COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: Gano di Maganza on Sabato 02 Febbraio 2019 16:18

Boh! Devo sentire in banca.

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: gianlini on Sabato 02 Febbraio 2019 15:50

Nemmeno questo governo ha potuto o saputo fare scelte davvero coraggiose in materia di economia.

Quanto hai fatto sul BTP? il 4-5 %?

 

 


 Last edited by: gianlini on Sabato 02 Febbraio 2019 15:50, edited 1 time in total.

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: Gano di Maganza on Sabato 02 Febbraio 2019 15:05

Come scritto qualche giorno fa lo spread sta risalendo...

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: shera on Giovedì 31 Gennaio 2019 19:15

Sì è aperta una sfida a distanza tra i fisici lenr e i banchieri di cobraf.

Ho invitato Morelli che ultimamente appare poco in tv a fare da giuria, tipo x-factor

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: Gano di Maganza on Giovedì 31 Gennaio 2019 15:30

Io mi sarei rotto le palle di dover parlare ad una manica di fessi che straparlano senza nemmeno sapere di cosa stanno parlando (non mi riferisco a te Gianlini) e poi ti riprendono se fai il misspell in FACTA invece che in FATCA.

 

Le caratteristiche della residenza fiscale americana è diversa da quella di quasi tutti gli altri paesi del mondo. Se tu sei americano, all'IRS non gliene frega un cazzo di dove sei residente. Devi fare COMUNQUE la dichiarazione dei redditi in USA (questo NON vuole però dire che devi ANCHE pagare le tasse negli USA sui tuoi redditi esteri) e dichiarare TUTTI i tuoi assetts esteri, immobili e partecipazoni in società compresi. Sì è proprio così. È anche per quello che il FATCA (vediamo se c'è qualche cretino che dice che l'ho scritto male) è completamente diverso dal CRS - Common Reporting System, ed è (anche) per quello che gli USA non lo hanno voluto ratificare.

 

Non può esistere reciprocità nel FATCA, non ne esistono i presupposti, non è pensato per quello e in ogni caso agli USA non gliene frega un cazzo della reciprocità, non gliene frega un cazzo dell'agenzia delle entrate, non gliene frega un cazzo del fisco italiano e non gliene frega un cazzo del Ministro Tria. Hanno altri modi MOLTO PIU' DIRETTI ed efficaci per ottenere le informazioni che vogliono. 

 

Rigiro il discorso, mentre il CRS è un accordo che prevede la bilateralità (anzi, la multilateralità) e quindi la reciprocità (ma gli USA non l'hanno sottoscritto), il FATCA no, il FATCA è un provvedimento unilaterale. 'Azzo c'entra la reciprocità?

 

Detto questo esistono accordi bilaterali, come quello USA-Italia che Antitrader ed Oscar hanno tirato fuori credendo che si parlasse di FATCA. Il FATCA non c'entra una mazza, e questi accordi mirano alla completa trasparenza finanziaria fra i due paesi. ma fino che gli USA non passano una legge che obbliga le istituzioni finanziarie a comunicare i dati dei clienti residenti all'estero non credo si vada molto lontano, almeno per ora non nello scambio automatico di dati, anche se è quello che gli italiani vorrebbero. Gli accordi ora servono nel caso che l'Italia faccia agli USA una specifica interrogazione su un caso specifico, nel qual caso gli USA sono obbligati a rispondere (vale ovviamente anche il viceversa)..

 

Spero di essere stato chiaro.

 

Se tu Gianlini (Italiano) e Tom (Americano) siete ambedue residenti a Lugano ed avete un conto in franchi svizzeri, tu Gianlini al fisco italiano di questi conti non gli devi dire NIENTE, Tom deve compilare un modulo (Form 8938) e mandarlo all'IRS; non paga niente, ma l'IRS è informato.  Se non lo fa, ci pensa la banca a mandarlo, e se la cifra è consistente (non credo si scomodino per 100.000  o 200.000 franchi) gli fanno un audit e poi un culo della madonna. 


 Last edited by: Gano di Maganza on Giovedì 31 Gennaio 2019 15:34, edited 2 times in total.

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: lutrom on Giovedì 31 Gennaio 2019 15:19

Cioè dare del somaro pure poco intelligente a Gano... Questo forum è pieno di poveracci... Aveva ragione Zibordi su Hobi.

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: hobi50 on Giovedì 31 Gennaio 2019 15:12

Lei Gano è un somaro e per di più molto poco intelligente perchè si mette a discutere con me di un argomento a Lei sconosciuto.

Inoltre non sa nemmeno quello che scrive .

Hobi> "3) Gli Euro che SCOMPAIONO un istante dopo l'Italexit sono quelli presenti sui conti in quel preciso momento."

Questa è una possibilità. E infatti Tuco diceva che qualcuno in previsione di questo li mette in banconote da 500 in cassetta di sicurezza.

 

RIPETO

Scompaiono all'istante gli Euro sul conto in caso Italexit.

Sempre .Inevitabilmente .

Se Lei li toglie PRIMA (tipo richiesta di banconote alla proprio banca ),è chiaro che non scompaiono perchè NON CI SONO PIU' nel saldo

Peccato che io stessi parlando dei  saldi presenti in banca perchè questa era la materia del contendere tra il Dott. Zibordi e Micalizzi.

 

Hobi

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: Gano di Maganza on Giovedì 31 Gennaio 2019 14:10

Gianlini, non sono “io” che lo dico. È così nei fatti. Ogni istituzione finanziaria è obbligata a segnalare un cittadino americano loro cliente. Può non farlo, ma le sanzioni sono così grosse se viene fuori, che nessuna banca si prende il rischio. Significherebbe essere tagliati fuori dal mercato USA e probabilmente anche dalle transazioni in dollari (di questo però non sono sicuro).

 

Quello che mi chiedo però è un’altra cosa: come hanno fatto gli Stati Uniti ad ottenere condizioni del genere?

 


 Last edited by: Gano di Maganza on Giovedì 31 Gennaio 2019 14:12, edited 1 time in total.

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: gianlini on Giovedì 31 Gennaio 2019 14:10

Lingotti d'oro e denaro contante per un valore di 1,3 milioni di euro. E' un vero e proprio tesoro quello scoperto dai carabinieri, a Torino, in un 'self storage', i depositi a lungo termine di merce privata.
   
   L'affittuario, un imprenditore italiano di 46 anni, è stato arrestato. L'accusa nei suoi confronti è di ricettazione. 

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: antitrader on Giovedì 31 Gennaio 2019 14:03

Come al solito la si butta in caciara (e in cialtroneria).

Gli accordi FATCA sono bilaterali tra i singoli stati e gli USA,

so per certo che le istituzioni finanziarie italiane (non solo le banche)

le comunicazioni le fanno, se poi gli USA non le fanno (ma ho qualche dubbio)

allora son dei cialtroni.

In ogni caso ti affidi alla sorte, a mo' di quello che "faccio quel cazzzz che voglio". "tanto non controllano".

 

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: gianlini on Giovedì 31 Gennaio 2019 13:45

Tu dici che governo US a differnza di quello italiano ha "obbligato le banch estere a comunicare".

Ma come fa il governo degli Stati Uniti ad accorgersi che Mr Tom Brown, residente a Parsippany, NJ, ha un conto alla Banca di credito cooperativo di Barlassina? (e quindi a sanzionarla)?

 

 

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: Gano di Maganza on Giovedì 31 Gennaio 2019 13:29

Gianlini, conti esteri di cittadini americani, indipendentemente da dove siano residenti, dal momento che un cittadino americano è comunque SEMPRE fiscalmente residente ANCHE negli USA, indipendentemente da dove sia residente anagraficamente. A differenza dell'Italia negli USA per i cittadini americani la residenza fiscale segue la cittadinanza e non la residenza anagrafica. E questo vale anche per i possessori di carta verde.

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: Tuco on Giovedì 31 Gennaio 2019 12:59

Non entro nella discussione, solo per precisare che io non ho detto ciò che afferma Gano, ma ho solo detto tecnicamente cosa accadrebbe a far in una

certa maniera, e come si potrebbero tecnicamente evitare gli spiacevoli inconvenienti.

 

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: gianlini on Giovedì 31 Gennaio 2019 12:57

mentre hanno obbligato tutte le istituzioni finanziarie straniere a comunicare all'IRS  i dati bancari dei cittadini americani residenti all'estero, sotto la minaccia di sanzioni pesantissime

-------

dei cittadini americani RESIDENTI ALL'ESTERO o dei cittadini americani tout court?

 

Re: COSA SUCCEDE CONVERTENDO GLI EURO IN LIRE di ALBERTO MICALIZZI  

  By: Gano di Maganza on Giovedì 31 Gennaio 2019 12:45

Hobi> "3) Gli Euro che SCOMPAIONO un istante dopo l'Italexit sono quelli presenti sui conti in quel preciso momento."

 

Questa è una possibilità. E infatti Tuco diceva che qualcuno in previsione di questo li mette in banconote da 500 in cassetta di sicurezza. In quel caso io li metterei piuttosto in conti in valuta, meglio ancora se all'estero (nasce qui il discorso sull'opacità del sistema bancario USA).

 

 


 Last edited by: Gano di Maganza on Giovedì 31 Gennaio 2019 13:25, edited 8 times in total.