Letture consigliate per la salute

 

  By: Trucco on Sabato 12 Luglio 2014 09:21

No Tuco non giustificarla, la Natura e' bastarda, c'è poco da fare. Vale sia per il cibo, sia per l'altro sesso, ci fa venire attirati dai partner più fetenti, quelli con cui è quasi impossibile avere figli. La Natura ci vorrebbe tutti morti, ma la Zoe' cerca di impedirglielo, però nel lungo termine vince la Natura.

 

  By: Tuco on Sabato 12 Luglio 2014 08:43

Gianlini, è vero che in natura le schifezze presenti in tutti i superstore erano molto rare, pensa agli zuccheri, alle cose appetitose e molto nutrienti, rarissime. Quindi la nostra biologia doveva approfittarne quando ne trovava una valida fonte di approvvigionamento.

 

  By: gianlini on Sabato 12 Luglio 2014 08:38

una delle cose che ho sempre trovato più strane dell'alimentazione è che il gusto personale non guidi verso gli alimenti che ti fanno meglio al contrario, sembra che funzioni spesso al contrario, le cose che ti fanno peggio sono quelle che trovi più gustose a me ad esempio non piace affatto il pesce, però è vero che quando lo mangio poi sto bene...ma è strano che la natura non abbia sintonizzato il palato con la salute

 

  By: Tuco on Sabato 12 Luglio 2014 08:27

Vi ripeto in maniera estremamente semplice l'abc dell'alimentazione: Per vivere, si può mangiare di tutto, opportunamente variato. Ovviamente dare la precedenza a cibi semplici della nostra cultura alimentare, non strafare con i carboidrati, evitare come la peste le bibite gassate zuccherate, snack e altre assurdità, fare moto quotidiano, muovetevi. Se dovete dimagrire, bisogna indurre un deficit alimentare, ma questo non è sempre sufficiente, dato che l'organismo umano tende a consumare meno se mangiate meno, in più, questo vi fotte la muscolatura prima del grasso corporeo. Quindi al calo di alimenti ingeriti dovrete abbinare un'attività fisica rilevante, nuoto, bici, corsa, camminate lunghissime, per tenere il corpo sveglio e per conservare la vostra muscolatura integra. Stop.

 

  By: Tuco on Sabato 12 Luglio 2014 08:13

Bull, si e no, ho ascoltato nutrizionisti laureati sparare boiate pazzesche ( per lo più donne ) anche in tv, praticamente questi individui si infatuano in maniera antiscientifica della dieta di moda nel momento, la cosa è triste, ma capisco che dietro ci siano motivazioni mediatiche, la verità scientifica non è mai eccitante, le cazz.te di moda si, perchè promettono soluzioni semplici.

 

  By: lutrom on Sabato 12 Luglio 2014 06:56

Ottimo, Bull, anche se è VERISSIMO che il web (e non solo) è infestato di ciarlatani... Comunque io cerco anche di ragionare con la mia cocozza: per esempio per 3 giorni (che poi non è tanto) sono stato obbligato ad una dieta senza fibre, quindi in pratica solo alimenti di origine animale, e questo perché dovevo fare degli accertamenti. Morale della favola: dopo solo 2 giorni (ma anche meno!!) di questa dieta mi sentivo gonfio, ingolfato, non andavo di corpo, mi sentivo pesante, insomma non stavo bene (eppure non mangiavo alimenti di origine animale scadente!). Invece se provo a stare 3 giorni senza mangiare alimenti di origine animale sto benissimo (comunque io sono contrario all'eliminazione totale della carne dall'alimentazione, però sono a favore di un suo uso molto moderato).

 

  By: lutrom on Sabato 12 Luglio 2014 06:56

.

 

  By: Bullfin on Sabato 12 Luglio 2014 06:20

P.s. I presunti nutrizionisti che divulgano in tv, riviste o blogs, non rappresentano necessariamente il punto di vista della scienza ripetibile, spesso sono laureati che ci hanno capito veramente poco nella loro disciplina, iin cerca di visibilità, ovvero ciarlatani con il pezzo di carta timbrato... Si è anche vero pero' che se tu vuoi far parte della comunita' scientifica oppure scientifica internazionale devi attenerti alla "linea" di tale comunita'. Prova a trovare un metodo per far guarire i malati di una x malattia che evita l'uso di farmaci e ti troverai accademici, scienziati, case farmaceutiche contro. Il problema dei laureati in materie scientifiche ma anche umanistiche è che masticano troppo libri e poco usano la zucca. Tutti si crede che si vada avanti a volemose bene, il rigore scientifico, etc. Invece si sono truffe, intrighi, interessi economici e politici sotto ogni decisione e azione sociale.

 

  By: Tuco on Sabato 12 Luglio 2014 05:00

Ci sono dei bei libroni di scienza dell'alimentazione a livello universitario in biblioteca, dicono tutti pressappoco le stesse cose, basterebbe andare a leggerli, sgombrereste le vostre menti di tutte le sciocchezze che i media vi propinano quotidianamente... Moderatore compreso; il quale a dispetto del suo Q.I. ( presumibilmente superiore a 100 ), continua a propagandare assurdità alimentari e non ( vedi blog su Rossi e la fusione fredda ). P.s. I presunti nutrizionisti che divulgano in tv, riviste o blogs, non rappresentano necessariamente il punto di vista della scienza ripetibile, spesso sono laureati che ci hanno capito veramente poco nella loro disciplina, iin cerca di visibilità, ovvero ciarlatani con il pezzo di carta timbrato...

 

  By: lutrom on Sabato 12 Luglio 2014 04:55

Beh, Trucco, anche su questo hai ragione (IL BUON SENSO!!!). Però ho letto diversi articoli di nutrizionisti che parlavano appunto del fatto che molti, che hanno delle debolezze "genetiche" (predisposizione a certe malattie, ecc.), potrebbero avere grandi benefici se assumessero soprattutto certi alimenti (ed in particolar modo integratori naturali come, se ho ben capito, certa frutta secca, polline, ecc. ecc.), evitando nel contempo altri alimenti. Comunque, il problema resta sempre lo stesso: è inutile aggiungere anni alla vita, quello che è importante è aggiungere QUALITA' alla vita. Per esempio mio padre non ha avuto una vita lunga (è morto improvvisamente a 70 anni probabilmente a causa di problemi cardiovascolari provenienti geneticamente dalla famiglia di sua madre, cioè di mia nonna): però mio padre è stato benissimo fino all'ultimo momento della sua vita. Qui invece vedo gli ospedali (reparto lungodegenti) e gli ospizi che si stanno riempiendo di arteriosclerotici rimbambiti, gente con gravissimi problemi cronici, Alzheimer, ecc. ecc. Detto in altre parole: è inutile campare benone fino a 70-75 anni e poi stare 10 o più anni a fare la mummia, il vegetale o il consumatore di pannoloni in qualche struttura, senza capire più nulla se si è "fortunati", soffrendo come un cane se non lo si è; è inutile campare più anni e poi stare come mia suocera anni con bombole di ossigeno attaccate soffrendo come un cane perché, purtroppo per te, non ti eri pure completamente rincitrullito... Certo, tutti vorremmo campare tanto e bene, però, certe volte penso (quando faccio "sacrifici salutistici"): ma vala la pena stare attenti o tutto ciò serve non a dare anni alla ^vita VERA#www.informarea.it/image.axd?picture=%2f2012%2f11%2fjessica+alba.JPG^ (eh eh eh...), ma a dare anni ai pannoloni, all'Alzheimer, al rincoglionimento totale, all'arteriosclerosi, a gravissime patologie invalidanti, ecc. ecc.

 

  By: Trucco on Sabato 12 Luglio 2014 04:09

Lutrom se arriveremo alle diete personalizzate mia moglie impazzirà, in famiglia siamo in 4 gruppo zero, quindi ancora ancora la potevo convincere ma 4 menù diversi non ce la posso fare!

 

  By: lutrom on Sabato 12 Luglio 2014 03:54

Bravo, Trucco, spesso nella vita occorre semplice buon senso!! Comunque una cosa di vera l'emodieta la ha: il fatto di spingere a cercare in direzione della dieta personalizzata il più possibile. Infatti, se è vero che alcune cose fanno male a tutti (conservanti, olio fritto e scadente, ecc.), è anche vero che tutti vediamo che siamo diversi uno dagli altri, quindi il passo in avanti nelle diete sarà la dieta personalizzata, ma non in base alle semplificazioni di D'Adamo, ma in base al proprio profilo genetico (alcune cose in questa direzione già si stanno già facendo, ci sono diversi nutrizionisti che già stanno operando in questa direzione).

 

  By: Trucco on Sabato 12 Luglio 2014 03:33

Sarebbe curioso vedere cosa diceva Mozzi negli anni 90, prima di scoprire D'Adamo, che pubblica il suo libro solo nel 1997. Mozzi dice che molte cose le ha capite con la sua esperienza ma l'emodieta sua di fatto e' al 95% uguale a quella di D'Adamo. ^Di scientifico in questa teoria non c'è quasi nulla#http://www.albanesi.it/alimentazione/gruppi.htm^ ma questo non significa che non possa dare comunque dei benefici. Prendiamo l'esempio del glutine, io ho iniziato a mangiare pasta per celiaci, che essendo meno buona, spinge a consumarne meno, oppure la carne di maiale (vietata a tutti, come dicono anche Yawhe' e Allah tra parentesi): se uno smette di mangiare insaccati pieni di nitrito di sodio cancerogeno, ovvio che male non fa! Prima di documentarmi meglio, personalmente ho avuto una infatuazione per il tizio tra fine 2013 e inizio 2014, tizio che ha carisma da vendere ed è simpaticissimo, magari pure in buona fede, mi aveva convinto che il colesterolo derivasse dai cereali, che io, gruppo zero, non dovevo consumare, specie se contenenti glutine (ammessi riso, pane di quinoa che non si trova e devi prepararti da solo, o di grano saraceno, idem) mentre potevo mangiare carne rossa tutti i giorni. Ho perso 5 kg in tre mesi ed ero molto felice però poi il colesterolo totale me lo sono ritrovato a 260 da 190 della volta prima e ho capito che la medicina ufficiale non è una truffa totale, e' un mondo pieno di conflitti di interessi come tanti altri, certo, ma non è che vogliano tenerti nascosto che il tumore si può curare con acqua, limone e bicarbonato, o che siano così pirla tutti quanti da credere che il colesterolo alto e' provocato per lo più da alimenti che ne sono ricchi e non dai cereali piuttosto. Perché se hanno ragione Mozzi e D'Adamo allora hanno torto marcio il 99,9% dei nutrizionisti al mondo. ------- 1) A condannare D’Adamo è la stessa statistica. I gruppi sanguigni sono troppo pochi per poter suddividere le caratteristiche dell’alimentazione in base a essi. Infatti il gruppo zero avrebbe problemi alle articolazioni, allo stomaco e alla coagulazione, il gruppo A soffrirebbe particolarmente di anemia, disturbi epatici e cardiocircolatori, diabete di tipo I, neoplasie, il gruppo B avrebbe tendenza al diabete, alla sindrome da affaticamento cronico e malattie autoimmuni, mentre l’AB a patologie cardiocircolatorie, anemie e neoplasie. Basta un banale screening della popolazione per accorgersi che non è così. 2) Caduta la predisposizione alle patologie, stesso discorso può farsi sull’alimentazione. L’elenco dei cibi proibiti per ogni gruppo è geniale perché fa in modo da far credere che praticamente ogni soggetto mangi attualmente male. Logico che i più deboli “cerebralmente” siano portati a credere che i loro malanni derivano proprio dal cibo X o dal cibo Y. Se ragionassero, capirebbero che si può fare la prova al contrario. Le teorie di D’Adamo sono smentite dal fatto che moltissime persone che non hanno problemi mangiano “male” secondo la teoria del gruppo sanguigno. 3) Inoltre lo sport ci dà una mano dimostrando come moltissimi campioni ottengono il massimo dal loro corpo contravvenendo alla teoria del naturopata. 4) Non siete ancora convinti? Facciamo un esempio normale che è un utile esempio di come si deve far ragionare il cervello. Il buon D’Adamo ci dice che il gruppo 0 deve astenersi da latte e latticini, mentre i gruppi B e AB devono farne largo uso. Se così fosse, di intolleranti al lattosio nei gruppi B e AB non ce ne sarebbero e D’Adamo avrebbe scoperto qualcosa di veramente utile e di scientificamente notevole. Peccato che non sia così…

 

  By: Bullfin on Giovedì 10 Luglio 2014 05:13

Ma immagino sia come dici tu. Comunque per quel che mi riguarda ne mangio ma veramente moderatamente.

 

  By: pigreco-san on Giovedì 10 Luglio 2014 04:23

Bull te lo devi veder scritto nei libri di testo alle elementari che la carne fa male altrimenti non ci credi...ma non succederà mai perchè ci sono troppi interessi dietro.