Le cause del collasso dell’economia USA

 

  By: hobi50 on Giovedì 07 Marzo 2013 10:26

Guardare la velocità della moneta oggi e compararla con quella passata ,è un'idiozia. Chi lo fa è stato informato di quello che hanno messo in piedi le banche centrali ? Hobi

 

  By: Moderatore on Giovedì 07 Marzo 2013 00:29

La ripresa in America ? (dalla presentazione di ECRI di ieri). La sostanza ^se la leggi#http://ecri-prod.s3.amazonaws.com/downloads/ECRI_1303_US_Business_Cycle.pdf^ tutta è che anche gli USA stanno entrando in recessione

 

  By: pana on Lunedì 11 Luglio 2011 11:16

interessanto l 80 per cento delle bancarotte mediche capita a chi e'' assicurato per intero.. ull insurance..eccoperche vogliono privatizzare la sanita anche da noi, per rubare piu soldi come in usa e fare morire piu gente cosi da risolvere il nodo pensioni... --- Medical bankruptcies now account for more than one half of all personal bankruptcies filed in the U.S. each year. It should be obvious that excessive insurance premiums prevent millions of Americans from obtaining medical access. However, the dirty little secret is that excessive out-of-pocket costs have become leading contributors to America’s one million medical bankruptcies reported each year. Keep in mind that medical bankruptcy is virtually unheard of outside of the U.S. Amazingly, according to medical researchers at Harvard, up to 78% of all medical bankruptcies are filed by individuals who actually had full health insurance. That’s right, I said FULL HEALTH INSURANCE. http://www.veteranstoday.com/2011/07/07/americas-healthcare-mafia/

 

  By: Moderatore on Sabato 09 Luglio 2011 00:33

Questo è un grafico facile da interpretare

 

  By: lmwillys on Venerdì 08 Luglio 2011 10:25

l'ennesimo pezzo riassuntivo sugli United Socialist States of America, questo del solito ottimo Smith http://www.oftwominds.com/blogjuly11/promises-not-kept6-11.html bello soprattutto l'inizio col discorso del 2008 del presidente della fed di Dallas ' these spending cuts or tax increases would need to be made immediately and maintained in perpetuity to solve the entitlement deficit problem. Discretionary spending would have to be reduced by 97 percent not only for our generation, but for our children and their children and every generation of children to come. And similarly on the taxation side, income tax revenue would have to rise 68 percent and remain that high forever. Remember, though, I said tax revenue, not tax rates. Who knows how much individual and corporate tax rates would have to change to increase revenue by 68 percent?' facilissimo :-)

 

  By: pana on Mercoledì 06 Luglio 2011 21:03

interessante considerazione demografica, 76 milioni di "baby boomers " andranno in pensione...costeranno sui 100 trilioni.. http://www.zerohedge.com/article/guest-post-promises-cannot-be-kept

 

  By: DRAGUTIN on Mercoledì 06 Luglio 2011 20:04

Where are You, Mr NEWBANSHEE http://houseofmaedhros.wordpress.com/2008/08/07/doctorate-the-contemporary-monetary-system/

 

  By: TRADER666 on Mercoledì 06 Luglio 2011 19:49

http://youtu.be/9W6KJRIums4

 

  By: Bullfin on Lunedì 04 Luglio 2011 02:45

Io prevedo il collasso degli Stati Uniti, che si trasformerà in uno tzunami che travolgerà l'intero pianeta. Scusa Sig. Giorgio....mi tocco le @@ giusto per scaramanzia..... :-))))))))) Al solito quando si entra in un momento di consolidamento (correzione) dei mercati che dura qualche decennio ecco che vengono fuori le più roboanti voci di autentici catastrofisti. Chissà perchè, secondo me, gli Usa e company andranno avanti ancora per decenni e se il boom di borsa dopo gli anni trenta era generato dalla novità dell'intervento del settore pubblico, dopo gli anni settanta dall'uso spregiudicato delle leve ecco che dagli anni venti e/o trenta ci sarà un'altra scusante che ci farà andare ancora in un bel bull market.....(QE a manetta, i paesi dell'area afro-asiatica che creeranno nuova domanda….). Vorrei fare notare che negli anni venti del secolo appena passato è bastato un ammontare assai minore di debito rispetto al Pil per far crollare l’economia in depressione. Ora se il rapporto debito – PIL è di gran lunga maggiore degli anni venti….allora qualcosa non mi torna…. Sarà mai che non è il rapporto sintomo di sciagure, ma dove si colloca tale rapporto??? Cioè in che contesto economico si colloca?? Ecco allora che un discorso è avere la Grecia con certi parametri un discorso avere, per esempio degli Stati interni agli U.S.A. con tali parametri. Con ciò non si vuol negare che in futuro il comportamento di gestione oculata dei bilanci sarà in cima alle prerogative dei governanti. molta importanza riveste poi la base del sistema economico è attualmente un sistema aperto e non di economia chiusa come in passato. Inoltre parlare di default degli U.s.a. è ridico per un semplice motivo (e lo è pure parlare di default dell’Italia). Coloro che manovrano i mercati si possono permettere un default dell’Italia o peggio degli U.s.a……NOOOOOOOOOOOOO!!!!!! Indi si troveranno escamotage, si creeranno altri problemi per sviare l’attenzione, ecc. e tutto andrà avanti come sempre…(si perché è inutile negare che un buon analista grafico nota che “casualmente” avvengono certe notizie proprio mentre il mercato ha raggiunto un eccesso, ecc……….vedi caso Lehman…una buffonata messa lì per far guadagnare lor signori che erano “casualmente” short (o long di titoli di stato). Poi passato questo lungo periodo di correzione dei mercati in cui tutti si saranno stufati perché le azioni non riusciranno a superare i massimi storici ecco che i grandi speculatori ci metteranno la zampata e si partirà con un bel bull market decennale…..e intanto quelli che erano lì a preoccuparsi del debito e impauriti entreranno in ritardo come al solito……LA STORIA SI RIPETE…….SEMPRE……salvo fine dell’Universo :-))))))))))))))

 

 

 

  By: giorgiofra on Lunedì 04 Luglio 2011 02:14

GZ, questa nostra epoca sarà ricordata come quella "del grande debito". Probabilmente gli storici cercheranno di analizzare il fenomeno, ovvero come sia stato possibile creare, nell'indifferenza generale, una tale massa debitoria a livello mondiale. E' evidente ad ogni persona di buon senso che tale debito è impagabile, così come è evidente che tale debito non potrà crescere all'infinito. Nessuno potrà evitare il "patatrak" generale, che pende sulla testa di ognuno di noi. Non sappiamo quando, ma sappiamo che accadrà. Io prevedo il collasso degli Stati Uniti, che si trasformerà in uno tzunami che travolgerà l'intero pianeta. Il caos ed i disordini che si verificheranno apriranno la strada ai movimenti nazionalisti populisti, ovvero l'avvento di regimi autoritari che soli potranno gestire la grave emergenza. La lotta per le risorse sarà cruenta, e con molta probabilità si trasformerà in una vera e propria guerra. La Cina collasserà su se stessa, innescando una guerra civile di proporzioni gigantesche. Ci vorranno almeno dieci anni per creare nuovi equilibri, ed il mondo sarà molto diverso da quello che conosciamo.

 

  By: Andrea on Lunedì 04 Luglio 2011 01:06

Quel che e' peggio e' che, coi precedenti illustri che tutti conosciamo, saranno stati tutti o rubati o spesi per faraonici progetti sociali di impatto nullo o quasi...

 

  By: GZ on Domenica 03 Luglio 2011 22:36

La Grecia, con una popolazione di 13 milioni di abitanti, sta andando in default per avere debiti pubblici sui 270-280 miliardi di euro Qualche giorno fa Maria Pappas, la responsabile del tesoro ha dichiarato "... sono rimasta francamente stupita da tutto il debito che abbiamo trovato, sono ^108 miliardi..."... nella contea di Cook, Chicago, popolazione di 5 milioni di persone#http://en.wikipedia.org/wiki/Cook_County,_Illinois^ !!! (certo che questi greci portano sfortuna...) In questa contea che comprende la città di Chicago il debito pubblico LOCALE, solo quello della città e contea escluso quindi quello federale, è di 63 mila dollari per famiglia. I greci hanno debiti pubblici per famiglia totali di circa 44 mila dollari tanto per fare un confronto. Chicago è messa peggio della Grecia e tra parentesi a Chicago la disoccupazione non ufficiale è stimata sul 20%

 

  By: shabib on Martedì 22 Marzo 2011 16:36

i frutti del QE e del TIMOR INFLATIONIS...la giostra del consumismo ricomincia. ISTIGAZIONI ALL'ACQUISTO. Shopping for a car? Buy now before prices jump http://money.cnn.com/2011/03/22/autos/japan_earthquake_car_prices/index.htm?iid=HLM

 

  By: Esteban. on Mercoledì 23 Febbraio 2011 11:18

chi paga realmente ... ZeroH-

 

  By: shabib on Mercoledì 23 Febbraio 2011 09:51

e anche perche' non si puo' fare crollare il sistema......un intervento OTTIMO.... http://opinionidalmondo.investireoggi.it/energia-inerziale-e-perche-i-mercati-devono-continuare-a-crescere-3676.html#comment-6327