Ragionamenti del nano da giardino

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: pana on Martedì 21 Gennaio 2020 17:35

pazzesco e incredibile video el super top mega arci giga super mega trader i paul tudor jones a davos,

dice che e il piu pazzo mix di politica fiscale e monetarie mai vista.e quindi le borse crolleranno?

anzi il contrario, la pazzia ha ancora tanta strada da fare...peccato per la solita invasione dei disturbatore seriale gabriele paolini

che irrompe in tv tutto nudo,intervista interrotta e rissa finale

sdeeengg

https://www.youtube.com/watch?v=3krmbWAT9TE


 Last edited by: pana on Martedì 21 Gennaio 2020 17:36, edited 1 time in total.

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: gianlini on Martedì 21 Gennaio 2020 10:18

Maurizio, questo può essere valso per i primissimi anni dopo la caduta del muro di Berlino. Arrivavano effettivamente persone dall'est Europa mediamente preparate. Ma adesso arrivano soltanto quelli meno preparati e meno istruiti è mediamente sono tutti molto più scarsi degli italiani quanto a d'intelligenza. Mai come ultimamente, Tranne i cinesi, gli italiani mi sembrano nettamente più intelligente degli altri.

 

Ho appena portato al consolato ucraino una coppia formata da un bresciano e dalla compagna Ucraina. Beh. Insomma...intellettualmente bisogna proprio accontentarsi....


 Last edited by: gianlini on Martedì 21 Gennaio 2020 10:23, edited 1 time in total.

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: Tuco on Martedì 21 Gennaio 2020 09:55

Vedi Gian, quando ho posto il problema, ho considerato codesto aspetto estremamente importante.

Provenienti da un paese sviluppato ma non troppo ( vedi Albania, Bulgaria, Polonia ).

 

Italiani che ti fanno il muratore dipendente oggi, non aspettarti comunque grandi cime...

 


 Last edited by: Tuco on Martedì 21 Gennaio 2020 09:58, edited 2 times in total.

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: gianlini on Martedì 21 Gennaio 2020 09:53

Tuco, sul fatto che i lavoratori stranieri abbiano mediamente un QI più elevato nutro SERISSIMI  dubbi.  Anzi! È da confronto fra italiani ed immigrati che mi sono convinto della bontà delle teorie sulle differenze genetiche del QI

 

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: XTOL on Martedì 21 Gennaio 2020 09:51

lavoro manuale e lavoro ripetitivo sono categorie diverse

ci sono lavori intellettuali noiosi e lavori manuali gradevoli

la fuga dal lavoro pesante è un lascito dell'evoluzione, il "risparmio energetico" ante litteram, ha poco a che fare con l'iq


 Last edited by: XTOL on Martedì 21 Gennaio 2020 09:52, edited 1 time in total.

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: Tuco on Martedì 21 Gennaio 2020 09:35

Xtol, per quanto possa darti tante soddisfazioni, stare ad intonacare pareti, o piastrellare pavimenti h10/6 

credo che dopo un poco ti passa la voglia, e se hai alternative...

Ti levi dal cazz e piuttosto lavori in Comune a dire tutto il giorno: Ufficio B/6, secondo piano, terza porta corridoio sulla destra.


 Last edited by: Tuco on Martedì 21 Gennaio 2020 09:41, edited 1 time in total.

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: Gano di Maganza on Martedì 21 Gennaio 2020 09:32

È vero, è questo vale per tutti i tipi di lavoro e per qualsiasi paese. La comunità internazionale di expats qui ha un'intraprendenza e QI medio molto più alti di quello dei locali. 

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: XTOL on Martedì 21 Gennaio 2020 09:31

sarà il mio qi basso, ma la soddisfazione che mi dà un lavoro manuale ben fatto non la provo nel lavoro intellettuale

la fuga dal lavoro fisicamente pesante ha ragioni biologiche


 Last edited by: XTOL on Martedì 21 Gennaio 2020 09:32, edited 1 time in total.

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: Tuco on Martedì 21 Gennaio 2020 09:27

È un aspetto che fa parte della soluzione, che io ho dato in questa maniera:

 

In un paese sviluppato, chi ha un QI appena sufficiente rifugge dal lavoro manuale e di fatica, di tedio.

Quindi rimane la classe di QI sotto la media della popolazione autoctona, per eseguire tali compiti.

I lavoratori stranieri, invece, fanno parte di una classe di QI molto più spostata verso valori elevati.

Vuoi per l’intraprendenza, vuoi per le mancate possibilità di lavoro intellettuale in patria.

Ovviamente meglio avere un muratore, un idraulico, un autotrasportatore intelligente che uno idiota: per ovvi motivi.

 

Sempre di fare una scelta si tratta, comunque, visto che di idioti ne hai molti pure nel loro insieme straniero.


 Last edited by: Tuco on Martedì 21 Gennaio 2020 09:31, edited 3 times in total.

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: gianlini on Martedì 21 Gennaio 2020 09:08

Al contrario del lavoro intellettuale, il lavoro manuale dipendente necessita un forte stato di bisogno per essere eseguito con bravura e dedizione,  offrendo ben poca remunerazione di carattere mentale psicologico e pochissimo prestigio sociale nel luogo in cui viene eseguito.  Viceversa può conferire prestigio nel Paese di origine del lavoratore poiché gli fornisce i mezzi per mantenere una famiglia,  cosa laggiù non scontata.. 

 


 Last edited by: gianlini on Martedì 21 Gennaio 2020 09:19, edited 2 times in total.

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: Tuco on Martedì 21 Gennaio 2020 08:58

Stamani intuizione mattutina, durante il risveglio.

Quindi prima di dare io la risposta, propongo a voi la possibilità di raggiungere la soluzione ( non è banale, e nel mio caso è stata la classica lampadina ).

 

Giustificate con un ragionamento logico inattaccabile, la seguente affermazione:

 

In un paese molto sviluppato è caldamente raccomandabile eseguire la scelta fra le maestranze provenienti da paesi civili ma non ancora molto sviluppati per far eseguire lavori manuali comunque non banali, come ad es. muratore, idraulico, piastrellista, camionista. È altresì sconsigliato assumere maestranze indigene.

p.s. Non è necessariamente per questioni economiche.


 Last edited by: Tuco on Martedì 21 Gennaio 2020 09:05, edited 2 times in total.

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: gianlini on Venerdì 17 Gennaio 2020 22:30

Non mi sbagliavo!

Lia Quartapelle Procopio (Varese15 agosto 1982) è una politica ed economista italiana.

Figlia del professore del Politecnico di Milano Luigi Quartapelle Procopio, è nata a Varese nel 1982 ma è cresciuta a Milano, nel quartiere di Porta Venezia.

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: gianlini on Venerdì 17 Gennaio 2020 20:35

A rafforzare il ricordo, lei porta il cognome di un famoso (per severità) professore di Fisica I del Politecnico.

Anche come età potrebbe esserne la figlia.

 


 Last edited by: gianlini on Venerdì 17 Gennaio 2020 20:36, edited 1 time in total.

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: traderosca on Venerdì 17 Gennaio 2020 20:28

"Certo, che lui che era un così bel uomo, è invecchiato male....."

 

per forza,con quattro mogli e cinque figli........

Re: Ragionamenti del nano da giardino  

  By: gianlini on Venerdì 17 Gennaio 2020 20:21

e' un pezzo della nostra gioventù, Gano