Torture e sgozzamenti

'Sti Sunniti sembrano usciti dal risorgimento - gz  

  By: GZ on Domenica 30 Gennaio 2005 17:31

Uno dei siti irakeni piu' seguiti e' IraqtheModel, tenuto da ^tre fratelli medici a Baghdad#http://iraqthemodel.blogspot.com/2005/01/people-have-won.html^. che lo hanno chiamato "The Model" per mostrare che l'Iraq sara' il modello per il resto dei paesi arabi (tre soggetti esaltati insomma). Essendo gente che non ha la possibilita' di informarsi come noi in Europa dato che si limitano a vivere sul posto in mezzo ai terroristi, si eccitano come bambini per una cosa banale come andare la domenica al seggio a votare: ("... everyone we saw was holding up his blue tipped finger with broad smiles on the faces while walking out of the center...I couldn't think of a scene more beautiful than that.") Questi Omar, Ali and Mohamed sarebbero "Sunniti", ma non sembra gliene importi un accidente, probabilmente ignorano quello che in Italia invece tutti ora sappiamo, cioe' che le prime elezioni libere del Medio Oriente della storia sono un problema e un pericolo perche' "le vincono gli sciiti .. si approfondiscono le divisioni coi sunniti... possono portare all guerra civile ..." (questo spiegato da giornalisti che hanno imparato i termini sciita e sunnita qualche mese fa stando a Roma al ristorante ) Nonostante Omar, Ali and Mohamed come medici sarebbero tenuti a comportarsi in modo razionale si eccitano sul loro sito in modo infantile all'idea di essere liberi per la prima volta da quando sono nati : ("....Anyone watching that scene cannot but have tears of happiness, hope, pride and triumph...." ) Per gente come noi che vive in un mondo sofisticato e complesso e' patetico sentire questi toni da libro Cuore di De Amicis: "...These are stories that will be written on the brightest pages of history...." (le storie che verranno scritte su una delle pagine piu' luminose della storia...) Uela... Mohammed and Omar, sembra che invece di fare i bravi "sunniti" qui siate gente uscita dai libri di storia del Risorgimento ------------------- Sunday, January 30, 2005 , ^iraqthemodel#(http://iraqthemodel.blogspot.com/2005/01/people-have-won.html^ The people have won. We would love to share what we did this morning with the whole world, we can't describe the feelings we've been through but we'll try to share as much as we can with you. We woke up this morning one hour before the alarm clock was supposed to ring. As a matter of fact, we barely slept at all last night out of excitement and anxiety. The first thing we saw this morning on our way to the voting center was a convoy of the Iraqi army vehicles patrolling the street, the soldiers were cheering the people marching towards their voting centers then one of the soldiers chanted "vote for Allawi" less than a hundred meters, the convoy stopped and the captain in charge yelled at the soldier who did that and said: "You're a member of the military institution and you have absolutely no right to support any political entity or interfere with the people's choice. This is Iraq's army, not Allawi's". This was a good sign indeed and the young officer's statement was met by applause from the people on the street. The streets were completely empty except for the Iraqi and the coalition forces ' patrols, and of course kids seizing the chance to play soccer! We had all kinds of feelings in our minds while we were on our way to the ballot box except one feeling that never came to us, that was fear. We could smell pride in the atmosphere this morning; everyone we saw was holding up his blue tipped finger with broad smiles on the faces while walking out of the center. I couldn't think of a scene more beautiful than that. From the early hours of the morning, People filled the street to the voting center in my neighborhood; youths, elders, women and men. Women's turn out was higher by the way. And by 11 am the boxes where I live were almost full! Anyone watching that scene cannot but have tears of happiness, hope, pride and triumph. The sounds of explosions and gunfire were clearly heard, some were far away but some were close enough to make the windows of the center shake but no one seemed to care about them as if the people weren't hearing these sounds at all. I saw an old woman that I thought would get startled by the loud sound of a close explosion but she didn't seem to care, instead she was busy verifying her voting station's location as she found out that her name wasn't listed in this center. How can I describe it!? Take my eyes and look through them my friends, you have supported the day of Iraq's freedom and today, Iraqis have proven that they're not going to disappoint their country or their friends. Is there a bigger victory than this? I believe not. I still recall the first group of comments that came to this blog 14 months ago when many of the readers asked "The Model?"… "Model for what?" Take a look today to meet the model of courage and human desire to achieve freedom; people walking across the fire to cast their votes. Could any model match this one!? Could any bravery match the Iraqis'!? Let the remaining tyrants of the world learn the lesson from this day. The media is reporting only explosions and suicide attacks that killed and injured many Iraqis s far but this hasn't stopped the Iraqis from marching towards their voting stations with more determination. Iraqis have truly raced the sun. I walked forward to my station, cast my vote and then headed to the box, where I wanted to stand as long as I could, then I moved to mark my finger with ink, I dipped it deep as if I was poking the eyes of all the world's tyrants. I put the paper in the box and with it, there were tears that I couldn't hold; I was trembling with joy and I felt like I wanted to hug the box but the supervisor smiled at me and said "brother, would you please move ahead, the people are waiting for their turn". Yes brothers, proceed and fill the box! These are stories that will be written on the brightest pages of history. It was hard for us to leave the center but we were happy because we were sure that we will stand here in front of the box again and again and again. Today, there's no voice louder than that of freedom. No more confusion about what the people want, they have said their word and they said it loud and the world has got to respct and support the people's will. God bless your brave steps sons of Iraq and God bless the defenders of freedom. Aasha Al-Iraq….Aasha Al-Iraq….Aasha Al-Iraq. Mohammed and Omar.

 

  By: gianlini on Domenica 30 Gennaio 2005 15:52

se come sembra e come auspico, le elezioni sarenno un successo, sarebbe bello vedere gli immigrati islamici nel nostro paese stasera festeggiare percorrendo le strade d'italia suonando il clacson e sventolando bandiere intanto la campagna di reclutazione di kamikaze per l'Iraq ha lasciato nell'ozio i gruppi palestinesi, che così si sono dovuti inventare qualche attività alternativa all'attacco agli autobus israeliani........ --------------------------------------------------- Una ventina di feriti e' il bilancio di sangue di uno scontro a fuoco avvenuto stanotte fra miliziani palestinesi di al-Fatah e Hamas, nel campo profughi di Maghasi, nel settore centrale della striscia di Gaza. (AGI)

 

  By: Moderator on Domenica 30 Gennaio 2005 14:43

La perversa sinistra italiana tace in silenziosa , celata , attesa di un fallimento delle elezioni ,come i seguaci di Saddam ; ultimi virtuali esuli di un regno comunista che non esiste più ,la più grossa colonia mondiale di questo genere .Magari sempre con la bocca riempita di mòniti sui valori della resistenza , che però ,dimenticano, combatteva assieme agli Americani per liberare l'Europa dagli stessi nazisti che regnano nei paesi arabi. Erano meglio i comunisti di allora che quelli "mai stati comunisti" di oggi.Forse perchè effettivamente sono nazisti( sono anche antisionisti).

 

  By: GZ on Domenica 30 Gennaio 2005 13:26

Quello che contava per i terroristi erano le prime ore della giornata per intimidire la gente e indurla a non votare e Zarqawi e soci avevano annunciato che "si nuoterà nel sangue". Finora hai otto terroristi suicidi e venti morti, in un paese di 27 milioni di abitanti con centinaia di migliaia di persone per strada e tutti i terroristi islamici del pianeta che si preparano da mesi. Ogni terrorista che si è fatto sbudellare oggi ha fatto in media meno di tre vitime e questo indica che ^non riescono a penetrare la sicurezza# http://iraqelectionwire.blogspot.com/^. Basta pensare come sia facile nascondersi addosso una cintura di esplosivo e mescolarsi alla folla, al fatto che con Zarqawi ci sono dozzine di aspiranti suicidi e come bersaglio abbiano centinaia di migliaia persone che stanno in fila a votare in migliaia di seggi sparsi in un paese più esteso dell'italia. C'è gente che va a votare dichiarando: "...ci andiamo a costo di preparci per la sepoltura e portare ^anche la cassa da morto con noi al seggio.."#http://www.belgraviadispatch.com/archives/004325.html^. E' la prima volta nella storia che milioni di persone rischiano la pelle per fare una cosa apparentemente banale come dare il proprio voto

 

  By: Moderator on Domenica 30 Gennaio 2005 13:13

Gianlini ,come ti ha spiegato Clementina dall'alto della saggezza distaccata della nostra magistratura ,combattono per la libertà del popolo irakeno.

 

  By: gianlini on Domenica 30 Gennaio 2005 11:54

finora oggi 5 kamikaze in iraq... sono proprio dei pazzi!

 

  By: Moderator on Martedì 18 Gennaio 2005 13:24

forse è come per Soros che vede che può fare il bello e il cattivo tempo con un semplice derivato ...e poi ci prova ad eliminare Bush col petrolio : se uno padroneggia la tecnica !

 

  By: gianlini on Martedì 18 Gennaio 2005 13:15

forse è proprio una questione di professione.... a forza di curare tanta gente, viene voglia di cambiare il tran tran quotidiano.... MILANO - Un'infermiera di 41 anni ha ucciso lunedì sera la convivente, un medico, e poi ha chiamato la polizia, che non ha impiegato molto tempo per capire che la donna aveva detto la verità. Il delitto è avvenuto lunedì sera verso fra le 21 e le 22 nell' appartamento dove la due donne vivevano, in un palazzo di San Donato Milanese, centro a sud del capoluogo. o forse è proprio a causa di qualche gene.... BENIN - L'aver incassato tre reti (a zero) dalla Nigeria è costato la vita al portiere della nazionale under 20 del Benin, massacrato a suon di calci e pugni dai tifosi qualche ora dopo il termine della partita del campionato africano di categoria. Il 18enne portiere Yessoufou Samiou, è stato pestato a sangue come punizione per la sconfitta e oggi è morto per le conseguenze dei numerosi colpi che ha incassato. Lo ha reso noto Suleiman Habuba, direttore della comunicazione della Confederazione calcistica africana.

 

  By: XTOL on Martedì 18 Gennaio 2005 11:41

bravo norton, stavo scrivendo qualcosa del genere, ma tu hai fatto di meglio. posso solo aggiungere che il discrimine tra ciò che possiamo ricondurre alla biologia o alla cultura è un confine assai difficile da tracciare e la partita è aperta. xtol

 

  By: Moderator on Martedì 18 Gennaio 2005 11:28

Una serie di geni che controlla l'aggressività ci sarà di sicuro,anche perchè biologicamente necessaria , naturalmente data la mescolanza dei geni sarà espressa in mille sfaccettature , sarà positiva o nefasta a seconda del singolo e delle necessità storiche del gruppo .Sarà coltivata o inibita dalla cultura del gruppo , per qualche generazione sarà a livello costante e renderà distinguibile il gruppo ,probabilmente col tempo l'eccesso verrà diluito e rimarrà lo stereotipo ad affliggere quella popolazione.Noi ci ostiniamo a considerarci popolazione con talento artistico ,autrice di architetture di palazzi, case , città bellissimi,( e lo siamo stati) ma in realtà oggi siamo solo quelli che hanno fatto periferie orride , agglomerati stomachevoli attorno a vecchi borghi perfetti,pugni nell'occhio di colore forma e materiali in mezzo a campagne e coste. Negare la genetica non si può , ma al livello della nostra complessità evolutiva diventa una faccenda con tali e tanti parametri da combinare che da una parte serve semplificare , per capire e interagire, e dall'altra bisogna sapere che si sta semplificando.Probabilmente come un' econometria fondata su basi biologico-scientifiche reali ma vagamente padroneggiate ,complicata dal fatto che ogni individuo è un pianeta econometrico a sè .

Il gruppo etnico fa differenza - gz  

  By: GZ on Martedì 18 Gennaio 2005 03:46

Esistono statisticamente differenze ENORMI nel comportamento di diversi gruppi etnici (razze?... a seconda dei gusti), dal modo di addormentarsi e di stare dei bambini appena nati (quelli cinesi come li appoggi non si muovono, l'ho letto e poi verificato con due coppie che conosco, ed e' impressionante come sono facili da gestire rispetto ai nostri) al tasso di omicidi, alla riuscita in Matematica (il 95% dei teoremi sono stati inventati da europei occidentali) alla Musica (tutta l'Asia ha prodotto meno musica, spartiti da eseguire di qualunque genere, di una media citta' tedesca o italiana) Per fare confronti ovviamente bisognerebbe avere condizioni omogenee di partenza e sono difficili. Altrimenti uno nota solo che al carcere di Modena e Bologna il 48% dei detenuti e' di origine nortdafricana ed est-europea (filippini e cinesi quasi niente) due gruppi che rappresentano il 3-4% della popolazione e dice: " 48/4 = 12 quindi sono 12 volte piu' delinquenti ma non tiene conto del fatto che sono tutti maschi, giovani, a basso reddito, lontani dai genitori, con difficolta' a socializzare e a incontrare donne compatibili ecc.. (senza contare l'anedottica del mio muratore albanese e di Mohamed con cui mi allenavo a karate oggi, persone eccellenti) Tuttavvia resta che ad esempio negli USA dove tutti hanno livelli di reddito simile (differenze massime del -15%) e sono integrati discretamente i GIAPPONESI E COREANI non commettono mai omicidi, quando dico mai ci sono anni in cui nemmeno uno, i CINESI anche loro quasi niente, appena un poco di piu' e cosi' gli INDIANI (dell'India) e il loro tasso di reati violenti e' 4 o 5 volte inferiore alla media nazionale mentre come noto gli abitanti di origine africana ne commettono 7 volte di piu' della media nazionale e i messicani (indios) circa 3-4 volte piu' della media. Per cui hai differenze da 10 a 20 volte tra Cinesi e Giapponesi (i piu' pacifici) e Africani e Messicani (i piu' violenti). Dato che entrambi questi gruppi sono stati "discriminati" in passato quando sono arrivati e' difficile giustificare la differenza tra vietnamiti e messicani ora ad esempio su base economica. Per non insistere sul caso piu' eclatante che e' quello di chi e' di origine africana (meta' dei crimini violenti si deve a loro) tra quelli di origine europea gli irlandesi e in particolare i famosi "Scott-Irish" cioe' gli SCOZZESI EMIGRATI IN IRLANDA nel medioevo e poi emigrati nel Sud degli Stati Uniti sono un caso clamoroso di gruppo etnico tendenzialmente violento Si tratta di un gruppo etnico "puro" nel senso che dalla Scozia, dove non sono mai stati invasi da nessuno, sono passati all'Irlanda e poi emigrati nel 1700 in Alabama o Arkansas o Missouri e sono migrati sempre senza mescolarsi quasi ad altri gruppi, in alcuni stati sono la totalita' della popolazione bianca Erano il nerbo del Profondo Sud di "Dixie", confederato nella guerra civile e famosi due secoli fa per la violenza, sono anche ora il serbatoio del famoso prototipo dell'americano "Red Neck" che ama la vita all'aria aperta i rodei, le armi, le risse, le bevute, poco acculturato e semplicista. Li trovi ora ovviamente in tutti i mestieri, ma si arruolano molto nell'esercito e in media negli stati in cui sono la maggioranza si commettono quasi il doppio di reati violenti ad esempio degli stati abitati invece da gente di origine scandinava, anglosassone, tedesca, olandese o polacca (gli italiani erano piu' violenti della media e ora sono rientrati) Delle differenze di comportamento di gruppo cosi' marcate e persistenti nel tempo, pur vivendo nello stesso paese, integrati in condizioni simili di vita e lavoro, fanno pensare come minimo a condizionamenti molto antichi. Anche se non sono di natura biologica il risultato e' simile nel senso che identificare persone di un certo gruppo etnico consente di prevedere con maggiore frequenza (probabilita') determinati comportamenti tipici

 

  By: Moderator on Martedì 18 Gennaio 2005 01:39

Se a qualcuno non fosse nota la distinzione fra allele Dominante e Recessivo : Ci sono COPPIE di geni, dai due gentori . Dominante :si manifesta fenotipicamente anche in presenza di un altro Recessivo (domina). Recessivo :è incapace di manifestarsi se non è presente in entrambi i geni;l'allele recessivo deve essere presente in 2 copie. Poi c'è la Penetranza ,l'Espressività , l'Eterogeneità...per complicare.

 

  By: gianlini on Lunedì 17 Gennaio 2005 23:32

ringrazio chi ha inviato la mail di prova! gianlini

 

  By: Moderator on Lunedì 17 Gennaio 2005 23:16

Che sia contro natura e geneticamente perdente è fuor di dubbio. ------------------Polipolio-------- In questo caso , se fosse genetico , sarebbe vincente : elimina da solo il gene tarato --------------------- Che POSSANO esistere genotipi portatori di quel genere di tara (e personalmente ne dubito) altrettanto ----------Polipolio------- Non ho capito la frase ,se ne dubiti o non ne dubiti. Esiste una predisposizione familiare , quindi genetica ,alla malattia mentale , ma non produce sintomi sempre uguali , tipo mettere nel sacchetto il figlio ;probabilmente perchè c'è una moltitudine di geni che controllano i vari comportamenti e varie situazioni esterne che interagiscono. Ma una malattia del genere , che è genetica comunque ,nel senso che i vari geni che permettono quel comportamento sono combinati in modo evoluzionisticamente sbagliato ,non è trasmissibile così direttamente. Il gene in questione , ammettendo che sia "UNO" per semplificare, non può essere dominante perchè la specie sarebbe estinta. E' un gene recessivo , cioè si manifesta fenotipicamente se anche l'altro partner (sia il padre che la madre di questa tale)ha un gene recessivo che in combinazione con l'altro dà luogo alla manifestazione del sintomo. Comunque la cosa è rara anche perchè probabilmente c'è un concorso di più geni per determinare il comportamento. Se la donna in questione fa figli non trasmette un gene dominante , perchè è recessivo, quindi il figlio non dovrebbe essere tarato.Se è una sequenza di geni può darsi che vengano tagliati nel momento del crossing-over e risulterebbero ancora meno evidenti fenotipicamente ( a meno che il padre non abbia altre combinazioni sfavorevoli da regalargli). Per i Down c'è un cromosoma in più (non quindi cose tipo dominante-recessivo).Per l' emofilia c'è un gene malato sul cromosoma X della donna :il figlio maschio , che ha solo un X si ammala , la figlia femmina che ne ha due di X si ammala solo se anche la X di origine paterna è tarato , quindi molto raramente. Comunque il complesso della malattia -comportamento è dal punto di vista dei geni matematicamente molto diluibile e variabile. Non sono un esperto , ma la base è circa così. Quello della fertilità come lo dici tu non credo che l'ho capito molto. Genericamente è più facile che in media prolifichino meno,ma il prossimo matto verrà magari da un'altra parte

 

  By: polipolio on Lunedì 17 Gennaio 2005 18:43

"...superato il vaglio della selezione naturale in quanto è adattativo, cioè vantaggioso. l'uccisione dei propri figli Prima che possano riprodursi non può esserlo per definizione. puoi aumentare la fertilità quanto vuoi: se uccidi i figli, i tuoi geni sono in un vicolo cieco." Che sia contro natura e geneticamente perdente è fuor di dubbio. Che POSSANO esistere genotipi portatori di quel genere di tara (e personalmente ne dubito) altrettanto. (Ribadisco la ragione sta nella matematica, la popolazione è un sistema dinamico, se accetti il principio che non necessariamente chi porta la tara sviluppi il comportamento in tempo utile...nel mio esempio la fertilità e la probabilità di sviluppare un certo comportamento si riferiscono a un gruppo, ovviamente non ha senso riferirlo a un singolo. Esemplifico ulteriormente: 100 genitori tarati hanno 200 figli e ne uccidono 50; nella seconda generazione ci saranno ben 150 individui tarati; se invece la fertilità fosse inferiore il sistema convergerebbe a 0) Emofilia, albinismo, sindrome di down .... nessuno di questi caratteri mi pare dia il benché minimo vantaggio in ottica evoluzionista, eppure esistono...