Dubai, paese moderno e di m...

 

  By: traderoscar on Sabato 02 Aprile 2011 16:04

Polipolio,nessuna scusa,ok,ok,invece le Generali vado a memoria può darsi che abbiano superato le 130000,mi è rimasto impresso quel numero perchè ricordo che al pomeriggio si andava presso la banca che appendevano in bacheca esterna i prezzi del dopo e c'era un signore che ne aveva 30000 e tutti i giorni ci incrontavamo e mi chiedeva consiglio se era ora di vendere e ricordo che ha venduto a 120000-130000.Pur vedendo gente perdere cifre importanti perchè allora si rischiava molto di più,era un po' più semplice operare e saltarci fuori anche quando i mercati crollavano rispetto a questi ultimi anni.

 

  By: polipolio on Sabato 02 Aprile 2011 09:00

Oscar, Il non per contraddirti si riferisce al fatto che io le ricordo a 170.000 e non a 120 (e a mangiarmi relativamente le mani per non essere stato abbastanza greedy) e non ho modo di controllare (bisognerebbe andare a ripescare i vecchi numeri del 24ore, perché le serie sono state aggiustate di sicuro per aumenti di capitale/split e quant'altro) "non per contraddirti, ma io le generali le avevo comprate a 33.000 e rivend"ute poco sopra 100 e mi ricordo che avevano raggiunto 170. Magari mi sbaglio ...." "Polipolio,non capisco a cosa ti riferisci"non per contraddirti"mi fa piacere che tu abbia acquistato le Generali a 33000 e vendute a 100000,penso se la memoria non mi inganna siano arrivate a 120-130 mila,magari con qualche punta più su......" --- per quanto riguarda il tuo inserimento nel meglio scusa se lo ho fatto come un post mio copiando integralmente il tuo, ma non mi funziona(va) più la facoltà di mettere nel meglio post altrui

 

  By: traderoscar on Venerdì 01 Aprile 2011 01:56

"potresti esplicitare in modo più articolato,per esempio nel caso del trading sul Future Dax,il significato dell'affermazione :operazioni sincronizzate,veloci e soprattutto "stop rigidi"?" Ennebi,"operazioni sincronizzate"bisogna vedere in quale contesto l'ho scritto, sincronizzato/correlato sicuramente ad indici,ad esempio due sere fa chi mi ha fatto decidere di andare over long sul dax è stata la discesa ampia del Bund,altre volte osservo il Sep,ecc.cmq non sono determinanti per la decisione, ma elementi importanti.Anche se noiosi,io uso frequentemente gli stop e generalmente quando uso il termine stop rigido,è a breve distanza dall'entrata,possibilmente alla pari e inamovibile... non so se sono stato esaustivo... buona notte

 

  By: traderoscar on Venerdì 01 Aprile 2011 01:02

Oscar, non per contraddirti, ma io le generali le avevo comprate a 33.000 e rivendute poco sopra 100 e mi ricordo che avevano raggiunto 170. Magari mi sbaglio .... -------------------------------------------------------------------------------- "ma tu nel 1985 quando le generali errivarono a 120000,le fiat a 13000 dove eri?ma quando il fib arrivò nel 2000 a 50000 dove eri?e quando in tempi più recenti il fib arrivò a 44000 dove eri?ed ora chiudi quei fib che perderai nuovamente!!! oppure sei un trader come quello di modena.......eheheheh" Polipolio,non capisco a cosa ti riferisci"non per contraddirti"mi fa piacere che tu abbia acquistato le Generali a 33000 e vendute a 100000,penso se la memoria non mi inganna siano arrivate a 120-130 mila,magari con qualche punta più su...... La parte sotto era una risposta ad Anti che visto la sua tendenza al catastrofismo ed essere al ribasso da una vita,gli ho chiesto semplicemente come era messo quando i mercati nei suoi eccessi avevano raggiunto i livelli suesposti....perchè facendo previsioni a lungo senza operare come fanno in tanti si ha sempre ragione prima o poi, sia al rialzo che al ribasso,ma operando cambia tutto ti potresti trovare rovinato e dopo due giorni avere ragione......quindi..... Polipolio,un aneddoto di quel periodo con confronto dell'attuale. segue domani

 

  By: traderoscar on Venerdì 01 Aprile 2011 00:31

ma dove salta fuori questo 3d e quel mio intervento da Standing Ovation non per merito mio,ma l'anagrafe,aimè.....con pure qualche errore,ma da incorniciare per i posteri........... "Traderoscar: Aspettiamo per il 2013 l'avvio del Nuovo Grande Toro? per intanto con 1000 Dubbi e senza Compagnia" Polipolio,penso che tu ti riferisca alla mia conclusione dell'articolo calcolando i tempi"sono rimasti alcuni scettici vecchi operatori che mai acquisteranno o crederanno ad una ripresa dei mercati come esattamente negli anni 70 e 1987,ma le borse stanno riprendendo,le economie hanno smesso di scendere,a quando una nuova generazione di investitori?perchè questa è spacciata!!!" Anch'io ho mille dubbi sugli scenari futuri,anzi proprio a livello operativo non li prendo neppure in considerazione perchè ritengo che il compito di un trader sia quello di non fare il veggente ma di cavalcare i trend che siano primari o secondari poco importa,tuttavia a livello accademico si potrebbero fare previsioni basate su informazioni attuali e chi saranno gli attori che muoveranno i mercati nel futuro tenendo presente che le variabili endogene, esogene,geopolitiche,ecc. sono notevoli e a volte di immani proporzioni da neutralizzare ogni previsione sensata fatta in prcedenza.Quindi un dibattito sulle previsioni future prendendo in considerazione elementi oggettivi,lo si può fare............ un saluto e sempre imho

Traderoscar: Aspettiamo per il 2013 l'avvio del nuovo grande toro? Per intanto con 1000 dubbi e senza compagnia - polipolio  

  By: polipolio on Giovedì 31 Marzo 2011 22:32

TraderOscar: "26 Gennaio 2011 12:34 ... Caro Alevion,ho visto tre grandi generazioni soccombere e rinnovorsi in borsa,ho assistito a tracolli economici e problematiche esogene inaudite per poi riprendersi superati i problemi alla grande,senza poi leggere di periodi nefasti precedenti,la stessa musica per qualche secolo indietro forse sono i cicli obbligati dell'evoluzione dell'umanità. Per farla breve,negli anni 70 a mia memoria vi fu una grande recessione com tracolli delle borse ed il relativo abbandono degli operatori mezzi rovinati,per anni ho assistito a borsini vuoti,tutti sfiduciati sulle economie erano gli anni che respiravi una recessione notevole,era stagflazione,il peggio del peggio,una inflazione del 20%, non vi era più petrolio dicevano i grandi scienziati,alla domenica si viaggiava a piedi, le luminarie nelle strade obbligo di spegnerle,era una vera tristezza.Poi con interventi notevoli della Fed presieduta da Volcker poco alla volta l'economia americana si riprese, e le borse iniziarono a riprendere col scetticismo sempre dei piccoli investitori. Con l'elezione del grande Ronald Reagan e col suo messaggio di libertà"Lo Stato non è la soluzione ai nostri problemi. Lo Stato è il problema"ed i suoi interventi in materia economica-politica,ecc.le economie ripresero di conseguenza i listini azionari e gli investitori ripresero coraggio ed una nuova generazuione fece capolino che trascinò le borse ai grandi rialzi degli anni anni 80 sino alla creazione della prima bolla di massa ed al relativo ed inevitabile crollo del 1987.Riassumendo ci vollero circa 15 anni per rivedere investitori euforici riempire i borsini,ma non erano gli stessi del 1970. Con lo scoppio della bolla del 1987 oltre ad essere annientati gli operatori più esperti, fu il primo sterminio di massa con il crollo dei fondi,ancora una volta si svuotarono i borsini e i discorsi dei grandi esperti erano gli stessi del 1970,ci vollero diversi anni per rivedere operatori,ma sempre con nuove generazioni dove l'apice lo si raggiunse nel 2000 e la musica fu la stessa del 1987,sterminio di massa!!! Quindi ci vollero circa 13 anni per rivedere investitori sui mercati finanziari,ma sempre con nuove generazioni,la vecchia generazione ad ogni crollo sparisce oppure resta ed incredula assiste e non approfittà dell'eventuale ripresa dei listini. Dopo il crollo e lo sterminio del 2001,ancora una volta la storia si ripete esattamente come nei precedenti crolli suesposti,anche con la fiammata del 2007 creata da grandi operatori,di piccoli investitori neppure l'onbra.Sono trascorsi 10 anni i piccoli e molto vecchi operatori sono spariti e mai più torneranno,sono rimasti alcuni scettici vecchi operatori che mai acquisteranno o crederanno ad una ripresa dei mercati come esattamente negli anni 70 e 1987,ma le borse stanno riprendendo,le economie hanno smesso di scendere,a quando una nuova generazione di investitori?perchè questa è spacciata!!! imho"

 

  By: polipolio on Mercoledì 30 Marzo 2011 10:27

Oscar, non per contraddirti, ma io le generali le avevo comprate a 33.000 e rivendute poco sopra 100 e mi ricordo che avevano raggiunto 170. Magari mi sbaglio .... -------------------- "ma tu nel 1985 quando le generali errivarono a 120000,le fiat a 13000 dove eri?ma quando il fib arrivò nel 2000 a 50000 dove eri?e quando in tempi più recenti il fib arrivò a 44000 dove eri?ed ora chiudi quei fib che perderai nuovamente!!! oppure sei un trader come quello di modena.......eheheheh"

 

  By: ennebi on Martedì 29 Marzo 2011 12:27

Scusa,Oscar.Poichè a me che sono quasi neofita del trading sembra alquanto ermetica, potresti esplicitare in modo più articolato,per esempio nel caso del trading sul Future Dax,il significato dell'affermazione :operazioni sincronizzate,veloci e soprattutto "stop rigidi"? Grazie,se vorrai rispondere.

 

  By: pana on Lunedì 28 Marzo 2011 20:56

esportare la democrazia... -------- usavano le dita degli uccisi come chip quando giocavano a poker,... One horrific episode, the magazine claims troops chopped off a dead Afghan boy's finger and later used it as 'gambling chip' in a game of cards. Read more: http://www.dailymail.co.uk/news/article-1370758/Shocking-video-shows-U-S-troops-cheering-airstrike-blows-Afghan-civilians.html#ixzz1HukJTjjU http://www.dailymail.co.uk/news/article-1370758/Shocking-video-shows-U-S-troops-cheering-airstrike-blows-Afghan-civilians.html

 

  By: traderoscar on Mercoledì 26 Gennaio 2011 15:34

"Con l'elezione del grande Ronald Reagan e col suo messaggio di libertà"Lo Stato non è la soluzione ai nostri problemi." "Fu proprio con il cow boy (malato di mente) che il popolo americano fu trascinato su un sendero luminoso (si fa per dire) che li ha portati tutti (o quasi) a dormire sotto i ponti." Anti,invece col messaggio di libertà dei tuoi compagni"Lo Stato è la soluzione ai nostri problemi."tutti a dormire in lussuosi alberghi siberiani"eheheheh ma va ciapà i ratt "E poi sei poco preparato, il crollo vero a Milano arrivo' prima degli altri, nel maggio 1986, ai tempi non eravamo invischiati nei mercati globali, Milano si schiantava di suo. Scommetto che il 23 maggio/86 (indici -15%) eri pieno di Italia assicurazioni, di Olcese e di Pacchetti." ma tu nel 1985 quando le generali errivarono a 120000,le fiat a 13000 dove eri?ma quando il fib arrivò nel 2000 a 50000 dove eri?e quando in tempi più recenti il fib arrivò a 44000 dove eri?ed ora chiudi quei fib che perderai nuovamente!!! oppure sei un trader come quello di modena.......eheheheh

 

  By: traderoscar on Mercoledì 26 Gennaio 2011 15:21

"ma fra i giovani secondo te c'è ancora interesse per la borsa o no? io mi ci sono avvicinato verso i 20 anni, mi ricordo che avevo diversi amici appassionati quanto me, magari sulla scia di loro parenti (zii e genitori) di 45-50 anni ora se guardo ai ventenni di oggi, non mi sembra di vedere nessuno a cui la cosa interessi, e tanto meno sento parlare i loro genitori 50enni o 60 enni di borsa...." Gianlini,ho gli stessi dubbi e riflessioni,però anche negli anni 70 e 87 in poi si respirava lo stesso clima e si facevano le stesse considerazioni,ricordo che per un periodo molto lungo i listini rimasero ingessati i titoli non si muovevano era inutile frequentare i borsini,anch'io che non ho mai abbandonato la borsa feci un periodo molto lungo di assenza.Oggi manca un catalizzatore rialzista,vorrei vedere se uscisse se i giovani andrebbero a giocare al calcetto........,di catalizzatori ribassisti purtroppo ve ne sono tanti..... sempre imho

 

  By: antitrader on Mercoledì 26 Gennaio 2011 13:52

"Con l'elezione del grande Ronald Reagan e col suo messaggio di libertà"Lo Stato non è la soluzione ai nostri problemi." Fu proprio con il cow boy (malato di mente) che il popolo americano fu trascinato su un sendero luminoso (si fa per dire) che li ha portati tutti (o quasi) a dormire sotto i ponti. Il risultato della scelleratezza del cow boy rimbambito sono gli attuali 40 milioni (quaranta!) di americani che vannno a mangiare alla caritas internazionale finche' riescono ancora a dargli qualche ciofega per sfamarsi. E poi sei poco preparato, il crollo vero a Milano arrivo' prima degli altri, nel maggio 1986, ai tempi non eravamo invischiati nei mercati globali, Milano si schiantava di suo. Scommetto che il 23 maggio/86 (indici -15%) eri pieno di Italia assicurazioni, di Olcese e di Pacchetti.

 

  By: gianlini on Mercoledì 26 Gennaio 2011 13:41

oscar ma fra i giovani secondo te c'è ancora interesse per la borsa o no? io mi ci sono avvicinato verso i 20 anni, mi ricordo che avevo diversi amici appassionati quanto me, magari sulla scia di loro parenti (zii e genitori) di 45-50 anni ora se guardo ai ventenni di oggi, non mi sembra di vedere nessuno a cui la cosa interessi, e tanto meno sento parlare i loro genitori 50enni o 60 enni di borsa ho idea che altre idee (il GW, l'ecologia, i viaggi, lo sport (quanta gente gioca a calcetto la sera!?? incredibile!) abbia preso il posto di quello che una volta sembrava un po' il passaporto per una vita migliore come già hai sottolineato, una volta c'erano i borsini e i monitor di borsa in strada fuori dalle banche, che facevano da catalizzatore per l'attenzione del pubblico e di gente normale; c'era il mitico Everardo de Las Noches che alle 13.15 attizzava le casalinghe e gli studenti con i suoi interventi dalla borsa di Milano, c'erano le storie di gardini, di de benedetti, di Schimberni e di Cuccia a tener sempre viva l'attenzione della gente....ma ora? chi parla più di borsa? nessuno! sembra qualcosa di passato definitivamente di moda

 

  By: traderoscar on Mercoledì 26 Gennaio 2011 13:34

"Tradeoscar seondo me e' una brava perona e un valido trader, purtroppo temo che sia condizionato dalla inevitabile nostalgia per un mondo che non esiste piu', per l'america di happy days, o di film soavi come quelli anni 60, un america che tre anni fa io ho cercato e non ho mai ritrovato girando per tre settimane in lungo ed in largo con mia moglie in una chrysler pacifica che ha macinato 15000km, un america che adesso e' stata fagocitata da questa cricca apolide (sono sue parole!) che fino all'ultimo continuerà in questa rapina storica dell'umanità e la porterà al baratro." Caro Alevion,ho visto tre grandi generazioni soccombere e rinnovorsi in borsa,ho assistito a tracolli economici e problematiche esogene inaudite per poi riprendersi superati i problemi alla grande,senza poi leggere di periodi nefasti precedenti,la stessa musica per qualche secolo indietro forse sono i cicli obbligati dell'evoluzione dell'umanità. Per farla breve,negli anni 70 a mia memoria vi fu una grande recessione com tracolli delle borse ed il relativo abbandono degli operatori mezzi rovinati,per anni ho assistito a borsini vuoti,tutti sfiduciati sulle economie erano gli anni che respiravi una recessione notevole,era stagflazione,il peggio del peggio,una inflazione del 20%, non vi era più petrolio dicevano i grandi scienziati,alla domenica si viaggiava a piedi, le luminarie nelle strade obbligo di spegnerle,era una vera tristezza.Poi con interventi notevoli della Fed presieduta da Volcker poco alla volta l'economia americana si riprese, e le borse iniziarono a riprendere col scetticismo sempre dei piccoli investitori. Con l'elezione del grande Ronald Reagan e col suo messaggio di libertà"Lo Stato non è la soluzione ai nostri problemi. Lo Stato è il problema"ed i suoi interventi in materia economica-politica,ecc.le economie ripresero di conseguenza i listini azionari e gli investitori ripresero coraggio ed una nuova generazuione fece capolino che trascinò le borse ai grandi rialzi degli anni anni 80 sino alla creazione della prima bolla di massa ed al relativo ed inevitabile crollo del 1987.Riassumendo ci vollero circa 15 anni per rivedere investitori euforici riempire i borsini,ma non erano gli stessi del 1970. Con lo scoppio della bolla del 1987 oltre ad essere annientati gli operatori più esperti, fu il primo sterminio di massa con il crollo dei fondi,ancora una volta si svuotarono i borsini e i discorsi dei grandi esperti erano gli stessi del 1970,ci vollero diversi anni per rivedere operatori,ma sempre con nuove generazioni dove l'apice lo si raggiunse nel 2000 e la musica fu la stessa del 1987,sterminio di massa!!! Quindi ci vollero circa 13 anni per rivedere investitori sui mercati finanziari,ma sempre con nuove generazioni,la vecchia generazione ad ogni crollo sparisce oppure resta ed incredula assiste e non approfittà dell'eventuale ripresa dei listini. Dopo il crollo e lo sterminio del 2001,ancora una volta la storia si ripete esattamente come nei precedenti crolli suesposti,anche con la fiammata del 2007 creata da grandi operatori,di piccoli investitori neppure l'onbra.Sono trascorsi 10 anni i piccoli e molto vecchi operatori sono spariti e mai più torneranno,sono rimasti alcuni scettici vecchi operatori che mai acquisteranno o crederanno ad una ripresa dei mercati come esattamente negli anni 70 e 1987,ma le borse stanno riprendendo,le economie hanno smesso di scendere,a quando una nuova generazione di investitori?perchè questa è spacciata!!! imho

 

  By: gianlini on Mercoledì 26 Gennaio 2011 12:27

il pane è un paravento, secondo fonti attendibili i manifestanti sarebbero scesi in piazza al grido: "BASTA MUBARAK, vogliamo la nipote!"