Cina vs. resto del mondo

 

  By: Gano* on Sabato 21 Luglio 2007 13:02

Rivalutano lo yuan, sicuramente. Ma non lo faranno mai di colpo ma in modo graduale, anche se sostenuto, nell' arco cioe' di un periodo che coprira' diversi anni e che andra' di pari passo con lo sviluppo economico del paese, perche' una cosa mi sembra ovvia: mentre la rivalutazione dello yuan e' necessaria per tutte le economie, Cina compresa, il tempismo con cui Pechino lo portera' a termine seguira' i suoi interessi di sviluppo e non certo quelli americani od europei; infatti anche in Cina mi sembrano perfettamente consapevoli di non poter andare avanti per sempre con un' economia che esporti il 35 o il 40% del proprio PIL (*) (**) ma che sia necessario costruire nel tempo un forte mercato interno sul modello di quanto fatto dal Giappone nella maturita' del suo sviluppo. (*) Le cose vanno pero' viste nella loro giusta proporzione, mi sembra infatti che il "panico" da export cinese presente ora su quasi tutti i media americani sia un po' eccessivo (e molto elettorale): e' vero che la Cina esporta quasi il 40% del proprio PIL, ma in valore assoluto (cioe' in valore espresso in dollari) esporta poco piu' di tre vole quello che esporta Singapore (paesino di 4,5 milioni di persone) e due volte quello che esporta l' Olanda (16,5 milioni di persone). Aspetterei quindi ancora un po' prima di cominciare a fasciarmi la testa. (**) Il GDP della Cina e' ancora inferiore a quello della Germania, pur avendone circa sedici volte il numero degli abitanti. Non puoi paragonare i consumi ed il mercato interno di un paese in via di sviluppo con quelli di un paese gia' nel pieno sua maturita' economica. Forse il giornalista dell' articolo in questione andrebbe edotto sul fatto che tutti i paesi asiatici nel corso del loro sviluppo economico sono passati attraverso un periodo di crescita in forte dipendenza dall' export, che e' precisamente la fase in cui si trova ora la Cina, salvo poi riequilibrare i propri consumi interni una volta in la' con lo sviluppo e con la maturita' economica. Questo e' un film gia' visto in tutta l' Asia Orientale. Ovviamente avendo 1300 e rotti milioni di abitanti gli effetti di questo export ora un po' si fanno sentire, un po' di piu' di quanto si fecero sentire a suo tempo quelli di Corea, Taiwan o Singapore...

E' dai cambi che arriva la scossa - gz  

  By: GZ on Sabato 21 Luglio 2007 04:04

La Cina è diventata una bomba da disinnescare con gli ultimi dati di mercoledì e sta per scoppiare sul mercato dei cambi e delle materie prime (per chi fosse distratto il dollaro oggi ha rotto il minimo del 1995 e in termini di scambi commerciali ha rotto il minimo assoluto e l'indice delle materie prime ha rotto il massimo degli ultimi 25 anni di nuovo) I dati usciti in Cina erano: crescita all'11.5% annuo per il quinto anno consecutivo che ora ACCELLERA, tirata da un export che cresce al 30% annuo ed è ora pari al 40% del PIL e inflazione ufficiale saltata al 4.4%. Non esiste e non ha senso che un paese di 1.2 miliardi di persone cresca esportando il 40% del PIL. Lo può fare la svizzera o singapore, ma la Cina è troppo grossa e in questo modo scava buchi nelle altre economie del mondo Dato che finalmente al congresso americano ora democratico sta passando della legislazione per imporre alla Cina di rivalutare la moneta i cinesi hanno lasciato salire lo Yuan del 7% verso il dollaro, ma hanno spinto l'euro a 1.38, la sterlina a 2.05 e l'australiano, canadese, corona e tutte le altre valute libere in su verso il dollaro. In questo modo la Cina ha tenuto buona l'America, ma il prezzo è che lo Yuan si è svalutato di un 5% verso l'euro (!) e anche di più verso le altre valute e l'export cinese verso l'Europa è esploso negli ultimi mesi, sta salendo del 35% l'anno La Cina esporta ora 1.200 miliardi l'anno, solo cinque anni fa erano 200 miliardi e in questo modo sta scavando un buco nell'economia americana e ultimamente in quella europea perchè in cambio non importa Ma avendo accumulato 1.200 miliardi di riserve non riesce più a controllare il boom del credito che si scarica sull'immobiliare, la borsa e gli investimenti fissi e poi alla fine ora anche sui consumi per cui l'inflazione ora finalmente sale Nel mese di agosto, massimo settembre, succederà qualcosa perchè ora dopo cinque anni hai che anche il consumo in Cina sta salendo (+16% le vendite al dettaglio ieri in Cina ) e con lui l'inflazione: finora esportando solo erano riusciti a crescere all'11% senza inflazione. i) o la Cina si mostra flessibile e rivaluta di colpo lo Yuan in modo secco, facendo però di riflesso salire lo Yen e creando caos nei mercati finanziari che si finanziano in yen ii) oppure la Cina spinge ancora su euro, sterlina, dollaro australiano, canadese, corona, real ecc... e a quel punto Sarkozy in Francia e altri dicono vafff.. e mettono barriere protezioniste ------------------------------------------------------------- Lombard Street Research - Red-hot China out of control Jul 20 For those born since the industrial revolution (let’s say) “fundamental disequilibrium” is old-talk (from the Bretton Woods agreement) for the condition under fixed exchange rates that justifies/requires revaluation of a country’s exchange rate. What is going on in China is more extreme than that. The entire balance of the country’s economic policy is a crash course … the problem being to decide with what? The US and Europe, for example? Thursday’s announcement of an 11.9% real GDP gain in Q2 from the year before, after 11.1% in Q1, looks like an honest number (for a change): the nominal GDP increase was 16.4% and the difference is reasonably close to the inflation rate. But the key issue remains trade. China’s trade surplus is exploding. Its current level of $25 billion a month is a $300 billion annual rate — with non-trade items added in, the current surplus in Q2 was in the region of a $350 billion annual rate. Not bad, considering it was $240 billion in 2006, $160 billion in 2005, and minor until 2004. This explosion shows no sign of letting up, as the growth of exports far exceeds that of imports, and is now working off a much higher base. China has settled into a pattern of nearly-30% exports growth, versus imports rising 20% or less. But its exports are now running at $1.2 trillion, about the same as Germany’s (as is GDP — Thursday’s boast in the People’s Daily) less than two years after overtaking Britain and France. These exports are also a massive 40% of GDP, extremely unusual for such a huge country, which should have a much larger relative internal market than medium-sizers like Germany, etc. (This statistic alone indicates the degree of distorted mercantilism in Chinese policy.) When 40% of GDP grows at nearly 30%, the growth contribution is nearly 12%. When the 30% that is imports grows at 20%, the growth deduction is 6%. The difference, the net export contribution, is 5-6 percentage points. In a country with a 10% growth trend that only leaves 4-5% for domestic demand if GDP is to grow at trend. But income growth is in line with GDP. So for domestic demand to grow only 4-5%, versus income at 10%, the savings rate has to go up. But it is already a totally unprecedented 50% of GDP! Fundamental disequilibrium indeed! Alternatively — and back to the real world — export workers may do the right thing by the rest of us, and go out and spend their well earned wages. In that case domestic demand grows faster, and the economy overheats. The latter is what is happening. Thursday’s wave of releases showed retail sales up 15-16% in each of the Q2 months. Deducting the contribution of net exports from the 16.4% nominal GDP growth rate in Q2, we can deduce that nominal domestic demand was up 13.2%. With an inflation rate averaging 3½% in the quarter, that means real domestic demand was probably up 9% or so. Add in the gain of net exports and you have gross overheating. Lo and behold! While the Q2 average CPI increase was 3.5%, by June it was up 4.4%. This is put down to food prices, but so what? Food prices may be excluded from “core” inflation in the US, but food is certainly a core consumer item in China, as in most of the world. If Chinese export workers get a good piece of the 30% export revenue increase, it is no surprise that they spend a fair part of it eating better. The problem for the rest of us is that China is now so big. Its exports by themselves are 10% of the world’s (more if intra-Euroland trade is netted out) and an impressive 2½% of world GDP. Their growth at 30% may not be tolerable for much longer under any circumstances, but certainly not if imports can not be somehow induced to rise to match. China needs a 100% revaluation of the yuan to under-4 per dollar. Without that, as long as current gradualist FX policies are combined with the realities on the ground of massive and exploding net trade gains, spending of the resulting flow of domestic income will increase the overheating and lead to soaring inflation. Almost no possible policy tightness can stop this happening. China is due for some violent financial upheavals. Meanwhile, China is playing a canny game within the constraint of its totally unworkable basic approach. Growth in the US is slowing, growth in Europe is improving. China’s export growth to the US has slowed in the first half of 2007 to (a still vigorous) 18% from 25% a year earlier. To Europe, export growth has jumped from 20% to 35%. Exports to Europe are now as large as exports to the US. So China, with $1¼ trillion of reserves, can use its fire-power to relieve US political pressure by pushing up the euro — as it has been doing, aided by Japanese private investors, who simply “follow the money”. In the two years since the yuan/dollar rate was cut loose, the yuan has appreciated nearly 7% against the dollar, but has actually depreciated more than 4% against the euro. For now, China can try to stave off the US Congress and Treasury Secretary Paulson by letting the yuan rise a bit faster, retaining its competitiveness by having the euro go up too. But of course this is the means by which the US stagflation will translate into European weakness too. The problem is that China’s grossly aggressive mercantilist policy is likely to be met in kind. A bone-headed protectionist Democratic Congress will be joined by a bone-headed protectionist President of France to undermine the free trade on which all our prosperity depends — but especially that of the primary culprit, China.

 

  By: defilstrok on Venerdì 20 Luglio 2007 20:28

Be', anche questa è bella: (Poole) "Fed Sees More Foreclosures From Subprime Story"

 

  By: Esteban on Venerdì 20 Luglio 2007 19:51

Incredibile ... Questo è panico (Sangue ) ... e se non ci credono loro per primi ... Son cavoli ... finire un fine settimana in questo modo ... Ma come non possono mettere degli short ? Non è previsto dalle relative borse ? è assurdo ... Il cac è sulla dinamica ascendente , l'ibex su imiweb non c'è ... Bisogna usare altre piattaforme ?

 

  By: gianlini on Venerdì 20 Luglio 2007 19:48

non è una cosa tipica delle scadenze tecniche???

 

  By: GZ on Venerdì 20 Luglio 2007 19:44

Anche il CAC-40 future francese che pure è su un altra borsa è chiuso ora e con 5 ore di anticipo sull'orario normale....! se uno fosse superstizioso o (complottista) penserebbe male per il prosieguo della giornata (ehi... i francesi e gli spagnoli non possono mettere degli short...)

 

  By: GZ on Venerdì 20 Luglio 2007 19:25

non capisco come mai abbiano chiuso in anticipo di 7 minuti i future spagnoli oggi

guarda i bonds inglesi - gz  

  By: GZ on Venerdì 20 Luglio 2007 19:21

guarda i bonds inglesi, il paese messo peggio del mondo come fondamentali sotto la superficie della sterlina che sale sempre (assieme alla spagna che però non ha più una sua valuta e tassi) un movimento da panico oggi

 

  By: Esteban on Venerdì 20 Luglio 2007 19:10

Beh ... Mettiamoci pure che ha postato la notizia alle 12:59 e da allora è solo salito , mentre mi stavo agitando per capire perchè avesse inserito una notizia del genere senza troppa enfasi ... Sigh !

 

  By: Gano* on Venerdì 20 Luglio 2007 19:05

La Cina anche il giappone, taiwan, hong kong e singapore esportano tanto perchè le famiglie inglesi ed americane si indebitano tanto (...) ----------------------------------------------------------------------------- Si' ma non da' una visione completa di cio' che sta accadendo ed e' basata un po' sullo stereotipo che i paesi asiatici per continuare a crescere debbano basarsi solo sull' esportazione per tutto il loro ciclo di sviluppo. Il Giappone infatti, che e' la seconda economia mondiale, esporta per es. meno della Germania sia in termini assoluti (la meta' circa) che di percentuale di GDP (*), avendo evidentemente creato un mercato interno molto grosso e molto attivo sul quale basare il proprio sviluppo. Cosi' la Cina che esporta oggi quasi il 35% del suo GDP, non e' detto che anche domani continuera' a basare il suo sviluppo sui consumi esteri, americani, inglesi od italiani... Anzi, credo piuttosto che avverra' il contrario: con a disposizione un mercato di piu' di un miliardo di persone, Europa e Stati Uniti per continuare a svilupparsi avranno bisogno del consumatore Cinese che spenda per comprare i loro prodotti. (*) ^List of countries by exports#http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_countries_by_exports^

 

  By: fcoa on Venerdì 20 Luglio 2007 18:59

Treasury 10-Year Yield Falls Below 5 Percent on Credit Concern By Elizabeth Stanton and Anchalee Worrachate July 20 (Bloomberg) -- Treasuries rose, pushing the benchmark 10-year note's yield below 5 percent, on speculation rising subprime mortgage defaults will lead to higher interest rates for private borrowers and curb economic growth. Ten-year notes strengthened the most in more than a week as Standard & Poor's cut ratings on European collateralized debt obligations and gauges of investor appetite for corporate bonds and loans fell. ``There's a sense that crises in financial markets would force central banks' hands,'' said Tom McGlade, who trades 30- year Treasuries in Greenwich, Connecticut, at RBS Greenwich Capital ``That's part of why the market rallies in a fear-trade environment.'' The firm is one of the 21 primary U.S. government securities dealers that underwrite Treasury auctions. The 10-year note yield fell almost 9 basis points, or 0.09 percentage point, to 4.94 percent at 10:20 a.m. in New York, according to bond broker Cantor Fitzgerald LP. The price of the 4 1/2 percent note maturing in May 2017 rose 21/32, or $6.56 per $1,000 face amount, to 96 5/8. To contact the reporters on this story: Elizabeth Stanton in New York at estanton@bloomberg.net ; Anchalee Worrachate in London at aworrachate@bloomberg.net .

 

  By: Gano* on Venerdì 20 Luglio 2007 18:49

...

la Bank of China ha alzato i tassi - gz  

  By: GZ on Venerdì 20 Luglio 2007 18:47

insomma ogni tanto anche le notizie servono guarda a che ora è uscita la notizia che la Bank of China ha alzato i tassi, 12:30 e guarda quando il dollaro/yen ha girato, 12:50

 

  By: Esteban on Venerdì 20 Luglio 2007 18:37

Zio paperopoli ... Non riesco a prenderle nemmeno quando me le suggeriscono ... Che yen stupendo ....

 

  By: shabib on Venerdì 20 Luglio 2007 15:44

sicuramente i cinesi hanno i loro motivi strategici , ma la tassazione dei depositi e' a livello ultrapopolare , cioe' si premia il risparmio molto di piu' che in occidente..... Le autorità di Pechino hanno drasticamente abbassato, al 5,0% dal 20,0% precedente, l'imposta sui depositi e più in generale sui proventi derivanti da interessi. La mossa ha lo scopo di incoraggiare il risparmio e di frenare possibili bolle speculative dopo la super-crescita del pil del secondo trimestre. La decisione avrà effetto dal 15 agosto prossimo. Sempre oggi la banca centrale ha alzato ancora il tasso di riferimento, al 6,84%. (ANSA).