Altra ondata di scandali?

 

  By: gianlini on Giovedì 27 Settembre 2007 20:23

questo Follieri è un grande! assomiglia molto al personaggio interpretato da DiCaprio in "prova a prendermi"..... oppure più in piccolo, al protagonista di South Kensington, film di Vanzina che propone un italiano che si spaccia per miliardario per rimorchiare una superbellona straricca londinese (riuscendoci, ovviamente!)

 

  By: temistocle2 on Giovedì 27 Settembre 2007 17:48

"I giornali italiani non ne parlano..." ****************************** Raffaello Follieri Ho trovato qualcosa sul Sole24ore Ah, questi italiani come sono birichini!!!.... ****************************** ^A dir la verità Raffaello non aveva fatto tutto da solo. A sostenerlo nella sua avventura era stato un cast di supporto che includeva personaggi legati alla Chiesa sia in Italia che in America, un avvocato newyorkese di fama e soprattutto Andrea Sodano e Douglas Band. Il primo era il nipote del cardinale Sodano, Segretario di Stato del Vaticano fino all'estate del 2006. Il secondo, noto come Doug, era- ed è tuttora- il più stretto collaboratore di Clinton...#http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Attualita%20ed%20Esteri/Esteri/2007/09/follieri-clinton.shtml?uuid=52522b3e-6b8a-11dc-9aad-00000e25108c&DocRulesView=Libero^

Italiani che sfondano all'estero - gz  

  By: GZ on Giovedì 27 Settembre 2007 14:28

i giornali italiani ancora non la menzionano, ma la storia più letta del WSJ è quella di un italiano di 29 anni che raccontando che era incaricato di vendere le proprietà americane della Chiesa cattolica si è fatto dare 100 milioni da un fondo di investimento di Clinton (tutti i politici americani da Al Gore a Dan Quayle sono coinvolti in fondi di investimento, per questo sono poco tassati) e gli ha fatto fuori qualche milione facendo la bella vita con attrici di Hollywood. Ora i partner di Clinton gli fanno causa e la cosa crea imbarazzo ai Clinton (che riescono sempre ad associarsi a gente del genere, vedi il cinese HSU che ha contribuito milioni a Hillary e si è scoperto era ricercato dalla polizia da anni o Marc Rich il famoso trader di metalli scappato in Svizzera ricercato dall'FBI che Clinton ha perdonato come sul ultimo gesto prima di uscire dalla casa bianca) Ad ogni modo questo Follieri è un altro Ricucci, un vero fenomeno della finanza creativa. A soli 29 anni ha intortato l'ex-presidente degli Stati Uniti: ha detto che che era incaricano di vendere le proprietà della Chiesa, che usando le sue connessioni in Vaticano avrebbe aiutato la campagna di Hillary ed è finito che andava in vacanza con Bill e Hillary mentre usava i soldi del fondo di Clinton per fare il playboy ------------------- PRESIDENTIAL CONNECTION How Bill Clinton's Aide Facilitated a Messy Deal Mr. Band Introduced Italian to Ron Burkle; Lawsuit Over Spending By JOHN R. EMSHWILLER and GABRIEL KAHN September 26 For the past six years, the road to Bill Clinton has often run through Douglas Band, a 34-year-old former White House intern who has helped manage Mr. Clinton's time, accompanied him around the world and even fielded some of his calls. Two years ago, Mr. Band befriended a handsome and charming Italian businessman named Raffaello Follieri. The young Italian, now 29 years old, had moved to New York in 2003 to launch a business buying and redeveloping Roman Catholic Church properties. He claimed close ties with Vatican officials that would smooth the way for deals, according to business associates and material issued by his company, Follieri Group LLC. He also said he could help Mr. Clinton's wife, Sen. Hillary Rodham Clinton, with Catholic voters during her presidential campaign, people in the Clinton camp recall. As a gatekeeper to the former president's web of business and charitable enterprises, Mr. Band helped Mr. Follieri get into business with Mr. Clinton, according to people involved with the three men. In 2005, Yucaipa Cos., a Los Angeles investment firm where Mr. Clinton has been a partner and a senior adviser, agreed to invest up to $100 million in Mr. Follieri's church-property venture. Later, Mr. Band helped Mr. Follieri secure several million dollars more from Michael Cooper, a Toronto real-estate executive and supporter of Mr. Clinton's humanitarian initiatives. Mr. Band received $400,000 from Mr. Follieri for arranging that deal. Mr. Band's connection to Mr. Follieri was reported in Il Sole/24 Ore, an Italian newspaper. These days, the Clinton camp's relations with Mr. Follieri are in tatters. Yucaipa managing partner Ron Burkle, Mr. Clinton's longtime friend, has sued Mr. Follieri in Delaware state court for allegedly misappropriating at least $1.3 million. The lawsuit claims Mr. Follieri used Yucaipa's investment money to fund a lavish lifestyle that included a Manhattan penthouse, five-star meals and private jets for Mr. Follieri and his girlfriend, actress Anne Hathaway. Mr. Follieri has denied any wrongdoing. Mr. Cooper has demanded his money back. Since leaving the White House, Mr. Clinton has earned more than $40 million giving speeches, has raised billions of dollars for his own charitable foundation and other causes, and has entered into business relationships with Mr. Burkle and others. Today, heads of state, business leaders and other notables will gather in New York for the annual meeting of the Clinton Global Initiative, an organization that obtains charitable pledges from various sources. Mrs. Clinton's presidential run is likely to draw scrutiny of her husband's recent activities. Jay Carson, Mr. Clinton's spokesman, said in June that while the former president had met Mr. Follieri a few times, "he obviously meets hundreds of people every day, and does not know him well." His aide Mr. Band referred questions about the Italian businessman to Mr. Carson. In written responses, Mr. Carson said Mr. Band "became friendly" with Mr. Follieri, who "explained to Doug and others his unique business opportunity" for buying Catholic Church properties. "Doug and others made introductions for Raffaello." He added that Mr. Band didn't keep the $400,000 sent him by Mr. Follieri for arranging Mr. Cooper's investment. Mr. Follieri declined to discuss his dealings with Mr. Band. Mr. Band, a Florida native, joined the Clinton administration as an intern in 1995 and rose to become the president's personal aide. In 1998, he was interviewed by investigators for independent counsel Kenneth Starr, who were looking into Mr. Clinton's relationship with Monica Lewinsky. Mr. Band told them he got to know Ms. Lewinsky at the White House and, at her request, had accompanied her to the 1995 White House ball, according to an interview memorandum prepared by investigators. When Mr. Clinton left office in 2001, Mr. Band stayed with him. Without his young aide, Mr. Clinton said in a 2003 speech, "I could not get through the day." Adds one longtime Clinton associate: "When Doug calls up, it's like having the president call up." As he embarked on his post-presidency life, Mr. Clinton and his wife had relatively few assets and millions of dollars in legal bills. Over the next half decade, he hopscotched the globe, often with Mr. Band at his side, giving speeches at up to $450,000 a pop. He raised large sums for his library and his foundation and snagged nearly $10 billion in commitments through the Clinton Global Initiative. To help keep Mr. Band from accepting job offers in the private sector, arrangements were made to supplement his income, people familiar with the matter say. Mr. Burkle's Yucaipa operation, for example, paid Mr. Band through a company called SGRD, these people say. In 2001, Mr. Band and a family member set up two entities in Florida using the SGRD name, public records indicate. Mr. Clinton's spokesman didn't respond to questions about Mr. Band's financial relationships, other than the one with Mr. Follieri. When Mr. Follieri arrived in Manhattan in 2003, he had big ambitions. Citing the changing demographics of many U.S. Catholic dioceses and the litigation costs of the church's sex-abuse scandals, he told potential investors that the church needed to sell lots of property. Buying such properties and redeveloping them could help both the church and urban communities where many of properties were located -- and would produce tidy profits for investors, according to Follieri Group marketing material and presentations. A résumé posted on the company's Web site says that while Mr. Follieri was attending the University of Rome in the late 1990s, he founded a cosmetics company called Beauty Planet that attained "tremendous success" and licensed a line of products to "an internationally renowned hairstylist." Beauty Planet financial records on file in Italy indicate that the firm was small and had three straight years of losses, although Mr. Follieri has told people the company was ultimately profitable. Mr. Follieri's résumé also says he worked as executive vice president of EFFE Holdings, "a London based, privately held investment firm" that "purchases large real estate packages from government holdings in Europe and the Middle East" and "is also active in oil trading as well as gold and diamond mining," with "mining operations in Gambia, Senegal and Angola." British public records show an EFFE Holding Ltd., with Mr. Follieri listed as a director, was formed in 2002 and dissolved two years later. (Mr. Follieri has told people there also is an EFFE entity in Luxembourg involved in those activities.) Mr. Follieri's father, Pasquale, is president of the Follieri Group. In 2005, he was convicted in an Italian court of misappropriating more than $300,000 from a failed resort company whose assets he had been charged with overseeing. He has denied wrongdoing and has appealed the conviction. By early 2005, Mr. Follieri was cropping up in New York tabloids as the boyfriend of Ms. Hathaway, a rising Hollywood star whose movie credits include "The Princess Diaries," "The Devil Wears Prada" and "Becoming Jane." The 24-year-old actress sits on the board of the Follieri Foundation, a charitable entity that Mr. Follieri started. Although she was mentioned in Mr. Burkle's lawsuit against Mr. Follieri, she isn't a defendant. In a statement earlier this year, Ms. Hathaway's spokesman said she has "faith the court system will sort this out." Mr. Follieri was introduced to Mr. Band by a mutual acquaintance in the spring of 2005. The two "met and spoke frequently" and socialized, says Mr. Carson, Mr. Clinton's spokesman, adding that Mr. Band had such regular contact with many people. One of the introductions Mr. Band provided was to Mr. Burkle, and in mid-2005, Mr. Follieri struck his deal with the investor. A Yucaipa partnership where Mr. Clinton served as a senior adviser formed a joint venture with the Follieri Group. Yucaipa agreed to invest as much as $100 million into the venture to buy church properties for redevelopment as mixed-income housing units, community centers and retirement facilities, among other things. Mr. Follieri moved his business operation into leased office space on Park Avenue. He employed Filipino nuns as receptionists and installed a small altar in one room, according to people who visited the office. He began renting an "extremely costly" penthouse, complete with a staff that included an executive chef, the Yucaipa lawsuit says. Although it was supposed to be for the joint venture, Mr. Follieri moved his personal effects there and appeared to take up residence, the suit says. A spokesman for Mr. Follieri says the Italian's residence in the $40,000-a-month penthouse "has nothing to do with Yucaipa." The Follieri Foundation pledged $1 million to vaccinate Honduran children against hepatitis. At last year's annual meeting of the Clinton Global Initiative, Mr. Follieri was individually called on stage for a personal thank you from Mr. Clinton. Mr. Follieri's connection to the Clinton camp opened horizons outside of the U.S. Being honored by the former president "adds credibility" to a person, says a spokeswoman for Bahrain's Economic Development Board, whose chief executive, Sheik Mohammed bin Essa Al-Khalifa, met Mr. Follieri through the Clinton Global Initiative. Mr. Follieri subsequently visited Bahrain seeking investment dollars, but he didn't leave with a deal. His Clinton ties also helped get him a meeting in São Paulo with former Brazilian president Fernando Henrique Cardoso, part of an effort to find additional investors, people familiar with the meeting say. Mr. Follieri also approached Mexican tycoon Carlos Slim, by some calculations the world's richest man, who has been a major supporter of Clinton humanitarian efforts. In July 2005, Messrs. Follieri, Burkle and Band visited Mr. Slim on his yacht in the Sea of Cortez for an afternoon of chatting and jet skiing, according to people involved in the trip. There were subsequent communications about a possible joint Latin American real-estate venture, but no deal was closed, these people say. On occasion, Mr. Follieri socialized with the Clintons. In his recently published autobiography, Terry McAuliffe, a Democratic Party leader who is now chairman of Sen. Clinton's presidential campaign, includes a group photo from a January 2006 party in the Dominican Republic resort of Punta Cana. It shows Mr. and Mrs. McAuliffe, Bill and Hillary Clinton, Mikhail Baryshnikov, Ms. Hathaway and Mr. Follieri. The former president has his arm over the young Italian's shoulder. Tracy Sefl, a spokeswoman for Mr. McAuliffe, says the photo was taken at a dinner party at the home of designer Oscar de la Renta. Messrs. McAuliffe and Follieri shook hands and said hello, their first and only conversation, Ms. Sefl says. In the spring of 2006, Mr. Cooper, the chief executive of Toronto-based Dundee Realty Corp., who this summer accompanied Mr. Clinton through Africa, agreed to put several million dollars into a joint venture with Mr. Follieri to purchase Catholic Church properties in Canada. Mr. Clinton's spokesman, Mr. Carson, says Mr. Band received a $400,000 "finder's fee" from Mr. Follieri for helping introduce the two men. Mr. Carson says Mr. Follieri "offered" the money. Another person familiar with the payment says Mr. Band requested it. Mr. Band didn't keep the money, Mr. Carson says. He gave half to another person who helped bring the two businessmen together, and half to Mr. Cooper himself, according to Mr. Carson. Mr. Cooper agrees with that account. Mr. Follieri declined to comment on the payment. Mr. Cooper recently demanded that Mr. Follieri return the millions of dollars he had put into the venture on the grounds that Mr. Follieri hadn't found any suitable properties to buy, according to two people involved in the transaction. Mr. Cooper declines to go into details about his venture with Mr. Follieri, citing "potential litigation." Mr. Follieri's spokesman says numerous properties were offered to Mr. Cooper's operation, but it failed to act. Mr. Follieri believes he held up his end of the bargain and doesn't owe any money back, the spokesman says. Mr. Follieri's joint venture with Yucaipa spent about $50 million for about 10 properties, including two former churches in Philadelphia and vacant church land outside of Chicago. But Mr. Burkle came to believe that Mr. Follieri was misusing Yucaipa funds to finance a lavish lifestyle. In May, Yucaipa filed a lawsuit accusing Mr. Follieri of "systematically misappropriating" at least $1.3 million to fund personal expenses and activities of the Follieri Foundation. In a written response at the time of the suit, Mr. Follieri denied wrongdoing and countered that Mr. Burkle blocked efforts to develop the purchased properties. The two sides are now engaged in settlement talks. Mr. Follieri's discussions with Mr. Band extended beyond real estate. Two people with ties to the Clintons say Mr. Follieri's offer to help Sen. Clinton win over Catholic voters in the presidential race might have helped the young Italian win support from Mr. Band and others for his real-estate business. "Follieri spoke to Doug about how he could use his Catholic Church relationships/authorization to help Hillary in her presidential bid," said Mr. Clinton's spokesman, Mr. Carson, in an email. "Similar to Doug's reactions to many of Follieri's other ideas, Doug was polite, may have appeared responsive, but did not pursue it." Mr. Follieri's offer, he added, "had no impact or relation to Doug introducing Raffaello to others." One person in the Follieri camp says the request for campaign help came from the Clinton side. The Burkle lawsuit closed off those discussions, this person says. Mr. Follieri's Vatican connections remain something of a puzzle. Andrea Sodano, a consultant to the Follieri Group, is the nephew of Cardinal Angelo Sodano, the Vatican's secretary of state until last year. Cardinal Sodano, Archbishop Celestino Migliore, the Vatican's United Nations representative, and three other "reputable" people contacted Mr. Band to vouch for Mr. Follieri, Mr. Carson says. Cardinal Sodano's personal secretary says the cardinal declines to comment. A spokesman for Archbishop Migliore denies that the U.N. representative ever vouched for Mr. Follieri to the Clinton camp.

 

  By: cisha on Giovedì 24 Marzo 2005 11:09

IL VERO SCANDALO DELLA TOSCANA NON SONO SOLO I CINESI O GLI EXTRACOMUNITARI ARRIVATI QUI INDISTURBATI A FROTTE PER ANNI MA ANCORA QUESTA IMPERANTE PRESENZA DI UN REGIME LATENTE DI COMUNISTI (perché solo questo sono)…..e tutto tace. Leggete con calma (magari dopo il caffè) cosa si scrivono due funzionari della Regione Toscana a proposito di una mancata pubblicità Rai sulle elezioni > From: XXXXX > To: comunicazione@regione.toscana.it Date sent: Wed, > to: yyyyyyyyy……. Priority: urgent > > > Da ormai 2 settimane la testata giornalistica regionale RAI ha > > ricevuto ed avuto modo di esaminare tutti gli strumenti > > giornalistici, comunicativi e informativi (spot televisivi e > > radiofonici già fatti, testi, consulenze, contatti) per provvedere ad > > assolvere uno degli obblighi previsti dalla legge nazionale e dal > > proprio contratto di concessionaria di pubblico servizio: quello di > > informare i toscani sul corretto esercizio di uno dei più importanti > > diritti costituzionali, quello di voto. Mancano 10 giorni > > all'appuntamento elettorale. Ad oggi e fino all'edizione del TGR delle > > 22.45, nulla è stato fatto dalla RAI, a parte una pilatesca carrellata > > delle facce dei politici candidati (l'unica cosa che evidentemente è > > ritenuta importante). Sul fatto che la legge elettorale sia cambiata e > > in Toscana si vota in modo diverso neppure una parola: nè sulle reti > > nazionali nè sugli spazi informativi regionali, troppo impegnati ad > > "illuminare" (agenda di ieri sera) una sagra del cinghiale e le prove > > della Ferrari di Luca Badoer al Mugello. Non resta che complimentarsi > > per l'attenzione e la solerzia dei funzionari e dei giornalisti RAI. > > Che ci piace ricordare puntuali, professionali e benvestiti, nei > > nostri uffici di via Martelli come a Novoli e in via Farini, quando si > > è trattato di ragionare sull'incasso di denari pubblici per la > > realizzazione di trasmissioni (spazi in12 puntate di Bell'Italia, > > varietà di intrattenimento dalle terme di Montecatini). Regione > > Toscana ha infatti sborsato decine di migliaia di euro per finanziare > > trasmissioni proposte al pubblico degli spettatori negli spazi della > > normale programmazione, ma che a tutti gli effetti altro non sono che > > contenitori di finanziamenti, denari e pubblicità. L'Autorità Garante > > delle Comunicazioni ha denunciato, appunto, dieci giorni fa RAI e > > Mediaset (assieme ai loro bracci armati SIPRA e Publitalia) per abuso > > di posizione dominante nella raccolta delle risorse pubblicitarie. > > Avrebbe anche dovuto farlo per omissione di pubblico servizio, dato > > per le prossime elezioni del 3 e 4 aprile, a parte la matitina che > > disegna il profilo dell'Italia e augura buon voto a tutti, nessuno > > spot o trasmissione è stata dedicata a spiegare ai cittadini come si > > vota, e che in certe regioni, come la nostra, si vota in modo > > particolare. In questo caso il miglior spot elettorale è quello della > > redazione di BLOB (massì che serve, la RAI) che mette in onda lo spot > > della presidenza del Consiglio dei MInistri con la matitina e buon > > voto a tutti, ma muto. In sovraimpressione la dicitura STATO > > VEGETATIVO PERMANENTE. Quello del dibattito civile, politico e > > istituzionale del nostro paese, dove, come dice l'attore Paolini, > > l'indignazione dura meno di un orgasmo. E poi ci viene anche sonno. > > Buon voto a tutti. E speriamo che oggi qualcuno ci faccia sapere > > qualcosa. RISPOSTA DI yyyyyy caro XXXXX, > non so come classificare il tuo stato d'animo comunicazionale ma > rimanere delusi dalla Rai o ancor peggio da Mediaset (ma per la quale > non mi risulta che venga foraggiata dalla Regione Toscana) era cosa da > mettere in conto. Il silenzio della Rai, e in particolare quello della > sede toscana (da quando nel 1970 è nata l'Ente Regione è stata sempre > pronta a suonare le trombette per la Giunta e il Consiglio di turno) > può avere una spiegazione: è vero che la legge la obbliga a informare i > cittadini toscani non solo dell'evento elezioni, ma anche e sopratttutto > dei cambiamenti nel modo di votare. Molte Regioni (di destra, di > sinistra, senza dimenticare il "centro" naturalmente) recentemente hanno > cambiato, variato, limato Statuti e leggi elettorali, ma a nessuno è > passato per la testa di togliere il voto di preferenza. Dico questo per > difendere un diritto e un perno della libertà di scelta. Faccio un > esempio: io che non faccio parte della parrocchietta rossa ho un amico ( > Ds) che si presenta candidato nella lista dell'Ulivo. Lo stimo, credo > che sia adatto a governare qualcosa ma non lo posso votare. Devo mettere > una croce sul simbolo dell'Ulivo. I candidati sono stati scelti con le > primarie mi puoi obiettare. Certo: guarda caso sono arrivati "in > classifica" proprio come li aveva pensati il Partito!!! Senza parlare > della scarsa affluenza dei cittadini toscani alle Primarie (in realtà > hanno votato i militanti e nemmeno tutti) e i costi per il cittadino > toscano che, come meglio di me sai, non sono una cifra così irrilevante. > Smetto perchè mi rendo di essere noioso...insomma ti volevo dire: forse > la Rai toscana oscura la campagna comunicazionale sulle elezioni perchè > si vergogna e/o hanno ricevuto un diktat (ma non dico da chi per non > essere querelato) per cui ai cittadini toscani non va detto che sono gli > unici a votare come si votava nelle ahimè scomparse Repubbliche > Sovietiche. > Grazie e buon lavoro...e quando esci dalle spire comunicazionali > andiamoa > prendere un caffè...(in attesa che ci deportino). >

 

  By: mistral04 on Domenica 20 Febbraio 2005 22:25

si comincia ad accennare anche al "Sex for Food" ------------------------ non so lei che tv guarda ma altri lo sapevano dal 2002 (DUEMILADUE). Mi ricordo ancora le immagini di questo reportage in cui si vedevano le jeep bianche dell'Onu che di sera caricavano le ragazzine africane... "ORGANISMI NON GOVERNABILI" - Report Rai 3 puntata di martedì 22 ottobre 2002 ore 20:50 - Rai 3 FREETOWN - SIERRA LEONE AUTORE Se non fosse per gli orrori che evoca, il lungomare di Freetown sarebbe uno dei grandi posti di vacanza. A godersi oggi le spiagge di sabbia bianca della Sierra Leone, sono i 18mila militari della missione di pace ONU e migliaia di tecnici della cooperazione internazionale. I loro lussuosi fuoristrada sono parcheggiati all'ombra delle palme e della vegetazione tropicale, nel teatro dell'ultima e più feroce guerra civile africana. Non c'è niente di male nell'andare al mare. Me è inevitabile chiedersi se la politica degli aiuti umanitari serva veramente a sanare qualche piaga a cui peraltro non siamo sempre estranei, o non sia piuttosto l'alibi che mette a posto le coscienze dei paesi ricchi. ---------- SIERRA LEONE AUTORE Ma dietro ad una missione ONU si muove una lenta e mastodontica burocrazia, inevitabilmente un'industria. Solo in Sierra Leone la missione ONU costa al giorno più di un milione di dollari. AUTORE Facciamo due conti. Le tre più grandi associazioni, Caritas, Coopi e Family Home Movement, da sole, hanno dichiarato di assisterne quasi 10milacinquecento. Ma ci sono altre 11 associazioni che si sono occupate dei bambini, ed ognuna ne avrebbe gestiti nei campi oltre 3000. Fatti i conti, i bambini - soldato sui quali si sono riversati i fondi della assistenza internazionale sarebbero dunque oltre 50mila. Ma se i bambini effettivi sono 5400 qualcosa evidentemente non torna. Intanto i bambini che figurano più volte negli stessi elenchi scambiati da una organizzazione all'altra, sono stati dati in affido o reinseriti nelle loro famiglie. Sta di fatto che nei campi non ce ne sono più; i contributi però erano assegnati dall'UNICEF sulla base delle quote denunciate, alla fine ci hanno guadagnato tutti. JOANNA VAN GERPEN - funzionario UNICEF Sierra Leone Nel 2001 abbiamo speso all'incirca 2 milioni e ottocentomila dollari, provenienti dai finanziamenti stanziati da Unione Europea, Svezia, Norvegia, Stati Uniti , UNICEF ITALIA. AUTORE Chi ha fatto i conti in tasca all'UNICEF dice che il 75% del loro bilancio va in stipendi. DONATA LODI - Portavoce UNICEF Italia L'UNICEF spende il 7% del suo bilancio per amministrazione e gestione dell'organizzazione, compresi gli stipendi dei funzionari di New York e Ginevra, e l'1% sono costi finanziari. RAFFAELE SALINARI - Presidente Terre des Hommes Su tutto questo non è stato calcolato la logistica, le macchine, i mezzi e quant'altro e naturalmente gli stipendi degli espatriati cioè le persone che interagiscono con i progetti dei Paesi. AUTORE Quindi quel 7% dichiarato in bilancio non tiene conto delle migliaia di persone che in giro per il mondo lavorano sui progetti dell'UNICEF. PADRE CHEMA CABALLERO - Missionario saveriano Delle 100 Lire che ti danno soltanto 25 arrivano al bambino. Ma questo non soltanto con l'UNICEF ma con tante ONG. Perché devono pagare le macchine, le case, gli uffici e i viaggi, tante cose. AUTORE Capire quale é la verità dietro questo balletto di numeri é molto difficile. I bilanci non sono sottoposti né a controlli né a verifiche. GIACOMO FRANCESCHINI - Program manager Coopi Bisogna dire che dietro c'è un intervento altamente professionale che ha visto impegnati diversi espatriati con alto profilo professionale come psicologi, come medici. PADRE CHEMA CABALLERO - Missionario saveriano Perché devi portare gli psicologi francesi che non parlano neanche la lingua del bambino e fare un progetto con questa gente come ha fatto …..??? International per esempio EBENEZER KING - Funzionario ONG Sierra Leone L'organizzazione italiana francese o americana, porta qua il suo personale e lo paga 4000 dollari al mese. Se prendessero un professionista locale, per lo stesso lavoro lo pagherebbero 400 dollari, questo significa che per ogni espatriato puoi pagare 10 stipendi a gente della Sierra Leone. Questa è cooperazione. Invece usano i soldi per sistemare la loro occupazione non la nostra! AUTORE Qualche volta sui giornali locali salta fuori qualche scandalo : come quello dei beni destinati ai bambini - soldato e invece rivenduti sulle bancarelle del mercato di Freetown. ANDREE KATTER - Parroco di Lungi, Sierra Leone Me ne tornavo a casa una sera, attorno alle nove, e mi è capitato di vedere il camion della Croce Rossa parcheggiato dall'altra parte della strada e stavano scaricando generi alimentari in un negozio… non ci potevo credere! Voglio dire, non puoi riempire i negozi invece di distribuire alla gente che muore di fame! questo è il tipo di operazione che si fa di notte… e la gente assiste continuamente a fatti del genere. ------------------- AUTORE Andiamo più a fondo. Andiamo a seguire nello specifico un singolo progetto di riabilitazione, quello dell'Afmal, finanziato dal Ministero degli Affari Esteri. D - Quanti soldi avete preso dalla cooperazione? CRISTINA SANTORO - Funzionario Afmal 240.000 dollari. AUTORE Dal bilancio emerge che di questi 240mila dollari, 93mila sono stati destinati alla costruzione del centro di riabilitazione, e 100mila per spese relative alla logistica e al personale straniero. Nel loro parco - macchine, costato 41mila dollari, figurano tre moto nuove e mai usate intestate Caritas e una jeep fiammante non ancora immatricolata. E siamo a fine progetto. BRUNO MENICI - Laico saveriano incaricato Afmal Qui c'è tutta la parte amministrativa. E l'ufficio costa 400 dollari. D - Sembra un po' caro, però! BRUNO MENICI - Laico saveriano incaricato Afmal Sembra un po' caro ma sono i prezzi che ci sono in capitate. Qui siamo nella zona residenziale, nella zona di lusso. D - Quindi il costo è…? BRUNO MENICI - Laico saveriano incaricato Afmal 400 dollari americani D - Quanti metri quadri saranno? BRUNO MENICI - Laico saveriano incaricato Afmal Saranno 12 metri, neanche. D - 12 metri quadri, 400 dollari al mese, d'accordo che siamo nella capitale, ma neanche in una capitale europea non paghiamo così tanto. Ma di chi è l'ufficio, la struttura? BRUNO MENICI - Laico saveriano incaricato Afmal La struttura è della Caritas Makeni. D - Monsignor Biguzzi, 400 $ al mese non sono un po' troppi per un locale di 12 metri quadri? MONSIGNOR GIORGIO BIGUZZI- Vescovo Makeni, Sierra Leone Se si trattasse solo di 12 metri quadri sembra eccessiva la cosa però c'è tutto intorno un ambiente circondato da mura per la protezione, i parcheggi, c'è l'uso dell'acqua, i servizi che sono parte di un'altra struttura. E' un po' più dei 12 metri quadri. ----------- AUTORE A Freetown ci sono 331 associazioni di cooperazione ufficiali, difese da guardie armate. Basta guardare La guida telefonica di Freetown: è piena. Bastano un telefono satellitare, qualche biglietto da visita, un adesivo sulla jeep. E molti soldi da poter spendere, possibilmente senza doverne rendere troppo conto. ALFREDO MANTICA- Sottosegretario Affari Esteri Cooperazione alla Sviluppo Ci sono ormai delle strutture che sembrano delle multinazionali nel campo delle ONG. Hanno ormai recepito o concepito la professione del volontariato. Questi di professione sono abbondantemente retribuiti, hanno una serie di loro BENEFITS e evidentemente io posso anche capire che ci sia lo stupore verso il fatto che nel campo del volontariato qualcuno lavori con gli stipendi dell'ONU. Questa, però, è la realtà nella quale noi ci troviamo ad operare. AUTORE I volontari sono tanti, ed è bene sottolinearlo, fanno esperienze di lavoro di qualche anno con uno stipendio che non supera i 1000 dollari al mese. Poi ci sono i volontari di professione, che godono di molti benefits, fra cui il privilegio di spendere pochissimo sul posto, facendo magari figurare spese altissime, e di farsi accreditare l'intero stipendio in Svizzera.. ALFREDO MANTICA- Sottosegretario Affari Esteri Cooperazione alla Sviluppo Questo lo dico a lei: la gente pensa che il medico in Africa sia gratis. Ci sono nei 18.000 dollari al mese. Un conto può essere Medicins sans Frontières, un conto sono altre organizzazioni. Se poi vuole aggiungere c'è anche qualche ONG che risponde al deuxieme boureau o al MI5 perché, chi meglio di un organizzazione…. Ma lei sta registrando? No, questo lo tagliamo!!!!! AUTORE Qualche ONG che risponde al deuxieme boureau o al MI5, vuol dire che lavorano per i servizi segreti francesi e inglesi, ma notoriamente anche quelli americani e forse anche i nostri. ANDREE KATTER - Parroco di Lungi, Sierra Leone La gente vede i membri delle ONG che se ne vanno in spiaggia a sollazzarsi negli orari di ufficio e per buona parte del tempo scorrazzano di qua e di là a bordo delle loro Toyota. E allora mi chiedo: se spendi tutti quei soldi in automobili che cosa rimane per la gente? Perché se sei al servizio della gente comune devi tenere uno standard che tenta almeno un po' di avvicinarsi a quello di coloro con cui interagisci. Se vieni qui vantando grandi progetti altruisti e poi sprechi denaro utile a realizzarli per vivere nel lusso… allora hai fallito l'obiettivo. ***AUTORE Uno scandalo ignobile ha coinvolto gli operatori di varie agenzie umanitarie nell'Africa occidentale e anche in Sierra Leone: lo sfruttamento sessuale di ragazze e minorenni. Molti di loro profughi o già vittime della guerra. ***Immagini da TG3 Rai del 27 febbario 2002 Conduttore "Inchiesta shock dell'Alto Commissariato dell'ONU: soldati di pace e operatori umanitari avrebbero approfittato del loro potere sui rifugiati nei campi profughi africani. Molte minorenni sarebbero state violentate e sfruttate in cambio di un po' di cibo." PADRE CHEMA CABALLERO - Missionario saveriano Perché ci sono tante ragazze prostitute qui in Sierra Leone? Sulle spiagge? Perché c'è un mercato per quello. Chi è la gente che usa queste ragazze? Non sono i sierraleonesi. Sono la gente che lavora per le ONG, sono la gente delle Nazioni Unite, sono i soldati inglesi che sono qua, sono quelli che possono pagare 100 dollari a una ragazza. AUTORE Purtroppo non è difficile trovare conferme a queste denunce. PADRE CHEMA CABALLERO - Missionario saveriano Certo che le stesse agenzie, le stesse NGO, che usano le ragazze prostitute saranno forse quelle che dicono "c'è bisogno di fare un progetto per aiutare queste ragazze prostitute". E' tutto un sistema un po' marcio, forse!!! AUTORE E' un sistema un po' marcio…un sistema che convoglia il denaro in'unica parte. Questa gente ammassata davanti alla sede dell'agenzia ONU per i rifugiati a Conakry in Guinea, aspetta da anni l'aiuto promesso per ottenere asilo all'estero. -------- KABUL - AFGHANISTAN AUTORE Dalla spiaggia di Freetown, all'aeroporto di Kabul, riecco i soliti lussuosi fuoristrada bianchi, ad aspettare i nuovi arrivi dei professionisti dell'umanitario. Qui ci si spartiscono gli 800 milioni di dollari già stanziati dagli Stati Uniti per la ricostruzione. DON ALBINO BIZZOTTO - Presidente Associazione I Beati I Costruttori di Pace Temo però che anche in Afghanistan, come in Bosnia e come in Kosovo , dove c'è stato un impiego di soldi, di fondi straordinario e che ha visto un lavoro, un moltiplicarsi di ONG che poi sono svanite improvvisamente perché si son chiusi i rubinetti. ALFREDO MANTICA- Sottosegretario Affari Esteri Cooperazione alla Sviluppo Il controllo delle Nazioni Unite prima di tutto è fatto attraverso i canali e le procedure tradizionali, cioè quelle del report che fanno le Nazioni Unite a noi sugli stanziamenti che noi devolviamo. AUTORE Questo vuol dire che il denaro dei paesi donatori viene ripartito dalle Nazioni Unite secondo criteri di priorità politica. E alla fine compilano una relazione. Cioè pezzi di carta di cui nessuno chiede verifica. A Kabul ci si arriva solo da Islamabad e solo con un aereo dell'ONU e per 40 minuti di volo l'ONU chiede ad ogni passeggero 600 dollari. Questo è il mio biglietto. GINO STRADA - Emergency Per venire da Islamabad a Kabul non si usa la UN Airlines, qui si dovrebbe chiamare così visto che si paga 600 dollari per un tragitto di 40 minuti di volo. No! Si chiama UN Humanitarian Air Services, cioè "Servizi Aerei Umanitari". Non lo so cosa c'è di umanitario nel far pagare 600 dollari, dove sta l'umanitario lì dentro: non lo so! ---------- AUTORE Nel business dell'umanitario, il settore più ricco è proprio quello dello sminamento. Si calcola che ogni mina, valore effettivo un euro, ne valga nei bilanci delle compagnie di sminamento almeno mille, che vengono pagati dalla comunità internazionale. Basta girare nel centro di Kabul per rendersene conto. I progetti sono gestiti dalle stesse persone che hanno abbandonato prima il Kosovo e poi l'Angola inseguendo i nuovi stanziamenti ALBERTO CAIRO - Croce Rossa Internazionale Adesso Kabul è di moda. Ci troviamo di fronte a casi che già si stanno verificando di 3 o 4 o 5 ONG che fanno esattamente lo stesso lavoro, duplicazioni a non finire e dall'altra parte ci sono dei vuoti ancora da colmare. il testo completo: http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=124

L'ONU IN KOSSOVO - mistral04  

  By: mistral04 on Domenica 20 Febbraio 2005 22:04

L'ONU IN KOSSOVO MILENA GABANELLI IN STUDIO Questo si vuole, una fabbrica umanitaria. Dove arriva l'Onu arrivano i dollari e i prezzi vanno alle stelle e quando se ne va, salvo rare eccezioni, la storia ricomincia. Che la pace ha un costo lo sappiamo tutti, ma qualche volta però bisognerebbe anche raggiungere gli obiettivi. La missione in Kossovo è in corso da 5 anni con 20 mila uomini. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Nel '99 la Nato è intervenuta in Kossovo per proteggere dai serbi la minoranza albanese. Oggi c'è una sola amministrazione, quella dell'ONU. La regione avrebbe dovuto diventare un modello di convivenza interetnica, invece oggi sono gli albanesi ad essere maggioranza e a chiedere l'indipendenza mentre i serbi vivono sotto assedio e discriminati. A confermarlo un alto funzionario delle Nazioni Unite. FUNZIONARIO ONU La gente è abbandonata a se stessa. Se sono vivi è perché l'etnia kossovo- albanese ha deciso di non sterminarli però è una decisione loro non certo perché vengono protetti. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Questo grande edificio, piantonato dai militari svedesi, è un ghetto riservato ai serbi sconfitti. Possono uscire solo per andare a comprare qualche provvista nel negozio all'angolo. Per andare più in là ci vuole la scorta armata. UOMO 1 Ora solo i bambini albanesi possono giocare in esterno, mentre i bimbi serbi sono rinchiusi nelle loro case. È una catastrofe. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Il 17 marzo scorso si è scatenata la caccia al serbo: 20 morti, 900 feriti. Case e monasteri ortodossi incendiati. Questa donna serba si è salvata per miracolo dalle violenze del 17 marzo scorso. DEREK CHAPPEL - Ex portavoce polizia ONU Sono stato portavoce della polizia delle Nazioni Unite per 4 anni. Dopo le violenze di marzo sono stato rimosso dal mio incarico, e non ho mai avuto spiegazioni chiare sul motivo del mio licenziamento, ma penso che alcune dichiarazioni che ho rilasciato sulle violenze non erano piaciute a certi politici delle Nazioni Unite. Io avevo dichiarato, e sono certo di questo, che i registi degli attacchi contro il popolo serbo erano gruppi sovversivi formati da criminali organizzati e da estremisti politicizzati. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Ma allora i 20 mila uomini dei vari reparti della Nato sotto comando Onu schierati in Kossovo, non hanno saputo, o non hanno potuto fare nulla? ANTONIO EVANGELISTA - Italian police contingent comande Io personalmente, non avevamo indicazioni che potesse succedere qualcosa del genere. FUNZIONARIO ONU I fatti che sono successi il 17 marzo erano preavvisati. Sapevamo che sarebbe successo prima o poi, un'altra grossa guerra tra le due etnie, il problema è che le nostre avvisaglie, i nostri.. le nostre comunicazioni non sono state prese in considerazione. MARCO BRUCCOLERI -Coordinatore ong ICS Probabilmente il popolo kossovaro dopo il primo anno e mezzo di entusiasmo verso le Nazioni Unite e la KFOR hanno cominciato a capire che questo circo umanitario sta qua e non si vuole più muovere. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Lo scopo della missione era l'avvio di una politica di convivenza. AUTORE Cioè come è che vivono adesso i serbi albanesi? CARABINIERE IN MACCHINA Eh insomma... AUTORE Cioè? Nessuna risposta e oscura la telecamera con la mano ----------------------- AUTORE (mostra documenti) L'Unione Europea, i privati e le agenzie umanitarie avevano stanziato enormi capitali per compensare i danni dell'intervento della Nato. Il grande business del Kossovo dopo la guerra si chiama ricostruzione. Planeia per esempio è stata distrutta dai bombardamenti Nato. All'agenzia italiana Nuova Frontiera erano state assegnate 60 case da rimettere in piedi. Dopo averne ricostruite 20 è sparita nel nulla. ------------- FUNZIONARIO ONU I principali esponenti criminali sono gli ex veterani dell'UCK, gli ex generali, comandanti dei battaglioni vari che erano presenti nel '99 e poi hanno avuto questa evoluzione sia nel crimine organizzato sia nella politica e gestiscono comunque ancora tutto l'impianto criminale che è presente nel paese. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Oggi il Kossovo non ha status giuridico. È contemporaneamente il crocevia della prostituzione internazionale, del traffico di droga tra est e ovest, dei clandestini diretti in Europa, del riciclaggio di denaro sporco, del traffico di armi da smistare sui mercati dell'Africa e del Medioriente. FUNZIONARIO ONU Dai proventi del traffico di essere umani e quello delle armi si passa a quello degli stupefacenti. E quindi i guadagni ottenuti da questi crimini, vengono reinvestiti in quello degli stupefacenti che produce alle organizzazioni criminali alti guadagni in brevissimi tempi. Ma non si accontentano, reinvestono in traffici leciti come catene alberghieri, ristorazione, società di import-export lavando il denaro sporco proveniente dalle azioni criminali. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Ma è possibile che tutto questo accada, in un territorio piccolissimo e sotto agli occhi di 20 mila uomini, fra polizia, gruppi speciali, soldati e anche la nostra Guardia di finanza? A dire il vero i nostri avevano arrestato qualcuno. FUNZIONARIO ONU Abbiamo la notizia che tantissime persone che fanno parte della polizia stessa locale siano coinvolte in crimini. Un esempio è quello del sergente di polizia che lavora a Pristina che è stato condannato da un tribunale italiano a 25 anni di reclusione per traffico internazionale di stupefacenti e tutt'ora veste una divisa e porta una pistola. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Secondo il Tribunale di Milano il sergente di polizia dell'Onu è un trafficante di droga e merita 25 anni, per l'ONU merita di continuare a fare il sergente a Pristina. E a Pristina c'è di tutto. Questa casa, all'apparenza normale, nasconde un giro di prostitute frequentato anche da militari e funzionari internazionali. Questa è la lista dei locali vietati che l'UNMIK ha diramato a tutto il suo personale. E chi ha dato la licenza a questi locali? La stessa Agenzia delle Nazioni Unite. FUNZIONARIO ONU Se da un lato, emette una lista dove è bene a conoscenza che all'interno di questi locali si svolge traffico di essere umani e della prostituzione, dall'altro dovrebbe ritirare la licenza. AUTORE Ma non lo fa. Con La risoluzione ONU 1244 il Kossovo è diventato un protettorato delle Nazioni Unite. Significa che le decisioni sono affidate alle rappresentanze di 57 stati diversi, spesso con interessi diversi tra loro. Di fatto l'autorità di riferimento resta quella degli americani , che siedono sulla poltrona più importante di tutti gli uffici. ------------ NEXHAT DACI - president of the Assembly of Kossovo Il personale dell'UNMIK non ha motivo di lasciare il Kossovo... hanno stipendi troppo elevati. Il salario di un alto funzionario dell'UNMIK è più alto di quello di un senatore in Italia (paese che ha gli stipendi più alti del mondo). Pristina è la capitale più sicura del mondo, più di Roma o Washington, Londra , o Parigi. E poi le ragazze in Kossovo sono belle...come vede ci sono tutte le condizioni per pretendere il prolungamento della missione . ------------- MILENA GABANELLI IN STUDIO Se ampliare il Consiglio di sicurezza sarà una soluzione non lo sappiamo. Certamente a far funzionare meglio l'Onu sarà la responsabilità dei paesi che si siederanno su quelle poltrone, poiché la storia migliore delle Nazioni Unite l'hanno scritta uomini integri che coltivavano grandi ideali. Giandomenico Picco ad esempio, per 20 anni diplomatico presso le Nazioni Unite, operativo nelle trattative internazionali, ha dimostrato che le differenze non impediscono il confronto. La sua intermediazione fu determinante negli accordi di pace durante la guerra in Afghanistan nel '98. In Libano fu rapito e rischiò la vita in una trattativa solitaria, che portò alla liberazione di 100 ostaggi occidentali. Era vicesegretario dell'Onu con Perez de Quellar quando arrivò a guidare i negoziati per la pace nella guerra tra Iran e Iraq. E questo è il racconto impressionante e inedito di quei giorni. GIANDOMENICO PICCO - rappresentante Onu Dialogo fra le civiltà Nell'agosto del 1988, quando Perez de Quellar mi aveva affidato la gestione del negoziato finale, io mi trovai una mattina con una chiamata di Tereq Aziz che mi diceva che non sarebbe arrivato all'Onu a New York per il suo incontro con la sua controparte iraniana, perché Saddam Hussein l'aveva richiamato. Il che voleva dire negoziato interrotto e come lui mi disse: " Ci vedremo tra due o tre mesi",voleva dire: continueremo la nostra guerra, che per la prima volta l'Iraq stava militarmente vincendo in otto anni e poi ne verremo. Questo avvenimento, devo dire fu preceduto, alcuni giorni prima, da un messaggio che io ricevetti, da una grande potenza, che mi lasciò perplesso. Il messaggio era: "O finisci il negoziato o io ti taglierò come il coltello taglia il burro. AUTORE Qual'era la grande potenza? GIANDOMENICO PICCO Il messaggio era di Shultz. AUTORE Shultz era il segretario di Stato? GIANDOMENICO PICCO Voleva che Saddam vincesse contro gli Ayatollah, come lo volevano i Sovietici, dall'altro lato. AUTORE E Shultz Le ha telefonato. GIANDOMENICO PICCO No, Shultz mi manda un signore che era un famoso diplomatico americano che mi dice: "Gianni, piccolo messaggio from the Secretary of State: "I will cut to you like the knife to butter. Perez de Quellar mi disse, mi ricordo perfettamente, mi disse: " Quanti anni hai Gianni?" Dissi: " Trentanove"; "Benissimo, da grande cosa vuoi fare? Perché se vuoi fare questo mestiere devi pensare che naturalmente vivi in un mondo di real politik e non certamente e soltanto di ideali. D'altro lato mi rendo conto che c'è la possibilità di una vera soluzione della guerra, del conflitto in questo momento, quindi il caso si risolve così. Mi chiese di andare a dormire, di pensarci sopra e mi disse di tornare però la mattina dopo. E ricordo ancora le sue parole: "Se deciderai di continuare il negoziato, benissimo così, sappi però che avrai pochi giorni, perché cercheranno comunque di fermarti, per cui devi riuscire a fermare la guerra in quattro o cinque giorni. Se invece decidi di accettare la minaccia che ti hanno fatto, o comunque l'invito a bloccare il negoziato, va bene lo stesso, io ti coprirò politicamente e dirò che il negoziato è fallito per motivi vari. Come Lei capisce fu un dramma di carattere etico profondo. La verità fu che la guerra terminò quattro giorni dopo. "Se questa è l'Onu" Report - Rai 3 venerdì 10 settembre 2004 ore 21:00 il testo completo: http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=202

 

  By: mistral04 on Domenica 20 Febbraio 2005 21:51

DENNIS HALLIDAY - ex capo missione Oil for food in Iraq Io stesso andai sul confine turco e contai centinaia di camion che entravano in Iraq portando verdure, olio da cucina, patate e in cambio avevano il permesso di portare via 5 mila galloni di benzina o paraffina. Era Washington a consentire a Saddam di contrabbandare molto più petrolio del consentito alla Turchia perché questa è un paese della Nato e molto amica degli Stati Uniti. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE L'Onu che avrebbe dovuto controllare, permise invece a Saddam di imporre le tangenti ai suoi clienti: il 10 per cento del valore di ogni contratto. Oggi sappiamo che la responsabilità si estende ad alcuni membri del Consiglio di sicurezza che favorivano un loro interesse o una loro azienda. DENNIS HALLIDAY - ex capo missione Oil for food in Iraq In particolare furono Washington e Londra a fare i loro giochetti, videro ogni contratto, erano a conoscenza di ogni bustarella. Così funziona il settore privato: è corrotto. Le bustarelle sono uno stile di vita. Dov'è la sorpresa? Questa è la realtà, lo sapevano fin dall'inizio che a Bagdad arrivavano i soldi. Gli importava qualcosa? Certo che no. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Dal 1996 al 2003 con il programma Oil for food, l'Iraq ha venduto petrolio per 64 miliardi di dollari e ricevuto prodotti essenziali per la sua sopravvivenza per 27 miliardi di dollari. Dove sono finiti gli altri 37? ----------------- L'ONU IN LIBERIA OCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE I funzionari delle Nazioni Unite possono permettersi ogni sera un ristorante diverso e pagare un conto che equivale a un salario mensile medio di un liberiano, e il liberiano lo sa... A capire che l'arrivo delle Nazioni Unite sarebbe stato un grande affare sono stati soprattutto i libanesi, che qui da tempo controllano il commercio. In un anno sono sorti alcuni alberghi nuovi, come questo fronte mare quasi ultimato. Si paga dai cento dollari a notte in albergo fino a tremila dollari al mese per un appartamento. Tutti i funzionari hanno diritto a una vacanza di una settimana ogni sei di missione e il viaggio pagato in prima classe per tornare a casa. E tutti qui in Liberia hanno una fuoristrada nuova fiammante che costa 30 mila dollari. Ce ne sono centinaia in città. Le auto vengono lavate tutte le mattine, in modo maniacale, mentre l'acqua viene centellinata per i liberiani. Ogni autocisterna viene pagata cento dollari. Le case che sono dotate di pompe ancora funzionanti sono quasi tutte occupate dai funzionari dell'Onu. AUTRICE Quanto guadagna? FUNZIONARIO ONU Lasci stare... VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Che male c'è a dire che gli stipendi partono dai 5 mila dollari al mese ma possono arrivare anche ai 15 mila. Certo le missioni all'estero hanno i loro rischi. E più sono alti e più consistente è la diaria. Ma quando nell'estate del 2003 gli scontri in città si fecero duri, gli allora pochi funzionari delle Nazioni Unite evacuarono dalla Liberia. Restarono soltanto i religiosi, la Croce rossa e Medici senza frontiere, che guadagnano, per inciso, mediamente mille dollari al mese. Comunque una volta arrivati caschi blu la situazione si è tranquillizzata, e centinaia di dipendenti delle Nazioni Unite e delle ong sono tornati. Sarà sufficiente per cambiare le cose? SEGUE...

 

  By: mistral04 on Domenica 20 Febbraio 2005 21:47

"Se questa è l'Onu" Report - Rai 3 venerdì 10 settembre 2004 ore 21:00 VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE L'Onu nasce dopo la Seconda guerra mondiale con il compito di mantenere la pace e la sicurezza nel Mondo. Ne fanno parte ad oggi 191 stati. Altissimo il numero del personale addetto. GUIDO BERTUCCI - direttore Divisione Amministrazione Onu New York È di circa 15 mila persone delle quali diecimila lavorano qui a New York e poi se si contano le altre organizzazioni arriviamo a, direi, decine di migliaia, circa 61 mila funzionari AUTORE Quanto guadagna un funzionario medio delle Nazioni Unite qui a New York? GUIDO BERTUCCI - direttore Divisione Amministrazione Onu New York Un funzionario medio guadagna circa 60 mila dollari all'anno e un direttore guadagna circa 120 mila dollari all'anno. AUTORE Qual è il bilancio annuo delle Nazioni Unite qui a New York? GUIDO BERTUCCI - direttore Divisione Amministrazione Onu New York Circa un miliardo e mezzo di dollari all'anno. Se poi aggiungiamo tutte le agenzie specializzate, il sistema planetario dell'Onu che include la Banca mondiale, la Fao, l'Unesco, i fondi per lo sviluppo e i programmi arriviamo a 12 miliardi di dollari all'anno. Oltre a questo ci sono le spese per le operazioni di pace che ammontano in media, quest'anno per esempio, il costo totale è di 4,2-4,3 miliardi di dollari --------- MILENA GABANELLI IN STUDIO Ci sono missioni andate bene come la Namibia e il Mozambico, dove però il ruolo di commandos lo ha giocato più la Comunità di S. Egidio che non le Nazioni Unite. Certamente nei 60 anni di storia dell'ONU la lista dei fallimenti è lunga: non è stato mosso un dito per chiudere i gulag , per frenare la sistematica violazione dei diritti umani in Cina, per fermare la guerra del Vietnam, il genocidio in Cambogia e in Ruanda. L'ONU ha tollerato il cannibale Bokassa, ha sbagliato in Somalia, in Congo in Sudan, non ha messo piede in Cecenia, non ha saputo evitare la guerra in Iraq. E oggi che da quella guerra dovrebbe portarci fuori, i suoi uomini non ci sono. --------- L'Onu in Iraq AMAL MOHAMED - psicologa scuola di Bataween Ci sono tanti bambini che vivono ai giardini del popolo e per le strade. Vengono sfruttati sessualmente a mille e cinquecento dinari per una prestazione che dura anche 2 o 3 ore. Alcuni di loro sniffano colla. Sono tutti là e dalle 5 alle 9 di sera vengono portati in case chiuse, ai tempi di Saddam il fenomeno esisteva ma non si vedeva, oggi quei bambini li vedono tutti. AUTORE È vero che anche i militari della coalizione vanno coi bambini? AMAL MOHAMED - psicologa scuola di Bataween Si è vero, e hanno un mediatore che li porta da loro SEGUE...

Sex for Food - gz  

  By: GZ on Sabato 19 Febbraio 2005 10:30

Mentre si indaga su quanti dei 56 miliardi di dollari di petrolio irakeno gestiti dall'ONU nel programma umanitario "Oil for Food" siano stati sottratti (e in cui ^sono coinvolti parecchi italiani#http://www.isinsardegna.it/modules.php?name=News_Pro&file=article&sid=2284^) si comincia ad accennare anche al "Sex for Food". "...bambine e ragazze usate come giocattoli per la libera uscita dei Caschi blu dell’Onu...." "...In Liberia e Sierra Leone dopo il 2000, madri costrette a vendersi agli operatori umanitari per un pugno di farina. ..." "... L’ultimo «dossier-choc» presentato a Kofi Annan nel 2002 riscontrava lo stesso fenomeno in metà delle 12 missioni Onu...." "....Il Marocco ha annunciato l’arresto di sei soldati accusati di violenza sessuale ai danni di minorenni nel Congo.... Una quattordicenne di un villaggio vicino a Bunia ha riconosciuto in due soldati marocchini i violentatori che la fermarono un pomeriggio mentre andava al pozzo. A Bunia, ancora oggi, si registrano 50 casi di violenze sessuali da parte delle milizie congolesi che nelle pause dei combattimenti si accaniscono sui civili. Quei due Caschi blu erano lì per proteggere la ragazzina. Invece i genitori hanno raccontato che il capo del contingente offrì loro denaro in cambio del silenzio....." "....Il Sudafrica ha annunciato misure contro due soldati. Ma lo scandalo degli abusi contro minorenni in Congo è vasto: 50 militari e civili sospettati, 150 casi di violenze. Il mese scorso un team dell’Onu ha accertato che per 26 ci sono prove. Era uruguayano il soldato che una sera a Bunia si è divertito con una quindicenne sordo-muta, figlia di Aimée Tsesi, che ora si prende cura della nipotina. Dieudonnée (Dono di Dio) ha 5 mesi...." "....In Francia è sotto processo per stupro Didier Bourguet, 41 anni. Faceva il camionista per l’Onu in Congo. Nel suo computer gli investigatori hanno trovato migliaia di foto che lo ritraggono mentre compie atti sessuali con centinaia di minorenni. Il suo avvocato ha parlato di una rete di pedofili nella missione Monuc, come già in quella precedente, nella Repubblica Centroafricana. ..." Di tutto questi episodi, ci sono anche centinanaia di foto e filmati. Stupri di bambine, pedofilia, sesso comprato da minorenni in cambio di razioni alimentari in metà delle missioni ONU. Per fortuna tutti i soldati ONU coinvolti sono pakistani, marocchini, sudafricani, nepalesi, argentini... insomma di quasi tutte le nazioni, ma non ci sono inglesi ed americani. Altrimenti giornali e TV ci bombarderebbero tutti i giorni con le foto a colori in prima pagina, i filmati, le interviste alle vittime e tutti i possibili dettagli della storia. E si rischierebbe che la prossima volta che si invoca l'intervento dell'ONU le popolazioni locali si armino per difendersi. (Se vado su Google e digito: "..ONU abusi sessuali." oppure "Sex for Food" oppure "Scandalo ONU sessuale" o "ONU pedofilia" e guardo quanti link ad articoli in italiano esistono ne trovo rispettivamente 4, 1, 4 e 1. Se digito "Abusi sessuali Abu Ghraib" opppure "Torture in Iraq" e simili ottengo circa 150 link. E la cosa bella è che nessuno si riferisce a quello che fanno i terroristi di Zarqawi alla gente che prendono.)

 

  By: banshee on Giovedì 24 Aprile 2003 18:20

No, mi riferisco a questo pezzo: LA CADUTA DI BAGDAD E’ STATA UN TEATRINO UNA DIVERSA ANGOLATURA MOSTRA UN’ALTRA REALTA’ NESSUNA FOLLA FESTANTE, CARRI ARMATI E “COREOGRAFIA”

 

  By: DOTT JOSE on Giovedì 24 Aprile 2003 18:12

ti riferisci alla figuraccia della Senette(..ma per voi una spintarella non l ha presa?)tanto se anche la Parietti e diventata giornalista.. bello dagospia.. 1 - Tra le “vittime” della guerra in Iraq c’è anche la bella giornalista Francesca Senette. La cocca bionda di Emilio Fede al Tg4. Durante uno delle tante dirette il perfido Emilio ha chiesto alla Senette e all’altro conduttore in studio di ricordare ai telespettatori chi fosse Donald Rumsfeld. Silenzio imbarazzato della Senette di Cologno Monzese. Addirittura agghiacciante la risposta del suo partner in studio: il portavoce di George Bush. Mentre si tratta del segretario alla Difesa Usa. La scenetta è stata mandata in onda da “Striscia la notizia” di Antonio Ricci. Complimenti comunque a Biagio Agnes e ai componenti dell’autorevole premio “Rizzoli-Ischia” di giornalismo. Lo scorso anno, presente Carlo Azeglio Ciampi e con la solitaria opposizione di Angelo Rizzoli, i giurati hanno assegnato il prestigioso all’alloro proprio a Francesca Senette, zero

 

  By: banshee on Giovedì 24 Aprile 2003 15:32

E' proprio vero che dei giornalisti non ci si può proprio fidare! ^cliccaqui...#www.dagospia.it/round.php3^ Come dicono a Roma? A' BURIIINIII !!!!!

 

  By: DOTT JOSE on Mercoledì 23 Aprile 2003 18:00

..."Poi hanno beneficiato, come sempre avviene nel loro mestiere, della guerra vera..."..vabbe,quelli che non sono morti perle bombe o errori vari

Le "tensioni" e la destabilizzazione a ciclo continuo 365 giorni all'anno - gz  

  By: GZ on Mercoledì 23 Aprile 2003 13:30

Stupidaggini queste sugli sciiti. A Bagdad ci sono 6 milioni di persone, di cui il 50% disoccupate e i 2/3 sotto i 30 anni per cui non hanno niente da fare e sono nell'età in cui si manifesta in piazza. E fa bel tempo. Alle manifestazioni di protesta che i giornali italiani mettono in prima pagina ci vanno 10 o 20 mila persone. Sarebbe come dire che in italia perchè 10 mila no-global fanno una manifestazione siamo in crisi e l'italia "cade nelle mani dei no-global". I giornalisti non sanno come riempire il vuoto dopo essersi goduti sei mesi di pre-guerra in cui annunciavano tutti i giorni che "il medio oriente era un polveriera..." "..un intervento americano avrebbe fatto esplodere tutte le tensioni..", "... è la fine dell'Onu, la morte della Nato, la distruzione dell'assetto del medio oriente ..." "...l'intera regione verrà destabilizzata..." (bello "destabilizzata", la puoi usare con quasi tutto e non vuole dire mai niente). Poi hanno beneficiato, come sempre avviene nel loro mestiere, della guerra vera. Purtroppo è durata per loro solo 3 settimane (mentre doveva ".. durare sino all'estate" e "... si combatterà a bagdad casa per casa..." e "...un ondata di kamikaze suicidi.. " "... il ricordo dei bombardamenti a tappeto di dresda e Hanoi..." e "...gli irridicibili feddayn ... e i volontari che accorrono da tutti i paesi arabi per morire a difendere Bagdad..". Invece una città di sei milioni di abitanti è caduta come una pera matura in tre giorni e un esercito di 400 mila soldati e miliziani più terroristi vari si è squagliato facendo solo due o tre azioni efficaci (che hanno avuto le prime pagine dei giornali per due giorni ciascuna). Agli alleati sono occorse tre settimane solo perchè hanno cercato di avere perdite inferiori a ogni guerra mai accaduta dai tempi di giulio cesare ( 3-4 mila soldati irakeni, 1.000 civili e 130 alleati, meno dei morti che pakistan e india o l'algeria fanno ogni anno senza scomodare mezzo cameramen del Tg) La cosa ha avuto aspetti patetici per gli arabi, su Al Jazeera il giorno in cui gli americani sono entrati a bagdad da tre direzioni diverse occupandone il centro hanno parlato solamente di un singolo carro americano che era stato "catturato" (nel senso che avevano così fretta di arrivare che lo avevano lasciato al bordo della strada). Ma questo è comprensibile perchè c'è un aspetto di orgoglio ferito, dopo che ogni guerra viene persa in modo farsesco dagli arabi a causa della montagna di menzogne con cui la impostano. Il caso che passerà alla storia è "Bagdad Bob" il ministro delle informazioni irakeno che ha annunciato battaglie fasulle ogni giorno e hanno smesso di prenderlo sul serio al TG3 solo l'ultimo giorno, quando assicurava ridendo che entrando a bagdad gli americani "avevano commesso suicidio" e si vedevano i carri Abraham dalla finestra del palazzo cui parlava Ora i giornalisi italiani sono a secco e si inventano un altra crisi pompando cose che in tutti i paesi arabi accadono tutte le settimane da anni. L'esagerazione di ogni "tensione", ogni giorno di ogni settimana dell'anno, prima durante e dopo la guerra è ormai una cosa grottesca, è come la favola dove a forza di gridare sempre al lupo al lupo alla fine non ti crede più nessuno. Ma sembra che sui mercati finanziari abbiano mangiato la foglia.

 

  By: gianlini on Mercoledì 23 Aprile 2003 13:11

sarebbe il colmo la guerra combattuta con il supporto sia degli USA che della RUSSIA fin dal 1980 perchè l'IRAN non si impadronisse dell'IRAQ verrebbe persa in pochi giorni, e combattendo!!!