Le cause del collasso dell’economia USA

 

  By: TotoTruffa on Mercoledì 30 Aprile 2014 13:53

Zibo ma lo hai detto anche tu in USA vai in galera per qualsiasi cosa anche uno schiaffo eccesso di velocità ed altre infrazioni banali qui in europa anche solo per spillarti la cauzione! http://america24.com/news/non-paga-il-conto-al-ristorante-turista-italiano-a-new-york-finisce-in-carcere NON PAGA IL CONTO AL RISTORANTE, TURISTA ITALIANO A NEW YORK FINISCE IN CARCERE "al momento di pagare il conto - 208 dollari esclusa la mancia - si è accorto di non avere il porfafogli. Al personale del ristorante ha spiegato di averlo dimenticato in albergo, offrendo in pegno l'iPhone per il tempo necessario ad andarlo a recuperare. Ma non è bastato: al ristorante è stata invece chiamata la polizia che ha arrestato Graziussi con l'accusa di furto di servizi e lo ha tenuto in cella per una notte. Il turista italiano ha provato a convincere gli agenti ad accompagnarlo a casa a prendere il denaro. "Mi hanno risposto che non sono tassisti - ha detto Graziussi al Daily News, uno dei tabloid di New York - e immediatamente mi hanno messo le manette ai polsi". Il passaggio Uptown lo ha avuto, ma fino alla 51ma strada, dove si trova la caserma."

Tienlo a portata di mano - Moderatore  

  By: Moderatore on Mercoledì 30 Aprile 2014 05:29

Numero di persone in carcere per 100mila abitanti, cioè ad esempio in America 710 persone in carcere ogni 100mila, in Italia 106 persone. Tienlo a portata di mano quando ti dicono che gli Stati Uniti sono: a) più avanti, più efficienti, più liberi, con un economia più dinamica... b) la dimostrazione dei vantaggi della mescolanza di etnie e razze...

 

  By: pana on Martedì 15 Aprile 2014 09:20

i costi Obamacare sono inferiori al previsto ! sempre meglio con THE BEST PRESIDENT EVER ! ecco spiegato l ottimismo che pervade l economia usa ! http://www.latimes.com/business/la-fi-health-costs-cbo-20140415,0,1998284.story

 

  By: pana on Venerdì 11 Aprile 2014 10:17

"america svegliati ! ci stanno prendendo tutto" la vicenda dei cowboy promette scintille ora che stanno arrivando le milizie http://www.ksl.com/index.php?nid=1070&sid=29387272&fm=most_populari vergognoso pestaggio di un cowboy che stava solo filmando tutto con il cellulare ! He did not resist arrest, but they continued to beat him," Logue told KSL. "They put him on the ground and were standing on his head and had a dozen officers on top of him and dogs." Read more at http://www.ksl.com/?nid=148&sid=29387272#dLUQxgXF1BCD7fqf.99 ABOMINIOOOOOOOOOOOO

 

  By: pana on Giovedì 10 Aprile 2014 12:12

almeno gli agricoltori del Nevada capiranno quante cose ci compra il Pentagono coni 1000 miliardi di dollari che ogni anno brucia

i cow boys e gli agricoltori contro lo stato di polizia americano - Moderatore  

  By: Moderatore on Giovedì 10 Aprile 2014 01:56

gli agricoltori e cow boys del Nevada, la famiglia Bundy e i loro amici e sostenitori contro lo stato di polizia americano, con le sue centinaia di truppe, tiratori scelti, elicotteri, blindati, droni ^"FOR CLIVEN BUNDY AND FOR THE RED, WHITE AND BLUE AMERICA"#https://www.youtube.com/watch?v=90LtLwXXnp4^ Centinaia di poliziotti in assetto di guerra, armati con in Iraq, catturano il bestiame della famiglia Bundy in Nevada, arrestano il loro figlio, con il pretesto che il loro bestiame potrebbe mettere in pericolo la "tortora del deserto" (un uccello protetto). Hanno imposto la legge marziale in pratica contro questa famiglia, il governo federale ha decretato che i loro sostenitori potevano manifestare solo in una piccola area di qualche centinaio di metri quadri, in mezzo alla campagna! in mezzo a miglia e miglia di prateria... persino il governatore del Nevada ha protestato. Ovunque intorno alla famiglia Bundy ci sono ora dozzine di tiratori scelti che li tengono costantemente sotto tiro, come a Waco ^"Defiant Nevada rancher faces armed federal agents in escalating confiscation standoff"#http://www.bizpacreview.com/2014/04/09/defiant-nevada-rancher-faces-armed-federal-agents-in-escalating-confiscation-standoff-111391^ april 9, 2014

 

  By: GZ on Giovedì 10 Aprile 2014 01:50

..

 

  By: VincenzoS on Venerdì 24 Maggio 2013 18:22

x Trucco Vincenzo ti ispiri a Friedman o hai altri economisti di riferimento? Trovo che l'estremismo non paghi, ad esempio la sanità pubblica sarà pure un pozzo senza fondo ma in quella privata c'è il problema del conflitto di interessi e ci sono chirurghi che preferiscono asportare organi solo per profitto. --------------------------------- Francamente non mi ispiro proprio a nessun economista, anche perché non ho studiato economia ma ingegneria. La gran confusione che, secondo me si fa, è quella di confondere lo Stato con i servizi pubblici. Lo Stato è una istituzione monopolista dell'uso della forza in un certo territorio, e che ha questo monopolio al fine di garantire la sicurezza dei cittadini. I servizi pubblici nulla hanno a che fare con lo Stato; sono appunto pubblici, appartengono ai cittadini, non all'istituzione. L'istituzione esiste anche se non vi è sanità o scuola pubblica, ma non esisterebbe senza polizia, magistratura ed esercito (sull'esercito comunque vi sarebbe da discutere). Le tasse sono quelle che servono a pagare polizia, magistratura ed esercito. Il resto lo puoi chiamare premio di assicurazione o come altro diavolo ti pare, ma non sono tasse nell'accezione pura del termine. io personalmente on sono particolarmente favorevole alla sanità privata, penso che sia meglio una sanità pubblica. Ma una sanità pubblica dovrebbe essere una sanità in cui i cittadini scelgono direttamente gli amministratori ose la autogestiscano. Ma soprattutto i cittadini dovrebbero avere direttamente voce in capitolo sui costi e sulla qualità dei servizi. In altre parole, visto che noi cittadini siamo uno per uno gli "azionisti" del sistema sanitario, dovremmo per esempio essere noi a stabilire i compensi per amministratori ed operatori.

 

  By: lutrom on Venerdì 24 Maggio 2013 16:49

Roberto, nell'articolo che citi (e non solo) si fa una certa confusione: si confonde il denaro che circola tra le gente comune con il denaro che circola in TOTALE. Negli Stati Uniti, ma anche, mutatis mutandis, in Italia, a livello di grosse istituzioni finanziarie, mercati finanziari, alcune banche, banche centrali, plutocrazia, ecc., il denaro è più che abbondante, è anzi abbondantissimo; invece a livello della povera gente (e dell'economia reale e "piccola") i soldi NON ci sono. Questi qui, sfruttando il rincoglionimento generale dei popoli occidentali, hanno trovato la sintesi perfetta tra "inflazione" e/o soldi a volontà (per i ricchissimi) e deflazione (per i miserabili e per l'economia "piccola" e VERA): se una cosa del genere fosse accaduta in altri tempi avresti barricate, rivoluzioni, Brigate Rosse, ecc. ecc., adesso hai poveri cristi che si suicidano in solitudine; il fatto è che siamo sempre più isolati, siamo in una società sempre più "atomistica", se uno fallisce è solo per colpa sua, ognuno deve essere produttivo, perfetto, sapere 8 lingue, guadagnare perché tu vali solo per quanto guadagni, ognuno deve essere ultracompetitivo, viva il liberismo all'IKEA, ecc. ecc., salvo poi avere gente figlia di chi conta, gente di potere, gente ricca, ecc. ecc., che ricopre posti con alti stipendi senza fare nulla, burocrati che guadagnano milioni di euro quasi senza controlli, aziende che operano in regime di monopolio dove la competitività non esiste, diritti acquisiti vari, ecc. ecc. ecc. ED INTANTO ^GLI ASINI RAGLIANO#www.youtube.com/watch?v=gROO7xSTxfY^ LE LODI DELLA MODERNA SOCIETA', inconsapevoli del fatto che il ciufolo nel deretano oggi tocca a noi ma domani toccherà... A LORO!!!!!

 

  By: Trucco on Venerdì 24 Maggio 2013 16:36

Vincenzo ti ispiri a Friedman o hai altri economisti di riferimento? Trovo che l'estremismo non paghi, ad esempio la sanità pubblica sarà pure un pozzo senza fondo ma in quella privata c'è il problema del conflitto di interessi e ci sono chirurghi che preferiscono asportare organi solo per profitto. La scuola e' un settore dove lo stato stabilisce gli insegnamenti e i parametri per promuovere, ecc., non e' meglio, visto che tutto e' accentrato, se un unico ente, cioe' lo stato, la amministra? se non esistesse la scuola pubblica non esisterebbe più nemmeno il diritto allo studio per tutti, va bene la meritocrazia, ma così le colpe dei padri ricadrebbero sui figli, chi ha genitori che giocano d'azzardo non deve poter studiare? Poi ci sono le società pubbliche che potrebbero essere private, io qui sono d'accordo coi liberisti, purché non si tratti di monopoli naturali: che senso ha privatizzare Telecom o Alitalia se poi i profitti monopolistici di queste compagnie finiscono all'estero? E se Enel, ENI, Banco posta facessero la stessa fine sarebbe bello per te? Io credo che il problema maggiore sia l'eccesso di tasse e di burocrazia, vorrei un'Italia come quella degli anni '80, allora si stava bene anche se l'economia di mercato doveva subire qualche limite, ma i bravi imprenditori e gli onesti lavoratori potevano fare il loro lavoro/business serenamente, pagando tasse non certo basse ma sostenibili, oggi invece non è più così e si è passato ogni limite. In mezzo cosa e' cambiato: l'adesione all'euro ed ai trattati europei! (Ok, pure un bella fetta di globalizzazione, multiculturalismo e immigrazione selvaggia....)

 

  By: gianlini on Venerdì 24 Maggio 2013 16:02

tra l'altro l'Italia ricava piuttosto poco dall'miposizione fiscale sulle imprese (IRES) 38,4 miliardi su 426 di entrate fiscali complessive, dato 2012.....tanto varrebbe cancellarle proprio** http://www.finanze.gov.it/export/finanze/Per_conoscere_il_fisco/studi_statistiche/entrate_tributarie/index.htm

 

  By: VincenzoS on Venerdì 24 Maggio 2013 14:50

x Gianlini A me è sempre sembrato che la giustificazione giuridica della tassazione delle società sia piuttosto labile ------------------------------------ Ma infatti, tassare l'impresa in quanto tale è assurdo. La tassazionoe ha senso nei confronti delle persone, per il reddito che ricavano dalle imprese, sia che ne siano i proprietari che dei dipendenti.

 

  By: Roberto964 on Venerdì 24 Maggio 2013 13:55

La VELOCITA' della moneta in USA è ai minimi storici e si parla apertamente di deflazione (che poi porterebbe ad una iper-inflazione). Il post è riferito all'economia USA ma ci sono diverse cose in comune (e come potrebbe essere diversamente?). Sarebbe interessante conoscere questo dato in euro-pa, anzi, è abbastanza inutile poichè la fase della deflazione è abbondantemente superata, d'ora in avanti parleremo sella nuova fase: la STAG-DEFLAZIONE che alla fine convincerà anche i più ortodossi e renitenti eurofili che l'unica risposta possibile è lo SMANTELLAMENTO dell'euro-sciagura. "La velocità del denaro è a un 50 Anno" <Il tasso a cui il denaro circola nella nostra economia è il più basso che è stato in più di 50 anni. E 'stato in costante calo dalla fine del 1990, e questo è un chiaro segno che l'attività economica sta rallentando. Le aree ombreggiate nel grafico rappresentano le recessioni, e come si può vedere, la velocità del denaro rallenta sempre verso il basso nel corso di una recessione. Ma anche se il governo ci sta dicendo che non siamo in una fase di recessione in questo momento, la velocità del denaro continua a cadere come una roccia. Questo è uno dei fattori che sta mettendo una quantità enorme di pressione deflazionistica sulla nostra economia ...> <In questo momento, stiamo vivendo la più grande bolla del debito nella storia del mondo. Quando un debito bolla scoppia, la paura e il panico in genere causano il flusso di denaro e il flusso di credito a stringere davvero alto. Abbiamo visto che questo accada all'inizio della Grande Depressione del 1930, abbiamo visto che accada nel 2008, e vedremo che accada di nuovo. Deleveraging è deflazionistico per natura, e può causare l'attività economica a macinare una battuta d'arresto molto rapidamente. Durante la prossima grande ondata del crollo economico, ci saranno momenti in cui vi sembrerà quasi nessuno ha i soldi. Il "credito facile" del passato sarà andato lungo, e un gran numero di individui e piccole imprese troveranno molto difficile ottenere prestiti. Quando la bolla scoppia di debito, il denaro contante sarà re - almeno per un breve periodo di tempo. Coloro che non hanno alcun risparmio a tutti saranno veramente essere male. > Il servizio finisce con queste sibilline parole: <Nei prossimi anni, ci accingiamo a sperimentare sia l'inflazione che la deflazione, e nessuno sarà piacevole a tutti.> http://www.zerohedge.com/news/2013-05-23/will-it-be-inflation-or-deflation-answer-may-surprise-you

 

  By: gianlini on Venerdì 24 Maggio 2013 11:28

a me è sempre sembrato che la giustificazione giuridica della tassazione delle società sia piuttosto labile lo si fa per uso e convenienza, ma dal punto di vista giuridico e di principio, le società non dovrebbero secondo me pagare nemmeno un cent di tasse l'unico servizio che fornisce lo stato ad un'impresa è forse la difesa del territorio nazionale, ma tutti gli altri servizi che lo stato eroga ai cittadini, all'impresa non interessano o non la riguardano perchè mai dovrebbe quindi chiederle soldi?

 

  By: VincenzoS on Giovedì 23 Maggio 2013 16:59

x Trucco Io posso anche arrivare ad essere favorevole ad una flat tax, posso comprendere le ragioni di chi non approva la progressività delle tasse, ma l'idea che le multinazionali non debbano pagare tasse MA NOI INVECE Sì, o che chi guadagna milioni debba pagare la metà di chi guadagna migliaia di euro, questo mi sembra indifendibile! ---------------------------------- L'esistenza dello Stato, e quindi delle tasse, è giustificata dall'esigneza di assicurare la protezione dalla prepotenza, insomma per evitare che si uccida e si rubi. Lo Stato è incarnato quindi da polizia, magistratura ed esercito, anche se per quest'ultimo ormai la necessità si va riducendo. Tutta roba che costa, al massimo un 10 % del PIL, ma probabilmente il 5 % è già tanto. Sicuramente anche le multinazionali sono ben contente di pagare una cifra del genere, essendo la protezione dalla violenza nel loro primario interesse. Tutto il resto, sanità, pensioni, scuola, welfare in generale, trasporti pubblici, non è attività caratterizzante uno Stato quanto piuttosto un accordo di mutuo soccorso tra cittadini. Ed è un accordo da cui dovrebbe essere possibile, volontariamente, uscire e oltretutto soggetto a stringenti controlli da parte dell'utente sulla qualità di quanto ricevuto. In altre parole lo Stato mi può ben obbligare a pagare per mantenere polizia, magistratura ed esercito, elementi che lo caratterizzano; ma non mi può obbligare a pagare per mantenere il Servizio Sanitario Nazionale o il regime pensionistico