Black out (Fusione Fredda, Andrea Rossi....)

 

  By: Cures on Venerdì 21 Gennaio 2011 22:33

Complimenti a Norton 71 per la competenza dimostrata e altrettanto a Zibordi per l’istinto che lo porta a indagare fuori dal pensiero convenzionale il che produce confronti sempre stimolanti che vivacizzano un forum altrimenti un po noioso. Chiedo a Zibordi, se crede, di esporsi, invece che su questi argomenti, a tratteggiare alcuni scenari economici estremi, con la premessa che anticipo già io per lei, che si tratta di ipotesi.. Potrebbe, ad esempio, mettersi nei panni dei vari attori, banche centrali, fondi, speculatori vari, ecc. e ipotizzare alcuni sviluppi possibili generati dal confronto fra questi attori diciamo da qui a sei mesi Personalmente credo (ma è un credo e quindi zero affidabilità) che sia in arrivo una sorta di medioevo molto strano nel quale il mondo è diventato una navicella molto piccola, di scarse risorse che sarà affondata dal peso del nuovo equipaggio, i popoli dell’Asia. Che affonderà digitando sul cellulare. Di regola la Natura (l’ecosistema a cui diamo questo nome ma che non è certo un essere pensante) provvede uccidendo tutto il vivente che eccede le risorse disponibili.

 

  By: Moderator on Venerdì 21 Gennaio 2011 20:22

sono pochi quelli che ne discutono ancora in senso generico , perché gli studi si sono spostati sui particolari effetti del GW ; prima 1000 facevano lavori per dimostrarlo e 100 facevano lavori a sfavore , oggi 100 ancora fanno lavori generici a favore e 100 a sfavore per cui sembra che si pareggino , ma 900 ormai fanno lavori su altre particolari conseguenze del GW e il dubbio non ce l’ha più nessuno, è un argomento assodato. in un sondaggio del 2009 si è visto che il 58% del pubblico generico è convinto che esiste il GW di origine umana , il 42% no. Nel gruppo dove il 90% aveva un dottorato e il 7% una laurea l'82% ha risposto si . Fra chi non era climatiologo il 77% ha risposto si , fra i climatologi il 97,5% ha risposto si. Quindi nel pubblico in generale il consenso è il 58% mentre fra i climatologi è il 97,5%, e quando si nega il GW si è probabilmente del 42% di pubblico generico non competente che lo nega Più cresce il livello di ricerca attiva e di specializzazione in climatologia, più aumenta l'accordo. riconoscono il problema quelli che conoscono la base scientifica dei processi climatici di lungo periodo , mentre gli altri sono male informati . posto i risultati del sondaggio , dove quelli addetti ai lavori sono quasi unanimi nel riconoscere il GW

La frode della temperatura - GZ  

  By: GZ on Venerdì 21 Gennaio 2011 19:58

Il fatto che questo fisico inglese con la sua tecnica abbia sbaragliato quasi tutti sembra nel prevedere il tempo (e la TEMPERATURA) forse indica che capisce questi argomenti. Ovviamente ha scritto anche sul cambiamento climatico. Questa è una presentazione con ^tabelle e grafici sul "climate change" di Corbyn che affronta la questione e spiega perchè la teoria del CO2 non funziona#http://www.weatheraction.com/docs/WANews10No27.pdf^ in termini tecnici che francamente non riesco a seguire bene Centinaia di esperti accademici e non (ad esempio quasi tutti i russi) dicono che l'attività solare prevale come causa dei cambiamenti climatici. Nelle università russe trovi pochi che credono alla teoria del CO2. Occorre ricordare che gli scienziati che hanno firmato il famoso rapporto dell IPCC su cui poi i governi sono andati avanti non sono affatto molti, circa 1.000 (se controlli e vedi che hanno tenuto la firma di gente che non era d'accordo). Ce ne sono però anche centinaia che hanno firmato appelli contrari e quando invitano a dibattiti pubblici però gli scienziati ufficiali non accettano mai. Corbyn ha sfidato da anni a dibattiti in sede pubblica chiunque senza esito Oltre alla parte di fisica però ci sono le manipolazioni sui dati statistici che sono state provate in diversi casi clamorosi e basta guardare i grafici principali per vedere che le cose non quadrano. Innanzitutto anche i dati ufficiali americani, che sono i migliori, rilevano un calo di temperatura negli anni 1930-1975 che ovviamente non quadra molto con una correlazione di livelli di CO2 e temperatura, perchè riporta la temperatura media del 1970 al livello del 1890 !!! Poi vedi che dal 1990 sale di nuovo e lì scatta l'allarmismo su scala globale che sappiamo. Ma da quando è iniziata la campagna per il riscaldamento globale il numero delle stazioni di rilevazione della temperatura nel mondo di colpo è stato dimezzato e ci sono report molto dettagliati che mostrano che ^hanno rimosso un numero elevato di stazioni, concentrate in Russia e Siberia. Se guardi vedi che in meno di cinque anni hanno eliminato metà delle stazioni di rilevazione e subito dopo la temperatura media del pianeta rilevata è salita#http://www.weatheraction.com/docs/WANews10No27.pdf^ da circa 10 gradi a circa 11 gradi e mezzo in pratica in 3-4 anni. Dopichè ha smesso di salire di nuovo ! Cioè guarda il grafico, l'aumento ha coinciso esattamente con l'eliminazione di metà delle stazioni che da 50 anni rilevavano la temperatura nel mondo. Come fai a fidarti di una rilevazione "media della temperatura del pianeta" dalla Siberia ai tropici, ottenuta con centinaia di stazioni di rilevazione sparse nel mondo e il cui numero stranamente viene dimezzato, dopodichè paf!... la temperatura rilevata media sale di un grado. Cioè sale quando cambiano il sistema di rilevazione, quando eliminano metà delle stazioni e guarda caso in prevalenza in Siberia. Poi dopo aver cambiato il sistema di rilevazione la temperatura di nuovo non sale più (e il grafico non è aggiornato al 2009-2010 altrimenti mostrerebbe che dal 2002 la media cala)

Realtà del Riscaldamento globale - Norton 71  

  By: Moderator on Venerdì 21 Gennaio 2011 18:36

Le previsioni del tempo non c’entrano con le variazioni climatiche di - lungo periodo- . I modelli sono differenti . Non c’è nessun modello per le variazioni climatiche di lungo che in base a tutti i parametri conosciuti spieghi l’incremento di temperatura dell’ultimo secolo e mezzo se si toglie la CO2 dai modelli. L’unica variabile che lo spiega è la CO2 ; per il resto , sole , asse terrestre , raggi cosmici , nigno , eruzioni ecc ecc non lo spiegano . Nel senso che le variazioni degli altri parametri non lo giustificano mentre quello dei gas serra si , e la cosa concorda con le nozioni di fisica. Le previsioni del tempo inoltre sono piuttosto difficili da azzeccare , specie sul medio periodo, in realtà più difficili di quelle climatiche di lungo periodo . E’ un po’ come il lancio della monetina : dire come saranno le prossime 6 uscite se saranno 30% testa e 70% croce , o 50/50%, è difficile , ma dire che le prossime 1000 saranno 50% testa e 50% croce è piuttosto probabile azzeccarci Persino i periodi di tempo intermedi se si valutano su scala regionale non corrispondono all’andamento globale , Per esempio , il famoso periodo caldo medioevale , quindi non un anno ma un discreto periodo , è stato caldo nella zona Nord Europa , Groenlandia , Islanda , ma a livello globale c’erano contemporaneamente zone più fredde , per cui la media terrestre in quel periodo contrariamente a quello che si pensa ( perché da qua si pensa in modo eurocentrico) è stato un periodo di T° globale terrestre inferiore alla media , perché prevalevano a far la media le zone con calo di temperatura. allego la mappa delle temperature nel periodo che da noi era medioevale caldo , e si vede che è stato caldo solo in certe zone , mediamente è stato un periodo fresco

 

  By: GZ on Venerdì 21 Gennaio 2011 17:11

Questo scienziato è forse l'unico che ha dimostrato di avere un modello di previsione della tempo e della temperatura che funzioni anche un anno avanti, forse gli andrebbe dato un poco di credito no ? Come è possibile che in nordamerica, inghilterra, nord-europa e cina sia stato un inverno così freddo da far calare persino le vendite natalizie, fermare il traffico aereo, creare congestioni di traffico senza precedenti, far aumentare i consumi di energia per riscaldamento, fare più morti per gelo del solito e allo stesso tempo la temperatura media sia aumentata ? Persino qui abbiamo avuto quindici giorni di neve. L'estate era la più calda del secolo e compensava l'inverno eccezionalmente freddo ? Come dicono in inglese: " credi a quello che dico io o credi ai tuoi stessi occhi che mentono ..."? Come spiega l'ottimo scienziato citato qui sotto i dati aggregati pubblicati sono manipolati, cosa che dovrebbe essere evidente dopo lo scandalo delle email dell'istituto di East Anglia che è incaricatodi collezionare tutti i dati del mondo. Nelle email si è visto che semplicemente escludevano molti dati delle stazioni di rilevazione in Russia perchè risultavano appunto con temperature più basse

 

  By: Moderator on Venerdì 21 Gennaio 2011 13:59

ho visto il solito argomento e segnalo che : il 2010 è stato il secondo anno più caldo da quando si misurano le temperature . , conferma dei tre maggiori istituti di controllo ..19 gennaio 2011 http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE70I0EE20110119 e “Tutti gli anni dal 2001 al 2010, escluso il 2008, sono nella top ten". ancora confondere le previsioni del tempo in Inghilterra con la variazione climatica globale media annua ? -il mondo non è l’Inghilterra o la pianura Padana , e se fa freddo un mese là allora il mondo è freddo -la temperatura di alcuni giorni dell’anno in una certa zona non significa la Temperatura globale media . Basta guardare sul mappamondo la zona nordeuropea quanto è grande rispetto al mondo . In quella zona, col cerchietto rosso, per qualche settimana fa freddo , e nel resto del mondo ? -E poi ancora sempre la solita : l’innalzamento della T° non vuol dire innalzamento uniforme ogni mese di ogni anno in ogni zona del pianeta. per la CO2 invece nel mondo scientifico ci sono ben pochi dubbi

L'unico che prevede il tempo - GZ  

  By: GZ on Venerdì 21 Gennaio 2011 12:58

le vendite al dettaglio in Inghilterra sono state le peggiori da quando si tiene la statistica, sono salite del 2% in termini nominali ma dato che l'inflazione inglese è ora al 3.4% circa sono in realtà calate in termini reali, rispetto a dicembre 2009 che era nel mezzo della crisi. Per ora lo si attribuisce al gelo e bufere di neve che hanno coperto l'Inghilterra e che sono stati come temperatura media il dicembre più freddo in 100 o 200 anni. Può darsi, vedremo questo mese se il tempo migliora come vanno, ma per ora hanno questa scusa Ma intanto ^l'unico meteorologo che ha previsto e con mesi di anticipo, dalla primavera, che ci sarebbe stato un inverno eccezionalmente freddo#http://www.weatheraction.com/^ in nord-europa e america è questo genio inglese, un fisico che invece di estrapolare la tendenza come fanno quasi tutti ha un modello del ciclo lunare e solare con cui prevede il tempo con mesi di anticipo e ci prende spesso. Il resto dei meteorologhi invece non aveva previsto minimante un inverno eccezionalmente freddo e si limitano in genere a prevedere solo qualche giorno o al massimo due settimane in avanti. Come gli economisti che ci prendono solo se tutto continua sempre nella stessa direzione, per cui nel 70% dei casi sembra sappiano di cosa parlano, poi ogni tanto hai un esplosione o un frana improvvisa e rimangono stupiti quanto una casalinga di quello che è successo ^Ecco qui un video di Piers Corbyn#http://www.youtube.com/watch?v=-Ofr28H4t-A^ ma se digiti il suo nome ora ^è ovunque su internet#http://www.google.com/search?hl=en&q=Piers+Corbyn&sourceid=navclient-ff&rlz=1B3GGLL_enIT371IT371&ie=UTF-8^ perchè non c'era mai stato un caso in cui praticamente tutti i meterologhi sbagliassero completamente e solo uno ci prendesse e non solo, che prevedesse con mesi di anticipo che ci sarebbe stato un tempo eccezionalmente freddo e fuori dalla norma. Quando mesi fa Corbyn metteva fuori le sue previsioni di un inverno tremendo in Inghilterra veniva sbeffeggiato, ora anche i media fanno la fila per invitarlo E tra parentesi ovviamente ti spiega da fisico anche che il CO2 non ha praticamente influenza sul clima perchè le influenze solari sono l'unica cosa che conta veramente. E che tuttp il bombardamento mediatico sul "climate change" e il lavaggio del cervello che subiamo sul riscaldamento globale è dovuto solo ai miliardi di sovvenzioni statali. Gli scienziati dissidenti come lui non ricevono una lira, chi parla di "climate change" viene sommerso di finanziamenti. Ed è dovuto agli interessi delle banche e di Wall Street che ha potuto mettere assieme un enorme mercato dei "diritti di emissione di CO2", riservato solo a operatori istituzionali, che è sui giornali questa settimana perchè ^si stima 5 miliardi di dollari circa siano spariti per frodi#http://blogs.ft.com/energy-source/2011/01/21/energy-headlines-full-scale-of-carbon-trading-fraud-revealed/^ Comunque per le previsioni del tempo del 2011 vai sul sito di Piers Corbyn

 

  By: temistocle2 on Mercoledì 05 Settembre 2007 13:03

Pare che in Italia stiano trovando il modo di ottenere energia dal sole ad un costo competitivo con il petrolio, stroncando di fatto tutto il mercato attuale delle vecchie celle al silicio, che sono convenienti solo per tipi "alternativi pieni di soldi". http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tecnologia%20e%20Business/2007/09/energia-fotovoltaica.shtml?uuid=6e7e3cb4-5af8-11dc-9965-00000e25108c&DocRulesView=Libero&area=box06 é anche un bell'esempio di come può cambiare la prospettiva di un settore in poco tempo, facendo sballare anni di investimenti fatti nella direzione errata, come successe ad esempio con il cablaggio della fibra ottica, poi stroncato dall'apparsa dell'ADSL

La maggioranza degli studi scientifici sono scettici del GW - gz  

  By: GZ on Giovedì 30 Agosto 2007 23:44

Questa è la prima volta che trovo qualcuno che abbia fatto un esame di TUTTI i lavori scientifici sul clima negli ultimi anni e abbia contato quanti concordino con la tesi del riscaldamento globale causato dagli uomini Secondo questo studio in pre-pubblicazione che ha esaminato 527 papers scientifici sul tema pubblicati negli ultimi tre anni, utilizzando il database più ampio disponibile in materia, ^la maggioranza è costituita da scettici#http://www.dailytech.com/Survey+Less+Than+Half+of+all+Published+Scientists+Endorse+Global+Warming+Theory/article8641.htm^ o agnostici Da oggi se incontri qualcuno che ti spiega con sufficienza che è ovvio, che è noto a tutti che la maggioranza degli scienziati è convinta della tesi del Global Warming e solo gli ignoranti hanno dei dubbi puoi citare il fatto che la maggioranza dei papers scientifici pubblicati negli ultimi tre anni che hanno esaminato questo tema sono "neutrali" cioè non sono convinti. (Secondo questo studio di 527 papers solo UNO trae conclusioni catastrofiche dal riscaldamento globale, tipo quelle dei film di algore o di leonardo dicaprio)

 

  By: GZ on Giovedì 26 Luglio 2007 16:47

chi crede nel riscaldamento globale deve comprarlo ! ----------------------------- Merrill Lynch (MER) is launching a two-year euro-denominated certificate that pays a return based on the average temperature in Rome, Italy as measured over the course of a year from mid-September. If the average temperature is over 16.38 degrees Celsius, the certificate will pay interest of up to 16 percent, with the full payout achieved if the average reaches 17.38 degrees, according to Reuters. Data for the current season, from mid-September 2006 to the present day and then forecast through to mid-September this year, show an average temperature of 17.2 degrees Celsius. If over the course of the two years, the average temperature does not rise above 16.38 degrees, then investors do not receive a coupon payment, but receive 101 percent of their principal at maturity, the article explained. This deal brings the product to a new audience, including smaller and retail clients, who have not been able to access the market before, Jens Boening, head of EMEA weather derivatives structuring at Merrill said.

 

  By: GZ on Giovedì 21 Giugno 2007 15:20

Scienziati allarmati dai rischi di RAFFREDDAMENTO del pianeta dovuti al ciclo solare --------------------- (R. Timothy Patterson is professor and director of the Ottawa-Carleton Geoscience Centre, Department of Earth Sciences, Carleton University) ....Our finding of a direct correlation between variations in the brightness of the sun and earthly climate indicators (called "proxies") is not unique. Hundreds of other studies, using proxies from tree rings in Russia's Kola Peninsula to water levels of the Nile, show exactly the same thing: The sun appears to drive climate change. However, there was a problem. Despite this clear and repeated correlation, the measured variations in incoming solar energy were, on their own, not sufficient to cause the climate changes we have observed in our proxies. In addition, even though the sun is brighter now than at any time in the past 8,000 years, the increase in direct solar input is not calculated to be sufficient to cause the past century's modest warming on its own. There had to be an amplifier of some sort for the sun to be a primary driver of climate change. Indeed, that is precisely what has been discovered. In a series of groundbreaking scientific papers starting in 2002, Veizer, Shaviv, Carslaw, and most recently Svensmark et al., have collectively demonstrated that as the output of the sun varies, and with it, our star's protective solar wind, varying amounts of galactic cosmic rays from deep space are able to enter our solar system and penetrate the Earth's atmosphere. These cosmic rays enhance cloud formation which, overall, has a cooling effect on the planet. When the sun's energy output is greater, not only does the Earth warm slightly due to direct solar heating, but the stronger solar wind generated during these "high sun" periods blocks many of the cosmic rays from entering our atmosphere. Cloud cover decreases and the Earth warms still more. The opposite occurs when the sun is less bright. More cosmic rays are able to get through to Earth's atmosphere, more clouds form, and the planet cools more than would otherwise be the case due to direct solar effects alone. This is precisely what happened from the middle of the 17th century into the early 18th century, when the solar energy input to our atmosphere, as indicated by the number of sunspots, was at a minimum and the planet was stuck in the Little Ice Age. These new findings suggest that changes in the output of the sun caused the most recent climate change. By comparison, CO2 variations show little correlation with our planet's climate on long, medium and even short time scales. In some fields the science is indeed "settled." For example, plate tectonics, once highly controversial, is now so well-established that we rarely see papers on the subject at all. But the science of global climate change is still in its infancy, with many thousands of papers published every year. In a 2003 poll conducted by German environmental researchers Dennis Bray and Hans von Storch, two-thirds of more than 530 climate scientists from 27 countries surveyed did not believe that "the current state of scientific knowledge is developed well enough to allow for a reasonable assessment of the effects of greenhouse gases." About half of those polled stated that the science of climate change was not sufficiently settled to pass the issue over to policymakers at all. Solar scientists predict that, by 2020, the sun will be starting into its weakest Schwabe solar cycle of the past two centuries, likely leading to unusually cool conditions on Earth. Beginning to plan for adaptation to such a cool period, one which may continue well beyond one 11-year cycle, as did the Little Ice Age, should be a priority for governments. It is global cooling, not warming, that is the major climate threat to the world, especially Canada. As a country at the northern limit to agriculture in the world, it would take very little cooling to destroy much of our food crops, while a warming would only require that we adopt farming techniques practiced to the south of us. Meantime, we need to continue research into this, the most complex field of science ever tackled, and ^immediately halt wasted expenditures on the King Canute-like task of "stopping climate change." #http://www.canada.com/nationalpost/financialpost/comment/story.html?id=597d0677-2a05-47b4-b34f-b84068db11f4&p=4^

 

  By: XTOL on Venerdì 01 Giugno 2007 21:55

Bush Calls for Global Goal for Cutting Emissions quando si perde bisogna ammetterlo: l'effetto serra e il riscaldamento globale sono delle bufale. se infatti bushettino si schiera ^a difesa del pianeta,#http://www.nytimes.com/2007/05/31/washington/31cnd-prexy.html^ può significare due sole cose: 1- è troppo tardi per fare alcunché, per cui godiamoci quel che rimane 2- non c'è nessun riscaldamento, per cui godiamocela e basta mi iscrivo dunque alla Congrega dell'allegro inquinamento (non potrei sopportare di stare dalla stessa parte del pessimo tra i pessimi)

 

  By: giveme5 on Mercoledì 23 Maggio 2007 21:00

alla fin fine bisogna ammettere che non è vero che non ci sia alcuna prova scientifica del global warming: questo è un dato di fatto

 

  By: Mr.Fog on Giovedì 10 Maggio 2007 01:58

prova ad misurarti con lui su quanto correte veloci, o quanto sentite gli odori, o quanta fatica fate a vivere, e dovrai subito ammettere la Tua inferiorità. -------------------------------------------- Ciao X, quello che stiamo facendo ora: "comunicare attraverso la scrittura" e' cio' che ci ha sempre distinto, anche quando cercavamo di farlo disegnando sulle pareti di una caverna. Alcuni esseri possono correre piu' velocemente, sentire odori che neppure ci immaginiamo, vivere 100 volte piu' di noi ma nessun essere su questa bellissima terra ha mai sentito il bisogno di lasciare una traccia della sua esistenza perche' ISTINTIVAMENTE sapeva che altri l'avrebbero LETTA e CAPITA. L'essere SUPERIORI non ci autorizza a distruggere anzi dovrebbe ispirarci a proteggere il pianeta in cui viviamo, ma quella e' un'altra storia...

 

  By: Gano* on Giovedì 10 Maggio 2007 00:18

...silvestrem tenui musam meditaris avena; Polypolie! Te patulae cecini sub tegmine fagi ----------------------------------------------------------------------- Polypolius sic scripsit: Ganule tu patulae recubans sub tegmine fagi ...