Next is Italy, La Prossima è l'Italia

 

  By: fultra on Giovedì 26 Maggio 2016 18:45

Anche se il detto che la speranza è l'ultima a morire, la mia , una volta sentito parlare un paio di volte quel tizio la, a cui han dato pure una carica, ha deciso di abbandonarmi . Perchè dice che "siamo fot-tuti" . Tutti , beninteso coloro che credono ancora in questo paese ( no la P -maiuscola- non lo merita e mi spiace per la brava gente che siamo, ma abbiamo una classe p. di m.).

 

  By: gianlini on Giovedì 26 Maggio 2016 16:56

Vero Anti! Pazzesco! ho pensato la stessa cosa quando ho letto l'intervista!

 

  By: antitrader on Giovedì 26 Maggio 2016 13:52

Si e' persa anche la sana usanza della pernacchia. Un ministro spara simili boiate (competitivita' de che?) e quelli di confindustria lo ascoltano come scolaretti disciplinati (senza manco la pernacchia). Maledetto perbenismo (e "istruzione" di massa). -- CONFINDUSTRIA: Franceschini, cultura carta formidabile per competitivita' ROMA (MF-DJ)--"La cultura e' davvero una carta formidabile per la competitivita' del Paese". Lo ha affermato il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, intervenendo all'assemblea di Confindustria. "Dal 2000 al 2013 - ha proseguito il ministro - il bilancio del mio Ministero e' stato dimezzato, ora nel 2016 e' aumentato del 36% rispetto al 2015. Questo dimostra la volonta' del Governo, sostenuto dalla maggioranza del Parlamento, di investire sulla cultura". La cultura, ha sottolineato Franceschini, "e' tornata centrale nel dibattito del Paese e l'invito di oggi e' la conferma che l'offerta culturale aumenta la competitivita'".

 

  By: antitrader on Giovedì 26 Maggio 2016 02:35

Fra poco torno in Padania e riprendo anche a operare. Si torna alla normalita' (si spera). Adesso inizia la stagione dei grandi ribassi e voglio esserci (poi magari smetto). Ciao ragazzi!

Video di Giovanni Zibordi a ITForum Riminii - 2016 - Moderatore  

  By: Moderatore on Lunedì 23 Maggio 2016 17:01

^QUI#https://www.youtube.com/watch?v=pXqsQguvshg^ potete trovare una parte dell'intervento di Giovanni Zibordi a ITForum Rimini 2016. Ringraziamo per il video Claudio Pisapia. #ALLEGATO_1#

 

  By: gianlini on Lunedì 23 Maggio 2016 16:33

In effetti non sono stato chiaro, non esplicitando il motivo per cui postavo quei dati. Cercavo di capire in quale condizione (età, estrazione sociale, stato civile, ecc.ecc.) siano le donne che abortiscono e quali sono generalmente i motivi che portano le donne ad abortire. Una volta individuate cause e condizioni al contorno, è anche più facile dare suggerimenti su come evitarlo, no? Questo mi interessava indagare Quindi se le immigrate sono molto più propense ad abortire, direi che una delle cause può essere un insufficiente ricorso alla contraccezione, oltre che un motivo economico (una immigrata difficilmente può contare su genitori e parenti dal punto di vista economico e se per caso perde il lavoro, è foxxuta..)

 

  By: MR on Lunedì 23 Maggio 2016 16:28

"Chissenefotte se le immigrate abortiscono più delle italiane"?

 

  By: gianlini on Lunedì 23 Maggio 2016 16:26

a me sembra che se non è accompagnato dal tono di voce (e magari pure dalla gestualità o mimica facciale) sia di difficile comprensione è una espressione, per usare un termine moderno, troppo liquida cmq non perdi più di 20 secondi se al suo posto scrivi una frasetta in cui riassumi il concetto che vuoi esprimere....

 

  By: MR on Lunedì 23 Maggio 2016 16:24

Te l'anno già spiegato cosa vuol dire, e non io. Comunque, sei veramente uno sbirro nell'anima.

 

  By: gianlini on Lunedì 23 Maggio 2016 14:47

quale, dei molteplici traducenti di questa espressione, vale in questo caso? Sei furbo ad usare spesso questa espressione, così nessuno capisce cosa vuoi dire, e al giro successivo puoi tranquillamente dare del deficiente a chi ti replica.... Io propongo di bannarla dall'uso sul forum, che ne dite?

 

  By: MR on Lunedì 23 Maggio 2016 14:45

Esticazzi?

 

  By: gianlini on Lunedì 23 Maggio 2016 14:32

Alcuni dati non fanno mai male: "Le donne straniere presentano livelli di abortività molto più elevati delle donne italiane e sono mediamente di due anni più giovani: le prime hanno un'età mediana di ricorso all'aborto volontario pari a circa 29 anni, le seconde di 31 anni. Tra i gruppi più numerosi di stranieri residenti in Italia, il tasso di abortività risulta più elevato per le donne cinesi (30,0 casi di Ivg per 1.000 donne cinesi di età 15-49 anni), seguite da rumene (22,7), albanesi (16,6) e marocchine (16,2)." Nel 2012 l'Istat ha rilevato 103.191 interruzioni volontarie della gravidanza, 6.850 in meno rispetto al 2011. L'Italia è uno dei Paesi dell'Unione europea con il più basso livello di abortività volontaria. Nel 2012, il tasso risulta pari a 7,6 aborti per 1.000 donne di età 15-49 anni (7,8 per mille nel 2011). Le differenze regionali vanno assottigliandosi nel corso del tempo: nel 2012 il valore più elevato del tasso di abortività volontaria spetta alla Liguria (10,2), quello minimo alla Provincia Autonoma di Bolzano (4,3). Nel 1982 la Puglia aveva un tasso pari a 26,0 e la Provincia Autonoma di Bolzano a 8,7. La classe di età con il tasso di abortività più elevato è quella delle 25-29enni (12,8 per mille). Per tutte le classi di età si è registrato un declino dei tassi di abortività, meno accentuato nelle classi più giovani. L'incidenza dell'aborto volontario risulta più elevata tra le donne nubili (8,1 per mille) che tra quelle coniugate (6,5 per mille). Le donne straniere presentano livelli di abortività molto più elevati delle donne italiane e sono mediamente di due anni più giovani: le prime hanno un'età mediana di ricorso all'aborto volontario pari a circa 29 anni, le seconde di 31 anni. Tra i gruppi più numerosi di stranieri residenti in Italia, il tasso di abortività risulta più elevato per le donne cinesi (30,0 casi di Ivg per 1.000 donne cinesi di età 15-49 anni), seguite da rumene (22,7), albanesi (16,6) e marocchine (16,2). La percentuale di Ivg ripetute è pari al 26,6% di quelle totali. In particolare le interruzioni volontarie di secondo ordine (cioè precedute da una sola Ivg) sono il 18,7%, quelle di terzo ordine il 5,3%, mentre le restanti (di ordine superiore) sono il 2,6% http://www.istat.it/it/archivio/141802

 

  By: Gano di Maganza on Lunedì 23 Maggio 2016 11:29

#i#"io, che voglio evitare di essere causa di aborti"#/i# Basta tenersi il figliolo. Ogni figlio è un dono di Dio. Altro che scrivere le letterine... #i#"(...) Se Dio esiste e pretende che io mi inchini, allora non è un padre ma un tiranno folle e sanguinario come Jawhe. In effetti, sono piuttosto quelli che pretendono di parlare in sua vece, compreso l'immigrato argentino, che hanno inventato il bacio dell'anello o della pantofola. Ma in Europeo non si inginocchia mai nemmeno di fronte agli Dei."#/i# Concordo.

 

  By: gianlini on Sabato 21 Maggio 2016 22:34

Eeeeeehhhhhh????

 

  By: MR on Sabato 21 Maggio 2016 20:51

#i#Io, che voglio evitare di essere causa di aborti IN TUTTI I MODI, per evitare problemi, spesso ho avuto rapporti con addirittura due mezzi contraccettivi (diminuisce un po' la goduria ma fa niente): spirale e preservativo, coito interrotto e spirale, ecc.#/i# Anale caro mio, e passa la paura. E ti diverti anche di più.