Evoluzione della Specie

 

  By: DOTT JOSE on Mercoledì 07 Maggio 2014 18:13

i coloni israeliani sradicano gli alberi di olive palestinesi coperti dall'esercito http://www.infopal.it/rapporto-le-forze-di-occupazione-israeliane-coinvolte-in-attacchi-terroristici-effettuati-da-bande-price-tag/ A Ramallah, le forze Israeliane hanno distrutto con i bulldozer muri di manutenzione nei terreni agricoli di proprietà dei nativi del villaggio di Safa, ad ovest di Ramallah, e hanno brutalmente attaccato quattro cittadini palestinesi mentre lavoravano nelle loro terre vicino al villaggio di Abud, a nord di Ramalla

 

  By: Tuco on Martedì 29 Aprile 2014 11:32

Moderatore, siamo d'accordo che la corsa sia molto traumatica e che se la possano permettere solo quelli veramente integri come legamenti e con indice di peso molto basso, però anche questa attività fisica "paleo" non mi convince, lei sa benissimo, essendo persona sportiva, che gli scatti e gli sforzi massimali oltre i trenta anni si pagano a caro prezzo, gli infortuni sono molto frequenti a fare attività fisica impulsiva, si rischia poi di smettere totalmente di fare attività motoria; ed in effetti ai tempi della vera "paleo" gli uomini morivano abbastanza presto, diciamo che il problema di arrivare oltre i 40 anni si poneva per pochi individui. Idem per l'alimentazione, se l'alimentazione paleo fosse stata ottimale, per quale motivo la vita media si fermava sui 35 anni?!? Gli studi -quello più rinomato e mai smentito è quello di Harward- affermano che per ottenere i maggiori vantaggi per la salute fisica bisogna bruciare circa 3000/3600 Kcal alla settimana in più oltre il normale consumo fisiologico da persona sedentaria; di fatto non è necessario fare assolutamente sforzi massimali ( anche se hanno indubbiamente molti pregi per quanto riguarda tenuta della massa muscolare e tonicità generale), basterebbe corricchiare o andare in bicicletta o semplicemente svolgere lavori manuali, fisici, continuativamente, mantenendo contemporaneamente un peso corporeo basso.

 

  By: Paolo_B on Martedì 29 Aprile 2014 00:38

Per una attività fisica moderata ma prolungata senza sforzi quello che raccomanderei è proprio trasferirsi a Venezia. Di fatto, per il solo vivere a Venezia, cammini da mezz'ora a un ora al giorno e anche di più (a meno che ovviamente non ti chiudi in casa). A Venezia in 20 min. sei da un capo all'altro dalla città, però se conti che prima vai a fare qualche spesa, poi vedi un amico a una osteria, poi hai un altro appuntamento, ecco che un ora a piedi l'hai fatta. Quindi vivere a Venezia di per sé è una cosa sana. Se a questo aggiungi un'attività fisica più intensa per 2 volte la settimana, hai una buona forma assicurata. L'unico pericolo sono le ombre. Diconsi "ombre" i calici di vino e di spritz delle osterie, a cui si è tentati facilmente, anche per la mancanza di polizia che fa test alcolici sui pedoni. Di fatto quello che i veneziani guadagnano in salute nel camminare molto lo perdono facendo tappa nei vari bacari con i calicetti .........

 

  By: Moderatore on Lunedì 28 Aprile 2014 22:34

(Anche nel Crossfit ^si voga con il remo!#https://www.youtube.com/watch?v=3Jzw5zK6DMA^) Correre fa male dopo i 40, specie perchè lo si fa sul duro e hai l'impatto continuo sul ginocchio. Ma c'è una ragione precisa e generale per cui non è la cosa da fare per stare in forma: dal punto di vista dell'evoluzione della specie correre per qualche km a velocità moderata è assurdo, perchè i nostri antenati o correvano alla massima velocità o camminavano. Il jogging non ha senso e non si verifica quasi mai in natura. Per gli ultimi 100 o 200mila anni o quando vuoi datare l'inizio della specie homo più o meno sapiens c'erano di modalità di movimento a piedi: 1) la corsa frenetica al massimo della velocità per catturare qualche preda, scappare da da qualche bestia feroce o da qualche nemico che ti voleva scannare o per andare all'assalto. In ogni caso era una corsa il più veloce possibile per raggiungere o sfuggire a qualcuno 2) la marcia, lo spostarsi per ore e ore ogni giorno a piedi camminando e questo non c'è bisogno di sottolinearlo che è stata la modalità prevalente di locomozione degli umani Nel "Crossfit" e negli approcci alla salute "paleo" che appunto cercano di ricreare, artificialmente, le condizioni in cui la nostra specie si è trovata per millenni, si fa (o si dovrebbe fare) la corsa al massimo della velocità. Corri per 200 metri e poi tiri fiato, poi corri altri 100 o 200 metri tirando al massimo e poi ti fermi. Al massimo puoi fare una corsa tirata fino a quando non ce la fai più, ma l'idea è che deve assomigliare ad una situazione di caccia o battaglia in cui corri più forte che puoi. La corsa a ritmo moderato e regolare per alcuni km è invece qualcosa per cui non siamo predisposti, perchè appunto non aveva senso dal punto di vista della sopravvivenza

 

  By: GZ on Lunedì 28 Aprile 2014 22:22

,

 

  By: lutrom on Lunedì 28 Aprile 2014 21:14

Bravo, Paolo! Ricordiamo sempre che fare attività fisica fa BENE (ma senza esagerare: il troppo fa male come il niente*): anche io ho ricominciato a fare qualcosa, il minimo sindacale, ma, da quello che leggo, dovrebbe essere sufficiente (o quasi); in pratica ogni giorno (o quasi, ma salto pochissime volte) faccio 30-40 minuti di corsetta sul posto a casa ed un po' di addominali e di flessioni, oppure, quando possibile, faccio una passeggiata (ma sempre a passo veloce), durata sempre sui 30-40 minuti. *Sull'importanza del fare attività fisica siamo tutti d'accordo, però vorrei anche ricordare quello che diceva un famoso medico americano (di cui non ricordo il nome) a chi gli diceva quale sport facesse: "Il mio sport preferito è andare ai funerali dei miei amici che fanno sport". Questo medico si riferiva ironicamente ai problemi causati dall'eccesso di sport e soprattutto dallo sport fatto di colpo ed in gran quantità (molto "concentrata") da chi di solito è sedentario.

 

  By: Paolo_B on Lunedì 28 Aprile 2014 18:54

Io mi sto dedicando a uno sport molto poco di moda (anche perché devi essere nei posti giusti per praticarlo). Mi sono iscritto a una remiera storica e sto imparando. Sotto una foto del gruppo della remiera. Non ci sono io nella foto. Non mi hanno ancora preso a vogare nella stessa barca. Non sono ancora fisicamente e tecnicamente all'altezza. Per ora sto vogando da solo su un sandolo insieme all'istruttore. E' dura a riprendere a fare attività fisica per gli over 45 sedentari. Però è bellissimo. Oltre al fatto che incominci a spostarti per la città e la laguna vedendo quello che non si vede mai.

 

  By: Tuco on Lunedì 28 Aprile 2014 17:11

In effetti la moda delle corse su strada, dopo un primo boom negli anni '70 ha ripreso un forte vigore dal 2007. L'età media è abbastanza alta, i giovani ( intesi come under 30 ) sono pochi, e quei pochi si dedicano a corse in pista e cross country, ovvero atletica leggera pura. Comunque, io corro da molto e facevo anche molti km, ma tutta questa moda mi fa venire voglia di smettere, credo di aver faticato abbastanza, ho espiato tutte le mie colpe e pure quelle di qualcun altro, e quando una cosa diventa nazional popolare, mi vien voglia di cambiare...

 

  By: gianlini on Lunedì 28 Aprile 2014 16:21

foibar, siamo coetanei, quindi.... io non ricordo nessuno che corresse, forse solo da me, boh....

 

  By: foibar on Lunedì 28 Aprile 2014 15:52

> Gianlini sfogliando l'annuario delle marce non competitive organizzate dal CSI della mia provincia trovo eventi che festeggiano la 41enima edizione e tantissime dai 30 ai 35 anniversari. Dire poi che "ai nostri tempi non correva nessuno sopra i 20 anni" è voler solo generalizzare (io sono del 67). Personalmente ho sempre fatto sport, anche di contatto, e solo ora comincio ad apprezzare ed amare la fatica, il sudore ed il proprio "limite". Buona giornata

 

  By: gianlini on Lunedì 28 Aprile 2014 15:11

la corsa è diventata molto di moda fra gli ultraquarantenni ai nostri tempi non correva nessuno sopra i 20 anni, ora c'è il boom di stracittadine, minimaratone, maratone, domeniche di corsa sul corso, giri dei laghi e dei mondi, ecc.ecc. ormai le discussioni all'aperitivo fra commercialisti, avvocati e medici attempati vertono su quanto fanno al km.....(i migliori stanno sui 4' e 15")...

 

  By: foibar on Lunedì 28 Aprile 2014 12:41

Ieri ho partecipato alla Sarnico-Lovere (personale 1:56); da quello che ho visto ritengo che la media dei concorrenti sia attorno ai 40 anni (più oltre che inferiore). Pochi i giovani che ho visto rispetto agli anziani (oltre i 60). Saranno stati probabilmente occupati ad allenare le dita. http://www.sarnicolovere.it/index.html buona giornata

 

  By: Giovanni-bg on Lunedì 14 Aprile 2014 18:55

No non volevo dire che sarebbe già estinta per mancanza di nuovi nati ma per conflitti interni. Non è che senza corona le guerre sono mancate ma probabilmente con un umanità di corona non avremmo superato l'epoca della scoperta del fuoco senza darci fuoco tutti a vicenda. E' facile immaginare che i tipi come corona nel passato avevano un vita media assai breve rispetto alla media dei coevi per cui procreavano anche poco dato che sopravvivano pochi mesi dopo la pubertà (in quanto inevevitabilmente fatti fuori da qualcuno a cui avevano pestato i calli)

 

  By: Moderatore on Lunedì 14 Aprile 2014 16:59

nel caso di Corona la verifica sperimentale della teoria ci sarebbe ---- ...#/i# l'intervistatrice che le chiede se senta la mancanza del sesso, la risposta di Fabrizio Corona è secca. E sorprendente. "Ne ho fatto così tanto prima del mio arresto che quasi avevo la nausea.#/i#

 

  By: Giovanni-bg on Sabato 12 Aprile 2014 21:49

Sintesi della Scienza: vai in giro con un maglione rosso e una mezza barba di due settimane, un poco sudato o accaldato (non lavarti sempre), con l'aria scostante e incazzata, non sorridere, stai seduto o con una postura dritta e tira su dei gran pesi in palestra ---------------- = Fabrizio Corona Andiam bene sarà mica per quello che i Romani andavano in giro on il peplum porpora? Comunque se fosse vero l'umanità si sarebbe già estinta.