Banche Europee

Dexia nazionalizzata, azionisti azzerati - Moderatore  

  By: Moderatore on Venerdì 07 Ottobre 2011 03:08

Stock: Dexia (ex DEXIA Belgium)

Una delle dieci maggiori banche europee, ^Dexia in Belgio è stata sospesa in borsa oggi e viene nazionalizzata#http://www.repubblica.it/economia/finanza/2011/10/06/news/dexia_sospesa_in_borsa-22806937/?rss^ stando alle ultime notizie, il che vuole dire che i suoi azionisti (già ridotti a 85 centesimi di euro in borsa) non possono vendere le azioni e saranno azzerati. ^Dexia#^ valeva 40 miliardi di euro in borsa un paio di anni fa e ora sembra dalle notizie di stasera che varrà zero, i suoi azionisti hanno perso 40 miliardi e individualmente chi abbia tenuto le azioni fino ad oggi ha perso tutto Non avendo una vita sociale molto attiva ed essendo uno che da pareri su queste faccende mi sono letto un attimo ^l'ultimo bilancio pubblicato di Dexia#http://www.dexia-ma.com/docs/en/FS20110630EN_v2.pdf^, datato 30 giugno 2011, quindi uscito tre mesi fa quando il titolo valeva 2.4 euro per vedere se si capiva dai numeri di bilancio che sarebbe andato a zero. Questo problema è molto interessante perchè metà della classe media (e anche diversi ricchi) in Italia hanno le tasche piene di Intesa, Unicredit, Banco Popolare, Monte Paschi, Ubi Banca ridotte a prezzi simili a quelli di Dexia di qualche giorno fa e si illudono che non andranno a zero. Bene, il 30 giugno il bilancio di Dexia indicava che il famoso criterio di Basilea del "Tier One" che indica la probabilità di insolvenza o fallimento di un banca era ad un livello ottimo, elevato, a 11.4% dell'attivo, un valore che non darebbe preoccupazioni. L'esposizione alla Grecia di Dexia risultava pari allo 0.5% dell'attivo, degli asset e quella a Portogallo, Spagna ed Italia e Irlanda a 0.2%, 4% e 9% (Irlanda zero). A giugno nel bilancio Dexia indica però ^su BTP e bonds spagnoli perdite di circa 300 milioni solamente#http://www.dexia-ma.com/docs/en/FS20110630EN_v2.pdf^, anche qui non è chiaro come mai sia affondata quattro mesi dopo e come mai con 15 miliardi di bonds di questi paesi indichi perdite di 0.3 miliardi. Ma il bilancio è lungo e incredibilmente complicato, penso che ci siano un centinaio di persone in tutta Italia capaci di leggerlo veramente (lo so che la gente specializzata in bilanci e i commercialisti sono decine di migliaia ma provate a leggere il bilancio di una mega banca internazionale che si finanzia in quindici modi diversi sui mercati e presso le banche centrali...) Ad ogni modo quello che salta all'occhio è poi semplice: Dexia aveva 90 miliardi di asset a bilancio e 1 miliardo di capitale, "Equity" come lo chiamano in inglese. Il capitale o equity è dato da 1) valore delle azioni (13 milioni di azioni con un vapore di 100 euro "par value") 2) +/- gli utili del conto economico allocati nell'anno 3) +/- la "variazione nel "valore corretto" degli asset di bilancio "vendibili" 4) +/- la "variazione nel "valore corretto" dei derivati usati per "hedge" Con 90 miliardi di impieghi Dexia dovrebbe guadagnare diciamo un 2-3% su questi investimenti e crediti, diciamo 2 o 3 miliardi, 1 miliardo se va male. E avere crediti incagliati e non pagati per un 1 o 2%, diciamo 1 o 2 miliardi per cui alla fine guadagna un miliardo su 90 miliardi. Il business delle banche è più o meno così se scendi all'osso. Impieghi 90 miliardi, ne guadagni 2 e hai perdite di 1 e te ne rimane 1 come utile dell'anno Ma Dexia ha 15 miliardi circa di bonds greci, italiani, spagnoli e portoghesi e questi calano del 10% rispetto ai valori a cui li ha a bilancio e inoltre il resto degli impieghi ha anche lui più perdite del solito per cui guadagna solo 0.13 miliardi su 90 miliardi di impieghi. E di conseguenza ha perdite potenziali per 1.5 o 2 miliardi e il suo capitale è azzerato. Voi non ci crederete ma Intesa, Unicredit, Banco Popolare, Monte Paschi, Ubi Banca sono in una situazione simile... --------------------

 

  By: pana on Mercoledì 05 Ottobre 2011 20:57

la protesta degli indignados americani sta dilagando in tutto il paese!!! "agli indignados non si puo' rimprovrare nulla" dice il GRANDE BERNANKE!! http://www.repubblica.it/esteri/2011/10/05/news/protesta_waal-street-22721699/?ref=HREC1-9

 

  By: xandre on Giovedì 29 Settembre 2011 22:02

Io da Dexia sto lontano ma ho visto che altri operatori vi hanno lavorato durante la crisi anche perchè le tabelle dati che uscivano su Dexia non erano mai univoche ( mi pare di riordare con Core Tier altissimo ) . Altri dicono che ha prestato molto ed è piena di derivati. Parlo anche di gente che lavora dietro postazioni Bloomberg da 25000 dlrs anno, ma questi dovrebbero essere un tantino meno confusi visto anche che ne vedono il CDS bene. Io non ho tabelle aggiornate ma Dexia stava a 240 sull' ultima stampa sua che ho ( cercala tu ! se ti interessa , se no per pochi spicci di abbonamento a loro ti dico chi li pubblica settimanalmente : Dream Team ). Io non mi sono mai fidato ma vedo in giro molta carta anche di Dexia Crediop. Grazie Alberta : poi non ho comprato BEI....... Ammiro chi ha le palle per andare su Dexia che almeno qualcosa rende. Dei bonds questo sito non parla. Inoltre ricordo questa tipo di approccio durante la crisi : il commerciale che ti dice noi filiale di banca straniera siamo una spa e se la casa madre fallisce noi siamo autonomi e restiamo in piedi. Oppure : noi siao una filiale di banca estera ma siamo pur sempre parte del gruppo e quindi non falliremo .... vedi tu.

 

  By: Bobugo on Giovedì 29 Settembre 2011 20:08

Sig.Zibordi, posso chiederle qual'è la sua opinione su Dexia-Crediop? Le obbligazioni che ha emesso indicizzate all'inflazione, scadenza 2015, rendono ora una enormità (14%): siamo sulla falsariga di Lehman/Grecia o è veramente un affare?

 

  By: manx on Mercoledì 28 Settembre 2011 22:42

a rigor di logica se qualcuno "sapesse" che se ne uscirà domani con la soluzione dei problemi , allora il recupero e l'incertezza di questi ultimi giorni non quadra molto , non ci sta tanto bene , sfrutterebbero anche questi giorni per favorire il ribasso .

 

  By: SpiderMars on Mercoledì 28 Settembre 2011 19:17

ma c'era bisogno di Blomberg..? è da quando scriviamo qui, che non facciamo che ripeterlo, adesso abbiamo aggiunto che la Buba si è disocciata apertamente quindi qualche speranza per il Pianeta di salvarsi c'è.

 

  By: alberta on Mercoledì 28 Settembre 2011 14:51

In questo articolo do Bloomberg fanno un quadro della situazione su banche e credito attuale. Da leggere con attenzione, aiutandosi con traduttore se ci sono problemi con la lingua. http://www.bloomberg.com/news/2011-09-28/euro-crisis-makes-fed-lender-of-only-resort-as-banks-chase-dollar-funding.html Attualmente i Governi mondiali dipendono da FED e BCE, in misura minore, per la loro sopravvivenza: tutto il resto è contorno. Quindi chi prende le decisioni "con FED e BCE", ha in mano i destini del Mondo. Attualmente, le armi di distruzione di massa, sono gestite dai Banchieri, credo in misura superiore rispetto a qualunque altro periodo storico. Non ci sono giudizi, è una constatazione.....

 

  By: xandre on Mercoledì 28 Settembre 2011 14:29

So che il sito non "lavora" su certe tematiche , ma vorrei sapere lo stesso il parere sull outlook che possano avere BEI o BERS in caso di breakup o di uscita dei paesi membri. Faccio notare che la stessa KFW viende chiamata a finanziare i paesi in difficoltà ( Grecia ) e con la branca internazionali le banche commerciali estere. Inoltre , che fiscalità hanno adesso ? 12,5 o 20 ?

Reazione dell'Orso - Moderatore  

  By: Moderatore on Mercoledì 28 Settembre 2011 04:07

Stock: Societe Generale

Ehi, l'idea qui suggerita di comprare la banca francese che sembrava spacciata, ^Societe Generale#^ sui 16 euro e rotti sta funzionando, siamo sopra i 20 euro Ricordatevi che ad esempio su questo sito nel marzo 2009, sul minimo di tutto il crollo del 2008-2009, si è di colpo suggerito di comprare a mani basse tutte le banche americane, da Bank of America a Goldman a PNC a Wells Fargo a USB (vedi sotto le posizioni suggerite a marzo 2009). Altre cose magari no, però abbiamo qui delle tabelle che riportano tutte le posizioni in azioni passate e i rialzi dal fondo li si sono sempre centrati. Per il resto del 2011 e nel 2012 ci saranno dei rialzi violenti ed improvvisi, nel contesto di un generale cedimento di tutti i mercati. Il fatto che le cose (probabilmente) peggioreranno per tutti gli asset finanziari come scenario, non toglie che ci saranno dei rimbalzi del 30% lungo la strada. Il problema è che in un mercato orso sono improvvisi e non durano per cui non puoi aspettare, non è come in un mercato toro che se compri anche un mese dopo ti va bene lo stesso Detto questo la situazione non è uguale al marzo 2009, perchè qui in Europa ci sono i tedeschi e altri nordici, i quali non sono così disposti come la mafia di New York a regalare miliardi alle banche

 

  By: alberta on Sabato 17 Settembre 2011 00:04

Stock: Credit Agricole

Credit Agricole, con il clamoroso ribasso odierno, è ampiamente sotto i minimi della crisi 2008/2009. Probabilmente è da inserire oggi in un portafoglio speculativo, vista la cpitalizzazione ed i multipli da fallimento che ha toccato.. Buy

UBS perde due miliardi e le banche centrali forniscono qualche miliardo - Moderatore  

  By: Moderatore on Venerdì 16 Settembre 2011 00:09

Le banche europee hanno avuto un picco del +10% o +15% in media oggi a metà giornata quando è passata sui terminali la notizia che tutte ^le maggiori banche centrali erano intervenute in modo coordinato per fornire liquidità#http://www.ecb.int/press/pr/date/2011/html/pr110915.en.html^. Ad esempio ^Societe Generale#^ il titolo consigliato astutamente da noi sui 16 euro due giorni fa, ha toccato oggi sulla notizia per un momento i 20 euro. Può essere che le banche centrali siano intervenute oggi anche perchè alla ^UBS#^ in Svizzera si sono accorti stamattina che un loro trader africano gli aveva perso 2 miliardi (miliardi) di dollari (vedi il comunicato che spiega che non c'è da preoccuparsi se sei un cliente di UBS perchè i 2 miliardi persi erano solo capitale della banca e non dei clienti). Morale: quando hai dei nuovi disastri combinati da qualche banche è positivo per i mercati, perchè due ore dopo le banche centrali intervengono e danno liquidità a tutti. Speriamo che domani Unicredit, Dexia o Deutsche Bank annuncino qualche altro disastro così saliamo ancora un poco sui mercati ------------------- Comunicato della ^UBS#^ che dice che ha perso 2 miliardi ---- Dear colleagues, We regret to inform you that yesterday we uncovered a case of unauthorized trading by a trader in the Investment Bank. We have reported it to the markets in line with regulatory disclosure obligations. The matter is still being investigated, but we currently estimate the loss on the trades to be around 2 billion US dollars. It is possible that this could lead UBS to report a loss for the third quarter of 2011. No client positions were affected. We understand that you have already had to contend with unfavorable, volatile markets for some time now. While the news is distressing, it will not change the fundamental strength of our firm. We urge you to stay focused on your clients, who are counting on you to guide them through these uncertain times. ----------- Comunicato della BCE che dice che fornisce miliardi alle banche --------- The Governing Council of the European Central Bank (ECB) has decided, in coordination with the Federal Reserve, the Bank of England, the Bank of Japan and the Swiss National Bank, to conduct three US dollar liquidity-providing operations with a maturity of approximately three months covering the end of the year. These operations will be conducted in addition to the ongoing weekly seven-day operations announced on 10 May 2010. ------------------- ^Societe Generale#^ che ha toccato oggi sulla notizia per un momento i 20 euro.

 

  By: themaui on Mercoledì 14 Settembre 2011 12:53

I possessori di obligazioni bancarie italiane sono per la quasi totalita' piccoli risparmiatori ignari ai quali sono state affibiate le suddette obbligazioni da mobbizzati impiegati di sportello.Che colpa ne hanno? penso ci sara' l'assalto agli sportelli coi forconi.Immagina 10/20 Parmalat tutte insieme, non lo permetteranno.

 

  By: antitrader on Mercoledì 14 Settembre 2011 12:44

"La Francia decide di seguire il consiglio di Antitrader,NAZIONALIZZARE LE BANCHE." Spero' pero' che abbiano la decenza di azzerare prima gli azionisti e obbligazionisti come da lectio magistralis del Maestro Hobi. In ogni caso non hanno scampo: 410 miliardi di btp nella pancia ammazzerebbero anche un rinoceronte. Dopo passiamo alle banche tedesche, quelle italiane no, quelle son gia' fallite.

 

  By: themaui on Mercoledì 14 Settembre 2011 12:38

La Francia decide di seguire il consiglio di Antitrader,NAZIONALIZZARE LE BANCHE. Allarme rosso per i principali istituti di credito francesi che sono stati declassati da Moody's. Fra le cause del downgrading la troppa esposizione ai titoli italiani. Mi chiedo se i titoli Italiani riescono a far saltare le banche Francesi,cosa accadra' alle banche Italiane? http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/09/14/parigi-rompe-lultimo-tabu-lo-stato-dentroil-capitale-delle-banche-in-crisi/157308/

 

  By: hobi on Mercoledì 14 Settembre 2011 02:01

I motivi per cui non si possono fare OPA sono altri. 1) ovviamente ci dovrebbe essere un premio importante sul prezzo di borsa. 2) ma il nodo è un altro. Le capitalizzazioni sono certamente basse perchè scontano possibili SVALUTAZIONI di assets,ma i BILANCI SONO ANCORA INTATTI IN TERMINE DI CAPITALE NETTO. Facciamo l'esempio di UNICREDIT. Se lo stato italiano facesse default il capitale netto va a zero ed il RAIDER DOVREBBE RICOSTITUIRLO. Non confondete quindi la capitalizzazione di borsa con il patrimonio del bilancio civilistico. HOBI