Immobili e Fondi immobiliari

 

  By: gianlini on Lunedì 17 Agosto 2015 13:27

no Trucco, ma approfondirò senz'altro l'argomento l'attuale tassazione sugli immobili in Italia è davvero penalizzante....anche in questo campo si capisce che negli anni 70 o 80 di tasse ne pagavi davvero poche rispetto ad adesso in Germania dell'Est secondo me c'è però del potenziale di aumento del prezzo che è quello a cui si punta, più che la rendita da affitti

 

  By: Trucco on Domenica 16 Agosto 2015 15:07

uno dei problemi delle compravendite immobiliari in Italia di immobili non prima casa, è la tassazione iniziale che se non sbaglio si attesta tra il 9 ed il 10%. Immobili che apparirebbero essere buone occasioni, con canoni di locazione ad esempio del 6,5%, una volta che si aumenta il prezzo delle tasse iniziali, si deduce l'IMU annuale (che non è deducibile dall'affitto) e si pagano le tasse sull'affitto, resta poco, e un investitore che volesse finanziarsi con un mutuo al 50% fa fatica a sostenere anche solo la rata del mutuo con quello che guadagna. In Germania sembra che se si passa attraverso un'asta giudiziaria per lo meno si evitano un mucchio di tasse che altrimenti pure lì si avvicinerebbero al 10%. Gianlini che ormai è un esperto potrebbe illustraci meglio la cosa: Gian hai già partecipato ad aste in Germania?

 

  By: Trucco on Domenica 16 Agosto 2015 15:07

doppio inserimento pardon

 

  By: foibar on Sabato 11 Luglio 2015 17:31

Quando il sistema imploderà, e solo allora, ci renderemo conto di quanto era maligno: http://www.lindipendenzanuova.com/ance-bergamo-se-diamo-le-case-invendute-agli-immigrati-la-caritas-ci-paga-300-euro-per-straniero/

 

  By: foibar on Venerdì 10 Luglio 2015 11:14

A Capri +/- hanno fatto la stessa cosa: http://www.fallimenti.it/asta/capri-multipropriet%C3%A0-facente-parte-56521/ non sanno più cosa pignorare! http://www.piueconomia.it/news/capri-allasta-la-dimora-di-tiberio-per-35milioni

 

  By: Vaicru on Giovedì 09 Luglio 2015 23:16

Ragazzi questo e' una fig.a.ta praticamente acquisti una suite d'albergo in piazza San Marco http://www.asteannunci.it/aste-giudiziarie/scheda.php?id=444114&tipologia=Alberghi-e-pensioni&comune=Venezia

 

  By: foibar on Giovedì 09 Luglio 2015 21:17

Se non ricordo male Trucco voleva investire in immobili per poi destinarli a ricovero per inglesi facoltosi: http://www.astalegale.net/it/Aste/Detail/972450 a me Mi sembra interessante.............

 

  By: pigreco-san on Lunedì 22 Giugno 2015 12:00

Non penso alle lire sto con il pupillo da sempre ma stavo facendo ipotesi di investimenti per il leghista tipo che potrebbero rivelarsi nella s *** di uscita dall'euro vantaggiosi. con i vicini di casa che mi ritrovo, i veneti, c'è da aspettarsi di tutto dal provverbiale sadomasochismo veneto...

 

  By: neofita on Sabato 20 Giugno 2015 16:46

pirlgreco ma pensi gia alle lire ma mi sbaglio tu renzi letta prodi ochetto bertinotti il fotovoltaico volemosi bbene mescoliamoci con l'africani tutto rose e fiori e' gia finito tutto?

 

  By: Bullfin on Sabato 20 Giugno 2015 14:29

Ma terun di un Pigreco...non eri tu che il pupillo....e Draghi ci salvera' e impedira' l'uscita dell'Italia dall'euro?... Comunque posto che l'Italia esca...l'idea del mutuo a tasso fisso in euro se segue la normativa (e la logica) usata dal Bagnai diventa il colpo del secolo...basti pensare che tutti i mutui sono alla francese...prima paghi gli interessi e poi ti rimane la quota capitale da pagare (con gli interessi che proporzionalmente calano mentre la quota capitale proporzionalmente cresce)....

 

  By: pigreco-san on Sabato 20 Giugno 2015 14:00

Dunque ho ragione da vendere eheheheh Fare un mutuo in euro a questi tassi (FISSI) e ritornare alle lire è l'affare del decennio. by pigreco san trader.

 

  By: cicala on Venerdì 19 Giugno 2015 21:37

Ringrazio Bullfin,rimandare a Bagnai su questo blog te magnano...

 

  By: Bullfin on Venerdì 19 Giugno 2015 19:22

sabato 29 settembre 2012 'A rata der mutuo (la vita è fatta di priorità, quindi comincio io, poi segue una new entry - indisciplinata - e poi concludo io) Permettetemi una considerazione personale. Sono stanco di discutere i vantaggi o gli svantaggi economici della moneta unica. Ho mostrato come altri, da decenni, l’abbiano fatto con maggiore autorevolezza dime, giungendo a conclusioni univoche. Il punto però non è questo. Io vorrei chiedervi: i nostri padri, i nostri nonni, che a un certo punto hanno deciso di andare sulle montagne per fare la resistenza, e anche quelli che invece sono rimasti a casa, secondo voi, prima di partire, o di restare, si sono chiesti se l’anno dopo la benzina sarebbe costata due euro al litro? Si sono chiesti se l’inflazione sarebbe aumentata di uno, due, o dieci punti? Si sono chiesti cosa sarebbe successo alla rata del mutuo? Non credo. Avranno avuto altre motivazioni, e sono certo che non tutte saranno state nobili, perché l’uomo è fatto così. Ma il conto della serva non penso che lo abbiano fatto in molti: né quelli che sono partiti, né quelli che sono restati. Preciso il concetto, qualora non fosse chiaro. Se anche fuori dall’euro ci fosse un baratro economico (ma le cose, come sappiamo, stanno in modo opposto), se anche l’uscita ci consegnasse, come pretendono certi strampalati disinformatori, alle sette piaghe d’Egitto, sarebbe comunque dovere morale e civile di ogni italiano opporsi al simbolo di un regime che ha fatto della crisi economica un metodo di governo, che ha eletto a propria bandiera la deliberata ed esplicita e rivendicata soppressione del dibattito democratico. Opporsi all’euro è l’unico segnale che oggi rimanga a un cittadino europeo per dichiarare il proprio dissenso dal metodo paternalistico con il quale l’élite mette il popolo di fronte al fatto compiuto, affinché il popolo vada dove l’élite vuole condurlo. Così come l’autore del “divorzio” ammette di essere stato perfettamente consapevole del fatto che questo avrebbe condotto a un’esplosione del debito, gli autori dell’euro ammettono di essere stati perfettamente consapevoli che iniziare l’integrazione europea dalla monetaavrebbe condotto a una crisi. Sfido io! C’erano trent’anni di letteratura accademica a dimostrarlo. Ma, teorizzano questi politici, la crisi era necessaria: bisognava che il debito pubblico esplodesse perché lo Stato imparasse a spendere di meno; bisognava che l’Europa arrivasse all’orlo del conflitto perché gli Stati si decidessero a muovere verso la non meglio specificata “unione politica”. Solo che in questi argomenti c’è sempre qualcosa che non torna. Dopo il divorzio lo Stato non ha speso di meno, ma di più, e per di più orientando la propria spesa verso i più ricchi. L’unione politica proposta si configura sempre di più come progetto imperialistico: si parla apertamente di creare Zone economiche speciali in Grecia, di mettere sotto tutela tutti i governi periferici... Se accettiamo questo metodo, non ci sono limiti a quello che ci potrà essere imposto. E l’unico modo per opporci è rifiutare l’euro, il segno più tangibile di questa politica e dei suoi fallimenti. Dixi. E adesso vediamo cosa ci chiede l'amico che non ha letto bene le Istruzioni per l'uso, altrimenti saprebbe che non si fanno interventi a puntate. Ma la puntata interessante ve la sottopongo: Prima domanda Quando si parlava della svalutazione del 92' di circa il 20% si diceva che l'inflazione si abbassò l'anno dopo dal 5 al 4%. Se io avevo un debito in lire ( mutuo fido o altro) a seguito della svalutazione io continuavo a pagare lo stesso e chi ci rimetteva era la banca che aveva investito non lire ma una qualunque altra valuta per finanziare il prestito iniziale.. Se noi uscissimo adesso dall'euro, la situazione non sarebbe differente? Cioè, c'è un modo legale e certo per essere sicuri che se io ho adesso un debito da ripagare in euro questo non resti in euro e svalutando ci ritroveremmo tutti a dover pagare tanto in più di quanto si svaluta la nostra nuova lira?? Mi rendo conto che la situazione è difficile da prevedere perchè l'esperimento euro è comunque qualcosa di più di un semplice aggancio a una valuta più forte.. e nessuno di coloro a cui ho posto questa domanda mi hanno saputo rispondere e ovviamente io credo che se i debiti dovessero effettivamente restare in euro la correlazione tra svalutazione e inflazione potrebbe forse essere più forte?? Amico caro, certo, sì, lo so: l'euro è un complotto di Ernst Stavro Blofeld (o era Rockerduck?) per sterminare i popoli europei. E quindi, naturalmente, se lo scopo è sterminarci, che noi si stia dentro o fuori saremo comunque morti, quindi stiamo dentro. Giusto? No, direi di no. Io so benissimo che chiunque incontri in giro ti terrorizza dicendoti che dovrai pagare il mutuo in euro con le tue nuove lire svalutate. Questa è una colossale scemenza. Tutte le proposte operative di uscita dall'euro, da quelle di "sinistra", a quelle di "destra", a quelle per addetti ai lavori, chiariscono molto bene il punto. Ai rapporti di debito/credito regolati dal diritto nazionale, lo Stato che uscirà applicherà il principio della Lex Monetae, in base al quale uno Stato sovrano sceglie liberamente quale valuta usare. Ne consegue che i contratti regolati dal diritto nazionale possono essere semplicemente riconvertiti nella nuova unità di conto, senza che alcuna delle parti contraenti possa eccepire questa conversione come motivo di recesso dalle obbligazioni contrattuali (né avrebbe particolare interesse a farlo, con buona pace degli strampalati blogger che temono il complotto delle banche cattive). E questo vale per i depositi bancari, e per i mutui, ecc. Le conseguenze pratiche di questo principio sono disciplinate dagli art. 1277 e seguenti del Codice Civile (Torny santo subito dopo il concerto di Ligabue): Art. 1277 Debito di somma di danaro I debiti pecuniari si estinguono con moneta avente corso legale nello Stato al tempo del pagamento e per il suo valore nominale. Se la somma dovuta era determinata in una moneta che non ha più corso legale al tempo del pagamento, questo deve farsi in moneta legale ragguagliata per valore alla prima. Art. 1278 Debito di somma di monete non aventi corso legale Se la somma dovuta è determinata in una moneta non avente corso legale nello Stato, il debitore ha facoltà di pagare in moneta legale al corso del cambio nel giorno della scadenza e nel luogo stabilito per il pagamento. Art. 1281 Leggi speciali Le norme che precedono si osservano in quanto non siano in contrasto con i princìpi derivanti da leggi speciali. Sono salve le disposizioni particolari concernenti pagamenti da farsi fuori del territorio dello Stato. L’art. 1277 si applicherebbe laddove l’Eurozona esplodesse. In quel caso l’euro non ci sarebbe più, non avrebbe più corso legale da nessuna parte al tempo del pagamento, e i pagamenti andrebbero fatti in moneta legale (nuova lira) ragguagliata per valore all’euro, e il rapporto di cambio sarebbe quello del changeover, cioè uno a uno (mi riferisco al changeover "in uscita", non a quello "in entrata". Solo qualche sprovveduto può pensare che si torni al 1936,27, ma lasciamo stare: non è un blog di psichiatria). L’art. 1278 si applicherebbe laddove l’Eurozona non esplodesse, per cui l’euro continuerebbe ad avere corso legale, ma non nello Stato italiano. In questo caso il debitore potrebbe pagare in euro, ma ha facoltà di pagare in moneta legale (nuova lira) al cambio corrente alla scadenza. “Ecco!” Interviene il luogocomunista terrorista “Vedi! Il povero consumatore sarà schiacciato dalle rate del mutuo, perché dovrà pagarle in euro, o. ciò che è lo stesso, in nuove lire svalutate”. Calma. Leggiamo tutto. Questa disposizioni si applicano a meno che non intervengano leggi speciali, previste dall’art. 1281, e lo Stato ovviamente dovrà, nel decreto di uscita, prevedere una deroga all’art. 1278 stabilendo che i rapporti di debito e di credito in euro disciplinati dal Codice Civile saranno regolati in nuove lire al cambio previsto alla data del changeover (cioè uno a uno), e non a quella della scadenza del pagamento (che incorporerebbe la svalutazione). Perché dico ovviamente? Perché se non lo facesse condannerebbe all’insolvenza una quantità abnorme di famiglie e di imprese. Nessun governo prenderebbe una decisione simile, se non altro perché significherebbe mettere una pietra tombale su qualsiasi aspirazione politica dei suoi componenti. Del resto, non è questo quello che si aspettano i mercati e non è questo quello che gli studiosi esteri (Sapir, Bootle, ecc.) prefigurano. Dobbiamo pensare che esiste una minima razionalità: una volta presa la decisione, il buon senso dovrà necessariamente prevalere. Scusa, amico Brillo, ma secondo te, se la banca pretendesse di farsi pagare in euro (avendo però convertito i tuoi depositi in nuove lire), che cosa potrebbe pensare di ottenere se non un pugno di mosche? Secondo te, è meglio farsi pagare nella nuova valuta, o mandare in bancarotta il 70% dei propri clienti? Io veramente certe volte mi chiedo con che testa la gente ragioni (e non parlo di te, ma di quelli coi quali tu hai parlato). Non so. L'ultrarazionalità da modello neoclassico mi fa sorridere, ma anche l'ipotesi che tutti i cittadini di un paese civile comincino a comportarsi dall'oggi al domani come i Lemmings non mi pare molto meno ridicola. Quindi se hai un mutuo, stai sereno. Se poi sei fascista, e in mancanza del manganello pensi che gli italiani debbano essere governati dallo spread, stai nell'euro. Se ci riesci...

 

  By: Vaicru on Venerdì 19 Giugno 2015 18:06

legislazione italiana appunto

 

  By: pigreco-san on Venerdì 19 Giugno 2015 17:43

Ben se lo fai con una banca straniera ma ho scritto con una banca di legislazione italiana..sveglia...