W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Mercoledì 06 Settembre 2017 16:18

Gano, avrà battuto la testa allora,.... ha un CV tutto DS-PD....l'ordine di  bloccare i migranti è partito da più in alto che non dalla sua testa, io ho detto Macron, ma vista la tempistica bisogna chiamare in causa qualcun altro ancora*.....

 

È stato dirigente dei Democratici di Sinistra, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio (Governo D'Alema I e II), sottosegretario al Ministero della Difesa (Governo Amato II) e Vice Ministro dell'Interno (Governo Prodi II), Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega ai servizi segreti nel Governo Letta dal 17 maggio 2013 al 22 febbraio 2014 e nel Governo Renzi dal 28 febbraio 2014 al 12 dicembre 2016.

Alle elezioni politiche del 2006 fu rieletto in Calabria alla Camera dei deputati come capolista dell'Ulivo.

 

* infatti è stato nominato a dicembre 2016 (quindi quando ancora nessuno conosceva Macron) e già a gennaio 2017 aveva avviato i primi contatti con Tripoli - quando ancora quindi la dottrina PD in pubblico appariva saldamente pro-accoglienza, già si muoveva in modo deciso qualcosa ai vertici

 

 


 Last edited by: gianlini on Mercoledì 06 Settembre 2017 16:31, edited 6 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Mercoledì 06 Settembre 2017 14:30

Minniti sarà, forse, un buon esecutore, ma gli ordini sono partiti dagli Champs Elysées

 

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: pana on Mercoledì 06 Settembre 2017 14:27

solo di minniti? anche le riforme economiche di trump stanno facendo ripartire l africa

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Mercoledì 06 Settembre 2017 13:52

E' bastato che arrivasse Macron all'Eliseo....e tutto è cambiato....

Immigrazione: Avramopoulos, -81% arrivi in Italia ad agosto
ROMA (MF-DJ)--"In Italia gli arrivi ad agosto sono calati dell'81% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso e sono calati del 66% tra luglio e agosto. Questo rispecchia il lavoro positivo fatto sulla rotta del Mediterraneo centrale con tutti i partner coinvolti, comprese la autorita' di Libia e Niger".

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: pana on Martedì 05 Settembre 2017 14:58

tutti sulle ruspe

Gran Bretagna, arrestati quattro militari legati a gruppo neonazista: “Preparavano atti di terrorismo” Secondo quanto ha dichiarato la polizia di West Midlands, si tratta di un 22enne di Birmingham, un 32enne di Powys, un 24enne di Ipswich e un 24enne di Northampton. I quattro sono accusati di appartenere al movimento National Action che si ispira all’ideologia nazionalsocialista, promuove l’odio razziale e l’antisemitismo ed è stato dichiarato fuorilegge dal governo

sicuramente immigrati di seconda generazione

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: pana on Lunedì 04 Settembre 2017 14:22

chissa che direbbero se il comune di rimini pagasse gli avvocati dei 4 stupratori..tutti sulle ruspe ad asfaltarli vero?
 

presunzione di innocenza, sono minorenni, reinsetimento sociale...eh questi sono italiani..mica magrebini

Montalto di Castro, nel Viterbese, messi a disposizione 5mila euro a testa
I giovani sono accusati di violenza di gruppo contro una sedicenne

Il sindaco presta i soldi per la difesa
a otto stupratori minorenni: è polemica

Lo abbiamo fatto - dice Caria - perché sono tutti minorenni e perché abbiamo applicato il principio di presunzione d'innocenza previsto dall'ordinamento. Inoltre, continua il primo cittadino, si tratta di un caso limite, reso tale dall'età dei presunti stupratori. "Anche se dovessero risultare colpevoli - conclude - le istituzioni avrebbero il dovere favorire il loro recupero e il loro reinserimento sociale".

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Bullfin on Sabato 02 Settembre 2017 16:05

Tutto giusto, anzi paradossalmente è stata condannata una persona per palpeggiamento, la cui condanna si basa solo sull'affermazione della presunta vittima. Insomma le donne se vogliono rovinarti hanno un'arma in piu'....

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: traderosca on Sabato 02 Settembre 2017 14:32

Morphi,Gianlini,nulla di nuovo in fatto di femminicidio.

Il fenomeno in Italia  non è un emergenza specifica del nostro tempo. La violenza dell’uomo sulla donna c’è sempre stata ed è molto probabile che in passato fosse molto più diffusa, basti pensare che: fino al 1963 il marito aveva il diritto, per legge, di picchiare la moglie che avesse commesso a suo giudizio un errore (ius corrigendi); fino al 1981 era in vigore il “delitto d’onore” che limitava a pochi anni la pena in caso di uccisione della moglie che con il suo comportamento avesse offeso l’onore del marito e della sua famiglia; fino al 1996 la violenza sessuale era considerata un reato non contro la persona ma contro la morale, con pene minime e irrisorie.Lo stupro non veniva condannato se lo stupratore sposava la vittima e la donna era obbligata a sposare il proprio carnefice.

La differenza sostanziale con il passato è che oggi le donne denunciano con frequenza molto maggiore le violenze subite: un segnale sicuramente positivo rispetto ad un tempo in cui abusi domestici e maltrattamenti erano taciuti e spesso addirittura considerati la “normalità”. L’aumento delle denunce ha contribuito a far scattare l’allarme. I media, sempre più attratti dalle storie tragiche, dal macabro, hanno iniziato ad occuparsi del fenomeno femminicidio morbosamente, spettacolarizzando fatti e personaggi, drammatizzando numeri e cifre.Un tempo uno stupro e pure un delitto d'onore veniva taciuto,ora uno schiaffo in un perduto paese siculo o sardo viene portato alla ribalta su tutti i mezzi di informazione.

Impossibile fare confronti col passato.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Morphy on Sabato 02 Settembre 2017 12:30

"Il fenomeno in questo senso è nuovo e merita di essere approfondito e studiato."

 

C'è da contare Gianlini, non da studiare.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Sabato 02 Settembre 2017 12:25

Morphy, cercherò di documentarmi dati numerici alla mano anche su questo, ma l'impressione è che al di là della frequenza più o meno diminuita, i motivi degli attuali omicidi di donne siano profondamente diversi da quelli di delitti di anni fa.

Il fenomeno in questo senso è nuovo e merita di essere approfondito e studiato.

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Morphy on Sabato 02 Settembre 2017 11:22

Intendevo proprio questo. E cioè che se 50anni fa il femminicidio era 20 o 30 volte maggiore (sparo a caso) andare a strillare e ancor più a legiferare ora che il fenomeno si è quasi estinto signifca che sui media si fa notizia per questioni poco chiare al popolo. Come dicevo il fumo fa pil e nel fumo il mariuolo fa debito di stato. Guarda un pò...

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: traderosca on Sabato 02 Settembre 2017 11:16

"Sul femminicidio , per esempio, si potrebbe andare anche a verificare quando è nato il fenomeno mediatico (cioè in quale data (credo circa 5 anni fa)) e segnare questo punto sullo storico delle morti di donne (per mano di uomo) negli ultimi 50 o 70anni."

 

Morphi,sino a circa 50 anni fa i femmnicidi è probabile che fossero molti di più,anche la legge giustificava il delitto d'onore!!!

 


 Last edited by: traderosca on Sabato 02 Settembre 2017 11:18, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Morphy on Sabato 02 Settembre 2017 11:09

Gianlini, potresti andare anche a rapportare i tassi di suicidio all'interno della discussa Foxconn (che di fatto è l'inferno capitalista) con i tassi di suicidio, per esempio, in Italia. Stessa cosa potresti andare a smontare la bufala del femminicidio e capire che gli uomini che uccidono le donne sono in una normale proporzione. Sul femminicidio , per esempio, si potrebbe andare anche a verificare quando è nato il fenomeno mediatico (cioè in quale data (credo circa 5 anni fa)) e segnare questo punto sullo storico delle morti di donne (per mano di uomo) negli ultimi 50 o 70anni.

 

Si potrebbe fare tutto questo tipo di semplice lavoro su qualsiasi stronzata che i media raccontano. Sulle malattie per esempio quelle che devono combattere i famigerati vaccini. Certo è che se entri nel mondo dei dati, cioè della matematica, la fuffa ha vita corta. E con essa tutti i fuffologi (psicologi, giornalisti, comunicatori, espertologi vari). Un tempo si diceva "tutto fumo e niente arrosto", oggi ci accorgiamo che il fumo è il dio da consacrare senza il quale l'occidente vedrebbe il PIL dimezzato. Se si guarda all'IBM (che quando sento questo nome mi inginocchio a pregare a mo di musulmano), ha dovuto cedere il passo allo strapotere di Apple o Facebook le quali si sono concentrate su cose tipo chat per mogli in fregola e telefoni buoni per i selfie.


 Last edited by: Morphy on Sabato 02 Settembre 2017 11:10, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Sabato 02 Settembre 2017 10:06

Bravo Morphy,

Proprio stamattina leggevo della terza vittima in pochi giorni sacrificata al moloch del Chantarellus cibarius (volgarmente detto Gallinaccio o finferle) e del Boletus edilis (cosiddetta brisa)....

Appena possibile farò 4 calcoli per il buon Josè

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Morphy on Sabato 02 Settembre 2017 00:21

Dott. Jose, l'unica conseguenza certa dopo la nascita è la morte. Cioè prima o poi muori. Non sono mai andato a controllare, ma sono più che sicuro che il tasso di mortalità delle persone (per incidenti) nei luoghi di lavoro è di gran lunga inferiore di quello che si registra nella media delle altre attività umane. Vai a controllare e poi vedi che se vuoi stare al sicuro devi andare in fabbrica. Ma devi prenderti la briga di andare a controllare i dati (al limite chiedi a Gianlini che lui una ricerca te la fa giusta di sicuro).