Oligarchia Finanziaria

 

  By: pana on Venerdì 11 Dicembre 2015 08:15

Saldo positivo di 415.000 unita ! e si riparteeeeeeeeee Paragonando dunque l'andamento dell'anno in corso e dello scorso emerge un miglioramento del saldo positivo dei posti stabili di 415milaunit http://www.repubblica.it/economia/2015/12/10/news/inps_contratti_posti_di_lavoro-129171940/ sorry gufos and menagramos

 

  By: DOTT JOSE on Sabato 28 Novembre 2015 17:50

Il tiranno turco , che assieme al figlio vende il petrolio rubato all Iraq ( intercettato mentre assieme al figlio Bilal decide come far sparire milioni di dollari che nascondevano in casa )uccide gli avversari politici, se qualcuno avesse ancora dubbi sul personaggio.. Tahir Elci, presidente dell’associazione degli avvocati di Diyarbakir, nel sud-est a maggioranza curda della Turchia, è stato ucciso durante una conferenza stampa http://www.operaicontro.it/?p=9755734819

 

  By: Bullfin on Lunedì 23 Novembre 2015 23:53

Ma lo devi fare per forza il viaggio? Stattene a casa brutto stronzo! (riferito all'intervistato non a te) Eh per forza non vado in vacanza da anni.... :)..... Anti il problema è vario, da una lato hai ragione te, dall'altro ho ragione io. Ogni decadenza è frutto di numerose variabili...come dici te...non capisco pero' quando parlano gli altri fai questo discorso, quando parli te invece individui di certo le cause.... :)....ciao zucca semivuota :)....

 

  By: antitrader on Lunedì 23 Novembre 2015 22:15

Bull, non sta scritto da nessuna parte che devi comprare sempre di piu', quella e' una bizzarra supposizione dei capitalisti rincoglioniti che sfida la legge di gravita'. Se l'economia del paese va a mignotte (e la nostra c'e' andata) allora compri di meno e, se la cosa la governi, non e' nulla di traumatico. Da dove derivano i casini? Dalla bestialita' del genere umano e dai politici i quali pretendono il loro taglieggiamento come variabile indipendente dall'economia, basterebbe tagliare veramente la tasse (almeno un 10%) e tutto migliorerebbe come d'incanto. Invece, per tutto il pediodo della crisi (8 anni) il problema dell'italia era l'ici, l'imu, la tia, la tase, la tarsi, la iuc e chi piu' ne ha piu' ne mette. Te lo vuoi mettere nella zucca (semivuota) che non e' stato fatto niente? Ancora una volta ha ragione l'Europa quando dice che vanno tagliate le tasse sul lavoro, invece la politica e' solo a caccia di voti (il tuo vate salvini compreso). Quando nel 2005/2006 il dibattito economico riguardava il fatto che non si arrivava a fine mese, alla fine, dalle interviste, veniva sempre fuori che il problema era "non riusciamo a fare la vacanza o il viaggio". Ma lo devi fare per forza il viaggio? Stattene a casa brutto stronzo! (riferito all'intervistato non a te).

 

  By: gianlini on Lunedì 23 Novembre 2015 21:32

Bull, Anti ti dice che i 2,6 milioni ora comprano 500!

 

  By: Bullfin on Lunedì 23 Novembre 2015 21:10

Oggi un salario di 1300 euro corrisponde a un salario in lire di 2,6 milioni che era un signor salario e in pochi lo prendevano. A volte mi dico che sono un gran coglione a rispondere ad una capra (anzi peggio...ho offeso una capra)....i famosi 2,6 miliani di lire acquistavano 1000 beni (es. alimentari) ora ne acquistano 900...sicchè nulla è cambiato....anzi pure peggiorato... Inoltre dire che il cambio si confa' alle condizioni disastrate è fare un'analisi di statica comparata. La dinamica comparata presuppone che lasciando fluttuare il cambio l'economia si mette in moto e l'aggiustamente dei salari che il cialtrone vaneggia non vi sarebbe. Zio bel se facessi micro e macro alla prima universita di economia ti sbatterebbero un bel 0 (ZERO)....

 

  By: antitrader on Lunedì 23 Novembre 2015 19:29

Lelik, perche' si idebitano in valuta estera gli industriali dei paesi emergenti? Perche' la loro valuta non vale un cazzzzz. Mettetevelo bene nella zucca, quello che permette all'occidente di scialacquare ancora e' proprio la forza delle sue monete ma questo quelli che "quando e' bella la valuta debole" non lo sanno. Condivido che il valore della "moneta italiana" dovrebbe scendere ma perche' servirebe a riportare i salari al livello che si confa' alle attuali condizioni disastrate dell'economia. L'euro, di fatto, ha gonfiato i salari. Ne vuoi una prova? Oggi un salario di 1300 euro corrisponde a un salario in lire di 2,6 milioni che era un signor salario e in pochi lo prendevano.

 

  By: Lelik on Lunedì 23 Novembre 2015 16:05

Pana, certo che la tua impertinenza nel mettere in risalto alcuni punti è solo seconda all'ignoranza. Leggi l'articolo che hai postato, e scoprirai che dice correttamente che l'indebitamento non è dei "paesi emergenti" ma è essenzialmente di privati e società di quei paesi; quindi non è uguale allo "stampare" denaro in valuta locale per finanziare il budget statale, che è l'argomento che volevi colpire. Ma hai usato un'arma, o meglio un'argomentazione, completamente errata che non c'entra molto. Cosa è avvenuto quindi? Che in quei paesi emergenti sono arrivati (enormi) capitali dai paesi occidentali sviluppati, che hanno visto l'opportunità di ottenere rendimenti (ovvero interessi) più elevati rispetto ad ogni altra alternativa. Così i privati locali dei paesi emergenti si sono indebitati in valuta estera (per lo più dollari) con tutte le conseguenze del caso. E ora non è semplice ed indolore trovare una soluzione, specie in caso di recessione mondiale (i debiti più sono difficili da rimborsare se il reddito si contrae) e/o di rialzo dei tassi di interessi, così come più volte prospettato dalla Fed, sebbene non ancora attuato.

 

  By: pana on Lunedì 23 Novembre 2015 11:35

ma se tutti questi paesi hanno sovranita monetaria e valutaria (alcuni pure gastronomica perche si magnano gli inseti) perche mai come si legge nell'articolo si devono rivolgere all Occidente per i prestiti enon stampano loso sovranamente parlando????? In passato, quando una nazione del Terzo Mondo si indebitava fortemente e necessitava aiuto, poteva bussare alla porta dell'Occidente industrializzato e ricevere un salvagente, sia pure carico di interessi. Ma dopo la crisi del debito provocata negli Usa dai cosiddetti mutui troppo facili (20 http://www.repubblica.it/economia/2015/11/22/news/la_crisi_del_debito_travolge_i_paesi_emergenti_l_occidente_trema-127660604/

 

  By: pana on Sabato 07 Novembre 2015 08:23

come sarebbe a dire chein venezuele i supermercati sono vuoti? mancano pu reil pane e il sapone ??? ma se hanno sovranita monetaria e valutria perche non stampano pesos e riempiono gli scaffali ?? http://video.repubblica.it/le-inchieste/venezuela-supermercati-vuoti-e-lunghe-file-per-i-generi-di-prima-necessita/216036/215220

 

  By: pigreco-san on Venerdì 23 Ottobre 2015 14:48

Queste sono le notizie che mi rallegrano la giornata. "Quindici banche italiane a rischio fallimento" http://www.today.it/rassegna/banche-italiane-rischio-bail-in.html Istituto per il credito sportivo, la Cassa di risparmio di Ferrara, la Banca delle Marche, la BCC Irpinia, la Cassa di risparmio di Loreto, la banca Popolare dell'Etna, la Banca padovana di credito cooperativo, la Cru di Folgaria, il Credito Trevigiano, la Banca popolare delle Province calabre, la Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti, la BCC di Cascina, la BCC Banca Brutia, la BCC Terrra di Otranto, la Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio.

 

  By: DOTT JOSE on Martedì 20 Ottobre 2015 20:29

Rileggendo le proposte di Trump pare che voglia finalmente bastonare i parassiti turbocapitalfinanz.fasciofeudali degli hedge fund certo fidarsi ciecamente di un borghese doc comporta sempre rischi altissimi, lo sappiamo bene che sono doppi di lingua e di mente,il loro unico credo e' il profitto fatto sul sangue del proletariato Poi Trump darebbe una bella sberla agli Hedge Funds (i mostri della speculazione di Wall St.) abolendogli le detrazioni fiscali chiamate Carried Interest; e infine Trump ha un bel piano per la...... Sanità pubblica in America http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1322

 

  By: DOTT JOSE on Giovedì 15 Ottobre 2015 19:53

Eh ma che bella ripresona, in Illinois non hanno i soldi per pagare le pensioni "we are out of money" SIAMO SENZA SOLDI, le bische dei padroni stanno per chiudere dopo aver ciulato gli ultimi risparmi della classe operaia http://www.zerohedge.com/news/2015-10-14/illinois-delay-pension-payments-amid-budget-woes

 

  By: hobi50 on Mercoledì 14 Ottobre 2015 17:06

http://www.ft.com/intl/cms/s/0/109842b8-71f4-11e5-9b9e-690fdae72044.html#axzz3oXxhE5gd Se anche i numeri uno piangono,le "caga.te" spettono di diritto anche ai comuni mortali. Hobi

 

  By: gianlini on Lunedì 20 Luglio 2015 11:46

Gz, non capisco bene il motivo di doversi scandalizzare Chi dovrebbe andare a lavorare nelle grandi banche d'affari? idraulici o imbianchini? In un mondo sempre più connesso e globale, le conoscenze personali e le "entrature" (brutta parola ma non trovo un corrispettivo in italiano decente) sono l'asset fondamentale, sia che uno faccia impresa sia che faccia banca. Scaroni ha contatti con ministri e responsabili di dicasteri economici e finanziari di mezzo mondo....chi doveva prendere la Rothschild? Gianlini che non conosce nemmeno il vicino di casa? LEggiamo la biografia di Scaroni (Vicenza 28 novembre 1946) Dopo il diploma al Liceo Classico Antonio Pigafetta di Vicenza e laurea in economia e commercio all'Università Bocconi, del cui International Advisory Council è tuttora membro,[2] Paolo Scaroni consegue un master in business administration presso la Columbia University di New York, dove ha studiato anche il figlio Alvise Scaroni . Inizia la sua attività professionale nella società di consulenza aziendale McKinsey. Nel 1973 lavora per il gruppo Saint-Gobain dove, nel 1978, assume l'incarico di presidente della divisione vetro a Parigi. Dal 1985 al 1996 è vicepresidente e amministratore delegato della Techint. Nel luglio 1992, negli anni di Tangentopoli, è arrestato con l'accusa di aver pagato tangenti al Partito Socialista Italiano per la centrale elettrica di Brindisi, per conto della stessa Techint. Nel 1996 si celebra il processo in cui Scaroni chiede di patteggiare la pena: un anno e quattro mesi, al di sotto della soglia di carcerazione.[3] Dal 1997 al 1999 è stato inoltre presidente del Vicenza Calcio. Nel 1996, Paolo Scaroni si trasferisce in Gran Bretagna per ricoprire il ruolo di amministratore delegato di Pilkington. Liceo Classico a Vicenza - Bocconi - Master alla Columbia University - percorso professionale fra Italia, Francia, Inghilterra in aziende di primo livello Tutto lascia pensare quindi al figlio di una famiglia borghese italiana normale. Percorso che anche un Gano (liceo classico a Firenze) o Zibordi (liceo scientifico a Modena) con un minimo di fortuna, impegno o volontà specifica avrebbero potuto tranquillamente percorrere. Non ci vedo proprio niente che assomigli all'autoconservazione di un circolo chiuso.