W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Gano di Maganza on Sabato 07 Dicembre 2019 11:36

certo che sei proprio un tassista...

 

Posti grafici a confronto su scale diverse.

 

Sto leggendo invece un libro che darebbe credito a quello che dice Bullfin. "La società signorile di massa". Spara tante cazzate, ma qualcuna giusta la dice. Mi fa anche pensare che in questa situazione il reddito di cittadinanza siano soldi buttati via. Classiche puttanate da 5 Seghe.

 

 

 Last edited by: Gano di Maganza on Sabato 07 Dicembre 2019 11:55, edited 8 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Sabato 07 Dicembre 2019 11:15

Bull, sicuramente anche quello che hai detto tu è una parte della spiegazione.

I grafici, eccoli qua. Li avevo ancora ovviamente nel PC

 

 


 Last edited by: gianlini on Sabato 07 Dicembre 2019 11:15, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Bullfin on Sabato 07 Dicembre 2019 11:12

O forse perchè abbiamo accumulato piu' ricchezza di loro????..... o meglio ancora il settore privato ha accumulato piu' ricchezza di loro?.

La demografia sicuramente è piu' favorevole a loro ma non penso ci sia sta gran differenza...dai te che hai tempo :) posta qualche grafico comparativo sulla demografia Fra Ita :)

FULTRA 10 MARZO 2020: Qui sotto la fotocopia dal vero "cialtrone medio italico" : Antitrader. Fatene una copia del pensiero per i posteri e quando tra 50 anni vorranno capire perchè l' talia sia finita miseramente

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Sabato 07 Dicembre 2019 10:33

Gano, ti detti la spiegazione mesi fa ma evidentemente non avevi ascoltato con attenzione.  Tutto sta nella piramide demografica totalmente differente fra italia e francia. Li è quasi la sagoma dell'Empire State Building (non avevo ma fatto caso al nome),  da noi una pera molto panciuta. In italia i giovani (fino ai 40 anni ),  cioè quelli che sarebbero dovuti scendere in piazza, contano e possono contare sui nonni e genitori,  perché sono la metà esatta e non hanno quasi figli del cui futuro preoccuparsi, in Francia l'esatto contrario. 


 Last edited by: gianlini on Sabato 07 Dicembre 2019 11:26, edited 3 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Gano di Maganza on Sabato 07 Dicembre 2019 09:38

Come mai in Italia col jobs act e la legge fornero non è successo niente di simile? Forse perché in Francia hanno ancora dei sindacati veri?

 

 

 

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Bullfin on Venerdì 06 Dicembre 2019 23:56

ulla base delle mie proiezioni

 

 

mamma mia immagino che sforzo mentale.... :)

FULTRA 10 MARZO 2020: Qui sotto la fotocopia dal vero "cialtrone medio italico" : Antitrader. Fatene una copia del pensiero per i posteri e quando tra 50 anni vorranno capire perchè l' talia sia finita miseramente

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Venerdì 06 Dicembre 2019 14:47

Basta che clicki sul link e puoi leggere tutto.

Berlusconi sarà il primo ad averlo avuto quel dato lì,  lui che gestisce gli spot pubblicitari delle società dedite al turismo e che potrebbe avere sui suoi palinsesti programmi dedicati al turismo (forse li ha già)

 


 Last edited by: gianlini on Venerdì 06 Dicembre 2019 14:54, edited 2 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Venerdì 06 Dicembre 2019 14:36

Non ho mai capito perché postare le notizie come fa Pana vi dia tanto fastidio.

In ogni caso più  13 % è un bel salto in su.

Muschio, a differenza di Berlusconi io non ho alcuna posizione politica da difendere e nessuno mi ha votato.. Ma farsi una idea della realtà mi è molto utile, ad esempio quando l'anno scorso ho comprato la licenza taxi sulla base delle mie proiezioni sulla città di Milano  o se devo prendere qualsiasi altra decisione. 

 


 Last edited by: gianlini on Venerdì 06 Dicembre 2019 14:44, edited 5 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: muschio on Venerdì 06 Dicembre 2019 14:27

No, Gianlini fa come Berlusconi con i ristoranti pieni :)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Venerdì 06 Dicembre 2019 12:03

A proposito di spostamenti...sarà che i cassonetti nostrani non offrono più occasioni...

Natale e Capodanno, prenotazioni viaggi +13%

Le più amate Maldive, Mar Rosso, Caraibi, Sud-est asiatico, Usa

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Giovedì 05 Dicembre 2019 14:39

un incrocio di dati interessante:

 

180.000 laureati e lavoratori qualificati lasciano la Germania ogni anno

Tre quarti hanno un titolo universitario. Inoltre, gli emigranti hanno circa 36,6 anni. Questo è circa dieci anni inferiore all’età media della popolazione totale. I ricercatori hanno anche scoperto che il soggiorno all’estero è per lo più temporaneo

La destinazione di gran lunga più importante per gli emigranti tedeschi negli ultimi dieci anni è stata la Svizzera a quasi 200.000, davanti agli Stati Uniti (127.000), all’Austria (108.000) e alla Gran Bretagna (82.000).

https://www.bib.bund.de/EN/Research/Migration/Projects/German-Emigration-Remigration-Panel-Study.html

---------------------------------------------------------------

...le criptovalute in Svizzera possono orgogliosamente vantare le seguenti cifre impressionanti: nei primi sei mesi del 2019 le prime 50 società blockchain hanno raddoppiato la loro valutazione da $20 miliardi a $40 miliardi. Oltre 800 aziende con oltre 4.000 dipendenti sono ora attivamente impegnate in questo settore emergente.

Inoltre sei Unicorni (start-up per un valore superiore a un miliardo di dollari) hanno sede nella Crypto Valley svizzera. L'ultimo momento saliente è arrivato alla fine di agosto: con Sygnum AG e Seba Crypto AG la Svizzera è la prima nazione ad avere due banche crypto ufficialmente approvate dall'autorità di regolamentazione responsabile. Lo scorso luglio Bitcoin Suisse AG ha inoltre richiesto una licenza bancaria e per commercianti di valori mobiliari. Tra gli altri fornitori di servizi finanziari in Svizzera ci sono Crypto Finance AG, Lykke, Token Suisse, Bity e Swiss Crypto Exchange.

Le criptovalute possono far evolvere il sistema bancario svizzero?

----------------------------------------------------------------

ovviamente sto sottolineando il fatto che un paese attira intelligenza se è aperto all'innovazione.

ps: magari gli imbecilli de "la svizzera è ricca perchè ricicla" potrebbero darsi una svegliata (non ci spero)

 

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Mercoledì 04 Dicembre 2019 14:01

dai, dai! l'eurss unita! che figata...

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Mercoledì 04 Dicembre 2019 13:39

la riforma del mes introdotto per merito di berlusconi e salvini è solo una minima parte dei discorsi in corso, tanto per dire c'è anche l'unione bancaria, poi si farà quella militare , quella fiscale, ecc. ecc. fino agli stati Uniti d'Europa ... Luigi ha detto che la valutazione si fa sull'insieme delle riforme non solo su una

salvini non vuole l'Europa e l'euro (ammesso e non concesso che quel cranio possa partorire una qualche seppur aberrante idea), vuole l'Italietta coi minibot che piglia schiaffi ovunque ... per questo mi perplime Bull che dice che vuole l'euro loda salvini e se la piglia col M5S, non ha capito un cazzo ... e non sarebbe la prima volta :-))

se tu Gano vuoi i minibot è un problema tuo,  se salvini va al governo tu che lo sogni la notte torni e rimani qui, io sicuramente espatrio

:-)

 

 

si comincia a vedere i primi risultati di Luigi ministro degli esteri e del nostro governo CAPACE (mica i coglioni precedenti) unico sottoscrittore occidentale della via della seta

https://www.tgcom24.mediaset.it/economia/dietrofrontcandy-torna-in-italia-la-produzione-di-100mila-lavatrici-da-incasso_11922226-201902a.shtml


 Last edited by: lmwillys1 on Mercoledì 04 Dicembre 2019 13:47, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Gano di Maganza on Mercoledì 04 Dicembre 2019 12:43

Quello che hai postato Lmwillys è quello che pensa Travaglio di Conte alla Camera. Questo invece è quello che penso io di Conte alla Camera.

 

Il competente Conte alla Camera si è rimediato due schiaffi. Uno lo ha preso da Salvini che gli ha dato del bugiardo. Niente di strano, Salvini è all'opposizione. L'altro se lo è preso dal Movimento Cinque Stelle in particolare da Di Maio che si è infuriato quando Conte ha detto che "tutti nel governo sapevano". 

 

Per sortire cosa? Che la riforma del MES non è più incisa nel bronzo come avrebbe voluto lui e il suo ministro dell'economia, ma verrà ridiscussa.

 

 

 Last edited by: Gano di Maganza on Mercoledì 04 Dicembre 2019 12:46, edited 3 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Mercoledì 04 Dicembre 2019 11:51

un pò di buonumore .. 'bontà sua – “non replica agli insulti” e “non fa querele” (solo a noi, nove in tre anni: tutte perse)' ... :-))

L’Eurocazzaro

(pressreader.com) – di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano – Ce ne vorrebbe uno al giorno, di confronto Conte-Salvini in Parlamento, per far capire agli italiani da chi sono governati oggi e da chi rischiano di esserlo domani. Da una parte una persona seria e competente. Dall’altro un caso umano in stato confusionale. Ieri, alla Camera e al Senato, si è visto un premier che sa ciò che dice e conosce le materie che tratta. E un aspirante successore che palesemente denota “disinvoltura a restituire la verità e resistenza a studiare i dossier”. Conte ha puntualmente ricostruito l’iter del Mes (Meccanismo europeo di stabilità), il costante coinvolgimento del Parlamento e dei ministri dei suoi due governi fin da quando, il 27 giugno 2018, appena arrivato, il premier riferì le proposte della Commissione europea. E nessuno fece una piega. Due giorni dopo, al vertice Ue, Conte propose modifiche alla bozza del Mes e l’11 dicembre tornò a riferirne alle Camere: nessun’obiezione neppure allora. Ne riparlò al Parlamento il 19 marzo, vigilia del Consiglio europeo. E di nuovo il 19 giugno, prima dell’Eurosummit decisivo. Lì perfino il leghista No Euro Alberto Bagnai gli fece i complimenti: “Mi permetta, signor Presidente del Consiglio, di ringraziarla per il fatto che lei, in applicazione di questa norma e in completa coerenza con quel principio di centralità del Parlamento, fin dal primo giorno, affermò in questa sede di voler rispettare, sia venuto ad annunciarci che questo approfondimento tecnico ci sarà”.

Intanto anche i ministri direttamente interessati, da Tria a Savona, riferivano infinite volte in Parlamento, in aula e nelle commissioni (a partire da quelle presiedute dai leghisti anti-Ue Borghi & Bagnai). E anche lì tutti muti. Per non parlare dei sette fra vertici di maggioranza e riunioni tecnico-politiche e dei cinque Consigli dei ministri convocati da Conte sul Mes o su vari temi fra cui il Mes: lì c’erano sempre il vicepremier Salvini e i suoi ministri, viceministri e sottosegretari: gli stessi che accusano il premier di aver fatto tutto di nascosto, di notte, a loro insaputa. Che facevano? Pensavano che il Mes fosse un vermouth? Dormivano? Si facevano piedino? Twittavano? Postavano su Facebook e su Instagram? Giocavano con l’iPhone? Guardavano porno sull’iPad? Se questi cialtroni straparlassero al bar o al Papeete, poco male: nessuno ne pagherebbe le conseguenze. Invece parlano ai media e in Parlamento: sono settimane che chiedono le dimissioni del premier (Salvini, già che c’è, anche l’“arresto per alto tradimento”, reato che può commettere solo il presidente della Repubblica) e scatenano risse e gazzarre in Parlamento.

Così quelle immagini e quegli sproloqui fanno il giro del mondo, screditano l’Italia e contribuiscono al rialzo dello spread, dopo mesi di bonaccia. E le conseguenze le paghiamo tutti noi. Questo è il vero, unico alto tradimento. O aggiotaggio, come suggerisce Monti. Quando Conte ha concluso il suo intervento ha parlato – anzi, ha ruttato – Salvini. Ci si attendeva che estraesse un formidabile asso dalla manica per inchiodare definitivamente il premier al suo alto tradimento e condurlo dritto e filato a Regina Coeli. Invece, come il 20 agosto – nel dibattito sulla crisi del mojito, come sempre – non aveva nulla di nulla. Nè nella manica, né nella testa.

Dopo aver calunniato Conte per giorni e giorni e mentre gli intimava di “vergognarsi” non si sa per cosa, il Cazzaro Verde si è travestito da linosotis simbolo di “umiltà” che cita Confucio senza sapere chi sia e – bontà sua – “non replica agli insulti” e “non fa querele” (solo a noi, nove in tre anni: tutte perse) perchè uso a “rispondere col lavoro”. Non avendo mai lavorato un minuto in vita sua. Si vedeva chiaramente che non ha la più pallida idea del Mes. Infatti ha attaccato un comiziaccio da bar sull’Ilva e l’Alitalia, che non c’entrano una mazza e che la Lega ha sul groppone per i suoi 10 anni al governo su 25 (il quintuplo di Conte). Poi è passato alle barzellette. Tipo questa: “Le banche in difficoltà sono in Germania, non in Italia” (ciao, core). O quella sulla raccolta firme di domenica prossima in “mille piazze d’Italia” (e perchè non centomila?) per “abrogare il Mes” (che non è stato ancora firmato e comunque non può essere abrogato) e “denunciare i papà e le mamme del trattato” (fra gli applausi dei suoi giannizzeri beotamente ghignanti, anch’essi padri e madri del Mes a loro insaputa).

In un paese normale, un politico ridotto a una figura tanto barbina si scaverebbe una fossa, ci si ficcherebbe dentro, chiuderebbe il tombino e ne uscirebbe fra quattro o cinque anni, sperando nella memoria corta della gente. Invece siamo in Italia, dunque il Cazzaro e i suoi simili continueranno a blaterare come se fossero dei politici, e non dei soggetti inabili al governo e anche al lavoro. Come quando Salvini accusò Conte di conflitto d’interessi sul caso Fiber 4.0-Retelit, poi si scoprì che il premier s’era astenuto e aveva deciso Salvini. O quandointimò al sottosegretario Spadafora di “rendere più veloci le adozioni”, poi Conte gli svelò che la delega sulle adozioni l’aveva il suo ministro Fontana. O quando accusò i giallo-rosa di aver bocciato un emendamento leghista al decreto Fiscale che prorogava le esenzioni dall’Imu agli immobili inagibili per il terremoto, poi si scoprì che era nel decreto Sisma appena approvato alla Camera. O quando strillò contro il Conte2 che imponeva ai sindaci di pignorare il conto in banca a chi “non riesce a pagare una multa”, poi si scoprì che era una balla. In questi casi, si dice che uno non c’era o, se c’era, dormiva. Il guaio di Salvini è che c’è quasi sempre, e bello sveglio. Ma purtroppo non studia, o non capisce. Dargli del cazzaro non è un insulto: è pura cronaca.