I bilanci delle maggiori società italiane

 

  By: DRAGUTIN on Giovedì 18 Agosto 2011 11:54

-

 

  By: Gano* on Giovedì 18 Agosto 2011 11:03

Viviamo in un mondo strano dice Dick Bove,la gente e preoccupata per il tesoro usa ma poi compra i tbond..vende le azioni delle banche ma poi il cash lo tiene nelle banche.. non ha senso -------------------------------------------------------------------------------------------- Ok. Quindi cosa conviene fare?

 

  By: alberta on Giovedì 18 Agosto 2011 05:49

17 Agosto 2011 12:43In Francia c'è ora un inchiesta penale sullo scherzo che hanno giocato a Societe Generale il 10 agosto mettendo fuori il rumor che stava andando fallita, partendo dal Daily Mail hanno messo su Twitter ed è rimbalzato anche su Reuters per alcune ore "Societe Generale è la nuova Lehman ?"... e paf... il titolo Societe Generale (grafico) ha perso un -31%... Dato che è un titolo che scambia centinaia di milioni di pezzi devi pensare che un -30% artificiale come questo ha creato diversi milionari.. _______________________________ Bene, bene. Questa è una notizia interessante. Zibordi, ma adesso Lei, francamente, cosa ne pensa ? La accoderanno al procedimento penale contro Kerviel e SocGen (rammento ai più giovani che la seconda si è costituita nel proc. penale contro il proprio dipendente infedele ma, civilmente, dovrebbe rispondere per i danni provocati ai mercati mondiali a Gennaio 2008, in base al cd. Diritto comune, e quindi le cifre di ipotetici risarcimenti sarebbero talmente gigantesche da mettere seriamente a rischio la AAA della Francia, certo non disponibile a far fallire uno dei suoi Istituti più rappresentativi), oppure avrà una corsia preferenziale ??? Mi scusi, ma il -30% di Soc. Gen. avrà anche provocato diversi milionari, l' operatività messa insieme da Kerviel nel 2007/2008, sotto gli occhi "chiusi" dei suoi superiori di SocGen, ha creato diversi MILIARDARI...... Purtroppo stiamo attendendo ancora la fine del processo..... in sostanza stiamo aspettando Godot.... http://www.youtube.com/watch?v=Ee8XiILtHaU&feature=related http://www.youtube.com/watch?v=ieAljGKxf90

 

  By: pana on Mercoledì 17 Agosto 2011 20:30

viviamo in un mondo strano dice Dick Bove,la gente e preoccupata per il tesoro usa ma poi compra i tbond..vende le azioni delle banche ma poi il cash lo tiene nelle banche.. non ha senso "We have people buying Treasury securities because they're worried about the Treasury," he added. "We've got people selling banks stocks, taking the cash and putting into the banks for safety. It doesn't make sense. What you're seeing is this adjustment is occurring and people are not sure how to react to this adjustment." http://www.cnbc.com/id/44073854/US_Closer_to_Junk_Bond_Status_Than_Triple_A_Bove

 

  By: antitrader on Mercoledì 17 Agosto 2011 20:06

"* C/C: 8% * Depositi a risparmio: 6% * Certificati di deposito: 4% * Pronti contro termine: 1,5%" Ok, teniamo buone le percentuali (non ho motivo per ritenerle gonfiate) e supponiamo che il valore dell'azienda cosi' calcolato faccia 100. Poi pero' viene fuori che l'amministratore delegato (un tipo un po' brillante) ha messo in piedi operazioni finaziarie (titoli e futures) sul conto proprio della banca sulle quale al momento accusa una perdita di 200. Quanto vale l'azienda??? Secondo me non e' nemmeno il caso di stare a fare ulteriori calcoli, e' fin troppo evidente che vale 0 (ZERO), lo capirebbe anche un cabarettista alle prime armi. L'unica cosa da fare e' consigliare all'AD di scappare in Mongolia. Purtroppo i sistemi canonici di valutazione di un'azienda furono inventati prime delle atuali diavolerie finanziarie e non sono mai stati aggiornati.

Come valutare una banca italiana - angelo  

  By: angelo on Mercoledì 17 Agosto 2011 19:46

Il valore del franchise di una banca è intorno all'1,5/2% dei depositi (diretti ovviamente ).Poi ci sono da aggiungere i titoli ( ma qui sono troppo outdated )e non mi azzardo ad indicare delle cifre. =============================================================== Non mi torna. Sono anch'io un poco outdated... ma temo lei si confonda con la raccolta indiretta. Qui di sotto, allego la slide di un seminario tenuto nell'aprile 2010 dall'Ing Stefano Marra all'Università di Siena, in cui egli analizza i parametri di un'acquisizione di un piccolo istituto non quotato (La Banca del Piemonte), in cui espone dei multipli di riferimento che già tengono conto - a mio parere - delle mutate situazioni di mercato (non siamo più ai tempi dell'OPA fatta da Fiorani sulla Popolare di Crema a 4 volte il Book Value). In altri casi, si differenzia maggiormente all'interno della raccolta diretta. Per esempio, questi furono le percentuali usate nell'acquisizione di Comit da parte di Banca Intesa: * C/C: 8% * Depositi a risparmio: 6% * Certificati di deposito: 4% * Pronti contro termine: 1,5% Ancora oggi, tuttavia, sembra rimanere valida l'osservazione fatta da Guatri più di 30 anni, e cioè che - di norma - il valore della raccolta ha una incidenza di almeno il 50% nella valutazione patrimoniale totale. Ovviamente, le percentuali sottoesposte scontano il premio di maggioranza e dunque non possono venire applicate pari pari ad Intesa ed Unicredit che non sono a rischio scalata per vincoli statutari e di altro genere Però credo basti a dimostrare che parlare di valutazioni bancarie che vanno a zero... senza tener conto di questo "piccolo" :) particolare .... qualifica fin da subito il discorso come cabarettistico o poco più Un saluto a tutti. PS mi scuso per la prolissità su argomenti tutto sommato molto noiosi e "tecnici".

 

  By: antitrader on Mercoledì 17 Agosto 2011 19:01

Quanto vale un'azienda quotata una volta lo vedevi sul tabellone della borsa a p.zza affari, adesso lo vedi anche sul terminale nel tuo bilocale (con cucina a vista). Sei poi vuoi fare una valutazione piu' approfondita allora vale sempre il "metodo Cuccia": i debiti valgono al nominale mentre i crediti valgono 0 (ZERO). Ad ogni modo io che mi ritengo il maggior esperto tra i non esperti di bilanci valuto il tutto a modo mio. Per me sia unicredit che intesa in questo momento valgono 0 (ZERO). Cosa puo' valere un'azione di una societa' in cui e' incorporato il diritto (che poi e' un quasi dovere) di scucire altri soldi nei prox aumenti di capitale??? Non basta magari averle comprate a 4/5 euro??? Adesso dovrei anche tirar fuori altri soldi??? Ma che vadano aff... e che falliscano il prima possibile!

 

  By: hobi on Mercoledì 17 Agosto 2011 17:51

...dato che questo ultimo dipende in larga parte da beni immateriali non presenti nell’attivo di bilancio, quali la rete di sportelli e la tipologia ed ammontare di raccolta diretta/indiretta.... Non esageriamo.Il valore del franchise di una banca è intorno all'1,5/2% dei depositi (diretti ovviamente ).Poi ci sono da aggiungere i titoli ( ma qui sono troppo outdated )e non mi azzardo ad indicare delle cifre. Hobi

 

  By: angelo on Mercoledì 17 Agosto 2011 17:26

btw, Angelo, non era polemica la mia, solo un'ipotesi alternativa all'avviamento negativo, cioé un capitale netto rettificato negativo ======================== (Polipolio)=============== Per i (forse) due lettori a cui interessa questo discorso, ed a beneficio di quelli per cui non sono chiarissimi i concetti di valutazione di azienda su cui si basa, specifico che dal punto di vista tecnico – formale Polipolio ha ragione, e quanto egli scrive nel post del 16 Agosto 2011 (ora 09:13) è formalmente ineccepibile. Tuttavia, in pratica, vi sono alcuni indicatori “rapidi” di evidente sottovalutazione che di per sé sarebbero imprecisi, ma non creano gran danno in quanto chi fa analisi di bilancio ne conosce bene i limiti, ed in genere vengono usati non per dare il giudizio finale, ma per fare uno “screening iniziale” di situazioni da sottoporre ad analisi più accurate. Un esempio, per le aziende industriali, è dato da una capitalizzazione di Borsa inferiore alla liquidità finanziaria netta. Di per sé, questo non significherebbe nulla (e significa poco - in particolare - nelle aziende che lavorano su commessa, come Danieli), ma dato che nella generalità dei casi, in una azienda in normale funzionamento, il valore di mercato delle attività di esercizio non è inferiore alle passività (e quindi il capitale netto rettificato non è negativo)…. vi è quanto basta per ipotizzare un caso di possibile sottovalutazione. I concetti richiamati qui sotto per le banche (capitalizzazioni inferiori al solo VALORE STORICO di carico degli immobili o simili agli importi raccolti con l’ultimo ADC) rientrano a pieno titolo tra questi criteri empirici, rozzi ed approssimati, ma utili nei limiti cui accennavo più sopra. Piuttosto, è da somari (tanto per usare un termine caro ad uno degli utenti) continuare la litanìa sulle presunte perdite su crediti (o sui titoli di stato) che azzererebbero il valore di mercato delle banche, dato che questo ultimo dipende in larga parte da beni immateriali non presenti nell’attivo di bilancio, quali la rete di sportelli e la tipologia ed ammontare di raccolta diretta/indiretta. Un saluto a tutti.

 

  By: Gano* on Mercoledì 17 Agosto 2011 16:48

"Il y a trois rumeurs aujourd'hui, dont deux ont été démenties : il y a tout d'abord la dégradation de la note souveraine de la France, démentie par les trois agences" -------------------------------------------------------------------------------------------- Hanno ragione. Ora che mi ricordo lo stesso giorno usci' anche la notizia di un possibile downgrade del debito sovrano francese. Una malaugurata coincidenza? No, no, non era speculazione... Secondo me uno coi propri soldi puo' fare quello che gli pare. Se ha i miliardi puo' anche far romepre un titolo al ribasso per poi ricomprarlo. Pero' qui si e' passato i limiti dell' etica. I piccoli risparmiatori possono confidare solo sulle notizie riportate dai media. L' inchiesta penale non basta. Qui ci vogliono i Terminatori.

 

  By: GZ on Mercoledì 17 Agosto 2011 14:43

In Francia c'è ora un inchiesta penale sullo scherzo che hanno giocato a Societe Generale il 10 agosto mettendo fuori il rumor che stava andando fallita, partendo dal Daily Mail hanno messo su Twitter ed è rimbalzato anche su Reuters per alcune ore "Societe Generale è la nuova Lehman ?"... e paf... il titolo ^Societe Generale#^ ha perso un -31%... Dato che è un titolo che scambia centinaia di milioni di pezzi devi pensare che un -30% artificiale come questo ha creato diversi milionari.. --------------------- "REGRETTABLE INCIDENT" Dans cet article, "il était mentionné que, selon les sources du Mail on Sunday, la ^Société générale, l'une des banques les plus importantes en Europe, se trouvait dans un état 'périlleux' et potentiellement 'au bord du désastre'"#http://www.lemonde.fr/economie/article/2011/08/10/la-folle-rumeur-qui-a-fait-chuter-le-cours-de-la-societe-generale_1558306_3234.html#ens_id=1555941^, rappelle le tabloïd sur son site Internet. "Nous reconnaissons aujourd'hui que cela n'est pas vrai et nous présentons, sans réserve, nos excuses à la Société générale pour les désagréments que cela a causé", ajoute le texte. LES TROIS RUMEURS DU JOUR La Société générale a pris acte des excuses du journal, estimant dans un communiqué que leur publication mettait "un terme à ce regrettable incident". La banque a néanmoins formulé une demande d'enquête auprès du gendarme de la Bourse, une procédure classique dans le cadre de mouvements de cours anormaux, importants et nourris par des rumeurs. Interrogé par l'agence Reuters, Alban Tourrade, gérant chez Aviva Investors, résume la journée de mercredi : "Il y a trois rumeurs aujourd'hui, dont deux ont été démenties : il y a tout d'abord la dégradation de la note souveraine de la France, démentie par les trois agences. Deuxièmement, le plan d'aide à la Grèce pourrait être étendu aux obligations à échéance 2024, ce qui alourdirait les pertes des banques françaises et de la Société générale en particulier (...) Enfin, et c'est la pire de toute, il se préparerait un plan de sauvetage de la Société générale avec une nationalisation de la banque, une rumeur également démentie par la banque."

 

  By: duca on Mercoledì 17 Agosto 2011 12:19

Pienamente d'accordo Angelo Siamo in guerra e la guerra è per definizione senza esclusione di colpi.... per questo qualche settimana fa avevo proposto la creazione di un fondo sovrano italiano in grado di difendere i nostri interessi (Banche, BTP, Eni etc) dall'attacco delle locuste. Avere un fondo sovrano da 100 MLD di euro è un po' come avere la bomba atomica: non la devi usare, ma il suo potere di dissuasione è tale che invece di attaccare te, vanno a colpire altri più deboli.

 

  By: lmwillys on Mercoledì 17 Agosto 2011 12:09

posta la fallacita' del sistema capitalistico a noi proposto ----------- già Dragutin, ci si agita, si indaga, si cerca, si propone, si litiga, si agisce ... inutilmente rivoluzione

Come "rompere il mercato" su Unicredit - angelo  

  By: angelo on Mercoledì 17 Agosto 2011 12:00

Stock: Unicredito

La speculazione, nel senso che mi pare intenda Angelo(se posso permettermi un'interpretazione dell'Angelo-pensiero) specie se integra il reato di market abuse (perseguito oppure no) è sia al ribasso sia al rialzo. Vogliamo parlare del Nasdaq a 5000 o delle varie Tiscali, Finmatica (qualcuno ricorda la 'crudele' vicenda ?) o CDBWeb tech. ============================================================== Sono stato troppo sintetico, dando per scontato di usare il termine "speculazione" come si fa in genere nelle sale operative e non nel suo significato più generale. In generale, ogni operazione di investimento/trading è speculazione.... ancora più in generale tutta la nostra vita è speculazione. Non mi scandalizza, non mi sorprende, e non vi faccio sopra dei ragionamenti etici.... Ma guardate i grafici qui sotto (UCG, ISP e UBI al 24/06): quando in UN MINUTO UNO.... io tiro sul mercato 20 milioni di Unicredito al meglio.... quando in genere - in quel periodo - ne fanno 300.000/500.000 al minuto..... e poi... per farmi capire meglio ripeto il giochetto altre 4-5 volte nell'ora successiva..... beh non sto speculando nel senso che lo avete inteso voi. Sto "rompendo il mercato" perchè ho una potenza di fuoco che è 40/50 volte più forte a quella che in genere si esprime su quel titolo. Non voglio vendere.... perchè qualunque cretino sa che se butto al meglio 20 milioni di titoli su UCG "al momento giusto" lo faccio sospendere. Quindi l'obiettivo.... è farlo sospendere. E' l'equivalente moderno di quanto in passato e sulle commodities si chiamava "cornering the market". PS questo spiega anche perchè cerco di stare abbastanza lontano dai forum..... se ogni parola richiede tre post di spiegazione e specificazione...

 

  By: DRAGUTIN on Mercoledì 17 Agosto 2011 12:00

E' probabile WILLYS, Ma e' sempre una questione di gerarchie, e di perimetro, posta la piramide come costante, nei vari sottosistemi, indipendentemente dalla costruzione, che a tratti e' anche binaria, ma e' a "cascata" nell' insieme Non e' difficile individuare i problemi, ma data la necessita' bio, e' difficile risolvere, sopratutto considerando la passivita' del sistema, nel suo insieme, che rappresenta il succo del problema, posta la fallacita' del sistema capitalistico a noi proposto