Nah.. Sopravviveremo anche a questi - Gzibordi

Nah.. Sopravviveremo anche a questi - Gzibordi  

  By: GZ on Giovedì 21 Giugno 2001 00:31

Ora che gli S&P chiudono (per oggi) a +11 punti grazie a Greenspan che ha rimproverato le banche per non prestare abbastanza in giro i quattrini che la FED gli mette a disposizione, vedo questi post culturali ottimi per rilassarsi quando non hai perso. A meno che non ti abbiano gambizzato o distrutto il negozio (o che ti trovassi sull'Eurostar qua a Modena 2 giorni fa, quando uno di questi amici dei poveri del Terzo Mondo ha tirato una molotov in uno scompartimento del treno) speri di evitarli come speri di non trovarti in una zona dove la camorra chiede il pizzo a tutti o dove rubano in tutte le case le bande albanesi. Se questo fosse un segno negativo per la borsa allora in base all'atmosfera in cui eravamo immersi ancora 10 anni fa fino al crac del muro di Berlino avremmo dovuto solo stare in bot. A 16-18 anni ho frequentato estremisti di sinistra e ho presente come funzionano quelli del "no-alla- globalizzazione". Sono 20 o 30 anni che cambiano un poco i temi e le mascherate, ma è sempre lo stesso, in certi periodi più violento in altri meno, ma la radice è nell'avversione per il sistema occidentale-industriale che è come un elemento fisso del paesaggio culturale italiano. Quando il Corriere della Sera che ho comprato sabato dedica 4 pagine, dalla 2 alla 5 alle ragioni degli estremisti (e così le tv e il resto della stampa) viste con benevolenza, con nessun commento critico, è chiaro che la cosa è parte della nostra cultura mediatica e non ci abbandonerà mai, quando avrò (spero) 80 anni vedrò in TV l'ennesima versione dei giovani amici del terzo mondo e nemici dell'America che spaccano il centro di Milano mentre i giornali si interrogano sulle ragioni profonde del loro malessere invece di chiedersi come mai nessuno mai venga condannato. In termini generali questo è parte di una mentalità per cui la destra italiana, che a logica dovrebbe essere nemica dello stato sociale e thatcheriana, promette lavori pubblici a valanga vincendo tutti i collegi della Sicilia (mia nonna è di Siracusa non è per leghismo che nomino la sicilia...) e se va bene ridurrà la burocrazia per le imprese

Anti_Globalizzazione: sintomo di crisi ? - gianlini  

  By: gianlini on Mercoledì 20 Giugno 2001 19:14

Le forze dell'ordine devono scendere in piazza disarmate, "con i caricatori per i proiettili vuoti", altrimenti "nessuno può chiedere responsabilmente ai manifestanti di non difendersi". Da Napoli la Rete No Global, che riunisce l'arcipelago di sigle antiglobalizzazione del sud, sta preparando la nave che arriverà a Genova, in occasione del G8, ma definisce anche le strategie per il vertice annunciando che "dopo Goteborg la linea non violenta va rivista". "Vogliamo un impegno concreto - spiega Francesco, uno dei portavoce del popolo antiglobalizzazione - a Genova la polizia non deve avere pallottole nei caricatori perché altrimenti vuol dire che si cerca il morto. Hanno in ogni caso manganelli, lacrimogeni, idranti e quant'altro per mantenere l'ordine pubblico e possono seguire l'esempio del questore di Reggio Calabria, che nel 1970 disarmò gli agenti in piazza. Altrimenti noi faremo ricorso a strumenti di autodifesa, anche a pietre e ad altre armi improvvisate. Non possono chiederci di andare al macello". (Red) Se questa è la tracotanza di certa gioventù e cultura politica odierna, credo che al fallimento dei valori spirituali debba necessariamente seguire quello dei valori borsistici...è la società che si sta impoverendo, tutto ciò si rifletterà o già lo fa negli indici....è inevitabile