W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)

 

  By: Gano* on Venerdì 26 Luglio 2013 14:43

i musulmani sono incredibili in questo, passano pochissimo tempo con le loro donne, e lo utilizzano, evidentemente, appieno per espletare le funzioni fondalmentali....;) ------------------------------------------------------------------------------------------- E' vero. Però hanno anche generalmente un' alta mortalità. Quindi tanto furbi non devono essere.

 

  By: gianlini on Venerdì 26 Luglio 2013 14:27

credo che gli italiani , forse insieme a tedeschi, siano all'apice mondiale dell'inefficienza procreativa in pochi stanno così tanto tempo insieme alle donne e fanno così pochi figli.... i musulmani sono incredibili in questo, passano pochissimo tempo con le loro donne, e lo utilizzano, evidentemente, appieno per espletare le funzioni fondalmentali....;)

 

  By: Gano* on Venerdì 26 Luglio 2013 14:03

Gianlini, oltre all' aumento della natalità in Russia c'e' anche la diminuzione della mortalità dal picco raggiunto nel 2001. La diminuzione di mortalità, unita ad un aumento della natalità è un chiaro ed innegabile segnale di miglioramento della qualità della vita. I dati saputi leggere nel loro insieme dicono molto. La mortalità è ovviamente il dato ultimo a cambiare, è il dato diciamo fra tutti più elastico, perché nella speranza di vita, oltre alla componente di mortalità infantile e neonatale, che cambia piuttosto rapidamente, sconti per gli adulti gli anni vissuti durante la caduta del comunismo e nell' era Yeltsin, anni certamente poco salubri e che paghi oggi nella tua aspettativa di vita, cosa che dà una certa inerzia al sistema. Comunque l' andamento mi sembra molto chiaro. Mi aspetto anche un futuro ulteriore rapido decremento della mortalità. quando raggiungeranno la vecchiaia quelli che hanno vissuto l' adolescenza e la maturità dopo il 2000. Poi uno può continuare a fare tutte le elucubrazioni che vuole, tirare fuori i kazaki, i musulmani, i cinesi, l' aborto, i comunisti, la cultura del Niger... Ma i numeri sono numeri.

 

  By: gianlini on Venerdì 26 Luglio 2013 13:11

Gano, io sono convinto che lo "star meglio" non c'entra niente, poi ognuno resterà della propria idea e tutto sommato non c'è in palio niente non c'è Paese al mondo in cui si noti una correlazione positiva fra andamento economico e numero di figli in tutti i Paesi e culture e luoghi del mondo avviene sempre l'esatto contrario, il paese dove fanno più figli è il Niger! immagino che in Russia ci sia invece un generale sentimento di rinascita che favorisce nel breve la natalità; tieni inoltre conto che usano ancora sposarsi giovanissimi, e questo non sfavorisce di certo il numero di figli.... PS il motivo per cui in russia pur stando male fino al 2000 facevano pochi figli era che grazie al comunismo, differenemente dalla stragrande maggioranza dei paesi poveri, potevano ricorrere a contraccezione ed aborto

 

  By: Gano* on Venerdì 26 Luglio 2013 13:02

cinesi/asiatici (kazaki, mongoli,ecc.ecc.) ----------------------------------------------------- Gianlini, non la fare così lunga e pallosa. Il grafico due spiega tutto. La crescita è omogenea dappertutto. Sicuramente ANCHE i kazaki e i mongoli, stando meglio nell' era Putin/Medvedev faranno più figli di quanti ne facevano prima. E' ovvio. E' lo stesso discorso che vale anche per i bianchi. Non capisco cosa tu voglia dimostrare... PS L' articolo che hai postato è vecchio. E' del 2006... le cose sono cambiate (parecchio) nel frattempo.

 

  By: gianlini on Venerdì 26 Luglio 2013 13:00

Gano, da 20 a 21 bambini, non farmi essere volgare ma basta "una scop...a in più"!!! io ho parlato sia di musulmani che di cinesi/asiatici (kazaki, mongoli,ecc.ecc.) (a Milano i cinesi ad esempio sembrano molto prolifici, si vedono spesso due o tre bambini per coppia) "La componente musulmana nel computo delle nascite c'era infatti anche in precedenza" ho parlato appposta di "rinnovato orgoglio musulmano",....i musulmani nella Russia comunista era quasi "bianchizzati" (se mi passi questo termine) e facevano più o meno gli stessi figli che facevano gli altri, è ora che si sono "riscoperti" .... cmq c'è l'articolo che ho postato che ne parla diffusamente e copio, da Wikipedia: Demographics[edit] The majority of Muslims in Russia adhere to the Sunni branch of Islam. About 5% are Shi'a Muslims. In a few areas, notably Dagestan and Chechnya, there is a tradition of Sunni Sufism, which is represented by Naqshbandi and Shadhili schools, whose spiritual master Shaykh Said Afandi al-Chirkawi receives hundreds of visitor daily.[15] The Azeris have also historically and still currently been nominally followers of Shi'a Islam, as their republic split off from the Soviet Union, significant number of Azeris immigrated to Russia in search of work. According to the western media, the Orthodox Church of Russia is said to be concerned with the growing estimates that Muslims are poised to become a rapidly growing minority and potentially a majority by the year 2050.[16][17][18][19] While various Muslim sources claim that Islam is the fastest growing religion in Russia and that ethnic Russians are converting to Islam in large numbers.[20] Notable Russian converts to Islam include Vyacheslav Polosin,[21] Vladimir Khodov and Alexander Litvinenko, a defector from Russian intelligence, who converted on his deathbed.[22][23]

 

  By: Gano* on Venerdì 26 Luglio 2013 12:56

Gianlini, c'è il grafico numero due a dimostrarlo. La crescita è omogenea in tutte le aree della Russia, musulmane e non.

 

  By: gianlini on Venerdì 26 Luglio 2013 12:54

Gano, chapeau! PS l'unico cosa che ti contesto è che il rinnovato orgoglio musulmano (emerso prepotentemente un po' dappertutto nell'ultimo decennio) e cinese-asiatico non possa giustificare un aumento del 5,6 % (cinque virgola sei percento, non di 5,6 sei volte tanto come forse hai letto tu la cifra) - cioè nel 2011 nascevano 20 bambini nel 2012 ne sono nati 21..... per esempio c'è questo articolo: http://www.asiantribune.com/index.php?q=node/211

 

  By: Gano* on Venerdì 26 Luglio 2013 12:53

Sono d' accordo. Ma non c'è bisogno dell' Euro. Basta estendere l' Unione anche alla Russia. A quel punto hai tecnologia, ricchezza, risorse naturali e soprattutto controllo delle rotte, fino ad oggi appannaggio degli americani. Oltre ad avere l' ombrello atomico russo per proteggerle. Ma non te lo permetterebbero mai. Perché pensi che gli USA abbiano spostato le basi dalla Germania Ovest alla Polonia, Paesi Baltici e Cecoslovacchia? E i paesi di mezzo, quelli che dividono l' Occidente dalla Russia hanno quasi tutti governi fantoccio messi lì per impedirlo, a parte -forse- l' Ungheria e la Bielorussia.

 

  By: pana on Venerdì 26 Luglio 2013 12:49

ma sopratutto ha detto che fara entrarela Russia nel EURO per creare una NUOVA VALUTA DI RISERVA che eclissera il dollaro possiamo ance tornare alla lira ma sareme sempre schiavi di un debito estero finche importeremo petrolio qotato in dollari il trucco e avere il petrolio quotato in euro grande Putin !

 

  By: Gano* on Venerdì 26 Luglio 2013 12:39

L' era Putin/Medvedev in occidente è stato definita spesso poco meno che mostruosa. Eppure ha riportato in mano "russa" il gas e il petrolio, ha ripagato in anticipo il debito estero (con grande scorno di UE e FMI che hanno strillato perché non volevano assolutamente riscuotere in anticipo, strano vero?), ha messo una flat tax del 13%, ha ridimensionato gli oligarchi, ha protetto le imprese locali dalla concorrenza estera, ha ridato dignità e peso alla religione ufficiale (cristiana), ha dato una raddrizzata alla Georgia che gli fomentava la rivolta in Cecenia (infatti ora di cecenia non se ne sente più parlare) e tutto sommato se ne è pure sbattuto altamente di un certo tipo di diritti civili soprattutto "matrimoniali" che vanno tanto in voga ora in occidente. Poi ci si meraviglia se il tasso di natalità in Russia è in forte aumento, se la sua economia cresce di un 3-7% annuo (a seconda delle annate), se i salari medi sono passati in pochi anni da 200$ ad 800$ il mese. In città come San Pietroburgo gli stipendi medi mensili sono ora di 56.627 rubli (circa 1.400 €) al mese, (ci sono i siti di costruzione automobilistici, i maggiori sono Hyundai e Toyota, il settore alta tecnologia dell' industria militare, che rappresenta la seconda voce di esportazioni dopo l' energia e le risorse naturali, e il terziario dalla finanza/assicurazioni alla pubblicità). L' era Putin/Medvedev ovviamente non è perfetta, in Russia si potrebbe fare di più e meglio, come dappertutto. Ma ricordo come fosse ieri, ai tempi del "liberale", "progressista" ed "occidentale" Yeltsin, quando l' incauto si affidava al consiglio degli economisti americani della scuola di Chicago. Ricordo benissimo le file interminabili in Prospettiva Nevskij per farsi consegnare le fried chicken wings dalle ONG americane (*). Quando le pensioni non venivano pagate, le banche detenute dagli oligarchi "fallivano" improvvisamente facendo sparire dal giorno alla notte i risparmi dei cittadini, il petrolio russo stava per finire in mani occidentali e la gente *letteralmente* moriva di fame. Se non avete conosciuto la Russia prima e dopo non potete capire. (*) Oggi Prospettiva Nevskij è una via elegantissima, con bei negozi e frequentata da russi trendy.

 

  By: GZ on Venerdì 26 Luglio 2013 01:26

il grafico che ho mostrato io è preso da Forbes di un mese fa e l'articolo spiegava che in Russia la fertilità è salita appunto sopra 1,5 mentre nel resto d'Europa dell'Est è a 1,3 no. Oggi c'era un articolo che notava che la Russia ha superato l'America come fertilità ! nonostante l'america sia pieni di messiani, neri, asiatici... ^7/25/2013 'Dying' Russia's Birth Rate Is Now Higher Than The United States'#http://www.forbes.com/fdc/welcome_mjx.shtml^

 

  By: Gano* on Giovedì 25 Luglio 2013 22:23

Dopo il comunismo e la catastrofe Yeltsin, le cose in Russia ora con Putin stanno migliorando. Il grafico sotto è inoppugnabile: l' era Putin comincia nel 1999. PS Gianlini, è praticamente impossibile che un 8% di musulmani possano fare aumentare in un anno il birthrate totale del 5,6%. L' aumento è stato dato per la stragrande parte dai bianchi. Fatti due conti... Il Moderatore non ha tutti i torti quando dice che sei negato con i numeri e le statistiche ;-) infatti, come diceva più sotto GZ, la Russia è probabilmente l' unica nazione dove la popolazione stia aumentando in termini di numero di bianchi. Il secondo grafico ti dice anche che l' AUMENTO del fertility rate è stato pressoché UGUALE in tutte le regioni della Russia, che avviene quindi indipendentemente dal gruppo etnico ma è ugualmente distribuito all' interno di tutta la popolazione. Se vuoi suddividerlo per aree geografiche come avevi fatto tu, allora perché abbia senso e' la CRESCITA nel tempo del fertility rate che devi guardare, NON il fertility rate! Questo direi che tagli la testa al toro e chiuda la nostra discussione (Gianlini, vedi fig. 3)

 

  By: gianlini on Giovedì 25 Luglio 2013 18:53

Zibordi, i numeri sono numeri!!! 1,33 è il tasso (o hai già il dato 2013, in anticipo di 5 mesi?) MOSCOW, May 25 (RIA Novosti) - The birth rate in Russia grew by 5.6 percent year-on-year in 2012, Russian Health Minister Veronika Skvortsova said on Friday. “In 2012, birth rate increased by 5.6 percent - from 12.6 to 13.3 [births] per 1,000 people,” she said.

 

  By: Moderatore on Giovedì 25 Luglio 2013 18:20

la Russia è la linea rossa, l'altra linea è il resto dell'Europa dell'Est per mostrare il contrasto, i dati ultimi sono sull'1,54 per la Russia e 1,33 per l'Europa dell'Est ma dai ci sono 300 articoli in giro sul boom delle nascite in Russia basta che provi a guardare, è l'unico paese abitato da bianchi in cui negli ultimi cinque anni le nascite sono aumentate e ha fatto notizia L'Italia oggi se guardi gli italiani autoctoni è probabilmente scesa allo 0,5 per donna