Evoluzione della Specie

 

  By: Bardamu on Martedì 18 Maggio 2004 18:23

"Chissà perchè pensando ad un 10 % che condiziona il resto, obtorto collo o meno, mi viene in mente la Sicilia o la Calabria o la Campania......" -------------------------------------------------------------- sarà perchè sono stati terra di conquista degli arabi? xò poi le morone che ti piacciono tanto non le avresti avute! cque so che questo 10% fa buoni affari anche con i milanesi (e viceversa) ------------------------------- "certo che la sottile propaganda pro-araba fa faville!! ci hanno disturbato già da un pezzo e due volte almeno in modo piuttosto eclatante" -------------------------------------- la propaganda con me non funge gianlini.mi conosci ancora poco...e mi leggi male. Io dicevo ci chiudiamo nei nostri confini quindi infibulazioni e moschee tu non ne vedi +. Scordati anche i ristoranti esotici e abituati a mangiare la polenta e il risotto, se ti va bene la pizza.Il mio concetto è che questi li mandi a casa in questo scenario. Poi ho detto che noi cacciamo loro ma smettiamo anche di metter piede nelle loro terre. Forse avremo qualche bombetta in meno.chi ha disturbato chi? è come dire viene prima l'uovo o la gallina. ---------------------------------------- "Bardamu, nessuno dice questo " Norton, tu non lo dici ma c'è chi lo dice, fidati. e io non nego che loro abbiano di questi fanatismi, anzi.Non mi metto dall'altra parte di berth, marker e gianlini, con bertinotti e pecoraro. Io mi domando qual è il modo migliore per affrontare questa diversità. Non lo so, x mia natura sarei per il rispetto, l'alternativa è l'annientamento. E sia;quello che non sopporto è l'annientamento nascosto sotto il rispetto. Angelo, non mi stuzzicare con l'impossibilità di espressione x voci diverse che mi scappa la battuta sull'italia...(risparmiatemi la risposta dei regimi comunisti etc please) ad ogni modo sono d'accordo con te, la mente umana ormai sembra + pronta ad acquisire idee che acquisire informazioni e da queste derivare idee...la PROPAGANDA è molto importante...ma questo lo sanno tutti, lo sanno gli arabi, lo sanno i comunisti, i nazisti, i democratici, i forzaitalioti e i margheritioti, i bushisti e i kerrysti.pensiamo solo che esista fuori del nostro mondo...e così deve essere xkè di quella fatta bene non te ne accorgi.

 

  By: angelo on Martedì 18 Maggio 2004 18:02

inizio a sospettare che ci sia un tipo di cervello che funziona per meccanismi integralisti e dogmatici, e un altro che funziona per meccanismi dialettici e più democratico _________________________________________________________________ No, Norton, questo proprio no. Immagini di essere bombardato da "propaganda" integralista fin da bambino e più o meno in tutti i luoghi della società, ed anche attraverso le TV che pure hanno fama di essere "libertarie" (ma che l'altro giorno annunciavano che erano stati gli italiani a bombardare il mercato di Nassirya. E nessuna voce che provi a dire: strano, però, non han sparato fucilate sull'ospedale e tirano colpi da mortaio sul mercato??). Immagini di avere Internet censurato, perchè - non so come facciano - ma questa è ancora la realtà di molti di quei paesi. Immagini di non poter installare una parabola, per provare - solo per curiosità - a sentire un punto di vista diverso. Non si salverebbero, credo, neanche le menti più tolleranti e democratiche. Come dice Lei, non siamo migliori noi come persone. E' il sistema che ci circonda che è diverso e - permerttetemi di dirlo - migliore. Ma uno ha diritto a vivere come vuole finchè non va in giro per il mondo a fare attentati. Io non mi sarei mai permesso di giudicare "inferiore" il regime teocratico tibetano del 1930, che pure lasciava molti nell'analfabetismo. Perchè i tibetani sono uno dei popoli più pacifici che esista e - finchè non pensano che io sia un infedele da convertire con la forza - hanno tutto il diritto di vivere come vogliono. PS Per inciso, il Tibet è un altro dei soprusi dimenticati di questa terra............

 

  By: Moderator on Martedì 18 Maggio 2004 16:00

la teoria che quello è un popolo inferiore e cattivo e noi siamo superiori e il bene. -----------bardamu------- Bardamu, nessuno dice questo ;i cattivi ci sono anche da noi e i buoni anche da loro . é il sistema che ci siamo dati che è migliore in senso assoluto rispetto al loro ;nel senso che ogni miglioramento è apportabile , che esistono i diritti umani ecc... Noi abbiamo interessi economici nei loro paesi , ma loro possono comprare qualsiasi azienda da noi ( a Londra Harrods è di un Egiziano), questo è libero mercato.Sono loro che ragionano a senso unico .Il petrolio norvegese non ha mai scatenato guerre nei suoi confronti anche se lo vendono molto caro. La "razza superiore" è argomento loro, non nostro , vedi "Panarabismo" e "grande popolo arabo" "civiltà millenaria del popolo irakeno" e amenità simili. Chi vuole "annientare" sono loro,noi vogliamo metterli nella condizione (forse non riuscendoci)di iniziare a dialogare fra nazioni democratiche. L'unica cosa un pò razzista che inizio a pensare è questa : inizio a sospettare che ci sia un tipo di cervello che funziona per meccanismi integralisti e dogmatici, e un altro che funziona per meccanismi dialettici e più democratico;ce n'è sia in occidente che in oriente.Chi ha quel cervello in qualsiasi posto del mondo si trovi abbraccerà l'integralismo "locale"che troverà in quel paese , stessa cosa per il cervello dialettico. C'è da dire che forse in Irak e paesi limitrofi i cervelli di tipo integralista sono in netta maggioranza perchè nel corso dei millenni l'altro tipo di cervello è stato sistematicamente eliminato , con un ultima impennata in questi ultimi anni quando almeno il 30% dei dialettici è stato ammazzato o è fuggito. Se vogliamo essere meno razzisti diciamo che invece di "cervelli" si può parlare di "educazione" o "cultura".

 

  By: gianlini on Martedì 18 Maggio 2004 15:14

Chissà perchè pensando ad un 10 % che condiziona il resto, obtorto collo o meno, mi viene in mente la Sicilia o la Calabria o la Campania...... ma andiamo oltre.... ....stringiamo con loro le relazioni che + ci conviene (petrolio, gas, calcio e quello che volete voi) e finchè non ci disturbano non li disturbiamo... certo che la sottile propaganda pro-araba fa faville!! ci hanno disturbato già da un pezzo e due volte almeno in modo piuttosto eclatante (twin towers, madrid), abbiamo moschee e infibulazioni sul nostro territorio ormai quasi dappertutto .....e ancora c'è qualcuno che è in attesa...... ...finchè non ci disturbano....

 

  By: Bardamu on Martedì 18 Maggio 2004 15:03

Marker, se fosse come dici tu verrebbe meno però la teoria che quello è un popolo inferiore e cattivo e noi siamo superiori e il bene. Se noi siamo i beati e loro gli animali che sgozzano torturano etc etc allora non c'è soluzione: o ci chiudiamo nei nostri confini pensiamo ai fatti nostri, stringiamo con loro le relazioni che + ci conviene (petrolio, gas, calcio e quello che volete voi) e finchè non ci disturbano non li disturbiamo; oppure li annientiamo preventivamente, ma quando dico annientare dico annientare, fare una vera e propria strage così capiscono che comandiamo noi, insomma colonizzazione. Se non è così ma c'è il marcio ovunque (da noi è solo meno palese o forse noi siamo abituati al nostro come loro al loro) e c'è il buono ovunque allora lasciamo che si salvino da soli e soprattutto smettiamola con i proclami della razza superiore.

 

  By: marker on Martedì 18 Maggio 2004 14:53

l'idea che mi sono fatto della situazione iraqena, (peraltro non suffragata da nessuna prova concreta, che a tutt'oggi nessuno possiede) è che i miliziani, i terroristi che partecipano agli scontri con la coalizione rappresentino non piu del 10% della popolazione del paese. la loro violenta aggressività, le armi di cui dispongono e l'implacabile vendicatività, oltre all'abitudine di farsi scudo e mescolarsi con i civili terrorizzati in virtu dell'omertà estorta brutalmente, li fa sembrare molto piu numerosi del reale e rende loro un peso politico e mediatico che non corrisponde alla realtà dei fatti. in pratica una minoranza riesce a condizionare i destini di quel paese facendo ricadere il disastro di un'eventuale disimpegno della coalizione sui cittadini innocenti. succede sempre così negli stati in cui divampa la guerriglia e il caos. ma poi, quando le brigate dei guerriglieri vengono sconfitte si scopre che erano manipoli di poche migliaia di individui crudeli e ben armati, ma ben lontani dal rappresentare una fetta consistente della popolazione. il piu delle volte il supporto logistico e il background dei fiancheggiatori si rivela essere stato estorto col terrore e con la rappresaglia brutale, piu che per adesione entusiastica e rivoluzionaria. quindi, quando hai ragione di quei pochi, il fenomeno si sgonfia come una mongolfiera. e il popolo ringrazia...

 

  By: angelo on Martedì 18 Maggio 2004 13:44

Nassiryia in pratica avevano vinto i miliziani. poi sono partite le trattative _____________________________________________________________________ Magari sono in errore, ma a me risulta che oltre alle trattative, siano partiti degli aerei che - pare - avessero "regole di ingaggio" diverse da quelle italiane. E che 20 morti e una quarantina di feriti (solo tra quelli accertati) su una forza di circa 300 miliziani siano un buon motivo per tornare a camuffarsi tra la folla, in attesa di colpire nuovamente. Prima di ciò, non parlerei tanto di una parte che vinceva e una che perdeva, ma di una che sparava e di un'altra che cercava di coprirsi. A proposito di guardare il dito piuttosto che la luna, ho però il dubbio che la legittima apprensione per la sorte dei nostri militari ci impedisca di vedere il "vero" oggetto del contendere. Ieri, forse la notizia più significativa sotto questo profilo sono i colpi di arma da fuoco sparati verso la casa di Al Sistani, il personaggio più eminente (ed equilibrato) della comunità sciita. Questo - mi sembra - indica che sotto l'insegna del "cacciamo gli occupanti" si nasconde la vera battaglia tra i fanatici che vorrebbero un'altra dittatura islamica e chi non esclude a priori un modello più simile alle democrazie occidentali. Pensare che tutto questo non ci riguardi perchè non siamo nè irakeni nè musulmani potrebbe essere comodo nel breve termine ma assolutamente errato in un arco di tempo più lungo.

 

  By: michelino di notredame on Martedì 18 Maggio 2004 13:19

Nassiryia in pratica avevano vinto i miliziani. poi sono partite le trattative, i nostri sono rientrati pacificamente nella libeccio e la situazione e' tornata tranquilla. qualcuno me la spiega, questa cosa qui? devo supporre che nel corso delle trattative i miliziani abbiano ottenuto la tal cosa e la tal altra. ma cosa? e' l'elemento della guerra che capisco meno. anzi direi proprio che non lo capisco per nulla. evidentemente ragiono con una testa indiani/cowboy vincere/perdere e la realta' e' tutta diversa. qui gli indiani non vincono mai perche' trattano sempre. i cowboy vincono sempre, ma ogni volta che vincono perdono un pezzo.

 

  By: polipolio on Martedì 18 Maggio 2004 11:36

Pan, assolutamente vero (e vergognoso), parlavo dlle guerre che coinvolgono l'occidente.

 

  By: panarea on Martedì 18 Maggio 2004 11:03

Zibo, le guerre si fanno a metà in TV, dal vietnam in poi." - - - - - - purtroppo soltanto quelle che ci fanno vedere, io non ho visto niente dei massacri tra tutzi e hutu (eppure i morti sono stati forse 1 milione), non so niente dei montagnard in vietnam, non so niente di come russi e ceceni si sgozzano, non so niente di come vive e/o muore la korea del nord, so soltanto che so tutto dove ci sono gli americani, altrove, il sangue scorre silenzioso e nascosto.

 

  By: polipolio on Martedì 18 Maggio 2004 10:07

Zibo, le guerre si fanno a metà in TV, dal vietnam in poi. I video delle bombe intelligenti (in kosovo e nella prima guerra del golfo), i rapporti sulle perdite nulle di civili nella prima guerra del golfo erano guerra di comunicazione vinta dagli Usa, come le statue di Saddam abbattute dalla popolazione (già, aiutata dal genio dell'esercito Usa)nella seconda. Adesso o non hanno popolazione civile festante da mostrare o si sono rinc*******i.

 

  By: Andrea on Martedì 18 Maggio 2004 09:57

Gent.mo Zibordi, nel suo post ha elencato dei fatti, delle notizie insomma, per cui si fatica a darLe torto o ragione, non trattandosi di opinioni. Però mi manca un collante, un filo logico. Voglio dire ... il fatto che il poveretto sia stato sgozzato rende in qualche modo meno degne di riflessione (o indegne di essere esposte) le tesi di Michael Moore? Oppure il fatto che i terroristi irakeni usino strategie non nuove rende qualcuno più giusto di quanto non sia già? Ad ogni modo esprimere un dissenso (realizzando un film o applaudendo alla fine della sua visione) è ancora permesso. E, pur avendo io opinioni equidistanti o quasi dalle Sue e da quelle di Michael Moore, i legami tra, ad esempio, il Carlyle Group e tutto un certo mondo (e non mi riferisco solo alle dozzine di cugini Bin Laden), mi inquietano. Così come mi inquieta che, tra le ragioni per cui la Disney Corporation ha deciso di non distribuire questo film, ci sia la seguente, riportata a mezzo stampa (anche stampa pro Bush): "Godiamo di significativi sconti fiscali in posti come Orlando, FL dove indispettire il governatore (fratello del presidente) metterebbe a repentaglio la nostra redditività". Dal punto di vista di chi amministra il capitale degli investitori è una politica accorta, senza dubbio. Però temo la dica lunga su un certo tipo di clima. In tutta franchezza il tipo di "longa manu" che questa famiglia regnante ha saputo organizzare mi ricorda molto quella della DC in Irpinia e non mi sembra un precedente di cui andar fieri. Dal canto mio continuo a stimare gli Stati Uniti come nazione e a trovarne l'esperienza fortemente positiva ma non mi sento in colpa per condividere, con Michael Moore, diverse apprensioni a proposito dell'attuale amministrazione. E non condividere l'uso che si fa di un esercito non significa disprezzare l'esercito stesso o chi ne fa parte. Almeno così la vedo io. un saluto, Andrea

Conta più la TV del resto - gz  

  By: GZ on Martedì 18 Maggio 2004 03:00

A Cannes oggi il film del Michael Moore (quello per cui il pericolo è solo bush e bin ladin è una sua creatura), tutto anti-bush e anti-esercito americano ha ricevuto 20 minuti di applauso in piedi ininterrotto da parte degli attori, divi, bella gente e intellettuali che riempiono il festival, la più grande ovazione mai vista nella storia del cinema. Intanto uno dei canali tv americani, dopo aver avvertito tutti per ore di tenere lontani i bambini e di pensarci bene prima di sintonizzarsi ha messo in onda il mezzo minuto di AUDIO solamente dello sgozzamento di Nick Berg. I video invece anche quelli che ne hanno messo in onda una foto l'hanno un offuscato perchè la foto non si vedesse in modo nitido. Anche così però i 30 secondi di Nick Berg che urla e questo capo di Al Qaeda che urla "allah akbar" col coltellaccio in mano hanno l' impatto di un piccolo 11 settembre. Sembra che una ^nuova TV irakena stia per mettere in onda dei video tratti dalle prigioni di Saddam dove vedi cose molto diverse da quelle cosidette torture di abu ghraib #http://www.newsmax.com/archives/ic/2004/5/16/103418.shtml^ (invece di ridere dei genitali dei prigionieri come le soldatesse americane glieli tagliano in diretta) Il colonello Giap, il famoso comandante vietcong, ha spiegato in alcuni articoli ora che è vecchio e in pensione come riuscì a vincere in Vietnam nonstante le sconfitte sul campo. Fino al 1967 i nord-vietnamiti erano in difficoltà e allora il vertice comunista decise di concentrare lo sforzo per impressionare e coltivare i media occidentali per cui tutte le loro azioni principali vennero dirette nelle zone in cui sapevano esserci giornalisti e TV occidentali.... (dal wall street journal) ".........The Communist forces had taken a series of military defeats. the US/ARVN forces had pacified much of the south by the end of 1967 (222 out of 242 provinces). Operation Junction City (February-March 1967) and other sweeps had seriously disrupted NLF activity in the south and forced the COSVN into Cambodia. At a July 1967 meeting the Communist Party leadership recognized their failures and decided to re-orientate their operations to target two key political weaknesses. Firstly, the deep gulf between the US public and the US government over support for the war and its actual progress. Secondly, the tensions existing between the US military and their Vietnamese allies. The leadership decided to concentrate on a few high profile operations, that would take place in the public (and the US media) eye rather than fighting the conflict away from major urban centres. This would bolster Northern moral, possibly inspire uprisings in the South and provide the impression, and hopefully the reality, that the US/ARVN were not winning the war and it was likely to be a long time before they did. The new policy also marked a victory for the 'hawks' over the 'doves' in the Communist Party leadership, in late 1967 around 200 senior officials were purged. .....succeeded in providing the press with the raw material necessary to alter the dynamics of American domestic politics. While he could not alter reality, it could alter the perception of reality enough to give anti-war politicians a winning hand which they played it to the hilt. During the TET the NLF and the NVA lost around 35,000 men killed, 60,000 wounded and 6,000 POWs for no military success. The US and ARVN dead totalled around 3,900 (1,100 US). But this was not the conflict as the US public saw it. Without there being an active conspiracy the US media reports were extremely damaging and shocked the American public and politicians. Apparently the depth of the US reaction even surprised the North Vietnamese leadership, as well as delighting them....."

e c'e' la storia di Giuditta e Oloferne... - michelino di notredame  

  By: michelino di notredame on Martedì 18 Maggio 2004 00:20

la vicenda Berg e' una BOMBA BIBLICA * c'e' la storia di Davide - gli innocenti pagano per i peccati del re (l'arroganza) * c'e' Abramo con Isacco sempre attraverso le parole del padre di Berg, e il sacrificio dell'agnello -> lo sgozzamento (tacendo il fatto che Abramo era di Nassiryia, guarda un po') * c'e' una dinamica dell'occhio-per-occhio (i terroristi hanno giustificato l'esecuzione come vendetta per i fatti di Abu Graib) * e c'e' la storia di Giuditta e Oloferne, mesopotamica anche quella, con la decapitazione di Oloferne e il ritiro dell'esercito occupante ma molto di + * perche' nel corso dei secoli e dei millenni l'esposizione della testa del nemico e' stata una costante delle grandi battaglie (x esempio LEPANTO fu risolta dai marinai veneziani che spiccarono la testa a Maometto Scirocco e la issarono alta, in modo che tutti la vedessero). e' in sostanza un cortocircuito emotivo che colpisce in pieno il pubblico americano, quello della bible-belt e dei new-born-christians, cioe' proprio l'elettorato di W Bush, in una misura che noi europei stentiamo a immaginare.

 

  By: marker on Lunedì 17 Maggio 2004 16:09

la scelta di non presentare le immagini del giovane americano decapitato è una deliberata scelta ideologica, quelle immagini svelerebbero agli occidentali nella loro pura crudezza ciò che sono gli islamici: il Nemico. un Nemico barbaro da combattere senza quartiere, un Nemico feroce che uccide senza pietà in tutto il mondo e che vorrebbe annientare la nostra civiltà. il disegno ideologico della cosca cattocomunista che detiene il potere mediatico prevede di porre l'accento soltanto sui "nemici della pace", quindi propone incessantemente le immagini delle pseudotorture degli angloamericani così come le immagini degli orfani e degli storpi afghani causati dai bombardamenti e dalle mine occidentali, o la vita di stenti delle famiglie palestinesi sotto il giogo dell'occupazione sionista, mentre commenta la notizia della decapitazione come una "vendetta di quei popoli" alle recenti nefandezze e all'occupazione occidentali. analogamente si guarda bene dal proporre le immagini degli israeliani ridotti a brandelli sui bus o delle religiose cristiane finite a colpi di machete in nigeria, o ancora i corpi sfracellati dal 50esimo piano delle TwinTowers. quello che non deve trapelare mai è la percezione dell'immanenza del Nemico: la sua minaccia, la sua diffusione, la sua potenza, la sua crudeltà, perchè per quel ruolo è predeterminato un altro soggetto: l'Imperialista. l'angloamericano bianco, sionista, conservatore, razionalmente determinato nella ricerca del successo e del progresso materiale, lo sfruttatore dei popoli del terzo mondo, ricchissimo devastatore e saccheggatore del pianeta, colui che ha strappato l'innocenza a quei popoli riducendoli in schiavitù. tutta l'informazione che abbiamo in italia e, sia pure con qualche eccezione, in europa deve soddisfare quel teorema ideologico. e tutto ciò che non vi rientra deve essere aggiustato per quel fine.