Banche Europee

 

  By: hobi on Venerdì 14 Ottobre 2011 11:04

Leggevo stamattina su Bloomberg che viene finalmente messo in discussione il famoso e TRUFFALDINO piano IIF che prevedeva un FANTOMATICO AIRCUT del 21% sui titoli greci in mano alle istituzioni finanziare. Qualcuno pare ribellarsi al fatto che titoli prezzati sul mercato 40 valgano 79 dopo il famoso swap ? A chi attribuire il miracolo ? A pantalone ovviamente !!!( leggasi tax payer europeo ). Sperem . Hobi

 

  By: alberta on Mercoledì 12 Ottobre 2011 20:14

http://borsaitaliana.it.reuters.com/article/bondsNews/idITL5E7LC3EM20111012 Leggo adesso che Draghi cita Alessandro Manzoni.... mi sembra che sia il caso di citare il papato dei Borgia...in questo periodo su Sky.... http://it.wikipedia.org/wiki/Papa_Alessandro_VI

 

  By: alberta on Mercoledì 12 Ottobre 2011 19:50

Qui poi, stiamo rasentando la farsa surreale..... http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Economia/Dexia-Crediop-Sarcinelli-vendita-Andrei-scalzo-Divino-Amore/12-10-2011/1-A_000259033.shtml http://borsaitaliana.it.reuters.com/article/bondsNews/idITL5E7LC11520111012 Cerdo che, a breve, ci saranno pellegrinaggi a frotte davanti ai principali luoghi di culto internazionali..... ehehhehhhhe

 

  By: alberta on Mercoledì 12 Ottobre 2011 19:24

Toh... sia Draghi che gli indignandos Anti-BCE.... dicono le stesse cose..... http://www.corriere.it/economia/11_ottobre_12/draghi-napolitano-marcegaglia_26543e9a-f4e4-11e0-a9a5-9e683f522ea7.shtml

 

  By: alberta on Mercoledì 12 Ottobre 2011 18:45

12 Ottobre 2011 16:37è l'unica banca (de li mortacci ) che ha in pancia i 3morti bonds ... e li dovrebbe restituire , solo che per farlo mi sa che dovra' fare un aumentino di capitale ... che non sembra facile , visto che quota quasi 0 al quoto .... _________________________ Per il valore in Borsa delle banche Italiane, anche BMPS, nel suo piccolo, non capitalizza neanche la Sua di collezione d'Arte, ovviamente inferiore a quella di Intesa, ma stiamo parlando di due capitalizzazioni molto diverse. Intesa capitalizza quasi 5 volte BMPS, ma la seconda deve fare utili e non è contendibile, entrambi fattori fondamentali per interessare un investitore (vedi Pop Milano, esplosa appena si è capito che, FORSE, cambiavano la governance).

 

  By: alberta on Mercoledì 12 Ottobre 2011 18:37

Se le banche si trovano a possedere titoli del debito sovrano rivalutati non c'è bisogno di ricapitalizzarle così tanto come adesso , e di banche sottocapitalizzate ce n'è anche nei paesi virtuosi . Quindi alla fine fra meno miliardi pubblici per le banche , meno stress finanziari , meno rischi di recessione , anche per gli stati con i conti a posto non sarebbe vero che ci rimetterebbero molto con gli eurobonds. Ovviamente con un percorso di risanamento imposto e controllato per i Piigs , da contrattare in cambio dell’emissione degli eurobonds , cosa che sta già avvenendo anche senza nuove architetture istituzionali europee , quindi non irrealizzabile. ____________________________________ Bravo, sono mesi che lo scriviamo anche qui su CobraF. Ricapitalizzare le banche per 100 Miliardi, ad es., non servirebbe a nulla, se rimane il rischio Sovrano, che è prudenzialmente almeno 10 volte superiore, limitandolo ai soli PIIGS.

 

  By: baro on Mercoledì 12 Ottobre 2011 18:37

è l'unica banca (de li mortacci ) che ha in pancia i 3morti bonds ... e li dovrebbe restituire , solo che per farlo mi sa che dovra' fare un aumentino di capitale ... che non sembra facile , visto che quota quasi 0 al quoto ....

 

  By: Giovanni-bg on Mercoledì 12 Ottobre 2011 18:34

Buongiorno ritorno a postare dopo un periodo di vita privata travalgiata per cause di salute di due famigliari (come si dice le grane vengono sempre in compagnia). Un giorno a situazione più stabile scriverò un post anche della prova su strada della sanità Lombarda tra luci e ombre, eccellenze e robe da terzo mondo, tra gente che si fa un mazzo incredibile e gente che ruba sotto gli occhi di tutti..... Comunque ritornando in topic... Una chicca e curiosità Il valore di borsa attuale di Intesa è inferiore di poco la valore contabilizzato delle opere d'arte da questa posseduta. Ok probabilmente ci sono sopravvalutazioni evidenti, come spesso si è detto in questo forum l'arte è un mercato manovrato e in costante bolla (seppure un Monet è sempre un Monet e qualcuno disposto a pagarlo bene lo trovi sempre...) però proabilmente è anche vero che la verità sta nel mezzo.. e che forse il valore di borsa attuale è oggettivamente compresso.

 

  By: antitrader on Mercoledì 12 Ottobre 2011 18:21

Perche' e' in mano ai Comunisti che fanno elargizioni alla Gloriosa Classe Operaia a danno della banca.

 

  By: Paho on Mercoledì 12 Ottobre 2011 14:00

Scusate, ma chiedo se qualcuno ha idea del perchè la Banca senese langue ancora la in basso, mentre UCG e ISP, ad esempio, hanno recuperato a doppia cifra? Sarà stata dimenticata? Al lettore medio non appare poi così mal messa. E' colpa dell'aumento estivo? grazie

 

  By: manx on Mercoledì 12 Ottobre 2011 12:33

Per l'European Banking Authority ( notizia di oggi) occorre portare il Core Tier 1 al 9% e servirebbero 275 miliardi per ricapitalizzare le banche , presumibilmente per i titoli del debito sovrano svalutati . Invece di spendere soldi per ricapitalizzare la banche e fare l'Efsf , sarebbe più conveniente fare gli Eurobonds . L’EFSF sembra come gli Eurobonds ma senza il vantaggio degli Eurobonds , cioè non frena la speculazione sui tassi dei PIIGS , che saranno sempre spinti ad ogni occasione verso uno spread più alto possibile . Con gli Eurobonds ci sarebbe un certo aumento degli interessi da pagare per i paesi virtuosi , probabilmente più piccolo che con l’Efsf , perchè i tassi sarebbero leggermente superiori a quelli del pre-crisi , ma non sarebbero una media dei tassi attuali con i Piigs a spread elevato , sarebbe una media con Piigs a spread abbassato . Invece l’Efsf sarebbe usato per spegnere un fuoco che si ravviva in continuazione . Se le banche si trovano a possedere titoli del debito sovrano rivalutati non c'è bisogno di ricapitalizzarle così tanto come adesso , e di banche sottocapitalizzate ce n'è anche nei paesi virtuosi . Quindi alla fine fra meno miliardi pubblici per le banche , meno stress finanziari , meno rischi di recessione , anche per gli stati con i conti a posto non sarebbe vero che ci rimetterebbero molto con gli eurobonds. Ovviamente con un percorso di risanamento imposto e controllato per i Piigs , da contrattare in cambio dell’emissione degli eurobonds , cosa che sta già avvenendo anche senza nuove architetture istituzionali europee , quindi non irrealizzabile

 

  By: alberta on Martedì 11 Ottobre 2011 20:54

Bene, vedrò se è possibile candidarsi al Nobel, inviando copia dei post fatti come Albertabiz anche qui su CobraF. Battute a parte, credo che anche la coppia buffa, si sia convinta che quella è l' unica soluzione, ma vorranno inserire delle modifiche ai trattati UE per evitare che venga fuori qualche pastrocchio, che non escluderei, che metta a rischio concretamente la AAA di Francia e Germania, causa EuroBond. tecnicamente ci sarà molto da lavorare, ma la soluzione è quella....

 

  By: shabib on Martedì 11 Ottobre 2011 18:57

il salvataggio.... http://intermarketandmore.finanza.com/coesione-ed-eurobond-parola-di-nobel-34585.html

 

  By: alberta on Lunedì 10 Ottobre 2011 19:10

E' chiaro che salvare le banche non significa salvare gli azionisti ed obbligazionisti ? Hobi _________________________ Non trovo corretto mettere le due categorie sullo stesso piano, per una marea di motivi che sarebbe lungo sviluppare qui. Operativamente, eventuali haircut sulle obbligazioni DEXIA o controllate, avrebbe un'effetto palla di neve su tutto il settore del debito emesso dalle Banche primarie mondiali. I titoli andrebberro a ZERO peggio della Grecia......e questo canale importante di finanziamento per le Banche si seccherebbe definitivamente.....

 

  By: deltazero on Lunedì 10 Ottobre 2011 18:12

"vedo troppe persone difendere interessi che non sono memmeno i loro." presente e spiego difendendo solo i ns interessi aiutiamo il padrone all'uso del divide et impera non è bello