Ragionamenti del nano da giardino

il problema dell'europa e della sua "commissione" - panarea  

  By: panarea on Martedì 02 Settembre 2003 17:21

il problema dell'europa e della sua commissione? 1 - la democrazia Prodi e i membri della sua commissione, che attuano scelte focali per la mia vita concreta (leggi dibattito sui dazi per la cina xcui magari conservo il mio posto di operaio da un piastrellista x altri 2 anni) sono stati eletti (anche) dal governo italiano, che poi è stato eletto dal parlamento italiano dove qualche membro è stato da me eletto direttamente. Questo è il problema: da Prodi (niente di personale) al mio voto ci sono 2 intermediari senza mandato nè procura. E' troppo, troppo indiretto, troppa mediazione per così tanto potere. E pensare che in italia non abbiamo neanche potuto votare con referundm (come invece fanno gli svedesi) per queste cessioni gratis di sovranità. 2 - l'euro e l'italia Nessuno lo dice xchè la rai, pubblica, faceva una trasimissione che si chiamava europa europa, ma alle imprese italiane l'euro è costato tantissimo: vendendo aggeggi per la casa e la persona basati sul prezzo, senza la svalutazione della lira sono stati bruciati subito dai cinesi nella competizione internazionale. morti. secchi. oggi il corriere puibblica una statistica impietosa la germania ha un surplus di 6 mld di euro verso la cina (cheè vende + tecnologie, + farmaci, + roba tutelata da diritti, marchi e brevetti) l'italia un deficit di 0.5 mld di euro (xchè vende piastrelle e guanti). le imprese italiane delle pmi, dei distretti, senza la lira in un anno si sono trovate nude. mentre i grandi gruppi come autostrade ect hanno approfittato della maggior stabilità valutaria e dell'integrazione dei mercati dei capitali per crescere. Purtroppo è così. un mio amico inglese non capisce perchè noi abbiamo adottato l'euro senza votare: secondo lui ci siamo suicidati da soli, non eravamo pronti. Dispiace che nessuno lo dica.

 

  By: michelino di notredame on Martedì 02 Settembre 2003 16:14

A me i politici sono tutti simpatici (contrariamente al nano da giardino, che odia D'Alema). Ma la responsabilita' chi se la prende? Recessione, inflazione, stagflazione, estrema unzione. Su questa faccenda dei salari fermi (salari, stipendi) il centrosinistra non dice nulla. E l'euro, inquantoche' Zibordi fotografa bene la congiuntura, non dovrebbe stare a 0,90? La mia impressione - che sara' sbagliata, perche' la pagina dell'economia la salto sempre, e vado diretto allo sport - e' che l'11 settembre sia stato pagato + di qua che di la' dell'atlantico. Tutto lo sforzo x far funzionare la locomotiva (che non era poi così mal messa si vede), e i vagoni dietro vadano pure a farsi friggere. Gabriele Romagnoli (uno che scrive sull'Avvenire) dice che abbiamo la peggiore leadership mondiale degli ultimi 50 anni. Non so se ci mette dentro anche Prodi. Glielo chiedero'.

per l'euro c'è il voto in Svezia - gz  

  By: GZ on Martedì 02 Settembre 2003 14:56

l' "Europa" e la "costruzione dell'Europa" è l'unica questione su cui invece di esserci qualche diversità di vedute esiste un unaminimità quasi assoluta tra i politici, intellettuali, professori e media, in pratica essere "contro l'europa" è un tabù come la pena di morte e la pedofilia. Invece il cumulo delle competenze che nei più diversi modi vanno a finire nelle mani dell'Unione è impressionante e ogni nuovo trasferimento viene trattato come scontato. (^Per un punto di vista dissidente su l'euro vedi l'antropologa Ida Magli#www.italianiliberi.it/Edito03/say_no.htm^) Adesso c'è il voto in Svezia che è seguito con apprensione perchè i sondaggi danno l'opposizione all'euro in aumento e sopra il 50% ed è ovvio che se perdesse l'elezione in Svezia l'euro ne soffrirebbe (anzi forse comincia ora a soffrire di questi sondaggi) Dal punto di vista economico nessuno ha dimostrato che da quando c'è la moneta unica e si è accellerata l'unificazione trasferendo poteri su poteri alle commissioni di Bruxelles le cose migliorino. L'europa è in recessione e nonostante questo l'inflazione non è scesa anzi secondo alcune misure l'inflazione dei prezzi al dettaglio reale sia salita. Sicuramente dal 1999 sono capitate anche altre cose a livello globale, ma non c'è dubbio che la politica della Banca Centrale Europea sia cambiata con la moneta unica e l'unificazione e non c'è dubbio che l'euro abbia portato inflazione, forse temporanea. Tuttavvia al momento il Giappone da segni di ripresa, l'america ha una crescita al 3.5% circa e l'europa è in recessione. Questo nonostante il deficit pubblico ormai sia sul 4% del Pil per la Francia e al 3.7% per la Germania, mentre l'America che spende per la guerra a livelli record ha toccato un 4.3% del PIL, ma ha un deficit cumulato minore e soprattutto è ora in crescita tanto è vero che tutti oggi si aggrappano ai "dati USA" e alla solita idea di esportare in america

 

  By: gldm on Martedì 02 Settembre 2003 12:14

.....pensavo si parlasse di Berlusconi e del suo amore per i fiori....!

 

  By: gianlini on Martedì 02 Settembre 2003 01:53

mohmohmohmoh l'inflazione...12 % i giornali di Berlusconi lo scivono... vede l'euro è un grande progetto...grande l'europa i cittadini ci ringrasieranno....un grande progetto, grande l'europa, vero..?....tutti insscieme questo euro....moneta forte, progetto forte, un grande progetto.... e il ccentro sscinistra ha portato l'Italia nella grande famiglia dell'euro....e momomohmohoho l'inflazione al 2 %.....

 

  By: michelino di notredame on Martedì 02 Settembre 2003 01:24

Oggi ho avuto una piacevole conversazione con eolo, nano da giardino, il quale, dopo aver letto sui giornali che l'inflazione reale e' al 12% (ma lui si aspettava almeno il 20, perche' i cappucci felpati che ieri costavano 10000 oggi deve pagarli 7 euro dice), ha detto che secondo lui va tutto in malora, perche' con l'inflazione alta e le retribuzioni ferme chi ci va di mezzo sono i consumi, e questo danneggia l'offerta, per cui prendi 2 piccioni con una fava, inflazione e recessione assieme, e non si capisce come faccia l'america a crescere ancora, e se va avanti così lui emigra (cucciolo gli ha gia' detto che forse lo segue) e va nell'oregon, dove i nani da giardino se non altro vengono rispettati, e hanno dei giardini almeno doppi, se non tripli, e biancanevi quante ne vuoi, anche a nolo se ti servono subito