God bless America

Re: God bless America  

  By: gianlini on Martedì 21 Maggio 2019 12:29

Bannon è il braccio destro mediatico e di strategia del consenso di Trump.

Cosa c'entra ora il cinese o Soros?

Che la globalizzazione danneggiasse gli US lo diceva Zibordi dieci anni fa già, non è che l'ha scoperto Trump. Trump (e Bannon) hanno deciso di cavalcarlo come tema elettorale, e poi di presidenza.

 

 


 Last edited by: gianlini on Martedì 21 Maggio 2019 12:34, edited 2 times in total.

Re: God bless America  

  By: gianlini on Martedì 21 Maggio 2019 12:21

Ma cosa c'entra la globalizzazione? Il problema è che i cinesi hanno un QI superiore a quello degli americani, e sono 5 volte tanti. Il problema per gli USA è incominciato il giorno che hanno smesso di essere imbrigliati nel comunismo.

O Trump restaura il comunismo in Cina o gli USA sono fottuti. Al limite ritarda di qualche anno l'inevitabile cedimento dello scettro.

Basta vedere la fine che hanno fatto baristi, tabaccai e parrucchieri italiani.

 

 


 Last edited by: gianlini on Martedì 21 Maggio 2019 12:22, edited 2 times in total.

Re: God bless America  

  By: lmwillys1 on Martedì 21 Maggio 2019 12:18

dove sbaglia trump te lo ho già detto un milione di volte e tu non capisci ... se  proprio vuoi far la guerra alla Cina non devi inimicarti i tuoi amici di sempre, prima di trump era un errore che gli yankees non facevano, questo trump è proprio cretino, come tutti i suoi sostenitori del resto

:-)

non sono d'accordo con Blondet che sia necessaria la forza per imporsi come dominatori del mondo, la Cina avrà successo con un approccio opposto


 Last edited by: lmwillys1 on Martedì 21 Maggio 2019 12:20, edited 1 time in total.

Re: God bless America  

  By: pana on Martedì 21 Maggio 2019 12:12

copio pari pari un commento dal blog di blondet, commento che avrei scritto pure io se non mi avessero bannato

Ma la verità è che gli Stati Uniti non possono più abbandonare la loro politica militare aggressiva perchè è grazie ad essa che il dollaro viene imposto come moneta degli scambi internazionali e i capitali di tutto il mondo vengono inviati nel cuore dell'impero e assorbiti dal sistema finanziario.
Gli USA producono poco, il loro apparato industriale è ormai stato smantellato; è con il ricatto militare e con le guerre che loro ribadiscono il loro ruolo artificiale di protettori della democrazia mondiale e ottengono i capitali che sono la versione a livello planetario del "pizzo" mafioso.
Come possono rinuciare al sistema militar-industriale che li mantiene in cima al potere mondiale? Nessun presidente, per quanto determinato, potrà mai invertire la rotta.

Russian conscripts allegedly killed for their organs - YouTube

Re: God bless America  

  By: lmwillys1 on Martedì 21 Maggio 2019 11:02

l'approccio yankee ha fatto il suo tempo, ti depredo di tutto e stai zitto altrimenti ti schiaccio è un approccio ormai impossibile, i cinesi dove si piantano stabilmente portano benefici

è un concetto che nel cranio yankee non entra , anche trump va avanti con minacce interventi pesanti rappresaglie multe esce dal trattato onu sulle armi del 2013 e da quello sul nucleare coi russi del 1987 (la Cina non c'era e un minimo si può capire) e con l'iran stipulato da soetoro fancula il trattato di Parigi sull'inquinamento ecc., peggio per loro


 Last edited by: lmwillys1 on Martedì 21 Maggio 2019 11:07, edited 2 times in total.

Re: God bless America  

  By: lmwillys1 on Martedì 21 Maggio 2019 10:39

siamo in un periodo di stravolgimenti epocali, uno come trump per me è addirittura benvenuto, facendo di tutto per fermare gli eventi secondo me può solo accelerarli :-)

 

per chi ha tempo se vuole può leggersi il made in china 2025, è di 4 anni fa, sono 4 anni che si sa che la Cina distruggerà l'egemonia statunitense entro il 2025 ...

http://www.cittadellascienza.it/cina/wp-content/uploads/2017/02/IoT-ONE-Made-in-China-2025.pdf

Re: God bless America  

  By: gianlini on Martedì 21 Maggio 2019 10:14

Da quando Putin ha abbracciato Kim, la Corea del nord è sparita completamente dai radar, avete notato?

 

Re: God bless America  

  By: hobi50 on Martedì 21 Maggio 2019 10:04

Bravo Xtol ,non l'ho letto assolutamente ...prima riga a parte in cui si accenna al complesso militar industriale.

Ho concluso però che lui ,il trumpanaro ,ne è capo perchè ha parlato di guerra all'Iran che è un non senso assoluto.

 

Hobi

Re: God bless America  

  By: hobi50 on Martedì 21 Maggio 2019 10:00

Morphy,già in un altro post avevo manifestato la mia ignoranza sui poteri del Presidente Usa e del Congresso(  però scommetterei che la dichiarazione di guerra sia di competenza di quest'ultimo )

Ma forse non è nemmeno questo il punto.

E' un presidente che semina tensione dappertutto,che vuole il confronto "face to face" con gli altri paesi per imporre il peso degli Usa,che è amico di tutti i personaggi nazionalisti più squallidi ( da Bolsonaro a Salvini ).

Che si circondato di yes man ( uno dei pochi che ha resistito è quel Bolton grande sostenitore della guerra in Iraq ),che si tinge di ridicolo affermando per mesi dei grandi progressi nelle trattative con la Cina non sapendo nemmeno quello che ,pure io ,so del modo di trattare dei cinesi.

E' un clown iroso ,con un vocabolario di parole e concetti limitato ,megalomane e trionfalista.

Puo fare tanti danni anche senza fare guerre.

 

Hobi

Re: God bless America  

  By: XTOL on Martedì 21 Maggio 2019 09:51

Hobi, suppongo che non abbia letto l'articolo...

cmq se trump è costretto a riesumare il suo cavallo di battaglia anti war complex è il segno che in USA cresce lo stesso sentimento di ribellione anti establishment che ribolle in europa.

per me è un buon segno

l'ultimo a capire sarà il più cretino


 Last edited by: XTOL on Martedì 21 Maggio 2019 09:51, edited 1 time in total.

Re: God bless America  

  By: Morphy on Martedì 21 Maggio 2019 09:36

Hobi, non seguo nessun tipo di politica sia nazionale sia internazionale perchè francamente, per me è un argomento poco interessante. Facevo un ragionamento di logica dicendo che il presidente di una nazione (a caso) solitamente gira il mondo a scopo commerciale e fa le cose che le proprie aziende gli suggeriscono. Detta come la dici tu, c'è da cagarsi addosso, sembreremmo in mano ad un pazzo furioso che in totale autonomia potrebbe sferrare un attacco nucleare da un momento all'altro. Ma ha davvero tutto questo potere un presidente americano?

 

 

– Ho imparato a non fare lotta con i maiali. Ti sporchi tutto e, soprattutto, ai maiali piace...

 

Re: God bless America  

  By: pana on Martedì 21 Maggio 2019 09:36

ma ricordo male ,oppure trumo ha sostituito mattis con un tal  patrick shanahan

che ha lavorato per 30 anni alla boeing ?e secondo voi alla boeing sono contrari o favorevoli al

complesso militar industriale?

eheheh

 

Russian conscripts allegedly killed for their organs - YouTube

Re: God bless America  

  By: hobi50 on Martedì 21 Maggio 2019 09:20

Ma c'è ancora qualcuno che crede ad una sola parola di quello che dice Trump ?

L'altro giorno gli hanno hanno chiesto se pensava di poter evitare la guerra all'Iran ?

Ha risposto : "non so".

Fare una guerra all'Iran che sta buona buona ,ha le pezze al culo e di cui non si sentiva più parlare prima che Trump mettesse stupide sanzioni ad una nazione che aveva firmato un trattato antinucleare cui avevano aderito TUTTI i paesi importanti, è follia pura.

Quindi il complesso militar- industriale c'è e ...Trump ne è il capo.

 

Hobi

Re: God bless America  

  By: XTOL on Martedì 21 Maggio 2019 09:08

flebile fiammella di speranza

 

TRUMP CRITICA IL COMPLESSO MILITARE INDUSTRIALE – qualcosa cambia?

 

E’ un discorso anti-Establishment ed anti-Deep State che Trump affronta per la  prima volta   così apertamente –  lui che si è preso John Bolton come consigliere – perché sa che il suo pubblico lo ha votato perché ponesse fine  alle guerre eterne che dissanguano  tutti, e che questo elettorato, esasperato, guarda a Tulsi Gabbard, la sua possibile concorrente delle  prossime presidenziali.  In una video-intervista di due ore e mezzo, la Gabbard – colonnello, ha  prestato servizi in Irak nel 2005 – s’è scagliata contro “l’establishment della politica estera e il  complesso militare-industriale, che scatenano una guerra dopo l’altra di regime change   sotto pretesti umanitari  – guerre che aumentano le  sofferenze e le devastazioni in quei paesi, e rafforzano i jihadisti tipo Al Qaeda”.

...

Quale stato d’animo collettivo interpreta l’inopinato successo di Tulsi Gabbard? L’analista politico Tom Luongo appaia la bella  hawaiana  al  personaggio in ascesa stellare dall’altra parte dell’Atlantico, Nigel Farage:due campioni di una fase nuova e più energica ,  meglio preparata e massiccia di “populismo” e “sovranismo”, che travolge e minaccia direttamente l’Establishment anglo-americano  mondialista . Ossia quello che ancora conta davvero.

“E’ in arrivo un   riallineamento  nella politica nel  voto, che è iniziato con  Ron Paul nel 2008 e   quindi sta crescendo  da oltre un decennio.” E’ una  volontà politica di “recupero della sovranità nazionale e anche di libertà personale che i  poteri  controllano spasmodicamente. Qualcosa  che sobbolle  sotto la superficie, e poi esplode”

l'ultimo a capire sarà il più cretino

Re: God bless America  

  By: Morphy on Martedì 21 Maggio 2019 09:04

Il commercio mondiale non è stata una decisione politica, ma una tendenza economica. Non è possibile rinunciare alla globalizzazione. E se Usa e Cina facessero l'azzardo di chiudersi rispetto al resto del mondo, credo sarebbe la loro fine, o meglio, sarebbe per loro un gioco troppo pericoloso. Ma non è questo il punto (dato che non lo faranno mai). Come dicevo tempo fa, Donald è in contrattazione sfrenata specie sul versante delle tecnologie. Perchè i numeri dei cinesi in questo settore ci dicono che stanno diventanto spaventosi pure per le mayor americane. A livello di consumo, prima o poi anche il più idiota dei consumatori si accorgerà che la differenza oggettiva tra uno smartphone da 1000 dollari rispetto ad uno di 100 è una specie di presa per il culo, nel senso che è minima a livello di utilizzo effettivo. La Apple, per esempio, si sta accorgendo che se a livello di prodotti non tira fuori qualche altro coniglio dal cilindro, alla lunga non riuscirà a sostenere la battaglia. Questo succede anche a livello di tecnologie social dove i cinesi danno un sacco di servizi aggiuntivi a prezzi molto molto competitivi. Per fare un esempio: io non conosco questo settore ma mi è stato raccontato che in Cina ci sono social all'interno dei quali fai tutto, acquisti online e relative transazioni bancarie, il tutto al prezzo di uno sputacchio.

 

Quando io pago con la carta ho una fees da pagare per ogni transazione che è l'sms di 15 cents di avviso pagamento, e quando fai pagamenti bassi (tipo 5 euro) sarebbe sconveniente per tutti (se in Italia paghi un caffè con la carta, poi ti cacciano dal bar). E su queste cose, che sembrano minchiatine, le banche e le telco ci vorrebbero giocare dentro ma però, anche qui, il concorrente asiatico ti fa il mazzo. Insomma una serie di questioni che devono essere contrattate, e le multinazionali mandano avanti Donald a trattare. E' un casino...

– Ho imparato a non fare lotta con i maiali. Ti sporchi tutto e, soprattutto, ai maiali piace...

 


 Last edited by: Morphy on Martedì 21 Maggio 2019 09:10, edited 1 time in total.