Chiudo la partita iva (qualsiasi spesa può essere evasione ora...)

 

  By: antitrader on Martedì 23 Dicembre 2014 13:46

Nuova stangata sulle partite IVA (meno male che mi ritrovo a fine partita). In sostanza l'ebetino (che ha pure la faccia tosta di raccontare di aver messo 800 milioni per le partite iva) che ha fatto? Ha portato il regime de minimi dal 5% al 15% abbassando anche la soglia di fatturato per accedere a tale regime. Adesso la soglia dipende dal codice atec e per le imprese individuali e' ridotta anche a soli 15.000 euro (prima era 30.000). Come se non bastasse ha dato il via libera all'aumento targato fornero dei contributi inps che vengono aumentati di un punto ogni anno fino al 33% del 2018 tutto a carico del lavoratore. In sostanza, se sei uno che ha un minimo di intraprendenza e, invece di fare stalking dietro l'assessore per farsi dare un posto di lavoratore socialmente utile (utile a che?), ti metti a fare le pulizie, oppure gli orli ai pantaloni, oppure le pagine web, oppure lo svuotacantine, oppure l'architetto arredatore ecco che lo stato ti salta addosso e, appena osi staccare una fattura, ti fotte il 20% di ritenuta d'acconto piu' il 33% di contributi a fronte dei quali non avrai mai niente ma, in compenso paghi le megapensioni ai dirigenti il cui fondo e' in rosso per ben 5 miliardi/anno. Poi abbiamo il nostro amico MR che vuol fare il patriota. Scappa ragazzo, scappa! (finche' sei ancora competitivo). Buone feste ragazzi!

 

  By: Bullfin on Lunedì 15 Dicembre 2014 01:55

A proposito e lei era a conoscenza del fatto che con l'introduzione imu e tasi tra il 2011 e 2014 la tassazione sugli immobili diversi da prima abitazione ha registrato un +236% sulle case locate a canone CONCORDATO e 150% su quelle a canone libero? e 144% sugli uffici e studi privati. Sui negozi e botteghe è stato del 140% e 115% sulle seconde case sfitte e il 96% sugli alberghi pensioni e capannoni commerciali. Del 95% su opifici, capannoni artigianali e fabbriche. I calcoli sono cgia. Quindi non dica fesserie sui fitti dei canoni concordati e non faccia tanto la piangina per i poveri imprenditorini (un po' tanto somari...e questo detto per esperienza tra l'altro). Lei consiglia gli investimenti va a guardare il libro di cappuccetto rosso e il lupo o ci porta un po' di dati scientifici?. Va beh veramente inizio a capire i merkelliani.....viva Anti, Hobi, Oscar...

abbiamo sempre tra le balle i comunisti - GZ  

  By: GZ on Domenica 14 Dicembre 2014 22:45

Chi era al corrente del fatto che il governo del PD ha messo l'IMU (una tassa sulle case) anche sui macchinari, sui capannoni e grandi macchinari "imbullonati", che sono stati equiparati agli appartamenti e alle case... ? #i# (...Nella determinazione della base imponibile del fabbricato industriale ^oggi vengono inclusi anche macchinari e impianti come presse, forni, magazzini automatici ecc., ancorati al suolo#http://www.confapimatera.it/wp-content/uploads/downloads/2014/11/sole-cos%C3%AC-limu.pdf^ ma che allo stesso tempo possono essere smontati, trasferiti da un sito all'altro, oppure ceduti per esser sostituiti. Si tratta, come detto, di "macchinari imbullonati" e non di veri e propri immobili che però, sulla base dell'attuale interpretazione di un regio decreto del 1939, entrano nella determinazione della rendita catastale....)#/i# ^"Bonometti a Lupi: «Assurda l'Imu sui macchinari»"#http://www.bresciaoggi.it/stories/Economia/951760_bonometti_a_lupi_assurda_limu_sui_macchinari/^, 19 dicembre 2014 #i# ...IN DIRETTA dagli impianti della Aso Siderurgica di Ospitaletto, con lo sfondo del laminatoio da cui escono i lingotti d'acciaio alla temperatura di 1.650 gradi, c'erano Paola Artioli, in rappresentanza dell'azienda, attorniata da alcuni dipendenti, e il presidente dell'Associazione Industriale Marco Bonometti...protagonista di uno scambio vivace col ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi «È una cosa assurda pagare l'Imu sui macchinari che ci servono per produrre, noi non ci fermiamo», ha esordito Bonometti chiedendo conto al ministro dell'emendamento alla legge di stabilità proposto da Confindustria per cancellare un balzello da tutti ritenuto ingiusto. Lo spiega Paola Artioli snocciolando le cifre della Aso Siderurgica che anziché pagare 400 mila euro di Imu come si pensava ha visto lievitare l'imposta a un milione di euro in seguito all'inclusione nel calcolo del valore dei macchinari e delle rendite catastali. Il gruppo industriale coi suoi ottocento dipendenti paga anche altri 18 milioni di costo del lavoro. #/i# ^"Morando: «Assurda l'Imu sui macchinari...»"#http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-11-23/morando-assurda-imu-macchinari-toglieremo-tassa--141420.shtml?uuid=ABsipBHC^, Il Sole24ore A chi mai nel mondo può venire un mente di utilizzare una tassa sulla casa come l'IMU per colpire anche i macchinari industriali e in un paese come l'Italia che è da cinque anni è sprofondato nella depressione economica ? Solo a degli ex-comunisti come quelli del PD, che che quando si tratta delle banche e banche centrali sono servili agli interessi finanziari, ma appena si tratta di imprese e imprenditori hanno sempre il riflesso condizionato del mungere il capitalista #F_START# size=4 color=blue #F_MID# In Italia il peso dello stato va (complessivamente) ridotto #F_END# Si vogliono altri esempi freschi di oggi ? ^"Evasione fiscale, Fermet assolta. Ma ora azienda è in liquidazione: ‘Stato risarcisca’"#http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/12/14/evasione-fiscale-fermet-assolta-azienda-in-liquidazione-risarcisca/1264098/^ #i# . “Il fatto non costituisce reato”. La formula è troppo semplice per rendere conto delle sofferenze e dei guai passati da Alberto Ricciardi, l’imprenditore 60enne di Massa che ha perso la sua azienda Fermet dopo una serie di verifiche della Guardia di finanza e di accertamenti dell’Agenzia delle entrate. Provvedimenti tutti annullati, uno dopo l’altro. Si chiude così il filone penale derivato dalle azioni del Fisco, con l’accusa per Ricciardi di aver evaso dal 2008 al 2010 tasse per un imponibile superiore ai 23 milioni di euro. La sentenza di assoluzione è stata pronunciata lo scorso luglio dal tribunale di Brescia, ma è passata in giudicato solo nei giorni scorsi, quando sono scaduti i termini per presentare appello. Il finale però è lieto solo sul fronte giudiziario. Perché nel frattempo la Fermet, un tempo leader nella trasformazione di materiali metallici da rivendere alle più importanti acciaierie d’Italia e con fatturato superiore ai 200 milioni di euro, è ormai in liquidazione da mesi. Le gru sono ferme, i 70 operai non hanno più il loro posto di lavoro. “Lo Stato ha distrutto questa azienda, ora deve rimediare all’errore”, afferma Giovanni Toffali, uno dei legali di Ricciardi. “Per questo stiamo preparando un’importante richiesta di risarcimento”. Sulla sorte di Fermet, va detto, ha pesato anche una sentenza del Consiglio di Stato. Che nel 2012 non ha riconosciuto un risarcimento milionario per una delibera con cui il consorzio pubblico Zona industriale apuana aveva assegnato senza bando un’area a un gruppo di aziende concorrenti. E ciò nonostante la Cassazione avesse in precedenza annullato la delibera medesima. Una vicenda che negli anni è andata in parallelo a quella principale dei controlli delle Fiamme gialle, a seguito dei quali nel 2009 alcuni fornitori della Fermet sono stati trovati senza dipendenti e senza la struttura necessaria per svolgere l’attività. Delle “mere cartiere”, insomma, come conferma il giudice di Brescia nella sentenza di assoluzione. Proprio per questo il Fisco aveva contestato a Ricciardi di avere dedotto a bilancio dei costi a fronte di fatture soggettivamente inesistenti, cioè dei costi realmente sostenuti, ma derivanti da operazioni in nero a monte della catena di approvvigionamento. Una posizione su cui l’Agenzia delle entrate ha fatto di recente marcia indietro. E ora anche il giudice, che sottolinea come non risulti “prova di difformità, totale o parziale, tra i costi sostenuti e i costi esposti”, giudica corretto il modo in cui Fermet ha contabilizzato quelle spese. Del resto la possibilità di dedurre costi derivanti da operazioni soggettivamente inesistenti era stata confermata a livello normativo già due anni fa. Ma ciò non aveva dissuaso l’Agenzia delle entrate dall’emettere una serie di nuovi accertamenti che hanno dato la mazzata finale a Fermet. Il contenzioso ha infatti impedito all’azienda di incassare un credito Iva da 5 milioni di euro. Soldi grazie ai quali si sarebbe forse salvata. Ma che ancora oggi è impossibile ottenere, nonostante l’accusa di evasione sia caduta, perché la legge impone anche alle società senza pendenze con il Fisco di garantire l’incasso dei rimborsi Iva con una fideiussione. La logica è questa: se un futuro accertamento fiscale lo riterrà non dovuto, il rimborso potrà essere recuperato dall’erario senza difficoltà. Ma quale banca firma una fideiussione a un’impresa finita in liquidazione? “Ora la battaglia è su questo – dice Ricciardi -. Il Parlamento deve modificare le norme. Io sono determinato a far ripartire l’azienda e a pagare tutti i miei fornitori”.#/i#

 

  By: pablo on Venerdì 14 Novembre 2014 16:53

Anti, semplicemente vedo la realtà in tutte le sue sfaccettature e so distinguere fra ciò che va fatto per salvare la baracca e ciò che poi andrà fatto per farla funzionare al meglio.

 

  By: antitrader on Venerdì 14 Novembre 2014 14:28

Bravo Pablo! Lo vedi che quando lasci perdere le boioate (e i libri) e veniamo a cose serie diventi anche tu un terrestre? A proposito di partite iva: il bullo di Firenze narra a reti unificate che ha dato 800 milioni alle partite iva. In realta' cosa ha fatto? Esistono i cd "regimi dei minimi" che ti consentivano di pagare solo il 5% di irpef (oltre ai contributi) e di non tenere nessuna contabilita', le fatture, esenti da IVA dovevi solo conservarle (sicuramente una cosa ottima per i giovani). L'agevolazione era riservata agli under 35 che iniziassero una nuova attivita' con un fatturato max di 30.000 euro. Cosa ha fatto il bullo di Firenze? ha tolto il limite di eta' ed ha alzato il massimale a 40.000 euro(*) in modo da allargare la platea, pero' l'aliquota del 5% l'ha triplicata portandola al 15. In tal senso ha (dice lui) distribuito 800 milioni di euro. (*) non e' vero un cazzzz! Il limite non e' piu' fisso ma dipende dal codice ateco dell'attivita' che fai. I 40.000 euro sono solo per attivita' commerciali (per le attivita' professionali sono addirittura scesi!), e te credo, se hai un negozio e non vendi manco 40.000 eur di merce ti conviene startene a casa a dormire.

 

  By: pablo on Venerdì 14 Novembre 2014 14:01

Mod posso raccontarti un fatto vero? Un piccolo, stupidissimo esempio di come vanno certe cose. Amo la musica, un genere un po' di nicchia. In tutta Europa è un fiorire di piccole o piccolissime etichette che, senza lucrare nulla, anzi spesso rimettendoci qualcosa o andando al massimo in pari, aiutano gli artisti e producono qualche Cd. Un bel giorno, prima di perdere il lavoro, ho deciso di farlo anche io, ho aperto regolare partita Iva e fondato una mini-etichetta discografica. Tra l'altro scrivo anche qualche canzone e così mi divertivo a partecipare al progetto. Insieme a ottimi musicisti abbiamo registrato un Cd, e ho deciso di produrne altri due. Con il nostro siamo andati più o meno in pari, con gli altri due ho perso complessivamente un migliaio di Euro che nel tempo vengono recuperati (con fatica). Ebbene, mentre all'estero chi promuove cultura (la musica lo è, specie quella un po' più "di classe") è facilitato e paga le tasse solo sul guadagno, qui io sono stato: massacrato di anticipi Inps, mi hanno mandato una cartella esattoriale chiedendomi di pagare due volte il canone Rai (anche se la sede, priva di strumenti extra, era casa mia!), ho pagato le spese di routine, la Siae mi ha fatto pagare un anticipo di 850 euro a favore degli autori delle canzoni: peccato che gli autori eravamo io stesso e uno dei musicisti! Ho dovuto pagare 850 euro per dei brani scritti da me a me stesso: a un anno di distanza non ho ancora visto una lira indietro. Infine, il mio commercialista ha ricevuto una richiesta di spiegazioni e mi sono dovuto recare da un tizio che mi ha spiegato che per la mia "attività di discografico" (!) le tabelle prevedevano un introito annuale minimo di 30.000 euro - mi pare - quindi secondo loro ero un evasore. Ho spiegato che vivevo grazie a un altro lavoro, che non ero un discografico ma lo facevo per hobby, che i Cd non si vendono più e che se le sue tabelle includono la Sony o altre megaetichette in un pastone unico poteva gettarle nella spazzatura. Devo dire che il tizio ha capito l'antifona, perché ha provato a insistere un po' ma senza convinzione: al che ho detto che cedevo a titolo gratuito l'etichetta allo Stato, che li pagassero loro i 1.000 euro extra di spese e ci mettessero loro il tempo e l'impegno necessari per produrre un disco per passione. Alla fine mi hanno lasciato in pace, madopo aver fatto la proiezione-tasse per il secondo anno il commercialista mi ha implorato di chiudere tutto, partita Iva compresa. E così ho fatto. Nel frattempo i nostri Cd sono stati apprezzati e recensiti con entusiasmo, ma non ne usciranno altri, mentre "indie" tedesche, inglesim nordiche e francesi continuano a produrre tranquillamente musica e da noi solo pochi (forse ricchi di famiglia, oppure gente che lo fa di primo mestiere) hanno ancora l'ardire di farlo. Qui ti massacrano a prescindere, qualsiasi cosa tenti di fare. Poi arrivano i defi cien ti di turno a scrivere idiozie sul forum e alla gente magari fumano un po' le bal le.

 

  By: pablo on Venerdì 14 Novembre 2014 13:46

Bravo Bullfin Però, alla fine, rispondere A pi-greco e a quell'altro soggetto diventa abbastanza inutile, qui si parla di soggetti che secondo me avrebbero più bisogno di un aiutino che altro. Sputare sul dolore di tanta povera gente (anche mettendosi a cianciare di improbabili "statistiche" del piffero) è talmente meschino che non serve nemmeno sottolinearlo, chi lo fa si fa del male da solo anche se forse non se ne rende conto.

 

  By: Moderatore on Venerdì 14 Novembre 2014 12:45

Il Manifesto deve essere proprio in crisi ^"i nuovi poveri sono gli autonomi a partita iva"#http://ilmanifesto.info/storia/i-nuovi-poveri-sono-gli-autonomi-a-partita-iva/^

 

  By: GZ on Martedì 11 Novembre 2014 17:32

il PD nei sondaggi è al 42% !!! ---- #i# il governatore del Piemonte Sergio Chiamparino vara una stangata fiscale che l’anno prossimo porterà nelle casse dell’ente un gettito aggiuntivo di almeno 100 milioni di euro. La giunta di centrosinistra ha deciso infatti di imporre robusti aumenti delle imposte ai contribuenti con i redditi più alti, di aumentare del 10% il bollo sulle auto di potenza superiore ai 100 cavalli e di ritoccare pure il prezzo del “bollino blu” degli impianti termici e, per le centrali idroelettriche, il canone per l’uso dell’acqua pubblica. A toccare nel vivo il portafogli dei cittadini è naturalmente soprattutto l’aumento dell’addizionale Irpef: i piemontesi con redditi oltre i 55mila euro si vedranno applicare l’aliquota massima prevista dal federalismo fiscale, pari al 3,32% per chi guadagna fino a 75mila euro e al 3,33% per chi arriva a 100mila. Un aggravio dell’1%, visto che le aliquote attuali sono, rispettivamente, al 2,32 e 2,33% #/i#

 

  By: DOTT JOSE on Mercoledì 16 Aprile 2014 17:42

"credevo fosse uno zaino",si difende il poliziotto che ha calpestato l indifesa ragazza sdraiata a terra, balle!! Vogliono solo soffocare le proteste del proletariato nella violenza http://www.controlacrisi.org/notizia/Conflitti/2014/4/12/40265-12a-forze-dellordine-a-militante-se-non-vuoi-prendere-le/

 

  By: Morphy on Martedì 15 Aprile 2014 11:35

XTOL: "mi pare che non siano così sprovveduti come pensa morphy:..." PALLE, vieni arrestato morphy

corteo di parenti di suicidati - Moderatore  

  By: Moderatore on Martedì 15 Aprile 2014 00:45

tremendo questo, sui giornali nessuna menzione, ma in centro a Milano dei parenti e amici di vittime di suicidi dovuti alla crisi economica, quasi tutti piccoli imprenditori hanno tenuto una manifestazione. Sono sfilati con le candele di sera, accompagnati dal suono della cornamusa, e hannoletto i nomi dei suicidati ad uno ad uno

 

  By: Bullfin on Sabato 12 Aprile 2014 15:07

Mah lasciamo Pigreco nelle sue masturbazioni mentali e di fatto (visto i siti porno attaccati al suo blog). Un esempio su tutto: replica al Bullfin sul suicidio...i cattolici mandano i suicidi diretti all'inferno. Reply...e non potrebbe essere diversamente. Se Dio è il Creato vuol dire che tutto quello che è vita è Dio, se vuoi la vita glorifichi Dio. Tu suicidandoti neghi Dio. Quindi perchè il costrutto abbia la sua logica gioco forza devono metterli all'inferno dove vi è appunto l'anticristo. Inoltre poniamo il caso che i cattolici per opera delle scritture o del Papa dicano "suicidarsi è bello"...in men che non si dica avremmo flotte di persone che si buttano giu' dai ponti...(così risolto il problema inps :))))))))). Insomma usa argomentazioni per difendersi che son armi spuntate. Poi dice che i veneti sono piagnoni. Eh certo se ii veneti avessero i soldini che hanno i furlani stia tranquillo che non piagnerebbero tanto...Anche qui arma spuntata, per non dire patetico. E' troppo un gioco da ragazzi demolire le argomentazioni di San...troppo semplice...cambio aria e saluto tutti...Anche gli sputtanatori di persone in difficolta' che hanno deciso di suicidarsi per la vergogna che provavano (e non per colpa loro...ma per tasse al 70% (qui ovviamente Pigreco denota la totale incompetenza di bilancie e non aggiunga che i bilanci hanno nero, perchè lo so...lo so....), per usura delle banche, etc...queste cose ovviamente Pigreco non le dice visto che paga un 20% di tasse sul trading e chissa' quanti incentivi ha li in FVG). Sul fatto poi che due anni fa i mass media hanno usato i suicidi per manovre politiche l'avevo scritto gia' io (si vada a rileggere i post) ma con un unica differenza che non ho dato del Demente, pirla fesso ad una persona che è morta e che facendo i suoi "porci interessi" ha permesso di creare posti di lavoro e quindi dare da mangiare alla prole etc. Mentre i politici che creano posti pubblici danno da mangiare alla prole di altri si in ispecie quella dei loro amici, etc.... Non occorre che mi erudisca poi sui numeri perchè Poi in fatto di suicidi Belluno è al top. P.s.: ho parlato recentemente con la maggior autorita' in Italia in fatto di usura, etc. Beh mi raccontavano di imprenditori morti suicidi strozzati dai debiti e quando hanno fatto il controllo dei conti hanno visto che l'imprenditore non era a debito cronico ma a CREDITO E IN MANIERA INGENTE. Zio.....e poi abbiamo un p.d... che pimpona su internet e che scrive ste stronzate!!! Zibordi se lei tace è complice pure lei...

 

  By: XTOL on Sabato 12 Aprile 2014 14:31

La faccenda del Veneto, comunque, è realmente ridicola e finirà in farsa... --------------------------------------------------------------------------------------- mi pare che non siano così sprovveduti come pensa morphy: ^ DA VICENZA PARTE L’ESENZIONE FISCALE TOTALE#http://www.plebiscito.eu/news/da-vicenza-parte-lesenzione-fiscale-totale/^ il piano prevede di rimandare, sfruttando le leggi dello stato italiano, il pagamento delle imposte. se questo spostamento raggiunge cifre consistenti, i conti del parassita centrale saltano per aria (non a caso l'idea di notificare al fondo monetario la minore capacità finanziaria dello stato italiano). se si volesse la controprova certa della pericolosità percepita dal grande parassita, è sufficiente verificare la copertura mediatica dell'evento: ZERO, quindi pericolosità MASSIMA) io continuo a fare un tifo totale per il movimento, pur non vivendo in veneto, perchè la concorrenza fiscale tra stati vicini sarebbe un toccasana per chiunque abbia la sventura di avere radici italiote ps: pateticamente illogico il ragionamento di pigreco: tasse altissime portano al disfacimento degli stati, ma allora per quale motivo non dovrebbero portare al disfacimento dello stato italiano?? ^PAGO L’84% DI TASSE: PROTESTA FISCALE A OLTRANZA#http://www.movimentolibertario.com/2014/04/pago-l84-di-tasse-protesta-fiscale-a-oltranza/^

 

  By: Paolo_B on Venerdì 11 Aprile 2014 23:31

Pigreco wrote: > la repubblica veneta aveva tasse altissime ed è caduta per questo -- Posso avere un riferimento/link per questa affermazione ? Avevo letto che era stato Napoleone a prenderla con la forza, distruggere, portar via le opere d'arte, bruciare il bucintoro, infine aumentare la tassazione del 700 (settecento) per cento e prendere i giovani che spedì a morire nella sua campagna di russia (riassunto di più ampio racconto leggibile su vari siti). Il dato sull'incremento della tassazione sotto napoleone rispetto al periodo della repubblica è preso da qua: http://cronologia.leonardo.it/sereniss/stor000a.htm