camera dei rappresentanti, Aghila Saleh. Al centro dei colloqui il conflitto in corso, la conferenza di Berlino, il memorandum sull'immigrazione e altri temi centrali. La visita del ministro Di Maio si inserisce in una cornice di massima attenzione che il governo italiano attribuisce al dossier libico. -
See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Libia-Di-Maio-al-vicepremier-Maitig-Soluzione-della-crisi-non-puo-essere-militare-34b9464d-34d6-4cae-bb4e-f5117cc89db1.html

 Last edited by: gianlini on Sabato 04 Gennaio 2020 13:47, edited 3 times in total.

Re: Le cause del collasso dell’economia USA  

  By: Gano di Maganza on Sabato 04 Gennaio 2020 13:19

"Guarda dov'è l'Afghanistam..." Giusto. Altra risposta esatta. Ci ho guardato, a 6000 km da noi. E Le truppe sono state mandate dai governi precedenti. Guarda invece dov'è la Libia (governo attuale).