Offensivi, difensivi e zappe sui piedi

i primi 100 titoli e il resto - gz  

  By: GZ on Mercoledì 19 Settembre 2007 12:27

Questo è l'indice dei 100 titoli a maggiore capitalizzazione a NY, l'S&P 100 e come si vede ha rotto la fascia in cui oscillava ed è tornato vicino ai massimi. Sotto invece l'indice di tutti gli altri 6.000 titoli americani non pesato per capitalizzazone ed è ancora dentro la fascia di agosto e non ha ancora recuperato il 50% di quello che aveva perso. Sembrano quasi due mercati diversi Morale: se questa manovra delle banche centrali, inglesi che salvano la banca che stava fallendo garantendo ogni deposito di ogni banca senza condizioni e americana che taglia tutti e due i tassi di 50 punti, (nonchè della BCE che ha dato linee di credito per le banche per 300 miliardi da agosto) funziona, hai la possibilità di comprare titoli medio-piccoli rimasti indietro perchè il rimbalzo finora è soprattutto dei 100 maggiori

 

  By: GZ on Martedì 18 Settembre 2007 02:08

il greggio credo sia un 20% del prezzo della benzina, trasporto, raffinazione, gestione delle pompe di benzina e tasse sono il resto

 

  By: temistocle2 on Martedì 18 Settembre 2007 00:44

petrolio dovrebbe stare tra i 40 e 50 dollari e non a 80 dollari ma ci sono 500 hedge funds che lo comprano come approssimazione dell'inflazione ************************* mi pare lo disse anche Scaroni un anno fa, sarei curioso di capire quanto lo pagano le compagnie di petrolio alla consegna del fisico, perché per quanto la benzina e il gasolio siano aumentati negli ultimi anni, non hanno certo subito gli incrementi della materia prima

 

  By: GZ on Lunedì 17 Settembre 2007 20:32

Il petrolio tocca di nuovo il massimo dell'anno a 80$ e l'oro lo supera a 728$ Sabato su Barron's c'era un intervista a uno degli analisti più quotati del mondo, per 20 anni con Merril e poi indipendente ora che spiegava che di fatto l'OPEC produrrà ora 1.5 milioni di barili in più dell'anno scorso, i paesi non OPEC bene o male producono anche loro di più e dal 2004 ad oggi la domanda ha quasi smesso di crescere, perchè nei paesi industrializzati ora sta calando e anche la tremenda Cina, India e Brasile consumano di più ma del tipo +4% l'anno Cioè la gente legge che la Cina cresce del 12% e si immagina che il petolio ora se lo consumano tutto, ma in realtà la Cina aumenta i consumi del 4% annuo e tutti gli altri di meno e in america ed europa siamo a crescita 0 o -1% Per farla breve questo ^Rothman dice che il petrolio dovrebbe stare tra i 40 e 50 dollari#http://online.barrons.com/article/SB118981092541828147.html?mod=9_0031_b_this_weeks_magazine_main^ e non a 80 dollari ma ci sono 500 hedge funds che lo comprano come approssimazione dell'inflazione. Cioè pensano che ora le banche centrali calino le braghe, taglino i tassi e pompino liquidità di nuovo alla grande e quindi la cosa da fare sia comprare materie prime e petrolio perchè l'inflazione si scaricherà su di queste. Diciamo che comprano ora petrolio come una volta si comprava l'oro (e negli ultimi giorni comprano anche oro). Questo è molto interessante perchè se per caso le banche centrali si spaventano nel vedere che il mercato anticipa inflazione facendo esplodere le materie prime danno poi una stretta e in quel caso se ha ragione l'amico Rothman e la crescita della domanda di petrolio è zero avrai un crash spettacolare ------------------------------------ Barron's: What's the view from the OPEC meeting? The Saudis agree to increase output and crude goes to new highs. Rothman: That's not the story. The story is not the increase, the story is why the Saudis are pushing for an increase in production. A big part of the answer is that it seems that the Saudis want to try to take the froth out of the oil price because they are concerned about what higher prices have done to supply and demand. Over the past year, Saudi Arabia has had to cut its production by almost a million barrels a day to accommodate the impact of non-OPEC supply growth and because of weaker-than-expected world oil-demand growth. It wasn't that they were depriving people of barrels, but OPEC had less demand for their oil -- and the bulk of the cuts occurred in Saudi Arabian production. The Saudis are about to bring on a big field in the fourth quarter, Khursaniyah, that's an 800,000-barrel-a-day project, and they are looking at demand numbers that are being revised downward. World oil-demand growth hasn't been at nearly the pace people thought it would be. What are your forecasts for demand growth? My forecast for the fourth quarter, excluding Angola and Iraq, is for about 26.6 million barrels a day. Their production right now is about 26.8 million barrels a day. From these levels it doesn't look like they have to raise output. Mind you, it's not the consensus view. The consensus view, which is from the International Energy Agency, is that demand is going to be about a million and a half higher than what I am talking about, and most people use the IEA forecast. OPEC is producing at a level that even their internal supply-demand model suggests is probably the right number for what they would need to supply -- in other words, what the market is going to demand. Qualitatively, you should know nobody is being deprived of barrels. Now, with the Saudis pushing for a higher quota, it is not about making barrels available to meet demand. It's about sending a signal or trying to lever down oil prices. The reason they want to do that is because the higher average price levels we've seen for the last couple of years have affected demand growth, and they have affected supplies from non-OPEC countries and for alternative energy supplies. The Saudis are the ones bearing the brunt of that because as demand for their oil has dropped, they have been the ones that have had to cut back. There was talk they would delay increasing output because of concerns about the impact on prices. That issue, of how do you engineer a soft landing, is really a tricky issue because the amount of speculative paper in oil has increased dramatically. The level of open interest in crude on the New York Mercantile Exchange has tripled in the last three years. The over-the-counter market, according to data from the Bank of International Settlements, suggests outstanding positions in oil about 20 times as big as the Nymex. Now we didn't have a big OTC market back in '85, '86 or '88 or '94, nor in the '98-'99 price crashes, so the big concern right now is when the unwind happens, it could be terribly disruptive. If you look at an oil-price chart back to 1983, when crude started trading on the Nymex, all you will ever see in the price patterns are V-tops and V-bottoms. What happens when hedge funds who have been net long in crude since October '03 decide to go short or sell? You can understand the concern. It's not just about easing prices; there is the potential for a blood bath. So how do you explain crude prices rising to new highs after the Saudis announced they would increase production? It would be an understatement to say I was taken aback by that. In a few days, the market went from expecting no hike in production, to expecting a largely symbolic increase, to getting a final agreement to inject 500,000 barrels a day above existing levels -- which is the equivalent of a 1.4-million-barrel-a-day boost in quotas. The big question at the meeting is, "What is bolstering the price?" I'm not sure, except the market seems to still believe the world is running out of oil. What about the demand from China and India and the notion that supplies have peaked? The data doesn't show it. If you look at the International Energy Agency industry data and you do an apples-to-apples comparison of non-OPEC supplies, supplies from all of the countries outside of OPEC, you will see growth rates are running substantially higher than people believe to be the case. Growth in non-OPEC supply this year looks like it will be about 1.3 million barrels a day, and that number is about twice what people believed would be the case. And the Saudis clearly have the barrels available. They are bringing on new fields. Khursaniyah is coming on in the fourth quarter, Nuayyim next year and Shaybah next year and Khurais in 2009. These are fairly big additions So what are people missing? I have never seen the gap between reality and the perception of reality as big as it is right now. The perception of what I call Chindia, the idea that demand growth globally is robust and is going to be led by the emerging-market economies of China and India, is still strong. It is a great idea. But when you look at the data, you will see it doesn't match, and when you talk about peak oil and see what is happening to non-OPEC supply, there is a problem because supply growth this year is going to be one of the largest in almost 30 years, and next year looks like it is going to be similar to this year. Guys like me care about the totality of non-OPEC supply growth, even biofuels, or non-oil fuel, which are a subset of the non-OPEC supply curve. Biofuel supplies, which include soybeans for diesel fuel and corn for ethanol, will be up this year roughly 350,000 a day versus last year. That's a big number, about 40% in terms of its volume. It is going to be up by a similar volume in 2008. This is in response to higher average oil prices and concerns about availability. Why the big disconnect between perception and reality? I've got to tell you I don't know what the answer to that is. I do feel like I'm going through the reverse of what I went through in 2000 through 2003. In 2000, I was described as a "foaming at the mouth" oil bull. At Merrill Lynch we had a view the oil price would average in the mid- to upper 20s. We thought OPEC would adjust production, and when we spoke with investors about our views, they looked at us as if we were taking drugs. The catalyst that actually repriced energy equities and moved the whole back end of the oil-price curve was when Royal Dutch Shell wrote down reserves in early 2004. That was the catalyzing event. I don't think people are aware that demand has really fallen off so much. The rate of global oil-demand growth has really slowed pretty dramatically since '04. I've had to make a large downward revision for the second quarter, and it looks like I am going to have to make another one for the third quarter. A chart of the OECD [Organization for Economic Cooperation and Development] countries shows demand growth has been negative, with the exception of a small gain in the second quarter; that's the first time since 2005 that there's been some growth in demand, and it was modest. That's the worst showing since the '80-'82 recession. What about demand in the U.S.? We have seen a very recent significant slowdown in U.S. oil-demand growth. Also, jet-fuel demand historically has been a leading or coincident indicator for the economy, and jet-fuel demand has turned negative. That is not an economic forecast. But when jet-fuel demand is really soft, you have got to worry about whether something's going on with the economy. Well, is demand slowing because of high prices or because the economy is slowing? That is hard to say. Guys like me count barrels. But when you see oil-demand growth slow, you figure there are two things going on: There is substitution and there is conservation. People try to do more with the same number of barrels or they use alternatives. They may use more coal. They may increase their burn of natural gas in place of oil. They drive less. They may car pool. I'm not going to sit here and make up answers that I don't know. I just know that the rate of oil-demand growth has really been much lower than what has been forecast. I know I have had to make very big negative downward revisions in demand over the last three years, and it tells me that higher prices affect consumption. Three of my five kids drive, and last summer two of them stopped driving because I wouldn't buy their gasoline. But in the bigger picture, global demand was supposed to be so strong that it wouldn't affect oil prices. That's the "Chindia" story. I don't debate that demand in developing countries will grow. But the argument is that it is going to grow as it did in '04, at 15% or 16%, regardless of oil prices. And you say 2004 was an aberration? I haven't seen anything like it in 26 years. It wasn't even clear that what happened in '04 truly represented consumption. We don't know if some of it was stockpiling for precautionary reasons by developing countries. When you measure oil demand in a developing world economy, you're looking at disappearance, because the data for actual consumption by countries is very difficult to come by, and in many cases nonexistent. Then the question is whether that volume makes sense given other types of data. All I know is that for the last three years, I've revised my numbers down for China. It is not that they are not having oil-demand growth, but it is not 15%. It is 5%. It is 4%. It is 6%. It is 3%. It ain't 15%. So if you were the "foaming at the mouth" bull back in 2000, what would you call yourself now? It is very hard for me to say that I am a bear when I think oil is going to land at $45 to $50; historically, oil prices eventually settling at $45 to $50 is quite high. But compared to what the market is pricing and compared to probably most of my contemporaries, my forecast makes me a bear. We recommend underweighting the sector right now. I'd say nearly a 50% price drop is bearish. The concern is about the magnitude and speed and timing of the unwind given a precipitous drop in prices. It will be painful for companies. I have seen this movie before. There are a huge number of similarities between '99 up to now and the '73-'80 cycle

 

  By: Aleff on Lunedì 13 Agosto 2007 20:10

Ma, sarà ! cmq sia i giornali scrivono di indebitamenti fuori controllo, tragedie etc anche perchè alla gente piace leggere certe notizie. Per quanto riguarda l'Italia, sabato sul sole c'era una pagina dedicata ad un tale, jacob wood, un cinese che in Nigeria ha costruito un impero (il padre era fuggito appena eletto mao). e dice ...parola d'ordine diversificare, è il segreto del ns. successo. Facevate la stessa cosa in Europa, 50 anni fà, quando avevate ancora voglia di lavorare. alla faccia !

le banche centrali non possono alzare i tassi ! - gz  

  By: GZ on Lunedì 13 Agosto 2007 18:04

Alla fine però bisogna inflazionare, ecco perchè le banche centrali con oggi hanno buttato circa 300 miliardi di dollari nel sistema bancario per evitare un balzo in su dei tassi se non inflazioni i debiti schiacciano in molto città italiane dal 2002 ad oggi i debiti personali, mutui e al consumo, sono saliti dal 70 al 100% (e l'Italia è il paese con meno debiti della famiglie del mondo occidentale)

 

  By: polipolio on Lunedì 13 Agosto 2007 17:15

Gano, non vorrei dire, ma -a memoria, e mi potrei sbagliare- le unioni monetarie nella storia sono fallite...

 

  By: Gano* on Lunedì 13 Agosto 2007 16:59

Il processo sara' graduale. Il problema e' stato avere anticipato l' unione finanziaria rispetto a quella politica (e' stato piu' facile al momento fare una Moneta unica che un "Primo Ministro" unico eletto a suffragio universale paneuropeo, ma avrebbe portato poi i problemi che si vedono ora). Non puoi infatti avere una sola moneta ed una ventina di paesi che perseguono ciascuno una politica economica, fiscale, della previdenza e del lavoro diversa. Per non parlare poi delle diverse politiche estere. Per questo la BCE e' ora una bruttissima copia della FED. Ma niente nasce perfetto e delle due l' una: o fai a meno della moneta oppure integri ed omogeinizzi l' unione. Siccome la moneta oramai c'e' e non credo sia realisticamente possibile a questo punto tornare indietro (*), ne' credo che sarebbe strategicamente conveniente, direi quindi che sebbene a scossoni arriveremo finalmente ad una maggiore unita' politica. Infatti la sostituzione del dollaro con l' euro sara' molto graduale, ma ci sara' (**). O per lo meno io ci scommetto sopra. (*) Quando leggo di articoli di chiari economisti che dicono che e' impossibile mantenere la moneta unica, mi sembra di leggere fantascienza: ma su che pianeta vivono? (**) Richiedera' decenni. Ma e' un processo ineluttabile.

 

  By: Sir Wildman on Lunedì 13 Agosto 2007 16:18

L'euro? L'euro portera' l'europa al disastro ....altro che riserva. E' solo questione di tempo ... prima o poi qualcuno dovra' uscire ... di candidati ce ne sono tanti ... e poi sara' un domino usciranno uno dopo l'altro. Non puoi avere gli stessi tassi di interesse dove da una parte c'e' inflazione zero dall'altra al 5% per non parlare delle bilance commerciali. Spagna superosso, Germania superverde .... sta cosa non puo' durare.

 

  By: Gano* on Lunedì 13 Agosto 2007 15:31

Io venderei dollari (e' una cosa che penso ininterrottamente dal 2002) e semmai comprerei yuan piuttosto che yen. L' unica cosa e' che non so se sia possibile. Lo yen mi ha sempre convinto poco e lo lascio volentieri comprare agli altri. Il discorso dell' euro non e' solo economico ma anche geopolitico. E' la moneta piu' papabile a prendere gradualmente il posto del dollaro nelle transazioni internazionali, allo stesso tempo quindi tutti i paesi si dovrebbero ritrovare ad aumentare le loro riserve in euro.

 

  By: GZ on Lunedì 13 Agosto 2007 02:05

Quando le banche centrali perderanno il controllo (e questa settimana si è visto un assaggio) lo Yen diventerà la valuta rifugio Alla fine è lo Yen che salirà delle valute importanti per il semplice motivo che il Giappone è la terza potenza economica dietro USA e Unione Europea e però nel mondo il 67% delle riserve che le banche centrali tengono sono in dollari, il 20% in euro, un 8-10% in sterlina e un 2% in Yen !!! Se poi si parla di pagamenti per merci e transazioni il dollaro è ancora al 90% per scambi tra terzi (cioè un giapponese e un brasiliano ad esempio) La cosa non ha senso. Gli USA sono in deficit estero cronico, hanno una bolla immobiliare che sta scoppiando proprio in questi giorni, non risparmiano e hanno un economia molto dipendente dal credito, la UE è un misto di paesi solidi stile Giappone (olanda, germania), e paesi molto più fragili dell'America (italia, spagna, grecia) con quelli dell'est europa che hanno ora deficit assurdi. Il Giappone è in attivo cronico di bilancia dei pagamenti, è un paese compatto e omogeneo a differenza della UE, in cui si risparmia ancora, la bolla immobiliare l'ha avuta 15 anni, i mercati finanziari nipponici sono ancora abbastanza "sgonfi", ed è al centro dell'Asia, l'area che cresce veramente.

 

  By: Sir Wildman on Sabato 11 Agosto 2007 20:39

quote:
Facciamo una tregua ?
E' una semplice discussione, ognuno ha le sue idee rispettabilissime. Non credo ci sia stato ne' da una parte ne' dall'altra alcunche' di offensivo anche se la discussione e' stato un pelino accesa. Per me va bene cosi' nessun problema. Se c'e' comunque reciproco rispetto una discussione accesa puo' essere comunque interessante per il forum. :-)

 

  By: andreax66 on Sabato 11 Agosto 2007 12:42

Ho provato a lanciare il tema ieri sera, ma forse la tarda ora del venerdi non favoriva la situazione. E' più di un anno che ci palleggiamo l'idea del sistema finanziario che è al capolinea, l'indebitamento delle masse, i subprime, bla bla.. E ora che l'idea di un credit crunch si fa quantomeno non impossibile stiamo a pensare di chi è la colpa e cosa i governatori centrali avrebbero dovuto fare. Per carità discussioni super-interessanti, ma a me interesserebbe di più tentare di capire, nell'ipotesi stesse per arrivare il CIGNO NERO, cosa dovremmo fare. - Cosa dovremmo fare dei nostri risparmi in banca? - l'operatività in future avrebbe ancora senso? - cosa succede a chi ha un mutuo da pagare? - Esiste qualcosa che potrebbe coprirci almeno in parte dal casino? - Studiando l'argentina del 2003 che lezione possiamo trarre per noi gente comune? Sarebbe interessante tentare di sviscerare questo ed altri punti importanti, altrimenti l'aver previsto tutto 12 mesi prima sarebbe servito ad un bel niente!!!

 

  By: Esteban on Sabato 11 Agosto 2007 12:07

Salve Wildman, Provo in un altro modo ... Compito della Fed è infatti quello di garantire l’integrità del sistema bancario e la solidità dell’economia. Questi signori sono pagati per questo ... Per far fronte in qualsiasi modo alle situazioni che possono ledere gli interessi del sistema bancario e ... la solidità dell’economia. Per dire se siamo in recessione , e non dovrebbe essere il caso ... a questi chiedono di trovare una soluzione ... Taleb nassim direbbe un bel cigno nero ... Perchè modificare situazioni del genere , puoi risolvere attualmente il problema , ma te lo puoi ritrovare + avanti amplificato. Ed è quello che avviene sempre !!! garantito al limone. Per i motivi che sotto FOG ha inserito !!! Questi signori non sono in gamba in quanto si comportano in modo corretto ... Sono considerati in gamba nel modo nel quale riescono a tirare fuori un paese come l'america da situazioni di crisi e ridare slancio agli interessi delle lobby. Se poi ci riescono senza creare troppi scompensi sono ancora + in gamba ... ma non è questo il punto. Il punto sono gli interessi dell'america . E Greenspan li ha tutelati molto bene all'epoca ... poi è stato + difficile controllare gli effetti scaturiti in seguito per altre varie ragioni . Lo sanno tutti che greenspan ha generato la situazione attuale ... Ma è pure stato quello che ha generato forti guadagni al sistema Americano dal 1995 al 2001 . La crisi Americana ora è una conseguenza di ciò che ha fatto , che se per le masse può non andare bene , per il solito motivo ... "Compito della Fed è infatti quello di garantire l’integrità del sistema bancario e la solidità dell’economia." dalle lobby è stato amato ! perchè nessuno + di Lui li ha fatti guadagnare . La situazione attuale è la crisi che ne è derivata , logica conseguenza di cosa significa alterare equilibri "in natura" ... E se noti , bernanke, si muove solo ora che sono a rischi gli interessi e l’integrità del sistema bancario e la solidità dell’economia. se anche dei poveretti si rovinavano non c'era nessun problema a patto che non sia messo in discussione (vedi sopra). Quindi dire chi ha colpa o chi è + o - bravo non ha senso ... L'unica cosa che viene richiesta a tali individui è "Fare" ed evitare situazioni spiacevoli. Quelle che si ritrova Bernanke e che non sono facili da risolvere ma che agli occhi dei soliti , risultano ora molto spiacevoli ... Per l'intero pianeta ... Ma questi scompensi hanno fatto riflettere pure il mondo intero sul fatto che, forse, l'america ha leggermente "rotto" . E' per questo che si sta infiltrando tramite globalizzazione ovunque con capitali e mezzi (comunque questa è un'altra storia). Comunque bernanke ha sbagliato, per i motivi che ho postato sotto. Ma sta facendo uno sbaglio + grande , lo ha appena fatto ... E' quello che ha postato Fog Sotto !!! Se la liquidità M3 permessa da greenspan ha generato disastri , pensa alla situazione attuale e a quello che la BCE & friends ha appena inserito nel sistema ... Se scoppiano le bolle attuali ciao ciao ... e accade sempre è solo una questione di quando. E' stato lo stesso , ma non l'unico , c'è pure il problema "The reserve fraction" , che ha dato il via agli scompensi che vedi ora e che alla fine dovrebbero ritorcersi sulle masse con l'impoverimento generale a vantaggio delle lobby ( a bolle sfogate). Inserito da FOG tempo fa .... ^What (Really) Happened in 1995?#http://www.itulip.com/forums/showthread.php?t=292^ Alla fine non ci sono errori se c'è stato guadagno ... Le masse non centrano ..... anche se sta diventando un vespaio . P.S. Facciamo una tregua ?

 

  By: Sir Wildman on Sabato 11 Agosto 2007 03:43

quote:
No ... mi spiace .. non ci siamo ... Il problema era già presente dal 2003 ... ed hanno avuto tutto il tempo per esaminarlo ... è che non gli è mai interessato. pure recentemente ... è solamente 1/10 dell'intero debito, il resto è sicuro , perchè preoccuparsi ? in the second half of 2003 Per questo motivo i vignettisti nel 2006 ci scherzavano , + - per lo stesso motivo che solo ora in Italia apprendono cos'è un mutuo subprime. Chiaro che se i problemi non li affronti e li risolvi per tempo, ad un certo momento nel 2006 si verifica un 10% di default ... Ma per negligenza ... perchè hai sottovalutato un problema.
Ma stiamo scherzando o cosa? Chi era il presidente della federal reserve dal 2003 a fine 2005? Mi stai dicendo che la colpa e' di Bernanke e che Greenspan si che era adeguato quando invece il problema l'ha causato ed ignorato Greenspan.
quote:
Lo a detto il 21 luglio del 2007 ... Bernanke sees little impact from subprime loan losses
Io Bernanke l'ho sentito diverse volte. Si e' sempre espresso in termini piu' che adeguati. Se ad un certo momento non vedi ancora che la cosa ha contagiato il resto dell'economia cosa cavolo devi dire? Forse la differenza e' che io l'ho sentito nelle sue audizioni. I titoli dei giornali son sempre stati completamente sballati rispetto a quello che diceva. Basta vedere la CNBC che e' da un anno che parla di tagli a dei tassi quando lui ha sempre detto il contrario. Son talmente ridicoli che se tra un meeting e l'altro ricopiasse il comunicato direbbero che ha cambiato carta pero' ... una carta piu dovish. :-)
quote:
Quindi se quella vignetta è, come dici, del 2006,quindi antecedente , ha voluto proprio ignorare il problema ... al punto che per Lui non esisteva.
Non ha mai detto che non esisteva. Ha sempre espresso il problema nella misura che i dati rivelavano a quel momento. Lui ha ignorato il problema ... sigh .... mica quell'altro che ha permesso il disastro non facendo neinte per anni. No, la colpa e' di questo che s'e' trovato sta montagna di debiti incagliati ...
quote:
Tanto è vero che lo stesso 20/7/2007 dice che possono raggiungere 100 Bilioni di $ di perdita ... voglio dire se non è niente ... problemi Zero .
Ma quando mai ha detto zero. S'e' sempre limitato a cosa dicevano di volta in volta i dati, sia per l'inflazione che per il resto. Se al mese X hai 10% che non paga e l'ecnomia che viaggia bene senza conseguenze cosa devi dire? Che poi, per chiarire, il problema evolve col prezzo delle case ... se ad un certo punto i prezzi delle case rimbalzavano cosa faceva la figura del fesso? Armageddon Armageddon .... e poi i prezzi rimbalzavano e non succedeva niente. Nei suoi comunicati e' stato sempre molto oggettivo e neutro. Se il dato dice 10.11 diceva 10.11 non 12 ne 8.
quote:
E' + o - la cazzata che ha fato fazio quando ha detto che le perdite degli investitori Italiani in Argentina erano 4 lire ... Me lo ricordo perchè il popolo si è incazzato a morte nel vedere con quale indifferenza non si preoccupava del problema ,anzi in modo arrogante diceva di non preoccuparsi di 4 lire perse. Mettiti nella situazione di uno che ha perso la casa e poi prova a ripeterti le motivazioni che hai postato ... Giusto per vedere l'effetto che fa.
Ah certo, la colpa e' di Bernanke che arriva nel 2006. MIca di Greenspan e di quei fessi che facevano i mutui senza neanche leggere le condizioni. Incredibile. Se io prendo mille euro al mese e faccio un mutuo di 400k euro a tasso variabile se poi finisco in strada e' colpa della banca centrale ... mica mio che sono un pirla.
quote:
Pure io cerco di mettermi dall'altra parte ,Bernanke , l'ho già scritto, non ha avuto un incarico facile ... affatto ! Ma questo non giustifica , i problemi restano e se prima potevi raccontare la soriella dell'economia incredibilmente robusta ... Questo ha riportato tutti con i piedi per terra ... che è solo una gigantesca bolla , che stava quasi per scoppiare (se non ci fossero le stampanti). Comunque quì le trovi tutte ... Ben Bernanke News Cosa doveva fare bernanke ... Doveva subito trattare il problema , ha avuto tutto il tempo per farlo ma non ha voluto farlo ... Cosa poteva fare materialmente ?
Veramente una contraddizione dopo l'altro. Venti righe piu' su mi hai detto (giustamente) che nel 2006 il problema era gia' la e che gia' dal 2003 si poteva immaginare come sarebbe finita. Tutto vero. Poi arriva a 2006 sto povero cristo col casino bello che e' fatto e mi dici ... poteva fare qualcosa per tempo. Ma quale tempo? Nel 2006 era gia' la la rogna .... ormai la si poteva solo gestire come sta facendo. Solo Greenspan nei tre anni precedenti poteva e doveva evitare sta rogna. Nel 2006 era gia' troppo tardi.
quote:
MAh , magari chiamare le banche come fece Greenspan a suo tempo e intimargli di risolvere il problema , quando ancora era possibile. Anzichè aspettare di vedere come andava a finire ...
Allora dal 2003 al 2006 Greenspan lascia gonfiare la bolla e non fa niente (e te mi dici che e' bravo), poi nel 2006 arriva Bernanke col problema gigantesco e doveva chiamare le banche per fargli risolvere cosa? Ormai non si poteva fare un granche' se no limitare i danni era troppo tardi.
quote:
Pensa che quì in Italia , prima che bernanke sparasse quelle cazzate , hanno modificato l'offerta di banca intesa prolungandola a 40 anni , proprio per la situazione americana ... Ti pare che personaggi che tirano fuori dal cilindro 200 milioni di $ non riescono a risolvere un problema del genere ?
Ma come? E' venti messaggi che te lo chiedo. A 2006 iniziato mi spieghi cosa cavolo poteva fare? Se LEND, AHM, Countrywide han gia' fatto mutui subprime per trilioni di dollari sotto il naso di Greenspan cosa doveva fare lui? Dirgli di ritirate i mutui e portate via le case che quelli non pagano!?!?!? Ormai le galline erano gia' scappate dal pollaio grazie al Sig. Greenspan .... altro che colpa di Bernanke.
quote:
Considerando che è per i subprime questo macello, non conveniva anticipare il problema ?
Certo, chiediglielo a Greenspan che secondo te era adeguato al ruolo e che per anni ha fatto finta di niente.
quote:
Compito della Fed è infatti quello di garantire l’integrità del sistema bancario e la solidità dell’economia. Non permettere l'emissione di strumenti che possono mettere le stesse banche in difficoltà ...
A sentire le tue ragioni uno immaginerebbe che Greenspan te lo mangeresti vivo. Invece quello e' bravo che ha fatto proprio il contrario di quello che tu mi dici bisognerebbe fare, invece Bernanke che si e' ritrovato tra le mani la patata bollente senza colpe e' un fesso.