Gates of Hell

 

  By: DOTT JOSE on Lunedì 31 Marzo 2014 17:30

Caro signor Vaicru, non nutro alcun dubbio che il veneto medio,chiamato ad un plebiscito , voti per la secessione. Mi ricordo un Kompagno che durante le manifestazioni contro la Nato e D'Alema maggiordomo (che bei temppi! che bei ricordi !!! Massimo d'Alema ti sei trasformato, eri comunista sei servo della Natooooooo) Per farla breve questo tizio mi ripeteva sempre "Dime can, no dime talian!",e poi una gragnuola ininterrotta di bestemmie tradotto "preferisco farmi dire che sono un cane piuttosto che italiano"

 

  By: Vaicru on Venerdì 28 Marzo 2014 05:39

I veneti nel mondo sono tanti. D'altronde se votano gli italiani all estero allora è giusto che votino anche i veneti all estero Ostreghetaaaaaa

 

  By: Moderatore on Giovedì 27 Marzo 2014 19:54

dove lo hai letto ? (due milioni erano troppi...)

 

  By: DOTT JOSE on Giovedì 27 Marzo 2014 17:02

IL plebiscito veneto per l'indipendenza era farlocco, il 10 % ha votato dal Cile tanti voti da Serbia e Germania, "EL LEON L'E UN TAROKKON !" come i vetri di murano fatti dai cinesi! #b#OSTREGHETAAAA#/b# Un elettore su dieci si è addirittura collegato da un indirizzo internet corrispondente a Santiago del Cile, capitale sudamericana che evidentemente ha a cuore l'indipendenza della nostra regione dallo Stato centrale.

 

  By: DOTT JOSE on Mercoledì 26 Marzo 2014 17:05

la Royal Mail licenzia 1600 lavoratori dopo il collocamento in borsa, il tuo licenziamento il mio profitto il tuo dolore la mia gioia questo è il vero volto del capitalismo finanziario neoliberale http://www.pane-rose.it/files/index.php?c3:o42948:e1

 

  By: shabib on Martedì 18 Marzo 2014 13:38

se chi ha governato avesse una coscenza questi dati gli dovrebbero pesare assai .... Effetto crisi: impennata di suicidi nel 2013, la metà erano imprenditori Questo articolo è stato pubblicato il 15 febbraio 2014 alle ore 15:24. Un suicidio ogni 2 giorni e mezzo. Nell'anno 2013 sono state complessivamente 149 le persone che si sono tolte la vita per motivazioni economiche, rispetto agli 89 casi registrati nel 2012 di cui il 40% nel solo ultimo quadrimestre. Sono questi gli ultimi dati resi noti da Link Lab, il Laboratorio di ricerca socio-economica dell'Università degli Studi Link Campus University, che da oltre due anni studia il fenomeno e che adesso pubblica i dati complessivi di un'attività di monitoraggio avviata nel 2012. Circa un suicida su due (45,6%) è imprenditore (68 i casi nel 2013, 49 nel 2012) ma, rispetto al 2012, cresce il numero delle vittime tra i disoccupati: sono 58, infatti, i suicidi tra i senza lavoro, numero che risulta più che raddoppiato rispetto al 2012 quando gli episodi registrati furono 28. Dopo i mesi estivi, il numero dei suicidi per ragioni economiche è tornato a salire vertiginosamente a settembre, con 13 episodi registrati; ottobre ha contato 16 vittime, novembre ha registrato 12 casi mentre nell'ultimo mese dell'anno in cui le vittime sono state ben 18. In 19 casi si è arrivati al gesto estremo per stipendi non percepiti. Il fenomeno non conosce differenze geografiche: al Sud come al Nord. Nel 2012 il numero più elevato dei suicidi per motivi economici si registrava nelle regioni del Nord-Est (27 casi con un'incidenza percentuale pari al 30,3%), un'area geografica a maggior frequenza di suicidio tra gli imprenditori a causa della maggiore densità industriale. L'analisi complessiva dell'anno 2013 sottolinea come il fenomeno sia andato uniformandosi a livello territoriale interessando con la stessa forza tutte le aree geografiche. Persino nel Mezzogiorno dove il tasso dei suicidi per crisi economica é sempre stato storicamente più basso rispetto alla media nazionale, vi è stato un allarmante aumento del numero dei suicidi: 13 i casi complessivi dell'anno 2012 a fronte dei 29 del 2013. Nel 2013 il numero più elevato di suicidi per ragioni economiche si è registrato nel Nord-Ovest che vede triplicato il numero delle vittime che passa da 12 dell'anno 2012 a 35 nel 2013. A seguire le regioni centrali con 33 casi (22,1%) a fronte dei 23 del 2012 (25,8%) e il Nord-Est con 32 (21,5%), dato quest'ultimo in linea con quanto registrato nel 2012 quando gli episodi sono stati 27. Sono invece 19 i casi di suicidio registrati nelle Isole (14 nel 2012). http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-02-15/effetto-crisi-impennata-suicidi-2013-meta-erano-imprenditori-151241.shtml?uuid=ABCjHow

 

  By: DOTT JOSE on Martedì 18 Marzo 2014 11:13

Piena solidarietà a Enrico Ceci licenziato dal BancoDesio solo per avere fatto il suo dovere e aver denunciato illeciti,frodi e malaffare, ma sisà l' Italia è il paese del sottosopra ! http://www.pane-rose.it/files/index.php?c3:o42881:e1 tutti a Bologna in Piazza dei Tribunali !

 

  By: pana on Mercoledì 12 Marzo 2014 12:58

grandissimo ,stellare, galattico e stupendo esempio di coerenza da Krugman che molla una univerista privata per l 1% e va ad insegnare in un ateneo pubblico l’attuale Slow Economy, la ripresa debole degli Stati Uniti, è frenata dal modello diseguale che concentra troppe risorse in una ristretta oligarchia, e lesina il potere d’acquisto nella maggioranza della popolazione. http://rampini.blogautore.repubblica.it/2014/03/03/il-nobel-krugman-lascia-la-superfacolta-privata-per-un-college-statale/

 

  By: DOTT JOSE on Martedì 04 Marzo 2014 16:38

altro schiaffone in pieno viso ricevuto dal nostro martoriato paese oramai ridotto a colonia dagli imperialisti di tutto il mondo Usa-Italia 1-0 La sovranità, il valore e l’onore di una nazione passano anche e non solo da episodi come questo che andremo a raccontarvi, perchè in Sicilia gli Stati uniti hanno vinto e l’Italia ha perso Via da questa Nato via da questo Euro ! http://www.ilprimatonazionale.it/2014/01/28/il-muos-in-sicilia-e-ultimato-ennesima-vittoria-americana/

 

  By: gianlini on Lunedì 03 Marzo 2014 09:46

Zibordi.... se si organizzasse per tre mesi di seguito una volta al giorno il derby a Roma avresti alla fine il triplo di morti e feriti avutisi in Ucraina la cosa che faceva impressione in ucraina era la capacità di starsene giorno e notte a -20 °C lì fermi nella piazza

 

  By: temistocle2 on Lunedì 03 Marzo 2014 01:11

in Ucraina c'era fino a poco tempo fa la leva obbligatoria e venivano addestrati a fare guerriglia contro l'ipotetico invasore (suppongo occidentale). La Russia non ha via facile a entrare pesantemente nel territorio (e si inimicherebbe anche parecchi filorussi), c'è il rischio che questi che hanno organizzato "la rivoluzione" riescano a far arrivare armi serie a questa carne da cannone che hanno trovato ben disponibile nella massa dei disoccupati e frustrati. Evidentemente non era previsto un cambiamento così veloce, già prima del blitz russo ho letto di sfuggita di qualche esponente europeo che invitava il nuovo governo a disarmare "certi estremisti"... ma ho anche letto oraora cambiamenti di bandiera di grandi numeri dell'esercito ucraino che passa con i russi. Sicuramente metà Ucraina ritorna alla Russia, mi stupisce che venga fatta così poca propaganda "dall'altra parte", erano maestri un tempo (almeno fino a che quella componente intellettuale , che ricorda sempre Zibordi, non è emigrata in un nuovo paese più a sud...) ma nessuno denuncia la Nuland per terrorismo internazionale e altre amenità? voglio dire, alle ultime elezioni un imbecille ha fatto un esposto contro Berlusconi per voto di scambio per il discorso dell'IMU...

Dimostranti giornalmente pagati in dollari - Moderatore  

  By: Moderatore on Lunedì 03 Marzo 2014 00:14

ci sono dozzine di video di poliziotti che bruciano anche di un mese fa e che i cecchini sparassero dalla parte dei militanti è documentato Quello che sarebbe importante è notare che gli oligarchi ukraini, gente che ha anche da uno a cinque miliardi di euro in un paese che rischia la bancarotta per dieci o quindici miliardi di euro, PAGANO GIORNALMENTE I DIMOSTRANTI PER DIMOSTRARE, cioè gli versano una diaria o stipendio per andare a Kiev a dimostrare. Ma non solo loro. Stando a quello che è trapelato dalla telefonata intercettata all'ambasciatrice americana Nouland ^l'ambasciata USA sta organizzando la rivolta#https://www.youtube.com/watch?v=X0PeFBvHiK4^. Come ? Distribuendo cash ai dimostranti. Cioè questi 5 miliardi di dollari che la Nouland ha detto di aver speso sono andati a finanziare le dimostrazioni sotto forma di ^quotidiane distribuzioni di dollari...#http://takimag.com/article/the_wisdom_of_a_ukrainian_plumber_theodore_dalrymple#axzz2uqVe6QW4^. Sembra che ci sia una specie di mercato giornaliero a Kiev per i dimostranti, in certi momenti ricevono di più e in altri di meno. Ovviamente ci sono anche gli oligarchi dalla parte dei russi che pagano i loro dimostranti, ma si vede che forse hanno meno soldi. La Nouland ha dichiarato pubblicamente, in una conferenza stampa, che ^gli USA hanno speso 5 miliardi di dollari per rovesciare il regime#https://www.youtube.com/watch?v=U2fYcHLouXY^ ukraino negli ultimi anni, prima con la "rivoluzione arancione" e poi adesso con queste dimostrazioni violente Prova a pensare, se hai circa 100mila persone in piazza per due mesi e ti costano ad esempio anche solo 10 dollari al giorno che in Ukraina per dei disoccupati è sufficiente e sono 10 dollari X 100mila X 60 = 60 milioni di dollari... non ci vuole molto... comunque non bisogna dimenticare riguardo all'Ukraina, che anche ^ha dei miliardari molto spiritosi#http://www.youtube.com/watch?v=sfvph08lr3s^, guarda il famoso video di alcuni anni fa in cui festeggiano il compleanno di uno di loro

 

  By: gianlini on Domenica 02 Marzo 2014 23:53

zibordi, nel video si vede solo che i poliziotti ucraini si limitano a cercare di tenere la posizione ma caspita!! una pistola per sparare a 'sti poveri cristi di poliziotti non gliel'avevano data???? e poi la folla sembra proprio un misto di gente qualsiasi, qualche giovane irrequieto, ma anche tanti di mezza età che non sembrano proprio dei mostri di culturismo; tanto per dire moltissimi sono a capo scoperto, una cosa che in un qualsiasi corteo no-tav nostrano non avverrebbe, tutti avrebbero un bel casco qui sembra proprio che qualcuno abbia dato l'ordine di lasciare fare (forse come pretesto per poi invadere ed appropriarsi della zona russa dell'ucraina

 

  By: Moderatore on Domenica 02 Marzo 2014 23:12

Sicuro, come esercito moderno tecnologico nel suo complesso non c'è dubbio che oggi l'America ad esempio schiaccerebbe la Russia in un attimo e volendo si possono trovare anche filmati di allenamenti di Forze Speciali USA molto duri Quello che volevo segnalare è l'attitudine di base primitiva, "paleo", di questa gente evidente anche nei combattimenti di piazza a Kiev e nei video delle milizie ukraine nazionaliste. Guarda questo ^video dell'assalto ad un ministero dove massacrano dei poliziotti#https://www.youtube.com/watch?v=stK3YPz6WTc^ Non è mica stata una rivoluzione popolare in cui la maggioranza del popolo è insorto, è stato il rovesciamento di un governo da parte di militanti o miliziani o chiamali come vuoi che hanno combattuto in strada per due mesi, anche sparando, hanno ammazzato di botte decine di poliziotti.... Non dico che Yanukovich il puzzone fosse meglio e non dovesse essere cacciato, ma è stato un classico movimento di tipo nazionalista, quello che di solito viene definito come fascista. Finanziato però con 5 miliardi di dollari stando a quello che ha detto l'ambasciatrice americana Victoria Nuland dall'America, più altri soldi delle fondazioni di Soros e anche, strano ma vero, di Pierre Odumyar o come si chiama, il miliardario di origine iraniana fondatore di Ebay ^"Right sector. Ukrainian Revolution 2014"#http://www.youtube.com/watch?v=uJmHIXVK95Y^

 

  By: Lelik on Domenica 02 Marzo 2014 22:54

Zibo, mi permetto di ridurre un pochino il mito dell'esercito dell'Est forte, preparato e magari invincibile. Prima di tutto segnalo che nelle ultime ore in Russia stanno "mobilitando" tutti gli uomini che hanno fatto il militare. Ovvero stanno mettendo in pre-allarme quelli circa fino a 40 anni, per un eventuale richiamo in esercito. Lo so perchè ho parenti là (proprio a Rostov-na-Donu dove si è rifugiata quella bella persona dell'ex-presidente dell'Ucraina)... Crede che questi che potrebbero essere "mobilitati" come dicono loro (spesso anche buoni bevitori, tanto per dire) siano guerrieri addestrati, preparati e particolarmente efficienti in caso di guerra? E non è che sia una cosa odierna, ovvero che la Russia di oggi sia più flaccida di quella di ieri. In Russia molte persone sostengono (e penso con ragione) che uno dei motivi della guerra sovietica persa di fatto in Afghanistan sia proprio dovuto al fatto che l'esercito era assolutamente impreparato. Era composto in larga parte da ragazzini appena maggiorenni, senza preparazione e nessuna capacità militare reale. E che era mandato al massacro. Senz'altro c'è un numero limitato di guerrieri preparati, armati e spietati nell'esercito (magari più alto che in occidente). Ma non è assolutamente nè regola, nè maggioranza.