Sulla "dichiarazione di Meseberg"

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: Bullfin on Martedì 11 Settembre 2018 08:12

ma guarda te, prima critichi all'infinito willis, poi ripeti pari pari il suo mantra....il comunismo non esistera' mai... homo homini lupus

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: shera on Martedì 11 Settembre 2018 02:41

il modello comunista è inevitabile con l'avvento di computer quantici, nettamente più efficiente

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: Bullfin on Domenica 09 Settembre 2018 23:36

Invece il modello comunista è un fiorire di successi....ma va cagher....

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: DOTT JOSE on Domenica 09 Settembre 2018 21:55

 

La politica di Macri ha fallito. Come ben spiegato da Emir Sader sulle colonne del quotidiano argentino Pagina/12. Macri ha fallito «come tutti i governi neoliberisti falliscono, perché tale modello non ha la capacità di generare un ampio sostegno sociale, per non parlare del sostegno popolare. Perché promuovono gli interessi del capitale speculativo, che non genera espansione economica ma, al contrario, vive sull'indebitamento di governi, imprese e individui, riproducendo i meccanismi della recessione economica».

'Washington Consensus'. In sintesi, le misure sono come al solito: 1. riduzione del salario; 2. apertura alle importazioni; 3. deregolamentazione finanziaria; 4. dollarizzazione dei tassi; 5. alto tasso di interesse; 6. austerità; 7. sconti fiscali per settori concentrati; e 8. indebitamento esterno».

 

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-argentina_il_regime_neoliberista_di_mauricio_macri_triste_storia_di_un_fallimento_annunciato/5694_25325/

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: Tuco on Sabato 08 Settembre 2018 17:35

Premesso che Zingales adesso appoggia tutte le critiche ad Europa ed Euro,

se andate a vedere il suo ramo di specializzazione, questo è gestione aziendale e finanza...

Boldrin è specializzato sui diritti d’autore...

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: traderosca on Sabato 08 Settembre 2018 17:04

Tuco,Zingales è più di un economista.......

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: Bullfin on Sabato 08 Settembre 2018 16:19

perchè fare un modellino matematico vuol dire capire l'economia? ... (Pareto si rivolta nella tomba....)...

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: Tuco on Sabato 08 Settembre 2018 15:45

Che poi Boldrin, Zingales, Scacciavillani, non son nemmeno specializzati in politica economica o macroeconomia...

Questi parlano e gli viene data autorità, nonostante sia come se un ortopedico argomentasse di neurologia.

Cazzari.

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: Gano di Maganza on Sabato 08 Settembre 2018 15:33

 

Boldrin e Zingales sparano una marea di cagate. Specialmente sulle piccole aziende. Meno male sono rimasti là dove sono.

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: antitrader on Sabato 08 Settembre 2018 13:53

Non e' affatto normale perche' son le stesse 4 cose in croce che ripeteva da anni prima di entrare nelle istituzioni.

Se prendi Boldrin o Zingales ti dicono esattamente l'opposto, Boldrin in particolare propone lo sterminio delle piccole

aziende che son dei residuati della storia incompatibili con l'economia e i sistemi produttivi moderni.

L'estrema precarizzazione dei rapporti di lavoro dipende proprio da quel tipo di aziende le quali non possono

garantire rapporti stabili in un'epoca in cui cambia tutto a gran velocita'.

Insomma, o le soluzioni le cerchi al tuo interno (prima di tutto ristrutturando l'intera spesa pubblica),

oppure continui con la lagna contro la Germania, lagna inconcludente e inutile, buona solo per compiacere

i SOMARI,.

 

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: Gano di Maganza on Sabato 08 Settembre 2018 13:39

È normale che Bagnai dica così. Ogni paese fa le buccie agli altri, a cominciare dalla Germania.

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: antitrader on Sabato 08 Settembre 2018 13:37

Solite balle per arringare il suo seguito di SOMARI.

Sempre a sparare contro l'Europa, e ci potrebbe anche stare, purche' fai presente anche le sconfinate porcate interne,

invece no, la sua dottrina dice che le ruberie, la curruzione, la tassazione abnorme etc... son cose irrilevanti.

Sul fatto che gli altri han fatto deficit e noi no siamo alle palle ancora piu' spaziali, il debito e' la sommatoria

dei deficit, se abbiamo il debito al 134 e francesi e spagnoli sotto il 100 vuol dire che abbiamo fatto deficit

maggiori degli altri (la matematica, questa sconosciuta).

La Spagna e l'Inghilterra in particolare, quando e' iniziata la crisi avevano un debito di appena il 60%.

Le esternazioni fatte in quei video hanno come conseguenza l'ulteriore alimentazione e giustificazione

della sconfinata cialtroneria nazionale (e' tutta colpa degli altri!). Del resto un dipendente pubblico puo'

solo ragionare in quel modo.

 

 

 

 

 

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: Gano di Maganza on Sabato 08 Settembre 2018 11:41

Lascio l'ultima parola a Bagnai

 

 

 

Bagnai durissimo attacco alla Germania: è giunto il momento di piegare il sistema

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: lutrom on Venerdì 07 Settembre 2018 23:07

Caro Gano, questo governo si sta rivelando per quel che temevo: caccia al negretto (facile da fare), urla e chiacchiere contro l'Europa (facili da fare), ma nei fatti (difficili da fare) e nella finanziaria proni al volere dei nazi-europei (tanto nel cul lo prendiamo noi, non loro). 

Re: Sulla "dichiarazione di Meseberg"  

  By: Gano di Maganza on Venerdì 07 Settembre 2018 21:08

Articolo interessante di Blondet

 

NOVITA’ IN CORSO NELL’EURO-DITTATURA (Spartizioni e maskirovka).