Stupidi Uomini Bianchi

 

  By: Bullfin on Martedì 01 Marzo 2016 00:42

Qui vi è il teatro dell'eterno conflitto tra centro e periferia, tra potere in uno o potere in tanti, tra teoria e pratica, tra paternalismo degli altri e paternalismo da me stesso...è una dura lotta....

 

  By: MR on Lunedì 29 Febbraio 2016 21:47

Spacciare per libertà quello che è sostanzialmente l'arbitrio del ricco parassita che piace tanto a Xtol è come chiamare "eutanasia" l'eliminazione dei disabili durante il terzo reich. "Buona morte" un *** , si trattava di *** che non a caso gli attuali "liberali" vogliono riproporre. Siete la feccia della società, ed un giorno la pagherete cara, e pagherete tutto, per quello che avete fatto alla gente, in particolare alla povera gente. A vostro confronto Hitler era molto più umano: almeno al suo popolo garantiva un tenore di vita accettabile, mentre agli altri li massacrava. Voi volete il massacro sociale in particolare per prossimità: più qualcuno vi è vicino, più lo vorreste vedere nella *** . Chissene fotte di Hobbes, leggetevi Aristotele sadici sociali di sti maroni.

 

  By: Bullfin on Lunedì 29 Febbraio 2016 19:19

Bello, cose condivisibili altre meno...

 

  By: XTOL on Lunedì 29 Febbraio 2016 18:25

un caldo invito alla lettura, se non del libro, almeno di questa introduzione: ^NON ESISTE ALCUN CONTRATTO SOCIALE! E HOBBES AVEVA TORTO#http://www.rischiocalcolato.it/blogosfera/non-esiste-alcun-contratto-sociale-e-hobbes-aveva-torto-143475.html^ .. #i#la sopravvivenza degli Stati e dei loro barbarici sistemi di tassazione appare sempre più incompatibile con il progresso morale dell’umanità.#/i# commentino personale: chi sarà sociapatico? chi ritiene gli esseri umani capaci di autogovernarsi, o chi teme di essere aggredito da torme di feroci rapinatori non appena non ci fosse più uno stato a difenderlo?

 

  By: Gano di Maganza on Lunedì 29 Febbraio 2016 10:11

#i#Morphy> "Gano, si chiama diversificazione. La diversificazione ai più sembra una cosa stupida ma in realtà è necessaria per la sopravvivenza. Chi non diversifica prima o poi muore."#/i# Giusto. E senza centrali nucleari abbiamo rinunciato a diversificare. Però considera che la Corea del Sud, che cresce molto più rapidamente di qualsiasi paese europeo e che ha una politica economica estremamente aggressiva ha il 36,4% dell' energia prodotta col nucleare e continua a costruire centrali. Questo è qualcosa di più che diversificazione. Anche la Cina si sta indirizzando verso il nucleare. Quello che fanno Italia, Francia e Germania non mi sembra più molto significativo. #i#------------------------------------------------------------------------------ Gano di Maganza La Cina ha dieci di centrali nucleari in costruzione e un' altra ventina in progettazione. Verrebbe da chiedersi perché... Anche la Corea del Sud ne ha 5 operative (34,6% dell' energia elettrica generata nel paese) ed una in costruzione. I coreani tanto fessi non mi sono mai sembrati. ------------------------------------------------------------------ Antitrader 70% sul gas, un euro su ogni litro di benzina, 3,5 euro su un pacchetto di sigarette, e adesso vogliono fare la fattura elettronica "per recuperare fino a 10 miliardi di "evasione"" narra la leggenda. E che ci fanno con tutti questi soldi? Se li magnano tutti! "Abbiamo bisogno delle centrali nucleari perche' abbiamo il prezzo dell'energia piu' alto del mondo" ragliavano i politici (e qualche fesso ci credeva). Cosa vui tagliare se su un litro di benzina a 1,35 1 eur son tasse? Adesso l'europa sta facendo il piano per smantellare tutte le centrali nucleari, servono 270 miliardi (che non ci sono) e noi non abbiamo nemmeno ancora individuato un sito per lo stoccaggio delle scorie che in parte abbiamo spedito in Francia e in Inghilterra e che ci vogliono rimandare indietro.#/i#

 

  By: XTOL on Lunedì 29 Febbraio 2016 09:41

spock, si curi

 

  By: traderosca on Lunedì 29 Febbraio 2016 00:45

E, sempre in modo paraculato, "lanci il sasso e nascondi la mano quando dici che "a volte è necessario il protezionismo". Mr,ma allora ci sei....

 

  By: MR on Domenica 28 Febbraio 2016 22:10

#i#Adesso la vedi dal punto di vista del parassita (lo stato).#/i# Chiudi quella fogna sociopatico di *** e vai a seviziare i poveri nell'inferno britannico del Gold Standard.

 

  By: MR on Domenica 28 Febbraio 2016 22:09

#i#Bullfin,Mr,ci siete o ci fate!!! e chi ha mai scritto che protezionismo=autarchia?#/i# Tu, ovviamente in modo para *** come tuo solito. E, sempre in modo paraculato, lanci il sasso e nascondi la mano quando dici che "a volte è necessario il protezionismo". Ma questo vuol dire esattamente quello che io ho SEMPRE sostenuto, cioè che la circolazione internazionale di capitali, merci e persone deve essere subordinata A CONSIDERAZIONI POLITICHE DI Opportunità. Para *** .

 

  By: traderosca on Domenica 28 Febbraio 2016 18:58

"Bull, tu la vedi solo dal punto di vista del piccolo bottegaio che chiude. prova a vederla dal punto di vista del cliente che deve spendere di più per uno stesso prodotto. vedi che per difendere (cioè per garantire) il bottegaio colpisci il cliente. lo stesso avviene col protezionismo: per difendere il produttore di acciaio (l'ilva..) colpisci i clienti (costretti a comprare un acciaio scadente e/o costoso), o colpisci i cittadini facendo pagare a loro (attraverso le tasse) l'acciaio "protetto". il protezionismo inoltre ha un grave costo ulteriore: per ottenere protezione ci si deve ingraziare il potere statale.. come, lo sappiamo tutti, verooo?" inoltre,le ragioni di fondo degli svantaggi che deriverebbero dall'adozione di politiche protezionistiche: per esempio,la possibilità che le industrie protette non siano stimolate a crescere e rinuncino a quel dinamismo necessario all'affacciarsi sul mercato internazionale con le relative conseguenze negative............ Tuttavia, la giustificazione al ricorso di misure protezionistiche possono essere molteplici: per cambattere il fenomeno del dumping,al fine di favorire la nascita di nuovi settori produttivi o risollevare quelli esistenti.........senza protrarsi al di là del tempo necessario per sperimentare ciò che esse sono capaci di conseguire.

 

  By: XTOL on Domenica 28 Febbraio 2016 18:49

adesso la vedi dal punto di vista del parassita (lo stato). se mi immedesimo nello stato, ecco che far crescere un'azienda trasferendole risorse altrui (perchè lo stato non ne crea, può solo distruggerne!) può sembrarmi una buona idea (visto che allargo il mio potere, e magari mi resta appiccicato alle mani qualche soldino..). ma se sei l'azienda a cui lo stato toglie per destinarle "al tuo pulcino", scommetto che l'idea ti piace meno. il tuo discorso varrebbe se -e solo se- le risorse usate per proteggere una produzione fossero replicabili a piacere. è il sogno dei megalomani al potere. poi si svegliano tutti sudati

 

  By: Bullfin on Domenica 28 Febbraio 2016 18:23

Xtol quello che dici è giustissimo e ne ero gia' conscio. E' vero che il protezionismo eccessivo porta ad adagiarsi e mangiare come il monopolio il surplus del consumatore, ma te lo vedi solo da questa parte, in realta' l'economia è un po' come la metafora della mamma chioccia, o del leone e della gazzella. Alla fine sembriamo tanto diversi dagli animali ma agiamo come essi. Se tu hai un'industria nascente e la butti nella bolgia della concorrenza, la concorrenza te la magna (il pulcino non difeso mangiato da un predatore, il leone che magna la gazzella giovane). Se tu invece la proteggi è vero che sottrai una parte del surplus del consumatore ma per il sistema economico produttivo lo fai irrobustire. E' ovvio che fino ad un certo punto questo va.... Se il pulcino oramai adulto sta con la mamma ancora e la mamma non gli da una bella pedata egli non crescera' mai e sara' preda lo stesso. Ogni cosa ha il suo tempo...quando il pulcino cresce ed è forte ed è un aquila allora è pronta a volare So che puo' far sorridere tutto questo ma la vedo così...ciao.

 

  By: XTOL on Domenica 28 Febbraio 2016 18:07

bull, tu la vedi solo dal punto di vista del piccolo bottegaio che chiude. prova a vederla dal punto di vista del cliente che deve spendere di più per uno stesso prodotto. vedi che per difendere (cioè per garantire) il bottegaio colpisci il cliente. lo stesso avviene col protezionismo: per difendere il produttore di acciaio (l'ilva..) colpisci i clienti (costretti a comprare un acciaio scadente e/o costoso), o colpisci i cittadini facendo pagare a loro (attraverso le tasse) l'acciaio "protetto". il protezionismo inoltre ha un grave costo ulteriore: per ottenere protezione ci si deve ingraziare il potere statale.. come, lo sappiamo tutti, verooo?

 

  By: traderosca on Domenica 28 Febbraio 2016 17:52

"Protezionismo non vuole dire autarchiaù" Bullfin,Mr,ci siete o ci fate!!! e chi ha mai scritto che protezionismo=autarchia?

 

  By: Bullfin on Domenica 28 Febbraio 2016 17:44

protezionismo non vuole dire autarchiaù ohhhhh laaaaaaaaa'..!!!.....