Commodity

 

  By: temistocle2 on Lunedì 13 Agosto 2007 17:33

COFFEE/ETFS (COFF.MI) e poi c'è ^l'elenco degli etf su Milano... #http://www.google.it/url?sa=t&ct=res&cd=3&url=http%3A%2F%2Fwww.etfsecurities.com%2Fit%2Fdocument%2Fdownloads%2FETFS_Product_List_IT.pdf&ei=Y17ARpHqNY3y-QK0moj2CQ&usg=AFQjCNERR07CFrEGG_gatCf_e0C1t6ECyQ&sig2=6PUwfPld4tvD9XNE2QbQ5Q ^

 

  By: XTOL on Lunedì 13 Agosto 2007 17:28

ho trovato un etfs sul caffè ---------------------------------- e sarebbe?

 

  By: ambra on Lunedì 13 Agosto 2007 17:23

ciao BEPPE in riferimento alla tua dritta sul caffè, vorrei saperne di + ank'io, altrettanto dicasi sul rame, di cui cercavi un etf. Purtroppo nn lo so ma in compenso se ti interessa e dato ke vedo 6 anke TE cliente IW, ho trovato un etfs sul caffè, benkè poco liquido , ma meglio ke assumersi i riski di un future, a mio modesto avviso . grazie x una tua cortese risposta e x tutto l'apprezzabilissimo lavoro ke svolgi su questo sito unico. p.s. x GZ : SPERO POSSA RISPONDERE ANKE TU. GRAZIE DELLA TUA OPERA IMPAREGGIABILE.

 

  By: GZ on Venerdì 10 Agosto 2007 11:19

non sono aggiornato, posso provare a leggere cosa dicono il grafico è buono

 

  By: beppe on Venerdì 10 Agosto 2007 11:02

Per G.Z. urgente: un MEGA gestore svizzero con cui ho parlato per un'ora ieri, dice di mettere il 100% (!!!!) del capitale sul caffè! Garantisce un +40% da qui a dicembre ma si aspetta un +80%!!! Le giuro che è uno bravo, serio, ed esperto. Fa solo commodity da 20 anni. QUI ABBIAMO BISOGNO DI LEI! (anchè perchè Lei ne ha già parlato a suo tempo....) Beppe p.s. mi ha spiegato inoltre che per hedgiare il $, usa il long su cad e aud.

 

  By: beppe on Giovedì 09 Agosto 2007 16:21

Non c'è un etf sul rame che lei sappia per favore? ...fcx tanto per incominciare pare apra a -2,66%....

visto che il rame comincia a costare di meno ? - gz  

  By: GZ on Giovedì 09 Agosto 2007 16:05

visto che il rame comincia a costare di meno ? questo può diventare una frana da paura perchè a differenza di altri mercati è fermo a questi livelli da due anni e si sono dimenticati che può anche cedere il motivo per cui ora è il momento a mio avviso è che ci sono sempre più fondi con perdite su altre cose che devono liquidare (oltre ai fondamentali) ...siamo short il rame da mesi..

 

  By: GZ on Mercoledì 08 Agosto 2007 20:15

per il carbone non so, il fatto che i titoli del settore fossero deboli mentre il petrolio era sui massimi non vuole dire perchè anche i petroliferi puri hanno "anticipato" la correzione del petrolio, c'è stato anche un disastro in miniera in Iowa che non ha aiutato oggi rimbalzano con tutto l'XLE

 

  By: beppe on Mercoledì 08 Agosto 2007 18:48

era facile questa, facile e ovvia.

 

  By: beppe on Mercoledì 08 Agosto 2007 14:23

G.Z., quando ha tempo me la darebbe un'occhiata anche al carbone? E' stato uno dei prim i ad essere massacrato e ieri notavo che le miniere (ma non quelle che NON erano crollate nelle ultime settimane) erano le più forti di tutto il mercato. A me sembra quasi arrivato, se non altro per un rimbalzo tecnico. Insomma, rimbalzo tecnico indici di borsa + rimbalzo tecnico di aci ed anr (per esempio) = un ottimo long di breve Grazie in anticipo Beppe

il rame può veramente crollare - gz  

  By: GZ on Mercoledì 08 Agosto 2007 13:55

Oggi tocca finalmente al rame (di cui pure siamo short) che non ha senso a 3.50 $ quando la media degli ultimi 40 anni è sugli 80 centesimi. Come e anzi più che per il petrolio c'è dentro un buon 20 o 30% di pura speculazione degli hedge funds e CTA che da tre anni lo spingono su e si sono dimenticati ormai del motivo inutile dire "..la Cina la Cina..." quando stati uniti ed europa rallentano soprattutto per quello che riguarda le costruzioni in cui va a finire molto del rame e con le miniere maggiori che annunciano ieri (vedi Xstrata) di aumentare la produzione i traders hanno sfruttato fino alla morte una serie di scioperi in cile e messico per tenerlo su, ma oggi nonostante un comunicato della FED "ottimista" (crescita ok, mutui e credito problema limitato, inflazione come problema maggiore) il rame fa -2.6% Ricordate la benzina, è venuta giù di un -30% negli ultimi due mesi, il petrolio ha lasciato un -13% da mercoledì scorso, ma il rame può veramente crollare, bisogna pensare che 2.00 $ è il prezzo giusto non 3.50$

 

  By: GZ on Lunedì 06 Agosto 2007 22:52

ogni tanto si hanno delle soddisfazioni (e la dimostrazione che andare contro il trend può funzionare) vai al ribasso di petrolio, benzina e rame perchè pensi che l'economia americana sia cotta e alla fine l'america consuma più di tutta l'asia e sudamerica e i mercati sono tutti collegati, se cede la borsa cedono anche le materie prime più legate al ciclo... e il petrolio solo oggi crolla di un -5%, solo tre giorni fa sfiorava il massimo assoluto sui 79$ a NY e toccava quello assoluto a Londra come Brent e oggi siamo a 71 dollari il barile (la benzina è venuta giù di un -25% a NY, il rame sta cedendo)

 

  By: GZ on Lunedì 09 Luglio 2007 19:25

la Boeing ha inaugurato oggi il nuovo 747 che è tutto venduto fino al 2015 circa 750 aerei, metà dell'aviazione mondiale lo compra consumerà un 20% in meno dei vecchi 747 nell'auto, camion, aerei, riscaldamento quando la gente vede che paga di più dopo qualche anno cerca di ridurre i consumi

 

  By: gianlini on Lunedì 09 Luglio 2007 19:06

Oddio i consumi di petrolio possono salire anche in presenza di una escalation del prezzo, il petrolio serve, alla fine sono gli altri consumi che dovranno diminuire

 

  By: GZ on Lunedì 09 Luglio 2007 18:50

il mondo è cambiato opppure si sbagliano di grosso dopo tre anni di petrolio sui 60-70 dollari al barile i consumi dovrebbero perlomeno smettere di salire, invece qui si pensa ora che salgano sempre pagando sempre di più ------------------ IEA warns of global oil shortage By Javier Blas, Commodities Correspondent July 9 2007 The world economy faces a tight oil market in the next five years because of a combination of accelerating consumption and output falls in mature areas, such as the North Sea, and long delays in new production projects. The warning on Monday by the International Energy Agency, the energy watchdog, comes as oil prices surge above $76 a barrel, to $2.50 a barrel below last summer’s all-time high of $78.65. The IEA said in its Medium Term Oil Market Repot that ”oil looks extremely tight in five years time” and there are ”prospects of even tighter natural gas markets at the turn of the decade”. The IEA forecast that demand will grow at an annual rate of 1.9 per cent during the next five years, to reach 95.8m barrels a day in 2012. China and other emerging countries will lead the increase in consumption. The new forecast sees oil production growth in the next five years outside the Organisation of the Petroleum Exporting Countries at 1 per cent, roughly half the rate of demand growth projections. The widening gap between demand and non-Opec supply will force Opec, the oil cartel which controls about 40 per cent of global oil output, sharply to increase its production between 2007 and 2012. The IEA estimates Opec would have to supply about 36.2m b/d in five years, from today’s 31.3m b/d. That would reduce the cartel’s spare capacity to 1.6 per cent of global demand, down from 2.0 per cent in 2007. ”Despite four years of high oil prices, this report sees increasing market tightness beyond 2010, with Opec’s spare capacity declining to minimal levels by 2012,” the IEA said. Non-Opec cumulative growth in the next five years would add 2.6m b/d of new net production capacity, down from the 4.6m b/d cumulative increase in the period 2000-07. The IEA said the smaller increase was due to falling production in mature areas – especially in the North Sea – and long delays in new production projects in other areas. UK production is set to decline from today’s 1.7m b/d to just 1m b/d in 2012. That is below the official UK governmen forecast range of 1.1m-1.6m b/d for 2012. Norway’s oil production will fall to 2m b/d in 2012 from today’s 2.5m b/d. International and national oil companies were not investing enough to compensate for those declines, the watchdog added. ”Substantially higher cash returns to shareholders stand in curious contrast to growing upstream supply tightness and essentially unchanged exploration and production effort,” the report said. Biofuels would contribute to ease the supply crunch, although would still represent a small percentage of global supply. The IEA forecasts global biofuels output to double in five years to reach 1.75m b/d in 2012