W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Peavey on Martedì 08 Gennaio 2019 08:21

forse basterebbe pagarli il giusto e farli lavorare in condizioni umane.

 

Certo che se chiedi 300 camionisti e proponi..."disponi"  uno stipendio di 500 euro al mese, quelli ti fanno il gesto dell'ombrello.

 

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: pana on Martedì 08 Gennaio 2019 07:17

sicuro gian ?? qua ci dicono che ce grossa grisi...non gira piu una lira...e poi nn si trovano le colf?

pensa che leggo spesso anche la carenza di camionisti, ma come ??

Le nostre imprese sarebbero pronte ad assumere subito, ma autisti non se ne trovano. La stima su base nazionale parla di una mancanza di circa 15.000 professionisti. In provincia di Treviso i dati in nostro possesso ci dicono che le imprese di autotrasporto potrebbero assumerne, da subito, oltre 300”.

u  

  By: gianlini on Martedì 08 Gennaio 2019 00:34

Cmq non ci crederete, ma sto avendo difficoltà a trovare una donna che venga 3 ore la settimana a pulirmi casa....è da ormai 3 mesi o forse 4 che provvedo io ma oltre a non piacermi sono anche scarso....

Col fatto che Milano si è riempita di anziani e di giovani professionisti rampanti, quelle che ho contattato, sono tutte occupate.


 Last edited by: gianlini on Martedì 08 Gennaio 2019 00:34, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lutrom on Lunedì 07 Gennaio 2019 19:02

E per dare tutti quei soldi a Vespa e somari simili, andiamo a spillar soldi ai disoccuoati con il canone obbligatorio sulla bolletta. LADRI!

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Lunedì 07 Gennaio 2019 14:53

ahahah! ma siete normali?

andateci voi, e chiedete un po' in giro quanto sia piaciuto agli abitanti vivere nell'unione delle repubbliche SOCIALISTE sovietiche (quelle che piacciono tanto a anti e oscar)

le magliedilana sono teste di cazzo che sacrificano le vite altrui nella speranza di guadagnare spiccioli di sopravvivenza

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: traderosca on Lunedì 07 Gennaio 2019 11:30

Allora ci mandiamo Xtol in quei bei paesi.....

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Lunedì 07 Gennaio 2019 10:55

le repubbliche caucasiche e centroasiatiche tipo Tajikistan o Kirghykistan sono praticamente così, Anti.

 

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: antitrader on Lunedì 07 Gennaio 2019 10:05

Nel mondo di Xtol non ci sarebbe lo stato e nemmeno la televisione.

Ogni piccola comunita' sarebbe governata dal mafioso locale,

quanto alle televisione chi avrebbe mai imparato a fare i chip? (mica facile fare i chip).

Tutti a fare i pecorai, pollai e caprai, e a ferragosto tutti a portare il cappone al signorotto delinquente.

vita sana! Vita salutare!

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Lunedì 07 Gennaio 2019 10:01

Come faccia ancora a raccogliere tanta pubblicità (e pagare certi stipendi) è un mistero.

 

coi tuoi (e i miei) soldi, c.......!

le magliedilana sono teste di cazzo che sacrificano le vite altrui nella speranza di guadagnare spiccioli di sopravvivenza

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: hobi50 on Lunedì 07 Gennaio 2019 09:56

Io non riesco ad avere un'idea su quale televisione sia meglio per il cittadino.

Non mi va che il governo di turno abbia nelle sue mani uno strumento di propaganda così potente.

Ne mi va che il "riccastro" goda dello stesso privilegio.

 

Hobi

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Lunedì 07 Gennaio 2019 09:35

La televisione ormai è un mistero.

Fra le persone che conosco (me incluso) pochissime guardano più la televisione, soprattutto trasmissioni tipo Porta a Porta o Domenica In.

Quasi tutti sono migrati su Netflix, Sky, Youtube o semplicemente portano il cane a pisciare la sera.

Come faccia ancora a raccogliere tanta pubblicità (e pagare certi stipendi) è un mistero.

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Tuco on Lunedì 07 Gennaio 2019 09:25

Rimosso perché inutile


 Last edited by: Tuco on Lunedì 07 Gennaio 2019 09:28, edited 2 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: traderosca on Lunedì 07 Gennaio 2019 09:24

il vecchio adagio "quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito" è sempre attuale.

1- si indica che lo stato non funziona bene?

lo stolto guarda il dito,fa due conti da pizzicagnolo ed ecco la luna" lo stato italiota fa il male degli italiani e prima sparisce meglio è."

lo stato non va eliminato,ma riformato!!!

 

2- si indica lo squallore della rai?

lo stolto guarda lo squallore della rai e non vede lo squallore delle tv private.Anzichè proporre una revisione della tv di stato

tra l'altro esistente in diverse forme in  tutto il mondo,la luna:eliminare la tv di stato sostituendola con la tv privata di berlusconi...............

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Lunedì 07 Gennaio 2019 08:30

il vecchio adagio "quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito" è sempre attuale.

1- si indica che l'unità d'italia è stata un disastro per il meridione?

lo stolto guarda il dito, fa due conti da pizzicagnolo ( restituito con interessi ) che, quand'anche fosssero veri, indicherebbero comunque la luna: lo stato italiota fa il male degli italiani e prima sparisce meglio è.

2- si indica lo squallore della rai?

lo stolto guarda lo stipendio di vespa e non vede la luna: ma dove sta scritto che debba esserci una tv di stato????

 

le magliedilana sono teste di cazzo che sacrificano le vite altrui nella speranza di guadagnare spiccioli di sopravvivenza

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: traderosca on Domenica 06 Gennaio 2019 23:18

Il suo lavoro per Porta a Porta nel 2016 è stato retribuito con un compenso annuo di 1 milione 930 mila euro totali per 120 puntate. A questa cifra va sommato il milione aggiuntivo per prestazioni extra.

Con il nuovo contratto, Bruno Vespa guadagna il 30% in meno: per 120 puntate di Porta a Porta, infatti, guadagna ogni anno 1 milione 200 mila euro.

A queste cifre, vanno aggiunti gli incassi dai suoi libri editi da Rai Edi e Mondadori: Bruno Vespa pubblica un libro ogni anno e spesso nel periodo che precede le vacanze Natalizie, che spesso diventa un bestseller del mese.

Nonostante sia difficile stimare il guadagno dai diritti dei libri venduti, non è difficile immaginare che sia una somma molto elevata, vista la distribuzione nazionale e capillare, la promozione anche televisiva e la quantità di titoli pubblicati.